Benedetto Alfieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
« Ed un cugino di mio padre, mio semi-zio, chiamato il conte Benedetto Alfieri.

Era questi il primo architetto del re; ed alloggiava contiguamente a quello stesso Regio teatro da lui con tanta eleganza e maestria ideato, e fatto eseguire.
Io andava qualche volta a pranzo da lui, ed alcune volte a visitarlo; »

(da Vita di V.Alfieri)
Benedetto Alfieri in un'incisione ottocentesca

Benedetto Alfieri (Roma, 1699Torino, 6 dicembre 1767) è stato un architetto italiano, celebre per aver realizzato importanti edifici barocchi in Piemonte.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Benedetto Innocenzo Gaspare Giuseppe Alfieri, nasce a Roma dall'astigiano Alessandro Alfieri Bianco e dalla romana Lavinia Ponte. Apparteneva al ramo dei conti Alfieri di Cortemilia e, quindi, alla stessa famiglia del cronista astigiano Ogerio Alfieri e del poeta Vittorio Alfieri, che nella "Vita" lo ricorda con venerazione ed affetto.

Studiò prima a Roma presso il collegio dei padri gesuiti, e poi dal 1722 a Torino dove si laureò in legge. Parallelamente compì studi ed approfondimenti come autodidatta, in architettura.

Asti, Palazzo Gazzelli, particolare dell'androne

Ad Asti fu consigliere e poi sindaco dal 1726 al 1730.

In questo periodo di attività, progettò la facciata e lo scalone del Palazzo del Comune, Palazzo Alfieri (casa natale del cugino Vittorio), Palazzo Ottolenghi, il Seminario vescovile, l'ex Convento della Consolata, palazzo Gazzelli.

Su disegni di Benedetto Alfieri fu edificato il castello della famiglia Alfieri in San Martino Alfieri, e venne trasformato il semplice edificio militare dei conti Amico di Castell'Alfero ad elegante residenza barocca.

Anche il castello di Govone, reso famoso dal soggiorno di Jean-Jacques Rousseau al servizio dei conti Solaro, fu costruito da Benedetto Alfieri su disegno di Guarino Guarini.

Ad Alessandria, nel 1730, realizzò il palazzo dello zio marchese Tommaso Ghilini.

Nel 1736 Carlo Emanuele III di Savoia lo incaricò di terminare il Teatro Regio. L'abilità dell'architetto fu quella di dare una perfetta omogeneità architettonica alla facciata del teatro con gli edifici che si affacciano su Piazza Castello. La facciata del teatro è l'unico elemento architettonico superstite dell'antico edificio costruito dall'Alfieri e distrutto dal rogo del 1936.

Nel 1739 succedette a Filippo Juvara come "primo architetto civile del re di Sardegna".

Nel 1739, per la Palazzina di caccia di Stupinigi, Benedetto Alfieri progettò due nuove ali laterali, che tuttavia furono realizzate soltanto nel 1759.

Nel 1743 Benedetto Alfieri soprintese al restauro del Palazzo Barolo dei conti Falletti di Barolo, intervenendo sia sulla facciata esterna (atrio e scalone) che al piano nobile.

La sua attività a Torino proseguì con numerosi rifacimenti di interni, fra i quali si ricordano le stanze e gallerie nel Palazzo Reale, palazzo Morozzo della Rocca (1750), palazzo Isnardi di Caraglio (1756), palazzo Chiablese (1762), palazzo Asinari di San Marzano (1767), ed intervenne nei rifacimenti dell'ala meridionale del palazzo del Senato (1741-1748), la cui costruzione iniziò nel 1720 su progetto di Filippo Juvara.

Castello di Barolo

Inoltre, tra il 1751 ed il 1757, dopo la morte dello Juvarra, proseguì i lavori alla reggia di Venaria Reale di Torino.

Fece i disegni per la modifica del Duomo di Torino, per un ampliamento di palazzo Madama e per una ricostruzione del castello di Chambéry.

L'Alfieri si occupò anche di urbanistica, con il progetto nel 1756 della piazza all'incrocio fra Via Milano e Via Garibaldi, piazza Palazzo di Città, l'antica Piazza delle Erbe, completata poi nell'ottocento con la statua di Pelagio Palagi che raffigura Amedeo VI di Savoia detto il Conte Verde.

Nel 1753 accettò il progetto di realizzazione del campanile della Basilica di San Gaudenzio di Novara. L'opera venne però terminata nel 1786, 33 anni dopo l'apertura del cantiere e 19 dopo la morte del progettista.

Anche il Duomo di Carignano (chiesa parrocchiale dei SS. Giovanni Battista e Remigio), considerato il capolavoro assoluto dell'architetto, venne completato dagli architetti dello Studio regio nel 1771, quattro anni dopo la sua morte. La fabbrica presenta una sorprendente pianta a navata curva ed endonartece circolare. Vittorio Alfieri la ricordava come «quella bizzarra chiesa di Carignano fatta a forma di ventaglio». Secondo la vecchia lettura di Brinckmann, "il semicerchio della chiesa doveva stimolare lo spettatore a completarlo nella sua mente con l'altra metà";[senza fonte] esistono in realtà precedenti per questa inusitata e gigantesca architettura, tuttora incompleta, tra i bozzetti per scenografie teatrali in ambito juvarriano.[senza fonte]

Morì di polmonite il 6 dicembre 1767

Lo stile "Alfieriano"[modifica | modifica sorgente]

« Era appassionatissimo dell'arte sua; semplicissimo di carattere, e digiuno quasi d'ogni altra cosa, che non spettasse le belle arti.

Tra molte altre cose, io argomento quella sua passione smisurata per l'architettura, dal parlarmi spessissimo, e con entusiasmo, a me ragazzaccio ignorante d'ogni arte ch'io m'era, del divino Michelangelo Buonarroti, ch'egli non nominava mai senza o abbassare il capo, o alzarsi la berretta, con un rispetto ed una compunzione che non mi usciranno mai dalla mente »

(da Vita di Vittorio Alfieri)

Le costruzioni dell'architetto astigiano sono caratterizzate da un barocco di stile michelangiolesco in apparenza molto festoso, ma di fatto freddo e rigoroso, fatto di muri spessi e superfici dure, tipico dello stile della corte di Carlo Emanuele III[1].

È probabile che l'ispirazione per la sua architettura derivi dal suo soggiorno giovanile a Roma, soprattutto per le opere monumentali, dove è forte il tentativo di "sprovincializzare" l'architettura piemontese, avvicinandola il più possibile a quella classica romana.[2]

Secondo R.Pommer, lo stile di Alfieri è molto più simile al Vanvitelli che allo Juvarra, o al Vittone. Infatti, i temi conservatori e severi dell'architetto si sposano pienamente allo stile dello scalone del Vanvitelli per la reggia di Caserta.

Il rococò per Alfieri non coinvolge mai l'architettura esterna, ma rimane confinato agli interni con geniali intuizioni nell'utilizzo degli specchi, degli scaloni, delle dorature e degli arredi.[2].

Elenco degli interventi alfieriani[modifica | modifica sorgente]

Asti[modifica | modifica sorgente]

Torino[modifica | modifica sorgente]

Reggia di Venaria Reale, Galleria di Benedetto Alfieri
  • Accademia Reale, restauro colonne
  • Illuminazione del Castello del Valentino, e della città (1750)
  • Duomo, progetto per la costruzione di un nuovo duomo (1742-1748)
  • Chiesa del Corpus Domini
  • Chiesa di San Lorenzo, cappella di San Gaetano (1762)
  • Chiesa di S.Maria del Monte o Monte dei Cappuccini, altari laterali (1747)
  • Istituto della Provvidenza (ora Esattoria Comunale), (1752)
  • Palazzo Asinari di San Marzano, interni (1767)
  • Palazzo Barolo, decorazioni interne (1743)
  • Palazzo Benso di Cavour, ammodernamenti interni (1757)
  • Palazzo Chiablese, ristrutturazione e prolungamento verso S.Lorenzo (1762, 1763)
  • Palazzo d'Agliano, (facciata)
  • Palazzo Giannazzo di Pamparato (restauro)
  • Palazzo Isnardi di Caraglio (sede dell'Accademia filarmonica) (1753)
  • Palazzo Madama, ristrutturazione di un appartamento (1753)
  • Palazzo Marozzo della Rocca, ricostruzione (1750)
  • Palazzo Piossasco di Rivalba (1781)
  • Reggia di Venaria Reale, completamento del rustico (1751), nuova fabbrica (1755)
  • Palazzo reale, Galleria Beaumont (oggi Armeria Reale), piano Po (1753); giardino (1756); sala della guardia (1761); Curia regia, altare maggiore (1762); colonne battistero, lavori di marmo/bronzo
  • Palazzo della Prefettura (1739)
  • Palazzo Solaro della Chiesa, restauro
  • Palazzo Turinetti di Cambiano, rifacimento interno (1750)
  • Palazzo del real Senato (ora Corte d'Appello), ala sud (1748)
  • Superga, real congregazione, allargamento della libreria (1752, 1754)
  • Teatro Principe di Carignano (distrutto nel 1782), (1752)
  • Teatro Regio, completamento dei lavori (1752, 1756)

Altre località[modifica | modifica sorgente]

Il castello di Govone
Facciata della cattedrale di Saint-Pierre, Ginevra

Progetti[modifica | modifica sorgente]

  • Disegni per alcuni arredi della basilica di Superga
  • Progetti per la chiesa del Corpus Domini di Torino (1746)
  • Progetto e ristrutturazione del Palazzo comunale e Piazza delle erbe (1756)
  • Progetto di ampliamento di Palazzo Madama e del collegamento con la galleria Beaumont
  • Progetto di riparazione di due case in Contrada PO (Torino)
  • Progetti per il monastero ed ospedale di S.Andrea a Vercelli
  • Progetto per la chiesa di SS.Giovanni Battista e Remigio, Carignano
  • Progetto per il riassetto di piazza delle Erbe e via Panierai (ora piazza e via Palazzo di città)
  • Progetto di un ponte sul torrente Borbore,(Asti)

Tributi[modifica | modifica sorgente]

  • La città di Asti ha intitolato l'Istituto Statale d'arte a Benedetto Alfieri.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Pommer Richard, Architettura del Settecento in Piemonte. Le strutture aperte di Juvarra, Alfieri e Vittone, Allemandi 2003
  2. ^ a b AA.VV: Benedetto Alfieri, l'opera astigiana, dall'introduzione di Amedeo Bellini, Lindau 1992 Torino

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Amedeo Bellini, Benedetto Alfieri, tutta l'opera Milano 1978
  • AA.VV., ingegneri e architetti del sei e settecento in Piemonte, Torino 1963
  • AA.VV., Benedetto Alfieri, l'opera astigiana, Lindau 1992 Torino
  • Mirella Macera, Benedetto Alfieri, ed. Comune di Asti 1992
  • Pommer Richard, Architettura del Settecento in Piemonte. Le strutture aperte di Juvarra, Alfieri e Vittone, Allemandi 2003
  • Noemi Gabrielli, Arte e Cultura ad Asti attraverso i secoli, S.Paolo Torino 1976

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64811431 LCCN: n79135461

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie