David Lee Roth

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Lee Roth
David Lee Roth - Van Halen.jpg
David Lee Roth in concerto nel 1978
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Hard rock[1]
Heavy metal[1]
Pop metal[1]
Pop rock[1]
Periodo di attività 1975 – in attività
1985 - 2006 (solista)
Gruppi Van Halen
Album pubblicati 9 (solista)
Studio 7 + 1 EP
Live 0
Raccolte 1
Sito web

David Lee Roth (Bloomington, 10 ottobre 1954[2]) è un cantante e compositore statunitense, noto per essere il frontman dei Van Halen, per il suo successo solista, e soprattutto per la sua personalità e le guasconate che caratterizzavano le sue esibizioni live e i videoclip dei suoi singoli.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

David Lee Roth, anche conosciuto come "Diamond Dave", divenne cantante a tempo pieno dei Van Halen nella seconda metà degli anni settanta. Raggiunto l'apice del successo del gruppo con l'album 1984, anche grazie al singolo Jump, David decise di incidere un EP, Crazy from the Heat che uscirà nel 1985. L'enorme successo ottenuto dalla fatica discografica, suscitò critiche e dissapori all'interno della band, culminanti con l'abbandono del gruppo nel corso dello stesso anno. Assoldato il virtuoso chitarrista Steve Vai (già collaboratore di Frank Zappa), il bassista Billy Sheehan (altrettanto talentuoso del collega, al punto di guadagnarsi il soprannome di The Eddie Van Halen of the bass) e l'allora poco conosciuto batterista Gregg Bissonette, lancia l'anno successivo il suo primo album, Eat 'Em and Smile che registra un notevole successo.

Dopo gli esiti positivi del secondo album, Skyscraper, del 1988, sempre con la stessa formazione - il successo musicale di Roth cominciò a scemare, sebbene continuasse ad incidere album molto validi (con artisti di spessore, come i chitarristi Terry Kilgore e Jason Becker, i bassisti James Lomenzo e Matt Bissonette, il batterista Ray Luzier).

Nel 1996 il cantante era di fatto rientrato nei Van Halen, cantando in due brani inediti, appositamente composti per la raccolta The Best of Van Halen, Vol. 1. Tuttavia, le vecchie avversioni riemersero di nuovo e l'artista non diede seguito alla collaborazione. Bisognerà attendere il 2007 per vederlo rientrare definitivamente nella formazione, presso cui milita tuttora. La band ha pubblicato un album di inediti, A Different Kind of Truth, a distanza di 28 anni dall'ultimo con Lee Roth alla voce, Van Halen 1984 del 1984 (e di 14 anni dall'ultimo in studio con un altro cantante, intitolato Van Halen III e pubblicato nel 1998).

Tra le attività parallele intraprese dal front-man, spicca quella di conduttore radiofonico (ha sostituito il celebre Howard Stern, di WRKZ 93.7 K-Rock).

Formazioni della band di David Lee Roth[modifica | modifica wikitesto]

Chitarra[modifica | modifica wikitesto]

Basso[modifica | modifica wikitesto]

Batteria[modifica | modifica wikitesto]

Tastiere[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Discografia di David Lee Roth.

Solista[modifica | modifica wikitesto]

Album in studio[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo US UK
1986 Eat 'Em and Smile 4 28
1988 Skyscraper 6 11
1991 A Little Ain't Enough 18 4
1994 Your Filthy Little Mouth 78 28
1998 DLR Band 172
2003 Diamond Dave

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

EP[modifica | modifica wikitesto]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Anno Titolo US Hot 100 US MSR UK Singles
1985 California Girls 3 3 68
Just a Gigolo/I Ain't Got Nobody 12 25
Easy Street 14
1986 Yankee Rose 16 10
Goin' Crazy! 66 12
That's Life 85
Tobacco Road 10
1988 Just Like Paradise 6 1 27
Stand Up 64 5 72
Damn Good 2
Knucklebones 45
1991 A Lil' Ain't Enough 3 32
Sensible Shoes 6 81
Tell the Truth 39
1994 She's My Machine 12 64
Night Life 72

Con i Van Halen[modifica | modifica wikitesto]

Album studio[modifica | modifica wikitesto]

Raccolte[modifica | modifica wikitesto]

Tributi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Allmusic.com - David Lee Roth
  2. ^ (EN) David Lee Roth, Crazy From the Heat, Hyperion, 1998, ISBN 0-7868-8947-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN2657647 · LCCN: (ENn85269526 · ISNI: (EN0000 0001 1946 0750 · GND: (DE120393417 · BNF: (FRcb138992178 (data)