Capitani reggenti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Eccellentissima reggenza
Coat of arms of San Marino.svg
San Marino Palace of Government.jpg
Capitani reggenti
Istituito XIII secolo
Sede Palazzo pubblico
Indirizzo Piazza della Libertà
47890 - San Marino
Tel. 0549.882434*
Fax 0549.882425*
*Al di fuori dell'Italia comporre +378 prima di 0549, in molti casi +39549
Sito http://www.consigliograndeegenerale.sm/on-line/home.html
San Marino

Questa voce è parte della serie:
Politica di San Marino







Altri stati · Atlante

I Capitani reggenti sono l'organo di vertice della Repubblica di San Marino, in funzione di capi di Stato e di Governo. Sono fissati nel numero di due ed entrano in carica il primo aprile e il primo ottobre di ogni anno; esercitano collegialmente i compiti di Reggenza e possono opporsi reciprocamente il diritto di veto; presiedono il Consiglio Grande e Generale, il Consiglio dei XII e il Congresso di Stato; hanno diritto al titolo di Eccellenza.

I capitani reggenti eletti dal Consiglio Grande e Generale per il mandato aprile - ottobre 2014 sono Valeria Ciavatta e Luca Beccari.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'istituto della Reggenza della Repubblica di San Marino risale all'epoca comunale. In origine, i Reggenti svolgevano la funzione di amministrare la giustizia; successivamente, si affiancò la funzione amministrativa, gestita congiuntamente con il Consiglio Grande e Generale. I primi capitani reggenti, Filippo da Sterpeto e Oddone Scarito, sono stati eletti il 12 dicembre 1243 con il titolo di Consules, come i supremi magistrati dell'antica Roma repubblicana. Alla fine del XIII secolo uno assunse il titolo di “Capitano” e l'altro di “Difensore”. Fin dall'origine, i Capitani vengono eletti dal Consiglio Grande e Generale e ricoprono un mandato di sei mesi; dalla prima metà del XVI secolo, è stato quasi sempre rispettato l'obbligo di non rieleggibilità per tre anni dalla scadenza del mandato. Dal 1499 è stato istituito il Sindacato della Reggenza. Nel 1981 è stata eletta la prima donna Capitano reggente, Maria Lea Pedini, che ha ricoperto l'incarico dall'aprile all'ottobre di quell'anno.

Elezione[modifica | modifica sorgente]

I Capitani sono eletti ogni sei mesi dal Consiglio Grande e Generale, solitamente tra appartenenti a diversi partiti politici, in modo da assicurare una funzione di controllo reciproco. Risulta eletta la coppia che ottiene la maggioranza assoluta dei voti; successivamente, pochi giorni prima dell'insediamento, viene recitata dal balcone di Palazzo Pubblico questa formula:

« Per ordine dell'Eccellentissima Reggenza pro tempore, annuncio al popolo della libera terra di San Marino, che il Consiglio Grande e Generale, nella seduta odierna, invocata l'assistenza del nostro glorioso Patrono, per la salute e la libertà perpetua della nostra antica Repubblica, ha eletto capitani reggenti, per il semestre ..., i signori (primo nome-numero ordinale mandato) (secondo nome-numero ordinale mandato) »

Viene poi suonato l'inno nazionale.

L'istituto del Sindacato della Reggenza consente, entro tre giorni dal termine del mandato dei Capitani, ai cittadini di esporre rilievi sulla loro attività: qualora si ravvisino i presupposti, è possibile iniziare un procedimento giudiziario contro l'ex Capo di Stato in uno speciale tribunale, detto Sindacato della Reggenza, ove gli ex-capitani verranno giudicati per il loro operato, sulla base dei ricorsi presentati, per tutto ciò che durante il mandato hanno fatto o non hanno fatto.

Il trono di uno dei due capitani reggenti.

Eleggibilità[modifica | modifica sorgente]

Requisiti richiesti per assumere la carica di Reggente sono:

  • essere Consigliere
  • età superiore ai 25 anni
  • cittadinanza sammarinese originaria (ottenuta dalla nascita)
  • non aver ricoperto il medesimo incarico nei 3 anni precedenti (è possibile essere eletti più volte)

Prerogative[modifica | modifica sorgente]

Quella dei capitani reggenti è la massima magistratura della Repubblica, esercitando collegialmente e con reciproco diritto di veto la funzione di Capo di Stato e di Governo.

La figura istituzionale esercita funzioni, sebbene talvolta simboliche, in tutti i poteri dello Stato, configurandosi come potere costituzionale complesso. Come Capi di Stato, sono un organo di garanzia costituzionale super partes, rappresentano l'unità nazionale e presiedono e vigilano sulle attività di tutti gli altri organi politici della Repubblica.

I capitani reggenti presiedono il Consiglio Grande e Generale, di cui fanno parte a pieno titolo, convocano e coordinano il Congresso di Stato, presiedono il Consiglio dei XII, la Commissione Consiliare per gli Affari di Giustizia, il Consiglio Giudiziario, il Magistero di Sant'Agata e l'Ufficio di Presidenza del Consiglio Grande e Generale.

Inoltre dispongono lo scioglimento del Consiglio Grande e Generale quando questo non riesca ad esprimere una maggioranza ed effettuano le consultazioni per incaricare un nuovo governo oppure per convocare i comizi elettorali.

Dispongono del potere legislativo, in quanto in caso di necessità o di urgenza possono emanare Decreti Reggenziali, che devono essere ratificati entro tre mesi dal Consiglio Grande e Generale, a pena di decadenza. I Decreti Reggenziali possono essere emanati anche in conseguenza di esplicita previsione di Legge. Infine, hanno competenza nella promulgazione delle leggi.

Particolarità della funzione[modifica | modifica sorgente]

L'esercizio della funzione di Capo di Stato da parte di due individui, come la ridotta durata del mandato, deriva direttamente dalle istituzioni dell'antica Roma repubblicana, retta da due consoli.

Questa particolarità è condivisa con il Principato di Andorra, che è retto congiuntamente dal vescovo spagnolo di La Seu d'Urgell e dal Presidente della Repubblica francese. Va tuttavia sottolineato come ad Andorra le cariche siano prettamente onorifiche e la sede dei Capi di Stato (non andorrani) non sia situata nel Paese.

San Marino ha perciò il primato mondiale di avere il capo dello Stato - in questo caso due persone - con il minor periodo di durata. L'altra nazione in cui il capo dello Stato dura in carica pochissimo (è al secondo posto in questa singolare classifica) è pur esso un Paese che confina con l'Italia. Si tratta della Svizzera, dove il ministro che, a turno, esercita le funzioni di capo dello Stato dura in carica soltanto un anno.

Elenco storico dei capitani reggenti[modifica | modifica sorgente]

L'elenco completo dei capitani reggenti dal 1243 è riportato nelle seguenti voci:

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]