Pierluigi Cera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pierluigi Cera
Pierluigi Cera.jpg
Cera con la maglia del Cagliari
Nazionalità Italia Italia
Altezza 172 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista, difensore
Ritirato 1979
Carriera
Squadre di club1
1957-1964 Verona 141 (7)
1964-1973 Cagliari 240 (4)
1967 [1] Chicago Mustangs ? (-?)
1973-1979 Cesena 98 (0)
Nazionale
1963 Italia Italia U-21 7 (0)
1969-1972 Italia Italia 18 (0)
Palmarès
Julesrimet.gif Mondiali di calcio
Argento Messico 1970
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Pierluigi Cera (Legnago, 25 febbraio 1941) è un ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista prima e libero poi.

Ha legato la propria carriera al Cagliari, conquistando con i sardi lo storico scudetto del 1969-1970.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Esordì in Serie A a 17 anni con il Verona, il 4 maggio 1958 contro il Milan. Dopo sei campionati di Serie B con gli scaligeri, nel 1964 approdò al Cagliari, diventando uno dei giocatori simbolo della formazione sarda, nonché il capitano della squadra dello scudetto.

Cera (accosciato, primo da sinistra) capitano del Cesena nel 1975-1976

Inizialmente centrocampista di contenimento, nella stagione 1969-1970 l'allenatore del Cagliari, il "filosofo" Manlio Scopigno, lo "inventò" nel ruolo di libero a seguito del grave infortunio al libero titolare Giuseppe Tomasini. Cera interpretò il ruolo in chiave molto moderna ritrovandosi a esserne un pioniere, e venendo utilizzato anche in Nazionale durante i Mondiali del 1970.

Restò a giocare al Cagliari, schierato nuovamente in mediana, fino al 1973, anno in cui passò al Cesena, dove tornò a fare il libero, e con cui conquistò la qualificazione alla Coppa UEFA nella stagione 1975-1976 e che seguì anche nei cadetti dopo la retrocessione dei romagnoli nella stagione 1976-1977.

Chiuse la carriera nel 1979, all'età di 38 anni. In massima serie disputò 338 gare segnando 4 reti. Successivamente ha ricoperto per diversi anni ruoli dirigenziali all'interno della società bianconera, in particolar modo quello di direttore sportivo, collaborazione interrotta nel 2000.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 novembre 1969 esordì in nazionale contro la Germania Est e in quella stagione vinse lo storico scudetto del Cagliari.

Disputò tutto il mondiale del 1970 arrivando in finale in compagnia di altri giocatori di quel Cagliari come Gigi Riva, Enrico Albertosi, Comunardo Niccolai, Angelo Domenghini, Sergio Gori.

Collezionò 18 presenze in nazionale A e 7 in quelle giovanili senza segnare alcuna rete.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il Cagliari lo ha inserito nella sua Hall of Fame.[2]

È inserito nella Top 11 Rossoblù - I più forti di sempre, la formazione votata dai tifosi comprendente i migliori rossoblù di sempre.[3]

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
22-11-1969 Napoli Italia Italia 3 – 0 Germania Est Germania Est Qual. Mondiali 1970 - Uscita al 50’ 50’
21-2-1970 Madrid Spagna Spagna 2 – 2 Italia Italia Amichevole -
3-6-1970 Toluca Italia Italia 1 – 0 Svezia Svezia Mondiali 1970 - 1º Turno -
6-6-1970 Puebla Italia Italia 0 – 0 Uruguay Uruguay Mondiali 1970 - 1º Turno -
11-6-1970 Toluca Italia Italia 0 – 0 Israele Israele Mondiali 1970 - 1º Turno -
14-6-1970 Toluca Italia Italia 4 – 1 Messico Messico Mondiali 1970 - Quarti -
17-6-1970 Città del Messico Italia Italia 4 – 3 dts Germania Ovest Germania Ovest Mondiali 1970 - Semif. -
21-6-1970 Città del Messico Brasile Brasile 4 – 1 Italia Italia Mondiali 1970 - Finale - 2º posto
17-10-1970 Berna Svizzera Svizzera 1 – 1 Italia Italia Amichevole -
31-10-1970 Vienna Austria Austria 1 – 2 Italia Italia Qual. Euro 1972 -
8-12-1970 Firenze Italia Italia 3 – 0 Irlanda Irlanda Qual. Euro 1972 -
10-5-1971 Dublino Irlanda Irlanda 1 – 2 Italia Italia Qual. Euro 1972 -
9-6-1971 Stoccolma Svezia Svezia 0 – 0 Italia Italia Qual. Euro 1972 -
25-9-1971 Genova Italia Italia 2 – 0 Messico Messico Amichevole -
9-10-1971 Milano Italia Italia 3 – 0 Svezia Svezia Qual. Euro 1972 -
4-3-1972 Atene Grecia Grecia 2 – 1 Italia Italia Amichevole -
29-4-1972 Milano Italia Italia 0 – 0 Belgio Belgio Qual. Euro 1972 -
13-5-1972 Bruxelles Belgio Belgio 2 – 1 Italia Italia Qual. Euro 1972 -
Totale Presenze 18 Reti 0
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia Under-21
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
21-09-1963 Napoli Italia Under-21 Italia 2 – 0 Tunisia Tunisia Under-21 Giochi del Mediterraneo 1963 - 1º Turno -
25-09-1963 Benevento Italia Under-21 Italia 6 – 0 Siria Siria Under-21 Giochi del Mediterraneo 1963 - 1º Turno -
27-09-1963 Caserta Italia Under-21 Italia 4 – 1 Marocco Marocco Under-21 Giochi del Mediterraneo 1963 - 1º Turno -
29-09-1963 Napoli Italia Under-21 Italia 3 – 0 Turchia Turchia Under-21 Giochi del Mediterraneo 1963 - Finale -
20-11-1963 Ankara Turchia olimpica Turchia 2 – 2 Italia Italia olimpica Qual. Olimpiadi 1964 -
11-03-1964 Bergamo Italia olimpica Italia 7 – 1 Turchia Turchia olimpica Qual. Olimpiadi 1964 -
25-06-1964 Poznan Polonia olimpica Polonia 0 – 1 Italia Italia olimpica Qual. Olimpiadi 1964 -
Totale Presenze 7 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Cagliari: 1969-1970

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Napoli 1963

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]