Giuseppe Brizi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Brizi
Giuseppe Brizi - AC Fiorentina.JPG
Brizi alla Fiorentina
Nazionalità Italia Italia
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex difensore)
Ritirato 1977 - giocatore
1997 - allenatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? non conosciuta Robur Macerata 1905
1962Fiorentina
Squadre di club1
1959-1962Maceratese62 (1)
1962-1976Fiorentina374 (2)
1976-1977Maceratese17 (0)
Carriera da allenatore
1979-1981Maceratese
1982-1983Lanciano
1983-1984Maceratese
1984-1986Fermana
1996-1997Maceratese
Palmarès
Gold medal mediterranean.svg Giochi del Mediterraneo
Oro Italia 1963
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Giuseppe Brizi (Macerata, 19 marzo 1942) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nel vivaio della Robur Macerata 1905, una società controllata dai salesiani, Pino Brizi neanche maggiorenne viene preso dalla Maceratese che lo fa esordire nel calcio professionistico cioè in C unica (la C1 di oggi). Grazie alle sue grandi doti fisiche e soprattutto tecniche viene visionato più volte da molti club ma ad acquistarlo è la Fiorentina.

Nella Fiorentina anni sessanta, definita Fiorentina ye-ye per la presenza di molti giovani, Brizi fu lanciato giovanissimo titolare assieme a molti suoi coetanei come Gonfiantini, Rizzo e Merlo. Nella stagione 1968-1969 fu uno dei protagonisti dell'incredibile vittoria del secondo tricolore della storia dei Viola.

Brizi alle prese con il bianconero Capello nel corso Fiorentina-Juventus (2-0) del 20 gennaio 1974.

Con la maglia viola ha giocato 280 gare in Serie A, 46 in Coppa Italia; 6 in Coppa Campioni, 16 in Mitropa Cup 6 nel Torneo Anglo-Italiano 2 nella Coppa di Lega Italo-Inglese; a fine carriera, dopo la cessione del libero Ferrante al Vicenza, Brizi si adattò per diversi anni nel ruolo di libero fino al 1976. Perse tre finali di coppe internazionali Coppa Mitropa, Coppa delle Alpi, Coppa Anglo-Italiana.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver abbandonato i viola Brizi torna a giocare con la Maceratese prima di diventarvi allenatore nella stagione 1979-1980. Da mister riesce a vincere il campionato; l'anno successivo sotto la sua guida i bianco-rossi (che guidò anche nella stagione 1983-1984[1]) sfiorano la C1. Al Lanciano, nella stagione 1982-1983, fu invece sostituito a campionato in corso da Silvano Flaborea[2].

Nella stagione 1984-1985 viene chiamato dalla Fermana (Serie C2 girone C) al posto di Feliciano Orazi, esonerato alla 17ª giornata, ma non riesce ad evitare la retrocessione nel campionato interregionale, dove Brizi resterà sulla panchina dei gialloblù per poche settimane della stagione 1985-1986 prima di essere sostituito dal fermano Mariano Pavoni.

Negli anni successivi Pino Brizi rimane nel campo del calcio e rimane sempre legato alla Maceratese dove lavora soprattutto per il settore giovanile e dove a volte viene richiamato in panchina della prima squadra, come accadde nel 1996-1997 quando guidò Colantuono e compagni a Trieste dopo l'esonero di Giovanni Pagliari e prima dell'arrivo di Bruno Nobili.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]
Fiorentina: 1968-1969
Fiorentina: 1965-1966, 1974-1975
Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]
Fiorentina: 1975
Fiorentina: 1966

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Napoli 1963[3].

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Maceratese: 1979-1980

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1984. Modena, Panini, 1983.
  • Arrigo Beltrami (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 1985. Modena, Panini, 1984.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Dario Marchetti (a cura di), Giuseppe Brizi, su Enciclopediadelcalcio.it, 2011.