Senato del Regno d'Italia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il senato del Regno napoleonico d'Italia, vedi Senato consulente.
Senato del Regno
Palazzo Madama - Roma.jpg
Palazzo Madama, sede del Senato del Regno d'Italia dal 1871 al 1946
Stato Italia Italia
Tipo Camera alta del Parlamento del Regno d'Italia
Istituito 17 marzo 1861
Soppresso 7 novembre 1947[1]
Sede Torino (1861-1865)
Firenze (1865-1871)
Roma (1871-1946)
Indirizzo Palazzo Madama, Piazza Castello (Torino)
Palazzo Vecchio, Piazza della Signoria (Firenze)
Palazzo Madama, Piazza Madama (Roma)

Il Senato del Regno era una delle due camere del Parlamento del Regno d'Italia; esistevano senatori di diritto o per nomina regia in carica a vita.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Aula del Senato del Regno nel 1884

Il Senato del Regno nacque nel 1861, in seguito all'unità d'Italia, come diretta evoluzione della Senato Subalpino del Regno di Sardegna. I senatori del Regno di Sardegna mantennero la propria carica e furono affiancati da componenti provenienti dai territori conquistati durante la seconda guerra italiana e dopo la spedizione dei Mille.

Tra il 1861 e il 1865 il Senato ebbe sede a Torino a Palazzo Madama. In seguito alla convenzione del 1864, la capitale fu poi trasferita a Firenze e Palazzo della Signoria divenne la nuova sede fino al 1871. Con il definitivo trasferimento della capitale a Roma, la sede del Senato divenne Palazzo Madama.

Durante il regime fascista non ci fu una "fascistizzazione" del Senato come avvenne per la Camera bassa, e i senatori nominati prima della marcia su Roma, tra cui Einaudi e Croce, mantennero lo scranno. Solo nel 1939, in coincidenza con la nascita della Camera dei Fasci e delle Corporazioni, vi fu la nomina di ben 212 nomine.[2] Con la caduta del fascismo il 25 luglio 1943, il re nominò nuovo presidente l'ammiraglio Paolo Thaon di Revel che entrò in carica il 2 agosto.

Il 20 luglio 1944 Pietro Tomasi della Torretta fu nominato ultimo Presidente del Senato, carica dalla quale si dimise il 25 giugno 1946.

Dall'agosto 1944 furono deferiti per la decadenza tutti i «Senatori ritenuti responsabili di aver mantenuto il fascismo e resa possibile la guerra sia coi loro voti, sia con azioni individuali, tra cui la propaganda esercitata fuori e dentro il Senato».

Passaggio al Senato della Repubblica[modifica | modifica wikitesto]

In seguito al referendum istituzionale del 2 giugno 1946 e all'elezione dell'Assemblea Costituente, il Senato del Regno cessò le sue funzioni il 25 giugno 1946 per poi essere formalmente soppresso il 7 novembre 1947,[3] scomparendo quindi definitivamente. Già durante gli ultimi anni del regime fascista aveva perso di fatto quasi ogni potere e l'ultima seduta pubblica si svolse il 17 maggio 1940. Durante il ventennio, infatti, nonostante non fossero mancati gli innesti di membri fascisti, a causa del carattere vitalizio della carica, era rimasto un organismo non pienamente integrato nel sistema predisposto da Mussolini e quindi, col tempo, era stato sempre più messo ai margini della vita politica.

Al Senato del Regno si ispirò il successivo Senato della Repubblica, entrato in funzione l'8 maggio 1948.

L'istituzione della categoria dei senatori a vita dell'attuale Senato della Repubblica, rappresenta un ulteriore raccordo con la passata identità vitalizia del Senato del Regno.

Senatori di diritto[modifica | modifica wikitesto]

Come previsto dall'articolo 34 dello Statuto albertino, erano membri di diritto i principi maschi della famiglia reale. Non era previsto alcun limite al grado di parentela con il re; si ebbe il caso di settimo grado di parentela tra l'allora re Vittorio Emanuele II ed Eugenio Emanuele, principe di Carignano.

Nella genealogia seguente sono evidenziati i principi di casa Savoia che furono senatori del Regno d'Italia. È indicato il periodo di appartenenza a partire dal giuramento, considerando il 1947 come data di soppressione.

  Luigi Vittorio
 
   
  Vittorio Amedeo II
Eugenio Ilarione
   
   
  Carlo Emanuele
Giuseppe Maria
   
   
  Carlo Alberto
Eugenio Emanuele
1849-†1888
 
   
  Vittorio Emanuele II
  Ferdinando
   
     
Umberto I
1865-1878
  Amedeo
1866-†1890
  Tommaso
1882-†1931
     
                 
Vittorio Emanuele III
1890-1900
  Emanuele Filiberto
1890-†1931
Vittorio Emanuele
1892-†1946
Luigi Amedeo
1894-†1933
Umberto
1910-†1918
Ferdinando
1907-1947
Filiberto
1917-1947
Adalberto
1919-1947
Eugenio
1927-1947
   
     
Umberto II
1925-1945
Amedeo
1921-†1942
Aimone
1921-1947

Nello statuto era previsto un requisito relativo all'età: divenivano senatori al compimento del ventunesimo anno e conseguivano il diritto di voto al compimento del venticinquesimo.

La carica venne meno solo in caso di salita al trono (Umberto I, Vittorio Emanuele III, Umberto II) o per perdita della nazionalità italiana nel caso di Amedeo, duca d'Aosta, che fu cancellato dall'elenco dei senatori quando divenne re di Spagna nel 1870 e vi fu reinserito nel 1873 dopo aver abdicato e recuperato la cittadinanza italiana.

« Ricevetti la formale dichiarazione di S.A.R. il Duca d'Aosta di voler recuperare la cittadinanza italiana e gli annessi diritti civili e politici. Si procedette quindi immediatamente a compiere l'atto correlativo, secondo le prescrizioni del nostro Codice. Voi sapete, o Signori, che in conseguenza di ciò, e giusta l'articolo 34 dello Statuto, la prefata Altezza Sua riprende in quest'aula il posto di Senatore del Regno. »
(Terenzio Mamiani, 14 marzo 1873[4])

Senatori di nomina regia[modifica | modifica wikitesto]

Giuramento di Giuseppe Verdi come senatore il 15 novembre 1875

La nomina a senatore del regno da parte del regnante era a vita e garantiva privilegi leggermente superiori dell'elezione a deputato. Poiché il numero di senatori non era limitato, col tempo le nomine regie vennero spesso suggerite dai presidenti del Consiglio, principalmente tramite «infornate» (cioè nomine di vari nuovi senatori) al fine di ottenere votazioni favorevoli per le proprie leggi.[5]

Il solo decreto di nomina non era sufficiente per essere considerati senatori, ma era neccesario completare l'iter tramite la convalida della nomina in Senato e il giuramento del senatore.

Requisiti[modifica | modifica wikitesto]

Età

In base all'articolo 33 dello Statuto Albertino un senatore doveva avere quarant'anni d'età compiuti. Nei vari casi di nomina con età minore di 40 anni le decisioni del senato si diversificarono: in alcuni casi venne rimandata la convalida al momento in cui era raggiunta l'età prescritta; in altri casi si convalidò la nomina, richiedendo però che tali senatori non partecipassero alle votazioni (in modo simile a quanto avveniva per i senatori di diritto con età inferiore a 25 anni); invece per Cesare Maria De Vecchi (nato nel novembre 1884) si decise di non convalidare la nomina del 1924 e divenne senatore solo dopo un nuovo decreto del 1925.

Categoria

Per la nomina un senatore doveva inoltre rientrare in una delle categorie di seguito elencate.

  1. Gli Arcivescovi e Vescovi dello Stato;
  2. Il Presidente della Camera dei Deputati;
  3. I Deputati dopo tre legislature, o sei anni di esercizio;
  4. I Ministri di Stato;
  5. I Ministri Segretarî di Stato;
  6. Gli Ambasciatori;
  7. Gli Inviati straordinarî, dopo tre anni di tali funzioni;
  8. I Primi Presidenti e Presidenti del Magistrato di Cassazione e della Camera dei Conti;
  9. I Primi Presidenti dei Magistrati d'appello;
  10. L'Avvocato Generale presso il Magistrato di Cassazione, ed il Procuratore Generale, dopo cinque anni di funzioni;
  11. I Presidenti di Classe dei Magistrati di appello, dopo tre anni di funzioni;
  12. I Consiglieri del Magistrato di Cassazione e della Camera dei Conti, dopo cinque anni di funzioni;
  13. Gli Avvocati Generali o Fiscali Generali presso i Magistrati d'appello, dopo cinque anni di funzioni;
  14. Gli Uffiziali Generali di terra e di mare. Tuttavia i Maggiori Generali e i Contr'Ammiragli dovranno avere da cinque anni quel grado in attività;
  15. I Consiglieri di Stato, dopo cinque anni di funzioni;
  16. I Membri dei Consigli di Divisione, dopo tre elezioni alla loro presidenza;
  17. Gli Intendenti Generali, dopo sette anni di esercizio;
  18. I membri della Regia Accademia delle Scienze, dopo sette anni di nomina;
  19. I Membri ordinarî del Consiglio superiore d'Istruzione pubblica, dopo sette anni di esercizio;
  20. Coloro che con servizi o meriti eminenti avranno illustrata la Patria;
  21. Le persone, che da tre anni pagano tremila lire d'imposizione diretta in ragione de' loro beni, o della loro industria[6].

Con legge n. 987 del 18 giugno 1925 i governatori delle colonie vennero assimilati agli ambasciatori anche per quanto riguardava la nomina a senatore nella categoria 6.[7]

Anche per questo requisito ci furono difformità di applicazione, in particolare per l'esercizio di cariche: in alcuni casi si rifiutò immediatamente la convalida, mentre in altri si rinviò la convalida a quando il requisito della durata della carica era stato raggiunto (soprattutto per la categoria 13).

Cittadinanza

Il requisito della cittadinanza fu trattato nel caso specifico di Adolfo Engel: nel 1905 la sua nomina non fu convalidata e divenne senatore nel 1908 solo dopo l'ottenimento della piena cittadinanza italiana e dopo un nuovo decreto di nomina.

Diritti civili e politici

Il godimento dei diritti civili e politici fu un requisito non esplicito, ma considerato. Nel 1888 Luigi Pissavini fu condannato dall'Alta corte di giustizia del Senato e decadde dalla carica di senatore; ciò fu dovuto, come evidenziato dalla sentenza, all'essere condannato per un reato che prevedeva la perdita di eleggibilità.

Il godimento dei diritti civili e politici implicava anche l'esclusione delle donne dalla possibilità di essere nominate al Senato. Anche quando nel 1919 fu permesso alle donne l'esercizio di professioni e impieghi, vennero esclusi esplicitamente quelli che «implicano poteri pubblici giurisdizionali o l'esercizio di diritti e di potestà politiche o che attengono alla difesa militare dello Stato».[8]

Il giuramento[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante il regolamento del Senato prescrivesse il giuramento solo dopo la convalida, ci furono numerosi casi di giuramento all'inizio della legislatura, molto prima della convalida. Alla fine dell'Ottocento però a nomina e a giuramento in alcuni casi non seguì l'approvazione della nomina (ad esempio per Francesco Zuccaro Floresta); nel regolamento del 1900 fu perciò stabilito che si dovessero convalidare i titoli di nomina, poi si dovesse prestare giuramento e solo alla fine il presidente del Senato potesse proclamare il nominato come senatore del Regno.

Caso opposto è quello di quanti, nonostante la convalida, non si presentarono a prestare giuramento o lo fecero solo dopo anni. In alcuni casi ci fu confusione tra decreto di nomina e carica effettiva, tanto che Elia Lombardini, nominato nel 1860 e morto nel 1878 senza aver prestato giuramento, è comunque indicato come senatore da alcune fonti.[9]

Famoso il caso di Giuseppe Verdi che si presentò in Senato esclusivamente per il giuramento un anno dopo la nomina.

Dimissioni dalla carica[modifica | modifica wikitesto]

Ci furono vari casi di dimissioni volontarie dalla carica.

Le dimissioni potevano essere per ragioni politiche o per ragioni di salute. Di particolare rilievo le dimissioni di Antonio Brignole Sale nell'aprile 1861, motivate dalla creazione del Regno d'Italia derivate da «annessioni territoriali alla monarchia sarda, incompatibili con le religiose e politiche mie convinzioni e contro le quali io non ho lasciato di protestare in pubblica assemblea».[10]

In altri casi le dimissioni erano dovute all'inizio di un procedimento penale nei confronti del senatore, come per Ignazio Genuardi, Filippo Satriano, Achille Del Giudice e Giovanni Diana.

È da precisare che erano considerate dimissioni solo nel caso fosse già stato completato l'iter, con convalida e con giuramento; in caso contrario, l'atto veniva considerata una rinuncia alla nomina.

Caso unico fu quello di Bernardo Tanlongo, che fu inserito nel decreto di nomina del 21 novembre 1892[11] e prestò subito giuramento; arrestato nel gennaio 1893 per lo scandalo della Banca Romana, non rinunciò alla nomina e il Senato rinviò l'esame dei titoli per l'ammissione. Fu necessario un regio decreto per annullare la nomina (24 dicembre 1893).

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Tra il 1861 e il 1943 vennero nominati 2150 senatori.[12] Non sono inclusi dati relativi ai senatori del Regno di Sardegna che rimasero in carica dopo la costituzione del Regno d'Italia.

Numero di nomine per anno.

Distribuzione per età dei nuovi senatori.

Suddivisione per categoria di nomina.

Competenze[modifica | modifica wikitesto]

In principio la creazione di questa istituzione rispondeva all'intenzione di dare luogo a un bicameralismo paritario (riferito all'importanza delle due camere) e differenziato (le due camere dovevano avere diverse funzioni condividendo quella legislativa), ispirandosi allo statuto francese del 1830, comprensivo della competenza sui reati ministeriali propria della Camera dei pari, come Alta corte di giustizia.

Tuttavia nella prassi, il fatto che la Camera dei deputati fosse eletta da un numero sempre maggiore di persone, fece sì che i governi preferissero recarsi alla Camera piuttosto che in Senato, quando dovevano ottenere supporto politico. Da tale consuetudine costituzionale derivò il principio, valido sin dall'Unità d'Italia, secondo cui "il Senato non fa crisi".

Cariche interne[modifica | modifica wikitesto]

Il presidente del Senato era nominato dal re per decreto.

Nel 1861 erano nominati quattro vice-presidenti, quattro segretari e due questori, tutti tra i senatori stessi. Erano presenti anche addetti alla segreteria (che includeva archivio e biblioteca) e al servizio di stenografia (12 stenografi); si aggiungevano due assistenti, cinque uscieri e otto commessi.[13]

Con il nuovo regolamento del Senato del 1883 il numero di segretari passò da quattro a sei.[14] Il loro numero divenne completo dopo l'elezione di tre segretari il 29 febbraio 1884.

Presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Presidenti del Senato italiano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Non più operativo dal 25 luglio 1943, rimpiazzato dall'Assemblea Costituente il 25 giugno 1946, soppresso definitivamente il 7 novembre 1947, sostituito dal Senato della Repubblica il 1º gennaio 1948.
  2. ^ Senatori dell'anno 1939, su Senatori d'Italia - senato.it.
  3. ^ Legge costituzionale 3 novembre 1947, n. 3, su www.normattiva.it. URL consultato il 19 aprile 2016.
  4. ^ Tornata 14 marzo 1873, in Rendiconti del Parlamento Italiano. XI legislatura, Roma, 1873, p. 1926.
  5. ^ Luigi Cattini, I sistemi di composizione della camera alta e la riforma del senato in Italia, 1907, p. 60.
  6. ^ Secondo una selezione per censo che richiama l'istituto simile di diritto pubblico romano.
  7. ^ Legge 18 giugno 1925, n. 987, in Gazzetta ufficiale, 25 giugno 1925, p. 2696.
  8. ^ Legge 17 luglio 1919, art. 7.
  9. ^ Giuseppe Albenga, Lombardini, Elia, in Enciclopedia Italiana, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1934.
  10. ^ Tornata del 2 aprile 1861, in Rendiconti del parlamento italiano. VIII legislatura, Firenze, 1869, p. 203.
  11. ^ Decreto di nomina, in Gazzetta ufficiale, 21 novembre 1892.
  12. ^ Elaborazione di dati tratti da Senatori d'Italia, su senato.it.
  13. ^ Senato del Regno, in Calendario generale del Regno d'Italia pel 1862, Torino, 1862, pp. 55-58.
  14. ^ Regolamento del Senato del Regno, Roma, 1883, p. 5.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Augusto Barbera e Carlo Fusaro, Corso di Diritto Pubblico, Bologna, Il Mulino, 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]