Nicola Costa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nicola Costa
Nicola-Costa.jpg
NazionalitàItalia Italia
GenereBlues
Rock
Pop
Periodo di attività musicale1989 – in attività
Strumentochitarra
Album pubblicati2 (da solista)
Sito ufficiale

Nicola Costa (Milazzo, 3 aprile 1968) è un musicista e compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Inizia a suonare la chitarra all'età di 10 anni. Si appassiona al blues, al rock ed al jazz elettrico, crescendo con la musica di Jimi Hendrix, Deep Purple, Jeff Beck e Weather Report.

Dopo le prime esperienze musicali con vari gruppi giovanili, decide di approfondire gli studi al conservatorio. Si dedica così allo studio dell'armonia e dell'arrangiamento e nel 1993 consegue il diploma di contrabbasso. Nel frattempo segue dei corsi di perfezionamento chitarristico con Scott Henderson (G.I.T - Hollywood L.A.) e Jim Kelly (Berklee College of Music - Boston).

Durante l'attività artistica e professionale, ha collaborato con le orchestre Rai e Mediaset in numerose produzioni televisive. Ha partecipato al Festival di Sanremo 1997 come direttore d'orchestra e negli anni che vanno dal 2002 al 2006 come chitarrista dell'orchestra della RAI. Durante queste edizioni del festival, ha suonato con numerosi artisti nazionali ed internazionali tra i quali Lionel Richie, Natalie Cole, Michael Bublé, Blues Brothers, Gavin DeGraw, Will Smith, José Feliciano, Vasco Rossi, Andrea Bocelli, Laura Pausini, Eros Ramazzotti.

Nel corso degli anni ha inoltre collaborato in studio, in tour e in TV con numerosi big della musica pop italiana, tra i quali: Loredana Bertè, Renato Zero, Luca Barbarossa, Ivana Spagna, Amii Stewart, Alexia, Laura Pausini, Claudio Baglioni, Lucio Dalla, Riccardo Cocciante, Gino Paoli, Marco Masini, Fiorella Mannoia, Patty Pravo, Gianna Nannini e compositori arrangiatori come Ennio Morricone, Luis Bacalov, Celso Valli, Nicola Piovani, Pippo Caruso, Renato Serio.

Nel 2007 ha realizzato il primo album da solista, intitolato Electric Roots[1]. Il disco, interamente originale e strumentale, registrato a Roma e masterizzato a Los Angeles da Joe Gastwirt (Jimi Hendrix, Paul McCartney), ha ottenuto grandi consensi negli USA ed è considerato dalla critica americana “ una miscela esplosiva tra rock blues e jazz elettrico”.

Electric Roots è stato più volte al primo posto nelle classifiche blues di Guitar Nine Records[2] e nel 2009 ha ottenuto una nomination ai Just Plain Folks Music Awards nella categoria “Best Instrumental Rock Album”.[3]

Eccellenti le recensioni da parte di portali musicali, come Bluesrockers[4], Rootstime, Stratoblogster e riviste specializzate del settore, come Cutway Guitar Magazine, Chitarre, Axe Magazine. Questo è un estratto dalla recensione del mensile Chitarre:[5] “Quando sembra che tutto sia stato detto o suonato è una bella utopia tentare di ri-definire stilisticamente e in modo personale la chitarra rock–blues. Per fortuna in Italia abbiamo grandi artisti, come Nicola Costa, pronti a sorprenderci con il loro talento e la loro passione in quello che fanno. Così ci arriva tra le mani questo bellissimo Electric Roots, che ci insegna che si può amare, ascoltare, studiare e suonare la musica dei nostri idoli, imparando il linguaggio, per poi parlare con la nostra voce, col nostro cuore.” In seguito all'uscita di “Electric Roots” il Nicola Costa Group intraprende una serie di concerti, partecipando ai più importanti festival Rock Blues europei.

Nel 2008 partecipa al tour mondiale del compositore Ennio Morricone.

Nel 2009 partecipa al tour "Ho imparato a sognare" di Fiorella Mannoia.

Nel 2010 partecipa al tour "Il tempo e l'armonia" di Fiorella Mannoia, curando gli arrangiamenti del CD/DVD live.[6]

Nel 2011 partecipa alla registrazione dell'album "Facciamo finta che sia vero" di Adriano Celentano, suonando sull'omonimo brano che da il titolo all'album, musicato e arrangiato dal premio Oscar Nicola Piovani.

Tra il 2011 e il 2012 collabora col bassista statunitense Marco Mendoza, (Whitesnake, Thin Lizzy, David Lee Roth), in una serie di tour Europei. Inoltre condivide il palco con Kirk Fletcher, Spy Austin, Leburn Maddox e a giugno del 2014 suona a Roma con The Rolling Stones Project, un gruppo composto da Tim Ries, Darryl Jones e Bernard Fowler, musicisti dei Rolling Stones.[7]

Il 31 ottobre 2014 ha pubblicato un nuovo album dal titolo "The Wrong Blues". Nello stesso anno partecipa alle registrazioni dell'album Xena Tango di Luis Bacalov.

A giugno del 2015 partecipa alla registrazione del DVD "Live a Pompei" de Il Volo, prodotto dalla TV americana PBS e all'album "L'amore si muove" (Grande Amore - Edizione Internazionale).

Albums[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazioni al Festival di Sanremo[modifica | modifica wikitesto]

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]


(OST) Colonne Sonore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nicola Costa Electric Roots Album, su cdbaby.com.
  2. ^ Guitar9 Top Sellers, su guitar9.com (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2009).
  3. ^ JPF Music Awards, su jpfolks.com.
  4. ^ Bluesrockers, su bluesrockers.ws (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2009).
  5. ^ Chitarre (JPG), su nicolacosta.com (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2014).
  6. ^ Il tempo e l'armonia, su www3.varesenews.it. URL consultato l'8 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 20 dicembre 2014).
  7. ^ The Rolling Stones Project, su youtube.com.
  8. ^ Electric Roots - Album, su cdbaby.com.
  9. ^ The Wrong Blues - Album, su cdbaby.com.
  10. ^ Esmeralda e Barbarossa, su archiviostorico.corriere.it (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2015).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]