Carrera Panamericana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il percorso della Carrera Panamericana 1953

La Carrera Panamericana, anche nota come Carrera Messicana o Carrera Mexico, era una corsa internazionale automobilistica, su percorso stradale, svoltasi in Messico dal 1950 al 1954. Il tracciato di gara congiungeva idealmente il confine statunitense con quello guatemalteco e si sviluppava per oltre 3.000 km, attraversando l'intero territorio messicano.

Le cinque edizioni disputate bastarono a farne una competizione nota al pari della Mille Miglia o della Targa Florio. La lunghezza e l'estrema pericolosità del percorso, le condizioni proibitive delle strade e la partecipazione agguerrita delle maggiori case automobilistiche del vecchio e del nuovo continente, contribuirono a sollevare un'eco mondiale sulla manifestazione sportiva, seguitissima dal pubblico americano ed europeo.

La storia[modifica | modifica wikitesto]

La Carrera Panamericana nacque da un'iniziativa del Governo Messicano, su istanza di alcuni importatori locali di automobili statunitensi, per celebrare la conclusione dei lavori del tratto messicano della strada Panamericana.

Da parte governativa vi era l'interesse ad avviare un traffico turistico dalla ricca frontiera del nord, oltre che rinnovare la collaborazione con le industrie nordamericane, piuttosto in crisi dopo il forte rientro di capitali esteri, avvenuto al termine della seconda guerra mondiale.

Da parte delle case costruttrici americane, rappresentava una buona occasione per pubblicizzare i propri prodotti nell'America Latina, culturalmente e tecnologicamente molto legata ai Paesi europei.

La Lancia D25 realizzata per la mai disputata "VI Carrera" del 1955.

Il tracciato scelto era in buona parte costituito dalla ruta panamericana, da cui prende il nome la gara. Nelle prime due edizioni la corsa si svolse da nord a sud e, nelle ultime tre, da sud a nord, tra le città di Tuxtla Gutiérrez e Ciudad Juárez, facendo tappa a Oaxaca, Puebla, Città del Messico, León, Durango, Parral e Chihuahua. La durata delle gare variò da quattro a sei giorni, secondo l'anno di svolgimento. Il tempo di completamento della corsa, dalle 24 ore e 34 minuti del primo vincitore, si ridusse alle 17 ore e 40 minuti dell'ultimo. Ciò fu reso possibile, oltre ai meriti di macchine e piloti, alla continua opera di asfaltatura di nuovi tratti, sino a raggiungere la totale pavimentazione in bitume del percorso, completata poco prima della penultima edizione.

Nonostante l'enorme visibilità internazionale procurata dalla "Carrera Panamericana" allo Stato Messicano, il Governo Federale decise di cancellare la manifestazione, con la motivazione ufficiale di porre fine ai numerosi incidenti, spesso mortali, che avevano puntualmente funestato tutte le edizioni, causando 27 morti tra piloti e spettatori. La decisione venne comunicata nell'estate del 1955, sull'onda della generale commozione per le oltre ottanta vittime dello spaventoso incidente occorso il 12 giugno durante la 24 ore di Le Mans di quell'anno.

Alle case che avevano in preparazione la "VI Carrera", non restò che sospendere i programmi: la Lancia D25, appositamente realizzata per la gara messicana del 1955, passò direttamente dall'officina al museo, dove tuttora è conservata.

Tale inatteso veto provocò una forte coda polemica sulla stampa europea dell'epoca che accusò, neppure troppo velatamente, le Autorità messicane di aver ceduto alle pressioni delle grandi case automobilistiche statunitensi che, da quella gara, subivano un forte danno d'immagine per la scarsità dei risultati ottenuti.

A partire dal 1988, sul medesimo percorso, viene organizzata una manifestazione rievocativa denominata "La Carrera Panamericana", consistente in una gara di regolarità aperta a vetture d'epoca di varie classi e partecipata principalmente dal jet-set statunitense ed internazionale. Tra i concorrenti celebri, Clay Regazzoni, Mark Knopfler, Nick Mason e David Gilmour.

I Carrera Panamericana del 1950[modifica | modifica wikitesto]

Nella prima edizione era stato posto il limite d'iscrizione alle sole vetture che avessero già superato i 500 esemplari prodotti. La norma ebbe l'effetto pratico di escludere in massa le case europee che, comprensibilmente, non potevano avere in produzione un modello sportivo di quella tiratura.

Un'Alfa Romeo 6C 2500

A sorpresa si presentò l'Alfa Romeo, rinfrescando due obsolete "6C 2500"; un modello che, grazie alla produzione anteguerra, poteva vantare il numero di esemplari necessario.

Poche ore prima della partenza, l'improvviso giungere della squadra italiana, iscrittasi sotto le insegne dell'Automobile Club d'Italia, sollevò la generale protesta dei partecipanti statunitensi che minacciarono di ritirarsi se non fosse stata squalificata l'Alfa Romeo, accusata di aver presentato un modello del 1937, ma aggiornato nel 1950 e, quindi, non legittimato da 500 esemplari già prodotti per quella versione.

La richiesta venne respinta, anche per il fatto che le pur aggiornate Alfa, avevano la metà della cilindrata e della potenza delle moderne vetture americane. La gara fu vinta da una Oldsmobile seguita da due Cadillac, ma gli ottimi risultati raggiunti dall'Alfa Romeo, 4ª con Taruffi/Ceroli e 8ª con Bonetto/Bonini, oltre alla 12ª posizione conquistata dal terzo equipaggio europeo dei francesi Trévoux/Mariotti su Delahaye 175 S, dimostrarono che gli iniziali timori paventati dai concorrenti del nuovo mondo non erano del tutto infondati.

La gara riscontrò una partecipazione, anche di piloti privati, che superava le più rosee previsioni, ma si dimostrò particolarmente selettiva o, addirittura, impossibile da portare a termine senza il supporto di una squadra tecnica d'appoggio che provvedesse alla manutenzione delle macchine tra una tappa e l'altra. Dei 123 equipaggi partiti, solamente 47 riuscirono a qualificarsi.

II Carrera Panamericana del 1951[modifica | modifica wikitesto]

La decisione di togliere il limite dei 500 esemplari prodotti per le automobili partecipanti, colse di sorpresa tutti i costruttori europei, nessuno dei quali aveva incluso la "Carrera" nel calendario delle manifestazioni sportive alle quali partecipare; né era pensabile organizzare una trasferta transoceanica senza un'adeguata preparazione. Tutti, tranne la Ferrari, al tempo piccola e neonata casa automobilistica, sorretta da forti ambizioni e da un proprietario di grande esperienza nelle competizioni.

Una Ferrari 212 Inter Vignale del 1951

Dopo essersi assicurato la presenza del "reduce" Taruffi, Enzo Ferrari preparò un paio di "212 Inter" e le inviò in Messico, accompagnate da un quartetto di piloti d'eccezione composto, oltre da Taruffi, da Ascari, Chinetti e Villoresi. La trasferta venne favorita dall'aiuto del "Centro Sportivo Italiano", un'associazione del mondo cattolico che, in quegli anni, guardava con estremo interesse alle competizioni sportive, come primario mezzo della comunicazione di massa.

Alla partenza si presentano 91 equipaggi, rappresentanti le maggiori case automobilistiche americane, come Oldsmobile, Mercury, Chrysler, Cadillac, Hudson, Packard, Lincoln e Studebaker. Giungeranno al traguardo 37 vetture. La prima è la Ferrari 212 Inter Vignale Coupé di Taruffi/Chinetti, seguita da quella di Ascari/Villoresi e dalla Chrysler Saratoga di Sterling/Sandidge.

Occorre aggiungere, alle presenze europee, il francese Louis Chiron su Delahaye 175S e Felice Bonetto su Lancia Aurelia B20, entrambi ritiratisi per guasti, oltre ad una singolare coppia di giovani e benestanti coniugi, Carlos e Teresita Panini, di probabile origini italiche. Entusiasmati dalle gesta di Taruffi nella precedente "Carrera", durante il viaggio di nozze a Roma avevano deciso di acquistare un'Alfa Romeo 6C-2500 (targata "Roma 153150") per schierarsi alla partenza. Carlos perì e la moglie rimase ferita in un incidente di gara provocato dal giovanissimo Bobby Unser (all'epoca solo diciassettenne), in seguito squalificato per non essersi fermato a prestare soccorso.

Curiosamente, il co-pilota dell'equipaggio classificatosi 3º si iscrisse con lo pseudonimo di "Sandidge", prendendo spunto dal personaggio di "Pete Sandidge", interpretato da Spencer Tracy nel film "Joe il pilota" del 1943. La vera identità di "Sandidge" è tuttora sconosciuta.

III Carrera Panamericana del 1952[modifica | modifica wikitesto]

La Mercedes di Klenk/Lang all'arrivo di tappa dopo l'incidente con l'avvoltoio

Per evitare le precedenti polemiche, oltre alla classifica assoluta, nella terza edizione vengono create due differenti categorie di partecipazione: la "Sport" e la "Turismo".

La presenza delle case europee diviene più corposa. Oltre alle marche americane, Ferrari, Lancia, Mercedes-Benz, Porsche, Gordini e Jaguar figurano tra le automobili in gara. Ma è la Mercedes a mettere in campo la migliore sintesi tra macchine, piloti ed organizzazione di assistenza.

Pur schierando piloti e mezzi di alto livello tecnico, la tipologia organizzativa semi-ufficiale delle altre case nulla potrà contro le regolari e ben supportate 300 SL di Kling/Klenk e Lang/Grupp che si classificarono, rispettivamente, al 1º e 2º posto.

La Mercedes-Benz 300 SL vincitrice

Terza la potente Ferrari 340 Mexico Vignale Berlinetta di Chinetti/Lucas, unica sopravvissuta dello "squadrone" messo in campo dalla casa di Maranello, falcidiato da un'incredibile serie di incidenti, guasti e intoppi vari che misero fuori gioco le "340" di Ascari/Scotuzzi, Villoresi/Cassani e Taruffi, oltre alla "250 S" di Bracco/Bronzoni. Una debacle causata dalla palese insufficienza organizzativa della scuderia italiana.

Significativo, invece, il quarto posto assoluto conquistato dall'anziana Lancia Aurelia B20, dotata di compressore e magistralmente condotta da Maglioli/Bornigia.

Occorre registrare la consueta ecatombe per guasti e incidenti tra i 95 equipaggi iscritti, dei quali solo 39 riusciranno a qualificarsi.

Particolarmente bizzarro l'incidente occorso ai vincitori Kling/Klenk. Mentre erano in testa alla gara, procedendo alla velocità di oltre 200 km/h, la loro Mercedes venne in collisione con un grosso avvoltoio che sfondò il parabrezza ed entrò in cabina colpendo il co-pilota. L'equipaggio continuò, stoicamente, le gare per i 70 km restanti all'arrivo di tappa, dove l'assistenza Mercedes provvide a medicare Klenk, sostituire il parabrezza e saldare sette barre metalliche verticali, esterne al parabrezza, ad ed evitare futuri inconvenienti similari.

IV Carrera Panamericana del 1953[modifica | modifica wikitesto]

Dalla 4ª edizione la "Carrera" viene inserita nel neonato Campionato mondiale per vetture Sport e questo anima maggiormente lo scontro frontale tra due colossi dell'automobilismo sportivo: Ferrari e Lancia. È, soprattutto, il confronto tra due filosofie sportive dell'automobilismo. Il 1953 è l'anno in cui le grandi classiche "Targa Florio" e "Mille Miglia" sono conquistate dalle Lancia, che si presenta alla "Carrera" con uno spiegamento di forze notevole. Trenta addetti tra meccanici e assistenti, oltre ad una officina mobile su "Esatau" appositamente carrozzato.

Juan Manuel Fangio e la sua Lancia D24

I lavori di asfaltatura dell'intero tragitto erano stati finalmente completati e la Ferrari schierò le potenti 375 MM, dieci quintali di massa spinti da un poderoso motore di 4,5 L, a 12 cilindri, che eroga 340 CV. Diversa la strategia del reparto corse Lancia che mise in campo le "D24", dotate di un esacilindrico a V stretto di 3,1 L che eroga 230 CV, ma con un peso inferiore ai 750 kg.

Nei giorni precedenti la gara, sull'autostrada di Cuernavaca, la Ferrari di Umberto Maglioli fece segnare l'impressionante velocità di 270 km/h. Il risultato convinse Gianni Lancia a disporre l'esclusione dei copiloti meccanici sulle vetture della sua scuderia, ufficialmente già iscritti alla gara, allo scopo di diminuire il peso e perdere il minor terreno possibile in velocità massima.[1] I meccanici furono poi fatti salire suelle tre vetture di testa nell'ultima tappa, quando il vantaggio era ormai incolmabile, allo scopo di intervenire prontamente in caso di guasti di facile soluzione e di prevenire contestazioni.

Sin dalla prima tappa, a tutti i concorrenti fu subito chiaro che la lotta per le prime posizioni era una questione che riguardava le agili Lancia e le potenti Ferrari.

Il compendio finale incoronò vincitore Juan Manuel Fangio, a bordo della Lancia D24, che aveva condotto una gara molto regolare, pur senza aver vinto alcuna tappa. Secondo Taruffi, vincitore di tre tappe, e terzo Eugenio Castellotti alla guida di una "D23". La quarta posizione venne occupata da Guido Mancini sulla Ferrari 375 MM, con oltre un'ora di distacco. Solo 6º il compagno di squadra Umberto Maglioli, autore di una prestazione superba, con tre vittorie di tappa, purtroppo costellata da mille inconvenienti, tra i quali lo sganciamento di una delle ruote posteriori, mentre viaggiava in rettilineo ad oltre 300 km/h.

Il trionfo delle Lancia fu completo e indiscutibile, ma la soddisfazione di tecnici e piloti per la vittoria conseguita subì l'amarezza per la perdita del compagno di squadra Felice Bonetto, schiantatosi con la sua "D24" nei pressi di Silao, sul tratto che congiunge Città del Messico a Leòn, quando era in testa alla gara. Nel medesimo incidente venne coinvolta anche la vettura di Taruffi, che raggiungerà il traguardo di Leòn con pesante ritardo, a causa di una sospensione anteriore danneggiata. Lo sfortunato Bonetto spirò senza ricevere assistenza medica, in quanto l'ambulanza venne bloccata ad un incrocio da un militare che, nonostante le proteste, fece rispettare la consegna ricevuta di impedire l'attraversamento del percorso durante la gara.

Il percorso di 3.077 km viene coperto alla velocità media di 169,221 km/h dal primo dei 60 classificati, su 172 concorrenti partiti.

V Carrera Panamericana del 1954[modifica | modifica wikitesto]

La Ferrari 375 Plus Pininfarina
1ª assoluta

Sulla quinta ed ultima edizione della "Carrera" pesò l'assenza della squadra Lancia, ma anche l'arrivo in forze della Porsche, con le sue agili 550 Spyder.

Gli alfieri della Ferrari erano molti e, almeno ufficialmente, tutti privati. In effetti l'assistenza alle varie "375" e "250" schierate, verrà fornita dalla compagnia petrolifera "1-2-3" che sponsorizzava le macchine di Maranello.

Due i piloti che si contesero la vittoria: l'asso statunitense Phil Hill che conduceva la "375 MM" carrozzata da Vignale, e Umberto Maglioli a bordo della "375 Plus", realizzata da Pininfarina e dotata di un enorme serbatoio supplementare, allo scopo di far fronte ai forti consumi della Ferrari nelle tappe più lunghe.

La Porsche 550 Spyder
3ª assoluta

Opaca la prova dell'Alfa Romeo che schierò cinque equipaggi a bordo di altrettante 1900 TI, poco adatte alla gara per potenza e peso, che riuscirono a cogliere un 15º posto assoluto con la coppia Senesi/Cagna, oltre al 1º, 2º e 3º posto di categoria.

Eccellente, invece, la gara delle Porsche che conquistarono il 3º posto assoluto con Hans Hermann, occupando anche l'intero podio della propria categoria. In ricordo di questo risultato, alcuni allestimenti particolarmente sportivi delle vetture Porsche verranno chiamati "Carrera".

La vittoria arrise a Maglioli che tagliò il traguardo, dopo aver vinto cinque delle otto tappe, mantenendo una velocità media di 173,692 km/h sui 3.069,808 km del percorso. Secondo assoluto Phil Hill che aveva dato battaglia al compagno di marca, aggiudicandosi le restanti tre tappe.

Infine, pur caratterizzata da una miriade di incidenti e guasti, occorre registrare che all'ultima edizione della "Carrera" riuscirono a raggiungere il traguardo ben 85 vetture, ovvero oltre la metà delle 150 partite; un risultato unico nella storia della corsa messicana.

I podî assoluti delle cinque edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Anno Pos. Pilota Copilota Marca Modello Tempo
1950 Stati Uniti Hershel McGriff Stati Uniti Ray Elliott Stati Uniti Oldsmobile 88-V8-5.0 27h 34' 25"
Stati Uniti Thomas Deal Stati Uniti Sam Cresap Stati Uniti Cadillac 62-V8-5.4 27h 35' 41"
Stati Uniti Al Rogers Stati Uniti Ralph Rogers Stati Uniti Cadillac 62-V8-5.4 27h 55' 39"
1951 Italia Piero Taruffi Italia Luigi Chinetti Italia Ferrari 212 Inter Vignale 21h 57' 52"
Italia Alberto Ascari Italia Gigi Villoresi Italia Ferrari 212 Inter Vignale 22h 05' 56"
Stati Uniti Edwards Sterling Stati Uniti "Sandidge" Stati Uniti Chrysler Saratoga V8-5.4 22h 13' 46"
1952 Germania Karl Kling Germania Hans Klenk Germania Mercedes-Benz 300 SL 18h 51' 19"
Germania Hermann Lang Germania Erwin Grupp Germania Mercedes-Benz 300 SL 19h 26' 30"
Italia Luigi Chinetti Francia Jean Lucas Italia Ferrari 340 Mexico Vignale Berlinetta 19h 32' 45"
1953 Argentina Juan Manuel Fangio Italia Gino Bronzoni Italia Lancia D24 18h 11' 00"
Italia Piero Taruffi Italia Luigi Maggio Italia Lancia D24 18h 18' 51"
Italia Eugenio Castellotti Italia Carlo Luoni Italia Lancia D23 18h 24' 52"
1954 Italia Umberto Maglioli - Italia Ferrari 375 Plus Pininfarina 17h 40' 26"
Stati Uniti Phil Hill - Italia Ferrari 375 MM Vignale 18h 04' 50"
Germania Hans Hermann - Germania Porsche 550 Spyder 19h 32' 33"

La rievocazione[modifica | modifica wikitesto]

A partire dal 1988 vengono organizzate annualmente edizioni rievocative della Carrera Mexico, costituite da gare di regolarità sul medesimo percorso, riservate a vetture d'epoca.

I vincitori delle edizioni rievocative[modifica | modifica wikitesto]

Anno Piloti Vettura
1988 Messico Eduardo Morales
Messico Gael Rodriguez
Ford
1989 Messico Guillermo Rojas
Messico Alberto Rojas Jr.
Mercury
1990 Regno Unito Alain de Cadenet
Regno Unito Gordon Currie
Jaguar
1991 Stati Uniti John Ward
Stati Uniti Shirley Ward
Kurtis
1992 Stati Uniti Peter Frank
Stati Uniti Mark Williams
Mercury
1993 Messico Carlos Anaya
Messico Eduardo Rodriguez
Studebaker
1994 Messico Carlos Anaya
Messico Eduardo Rodriguez
Studebaker
1995 Stati Uniti Kevin Ward
Stati Uniti Kimberly Elsnier
Studebaker
1996 Messico Carlos Anaya
Messico Eduardo Rodriguez
Studebaker
1997 Francia Phillipe Lemoine
Francia Pierre de Thoisy
Studebaker
1998 Francia Phillipe Lemoine
Francia Pierre de Thoisy
Studebaker
1999 Francia Pierre de Thoisy
Francia Jean-Pierre Gontier
Studebaker
2000 Francia Pierre de Thoisy
Francia Jacques Tropenat
Studebaker
2001 Francia Pierre de Thoisy
Costa Rica Carlos Macaya
Studebaker
2002 Stati Uniti Doug Mockett
Regno Unito Alan Baillie
Oldsmobile
2003 Francia Pierre de Thoisy
Belgio Pierre Schockaert
Studebaker
2004 Messico Juan Carlos Sarmiento
Messico Raúl Villareal
Studebaker
2005 Messico Juan Carlos Sarmiento
Messico Raúl Villareal
Studebaker
2006 Messico Gabriel Pérez
Messico Angelica Fuentes
Ford
2007 Francia Pierre de Thoisy
Francia Frédéric Stoesser
Studebaker
2008 Stati Uniti Bill Beilharz
Messico Jorge Ceballos
Studebaker
2009 Svezia Stig Blomqvist
Venezuela Anna Goni Boracco
Studebaker
2010 Finlandia Harri Rovanperä
Finlandia Jouni Närhi
Studebaker
2011 Messico Ricardo Triviño
Messico Marco Hernández
Studebaker
2012 Messico Gabriel Pérez
Messico Ignacio Rodríguez
Studebaker

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I piloti Lancia senza meccanico nella Carrera, La Stampa, 17 novembre 1953

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adriano Cimarosti, Carrera panamericana "Mexico", Automobilia (1987) - ISBN: 8885058930
  • R.M. Clarke, Carrera Panamericana "Mexico", Brooklands Books (1999) - ISBN 1-85520-412-6
  • Mika Hahn/Mark Zweigart, The Lancia Race - Carrera Panamericana 1953, BZ Verlag (2002) - 300 copie numerate
  • Francesco Ogliari, La Carrera panamericana, Selecta (2006) - ISBN 88-7332-178-X

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

automobilismo Portale Automobilismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di automobilismo