Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Si sente il mare

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Umi ga kikoeru)
Si sente il mare
海がきこえる
(Umi ga kikoeru)
Umi ga kikoeru.png
special TV anime
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Saeko Himuro
Regia Tomomi Mochizuki
Char. design Katsuya Kondo
Dir. artistica Naoya Tanaka
Musiche Shigeru Nagata
Studio Studio Ghibli
Rete TV Asahi
1ª TV 5 maggio 1993
Episodi unico
Durata ep. 72 min

Si sente il mare (海がきこえる Umi ga kikoeru?), conosciuto anche con i titoli internazionali Ocean Waves e I can hear the sea, è un film di animazione giapponese prodotto dallo Studio Ghibli per la televisione giapponese e diretto da Tomomi Mochizuki, la cui trama è basata sull'omonimo romanzo della scrittrice Saeko Himuro. In Italia è stato distribuito direttamente in home video il 23 marzo 2016 da Lucky Red.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia si svolge a Kōchi, nell'isola di Shikoku, e riguarda le storie sentimentali intrecciate di tre giovani (due ragazzi e una ragazza) che danno vita ad una specie di triangolo di sentimenti, i due sono grandi amici e la ragazza si è appena trasferita da Tokyo. Questa ragazza inizialmente non viene apprezzata soprattutto dalle sue compagne di classe e non viene integrata tra loro, tuttavia dopo poco tempo e l'aiuto dei due ragazzi che provano qualcosa per lei le cose cambiano.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, anche se prodotto da Isao Takahata, è il primo anime dello Studio Ghibli non diretto dai due fondatori Miyazaki o Takahata. Il film aveva alla regia l'allora trentaquattrenne Tomomi Mochizuki, ed era il tentativo di produrre anime con la collaborazione esclusiva dai giovani membri del personale dello studio, per lo più tra i 20 e i 30 anni, per ottenere prodotti di qualità in modo rapido ed economico, anche se alla fine i tempi ed i costi andarono oltre le previsioni[1], tanto da indurre la dirigenza a non ripetere più un simile esperimento.[2]

La produzione di Si sente il mare è stata supervisionata dallo Studio Ghibli, ma gran parte della animazione è stata realizzata con l'assistenza di J.C.Staff, Madhouse e Oh! Production, che avevano già collaborato con Ghibli in altri progetti.

Il film, andato in onda su TV Asahi il 5 maggio 1993, fu anche proiettato nei cinema il 25 dicembre dello stesso anno per sfruttare la ricorrenza del Natale, che in Giappone per la maggioranza non cristiana è assimilato a una sorta di festa di San Valentino.[2]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Ryoko Toyama, Umi ga Kikoeru: Frequently Asked Questions, Nausicaa.net. URL consultato il 28 marzo 2016.
  2. ^ a b Guido Tavassi, Storia dell'animazione giapponese. Autori, arte, industria, successo dal 1917 a oggi, Tunué, 2012, pp. 229-230.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]