Alta corte di giustizia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Alta Corte di Giustizia)
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Alta corte di giustizia (disambigua).
Palazzo Madama, dove aveva sede l'Alta Corte di Giustizia.

L'Alta corte di giustizia era un'istituzione straordinaria del Regno d'Italia, prevista dallo Statuto Albertino, per giudicare gravi crimini contro lo Stato.

Funzioni[modifica | modifica wikitesto]

Secondo lo Statuto (art. 36), il Senato del Regno veniva costituito in Alta corte con un decreto del re per giudicare i reati di alto tradimento e di attentato alla sicurezza dello Stato e per giudicare sui ministri messi in stato d'accusa dalla Camera dei deputati.

L'art. 47 dello Statuto diceva: “La Camera dei Deputati ha il diritto di accusare i ministri del Re e di tradurli dinnanzi all’Alta corte di giustizia”

Altra competenza era quella penale nei confronti dei senatori in carica.

Quando il Senato veniva convocato come corte di giustizia non poteva rivestire alcun ruolo politico, ma esclusivamente giudiziario.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso della sua attività l’Alta corte di giustizia "si occupò di 378 processi, tra i quali vanno ricordati il procedimento contro il senatore Carlo Pellion di Persano del 1866, quello contro il ministro Nunzio Nasi del 1904, e quello riguardante i senatori coinvolti nella gestione della Banca italiana di sconto del 1924-1926"[1].

Archivi[modifica | modifica wikitesto]

A seguito della soppressione del Senato da parte della Repubblica sociale italiana, anche gli archivi dei processi tenuti dall'Alta corte di giustizia furono trasferiti nella sede dell'Archivio di Stato di Venezia[2]. Solo alla fine della seconda guerra mondiale furono riportati a Roma.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luca Rajola Pescarini, Del Senato come Alta Corte di Giustizia, Roma, 1908.
  • Giuseppe Gadda, "Il Senato Alta Corte di Giustizia", in Nuova Antologia 174 (1900), pp. 68–85.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]