Ugo Ferrante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ugo Ferrante
Ugo Ferrante.jpg
Ferrante alla Fiorentina nel 1966-1967
Nazionalità Italia Italia
Altezza 188 cm
Peso 82 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 1976
Carriera
Giovanili
Pro Vercelli
Squadre di club1
1963-1972 Fiorentina 179 (6)
1972-1976 L.R. Vicenza 84 (1)
Nazionale
1970-1971 Italia Italia 3 (0)
Palmarès
W.Cup2.svg Mondiali di calcio
Argento Messico 1970
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Ugo Ferrante (Vercelli, 18 luglio 1945Vercelli, 29 novembre 2004) è stato un calciatore e allenatore di calcio italiano, di ruolo libero.

È scomparso nel 2004 a 59 anni[1], per un tumore alle tonsille.[2]

Durante la sua carriera non fu mai squalificato.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nella Pro Vercelli, è stato ingaggiato dalla A.C.F. Fiorentina nel 1963, esordendo in Serie A il 31 maggio 1964 contro il Bari.

È stato a lungo il perno della difesa viola, protagonista di molti successi, fra i quali la Coppa Italia, la Mitropa Cup del 1966 e il secondo scudetto del 1968-1969. Ha giocato anche in Coppa delle Coppe e in Coppa dei Campioni, perse una finale di Coppa Mitropa.

Ferrante (n. 5) consola Anastasi (n. 9) al termine di Fiorentina-Juventus (2-0) del 22 marzo 1970; accanto a loro, l'altro viola Brizi (n. 6).

Ha lasciato la Fiorentina al termine della stagione 1971-1972, nella quale ha collezionato 8 gettoni, in seguito ad un infortunio subito durante Roma-Fiorentina (scontro con Scaratti). Il periodo di riposo forzato gli è costato anche il ritorno in Nazionale.

In totale, con la Fiorentina, ha disputato 179 partite in Serie A segnanto 6 reti, fino al campionato 1971-1972. Ceduto al L.R. Vicenza, ha vissuto un altro importante periodo della sua carriera, contribuendo ad alcune storiche salvezze e portando il Lanerossi al ventesimo anno consecutivo in Serie A.

Ha lasciato la squadra berica nel 1976, dopo la retrocessione in Serie B e una stagione negativa per i biancorossi, a cui tuttavia diede un aiuto sostanzioso, disputando 8 partite decisive per la permanenza tra i cadetti (l'allenatore era Cinesinho).

Non smise completamente con il calcio e indossò la maglia del Robbio Lomellina, in Promozione, per tre campionati.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1970 è stato convocato per i Mondiali in Messico, dove ha fatto da riserva a Pierluigi Cera. In maglia azzurra ha raccolto 3 presenze.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Successivamente si dedica alla carriera di allenatore, nel calcio dilettantistico e amatoriale: allena il Piemonte Sport juniores, la Caresanese, la Pro Vercelli Berretti, il Borgovercelli ed il Villata, prima di approdare nel CSI.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
10/05/1970 Lisbona Portogallo Portogallo 1 – 2 Italia Italia Amichevole -
17/10/1970 Berna Svizzera Svizzera 1 – 1 Italia Italia Amichevole -
20/02/1971 Cagliari Italia Italia 1 – 2 Spagna Spagna Amichevole -
Totale Presenze 3 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]
Fiorentina: 1966
Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Fiorentina: 1965-1966
Fiorentina: 1968-1969
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Fiorentina: 1966

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Quanti lutti nella Viola anni Settanta archiviostorico.gazzetta.it
  2. ^ Ma che succede al calcio italiano? repubblica.it del 1º novembre 2011

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]