Connie Stevens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Connie Stevens
Connie Stevens nel 2007
Connie Stevens nel 2007
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Pop
Swing
Periodo di attività 1955 – in attività
Etichetta Warner Music Group

Connie Stevens, nome d'arte di Concetta Rosalie Ann Ingolia (Brooklyn, 8 agosto 1938), è un'attrice e cantante statunitense attiva in cinema, teatro e televisione soprattutto fra gli anni cinquanta e gli anni settanta. Come cantante si è esibita in numerosi standard musicali.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata da Peter Ingolia (musicista conosciuto con il nome di Teddy Stevens) e dalla cantante Eleanor McGinley, è sorellastra dell'attore John Megna. È stata sposata due volte: con l'attore James Stacy (sposato nel 1963 e da cui ha divorziato nel 1967) e il cantante Eddie Fisher (sposato nel 1967 e da cui ha divorziato nel 1969). È madre delle attrici Joely Fisher e Tricia Leigh Fisher[1].

Ha debuttato in teatro a dieci anni, recitando a Broadway nel 1948 in Hilarities, un musical di genere vaudeville. Successivamente, sempre a Broadway, nella stagione 1966-1967 ha recitato nella commedia Andy e Norman di Neil Simon (nell'originale: The Star-Spangled Girl) al fianco di Anthony Perkins.

Il suo nome compare fra quello delle celebrità della Hollywood Walk of Fame, al numero 6249 dell'Hollywood Boulevard. Una stella in suo onore è sullo Star Walk di Palm Springs, California.

Il 23 settembre 2005 è stata chiamata a ricoprire la carica di segretario-tesoriere nel sindacato degli attori Screen Actors' Guild al posto del collega James Cromwell.

Sostenitrice del senatore dell'Arizona John McCain, candidato alle elezioni presidenziali del 2008, abita fra le sue case di Beverly Hills e Palm Springs, in California, e New York City.

Nel 2008 ha diretto come regista il film di debutto da lei stessa scritto, Saving Grace.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Connie Stevens nel 2006

Quando i suoi genitori decisero di divorziare, Stevens fu affidata alle cure dei nonni. Dopo gli studi compiuti in una scuola cattolica, si avvicinò al mondo dello spettacolo come cantante entrando nel gruppo musicale The Foremost, i cui tre componenti maschi sarebbero poi diventati famosi come The Lettermen. Fu in inizio di carriera che decise di adottare il nome d'arte del padre.

Nel 1953 si trasferì con il padre a Los Angeles, California. L'anno dopo, appena sedicenne, rimpiazzò la cantante del gruppo The Three Debs, iniziando a frequentare la scuola di recitazione Georgia Massey's School of Song and Dance nella San Fernando Valley. Contestualmente iniziò a recitare in opere del repertorio teatrale locale.

Iniziò poi a lavorare nel cinema apparendo inizialmente in B-movie, fino a che Jerry Lewis la notò in Dragstrip Riot e la fece inserire nel cast di Rock-A-Bye Baby. Ben presto fu messa sotto contratto dalla Warner Bros..

Dal 1959 al 1962 ha recitato come Cricket Blake nella serie televisiva poliziesca Hawaiian Eye, e questo ruolo, al fianco di Robert Conrad, l'ha resa famosa.

Ha pubblicato il suo primo album discografico - dal titolo Concetta - nel 1958 ed ha inciso alcuni dischi singoli di standard minore successo come Blame It On My Youth (musica di Oscar Levant e testo di Edward Heyman), Looking For A Boy (musica di George Gershwin e testo di Ira Gershwin), e Spring Is Here (musica di Richard Rodgers e testo di Lorenz Hart).

A fianco di James Garner è apparsa nell'episodio Two Tickets to Ten Strike della serie televisiva western Maverick. Per la Warner è apparsa poi dal 1959 in diverse puntate della serie televisiva di successo 77 Sunset Strip, registrando la canzone Kookie, Kookie, Lend Me Your Comb in un duetto con una delle star del programma, Edward Byrnes. Il brano raggiunse la quarta posizione nella classifica di vendita stilata da Billboard Hot 100.

Connie Stevens nel 2005 (Foto di Donna Miles)

Ha avuto anche un altro hit come cantante solista con Sixteen Reasons (1960): è stato il suo maggiore successo, piazzandosi al terzo posto su Billboard Hot 100. Solo al 71.mo andò invece un altro brano dello stesso anno, Too Young to Go Steady, con musica di Jimmy McHugh e testo di Harold Adamson]. Altri suoi dischi singoli sono stati poi Why'd You Wanna Make Me Cry?, Mr. Songwriter e Now That You've Gone.

Nello stesso periodo, e per la televisione, Stevens ha poi recitato come Wendy Conway nella sitcom Wendy and Me (1964-1965) con George Burns che era anche produttore del programma. Altri attori della serie erano Ron Harper, James T. Callahan e il caratterista J. Pat O'Malley.

Negli anni settanta Stevens ha inciso Ace Is the Place canzone-tema di una pubblicità della Ace Hardware TV ed è apparsa come guest star in Dean Martin Celebrity Roast. Nella primavera del 1977 è apparsa in uno dei due pilot del The Muppet Show e dal 1986 ha avuto un ruolo stabile nella serie televisiva Rowdies. È apparsa anche diverse volte negli special dell'attore Bob Hope United Service Organizations, inclusa la puntata natalizia trasmessa nel 1988 dal Golfo Persico.

Attiva anche nel campo della solidarietà, Stevens è stata la fondatrice del Windfeather project che premia i successi scolastici degli eredi dei nativi americani. Sostenitrice del CancerGroup.com., nel 1991 ha ricevuto il premio Lady of Humanities Award dallo Shriners Hospital e il riconoscimento Humanitarian of the Year Award assegnato dall'associazione Sons of Italy di Washington DC[2].

Fra le altre attività da lei seguite, Stevens si è occupata anche di cosmesi, sviluppando una propria linea per la cura della pelle chiamata Forever Spring: negli anni 1990 ha aperto un centro chiamato Connie Stevens Garden Sanctuary Day Spa a Los Angeles.

Nel 1994, dopo diversi anni di assenza dalle scene, ha inciso con le sue due figlie un disco intitolato Tradition: A Family at Christmas.

Nel 1997, Stevens ha scritto e diretto un film documentario intitolato A Healing, riguardante l'attività delle infermiere della Croce Rossa che servirono durante la guerra del Vietnam. L'anno seguente il documentario ha vinto il premio come miglior film al Santa Clarita International Film Festival.

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Connie Stevens in Hawaiian Eye.

Attrice[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

  • Hawaiian Eye (1959-1963)
  • Maverick (1959)
  • Wendy and Me (1964-1965)
  • The Littlest Angel (1969)
  • Mister Jerico (1970)
  • Call Her Mom (1972)
  • Playmates (1972)
  • Every Man Needs One (1972)
  • The Sex Symbol (1974)
  • The Muppet Show (1976[3])
  • Love's Savage Fury (1979)
  • Scruples (1980, miniserie)
  • Murder Can Hurt You (1980)
  • Side Show (1981)
  • Starting from Scratch (1988-1989)
  • Bring Me the Head of Dobie Gillis (1988)
  • James Dean: Race with Destiny (1997)
  • Becoming Dick (2000)

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Vedi: (EN) Rottentomatoes.com
  2. ^ Vedi: (EN) Foreverspring.com
  3. ^ Episodio 102

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 17423951 LCCN: n86140016