Giovanni Diana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giovanni Diana

Senatore del Regno d'Italia
Legislature dalla XIV
Tipo nomina Categoria: 21
Sito istituzionale

Giovanni Diana (Bari, 18 giugno 1823Bari, 8 ottobre 1903) è stato un politico italiano. Fu senatore del Regno d'Italia dalla XIV legislatura; si dimise il 28 marzo 1890 perché accusato di bancarotta fraudolenta.[1] Venne poi assolto con formula piena dalla Corte di Assise di Trani.[2]

È antenato del politico Alfredo Diana e del financial advisor Giovanni Diana[3].

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere del Reale Ordine di Francesco I (Regno delle Due Sicilie) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del Reale Ordine di Francesco I (Regno delle Due Sicilie)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nota in A. Brunialti, Il diritto costituzionale e la politica nella scienza e nelle istituzioni, I, Torino, 1896, p. 863.
  2. ^ Alfredo Diana, Pausilypon e dintorni, Luciano edizioni, p. 16.
  3. ^ Giovanni Diana - CRO Advisor, su giovannidiana.it.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]