Supergirl (fumetto)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Supergirl
fumetto
Lingua orig. inglese
Paese Stati Uniti
Editore DC Comics
1ª edizione ;Supergirl (Vol. 1[1])

novembre 1972-settembre/ottobre 1974

The Daring New Adventures of Supergirl

novembre 1982-settembre 1984

Supergirl (Vol. 2[1]) one-shot
Supergirl (Vol. 3[1])

febbraio 1994-maggio 1994

Supergirl (Vol. 4[1])

settembre 1996-maggio 2003

Supergirl (Vol. 5[1])

ottobre 2005-ottobre 2011

Supergirl (Vol. 6[1])
novembre 2011-presente
Collanaed.
Supergirl (Vol. 1[1])

dal n. 1 al n. 10

The Daring New Adventures of Supergirl

dal n. 1 al n. 23

Supergirl (Vol. 2[1]) one-shot

2 speciali

Supergirl (Vol. 3[1])

dal n. 1 al n. 4

Supergirl (Vol. 4[1])

dal n. 1 al n. 80

Supergirl (Vol. 5[1])

dal n. 0 al n. 67

Supergirl (Vol. 6[1])
dal n. 0[2] - presente
Albi 187 (in corso)
Rilegatura spillato
Generi supereroi, avventura

Supergirl è il nome di cinque serie di fumetti pubblicati dalla DC Comics, in cui comparirono numerosi personaggi con lo stesso nome. La maggior parte dei fumetti presentano le storie con protagonista la cugina di Superman, Kara Zor-El.

Storia editoriale[modifica | modifica sorgente]

Volume 1 (1972-1974)[modifica | modifica sorgente]

La prima serie vedeva protagonista la Supergirl originale, la cugina di Superman, Kara Zor-El. La pubblicazione della serie ebbe inizio nel 1972, dopo 44 numeri di storie di Supergirl in Adventure Comics, terminando con il n. 424 (ottobre 1972). La serie durò dieci numeri fino al 1974, dopodiché il personaggio cominciò a comparire regolarmente in Superman Family (cominciando con il n. 165).

Volume 2 (1982-1984)[modifica | modifica sorgente]

Durante il primo anno di pubblicazione, la seconda serie di Kara Zor-El fu intitolata The Daring New Adventures of Supergirl. Con il n. 13, il nome venne accorciato in Supergirl, e il fumetto continuò ad essere pubblicato fino ad un totale di 23 numeri.

Volume 3 (1994)[modifica | modifica sorgente]

Nel 1994, la DC Comics pubblicò una serie limitata di quattro numeri che presentò una nuova Supergirl che venne introdotta nell'epoca post-Crisi sulle Terre Infinite. Riferendosi talvolta a lei come Matrice, questo nuovo personaggio era un duplicato protoplasmatico di una Lana Lang di un universo alternativo, che ottenne i suoi poteri dal Lex Luthor del suo mondo. Essendo stata portata nella linea temporale principale dell'Universo DC da Superman, si innamorò di Lex Luthor (che fingeva di essere suo figlio, Lex Luthor II). Questa serie limitata risolse molte delle minacce rimanenti da quella trama.

Dal numero principale del fumetto Superman/Batman del 2003, la Supergirl Matrice fu sottilmente cancellata dalla continuità.

Volume 4 (1996-2003)[modifica | modifica sorgente]

La quarta serie vide protagonista una terza Supergirl. Questo personaggio era una fusione della Supergirl Matrice e di Linda Danvers (una versione post-Crisi di Linda Lee Danvers, identità segreta della Kara Zor-El pre-Crisi). La serie fu pubblicata per un totale di 81 numeri, terminando con un viaggio del personaggio principale in un universo alternativo, dopo il ritorno della versione originale di Kara Zor-El.

Dal numero principale del fumetto Superman/Batman del 2003, questa versione di Supergirl fu sottilmente cancellata dalla continuità.

Volume 5 (2005-2011)[modifica | modifica sorgente]

Nel 2004, la DC Comics introdusse una versione aggiornata di Kara Zor-El nelle pagine di Superman/Batman. L'anno successivo, la Ragazza d'Acciaio cominciò a comparire in una sua serie, con la ristampa di Superman/Batman n. 19 come n. 0 di Supergirl. Sterling Gates cominciò ad occuparsi del fumetto a metà del 2008 con il n. 34[3][4][5]. Fu annunciato che Amy Reeder Hadley sarebbe stata la nuova artista delle copertine della serie nel maggio 2010[6].

Volume 6 (2011-presente)[modifica | modifica sorgente]

DC Comics rilanciò Supergirl col n. 1 nel settembre 2011 come parte del reboot The New 52.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Power[modifica | modifica sorgente]

Nella prima storia, Power (n. da 1 a 5, scritta da Jeph Loeb e illustrata da Ian Churchill), Supergirl incontrò e finì per combattere contro numerosi personaggi della DC, poiché cercava di trovare un modo di ambientarsi sulla Terra. Quando Lex Luthor la espose alla kryptonite nera, emerse un suo doppio con indosso un costume identico al suo ma di colore nero. Dopo un combattimento con la Justice League of America, Dark Kara e Supergirl furono ricongiunte.

Candor[modifica | modifica sorgente]

La storia successiva, Candor (n. da 6 a 8), uscì in un numero speciale scritto da Greg Rucka. Il resto della storia fu scritta dal nuovo scrittore regolare della serie, Joe Kelly. Questa storia si colloca cronologicamente un anno dopo gli avvenimenti della storia precedente. Supergirl e Power Girl combattono a Kandor mascherate rispettivamente da Flamebird e Nightwing.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l Il termine volume è usato in lingua inglese, in questo contesto, per indicare le serie, pertanto Vol. 1 sta per prima serie, Vol. 2 per seconda serie e così via.
  2. ^ Data pubblicazione statunitense: novembre 2012
  3. ^ Rogers, Vaneta (27 giugno 2008). "WWC: Gates and Igle Join DC's Supergirl". Newsarama. Ritrovato il 7 gennaio 2009
  4. ^ Vaneta Rogers e Cliff Biggers. "Planet Stories" Comic Shop News n. 1108. Settembre 2008. Ritrovato il 17 settembre 2008
  5. ^ Rogers, Vaneta (4 agosto 2009). "SOME Will Be Revealed: Sterling Gates on SUPERGIRL". Newsarama. Ritrovato il 18 settembre 2009
  6. ^ Rogers, Vaneta (28 maggio 2010). "Artist Amy Reeder Faces Challenge of BATWOMAN, SUPERGIRL". Newsarama. Ritrovato il 2 giugno 2010

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

DC Comics Portale DC Comics: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di DC Comics