Can't Get This Stuff No More

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Can't Get This Stuff No More
ArtistaVan Halen
Tipo albumSingolo
Pubblicazionegennaio 1997
Durata5:14
Album di provenienzaBest Of - Volume I
GenereHard rock
EtichettaWarner Bros.
ProduttoreGlen Ballard
Registrazioneluglio–agosto 1996, 5150 Studios, Studio City (Los Angeles)
FormatiCD
Van Halen - cronologia
Singolo precedente
(1996)
Singolo successivo
(1998)

Can't Get This Stuff No More è un singolo del gruppo musicale statunitense Van Halen, pubblicato come inedito della raccolta Best Of - Volume I (1996).

Insieme a Me Wise Magic, è uno dei due brani inediti registrati per la raccolta con il cantante originario David Lee Roth, oltre che l'ultimo singolo pubblicato dalla formazione classica del gruppo. Quando venne distribuito nel gennaio 1997, Roth aveva già lasciato per la seconda volta la band.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver ristabilito i contatti con David Lee Roth, in seguito alla defezione di Sammy Hagar, Eddie van Halen decise di invitare il cantante in studio per registrare due brani inediti da inserire nella nuova raccolta del gruppo. Can't Get This Stuff No More proviene da una precedente traccia chiamata Backdoor Shuffle, risalente alle sessioni dell'album Balance. È l'unico brano del gruppo in cui Eddie van Halen utilizza l'effetto talk box alla chitarra.[1]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

CD Promo Single Warner Bros. PRO-CD-8571-R
  1. Can't Get This Stuff No More (Edit) – 4:09
  2. Can't Get This Stuff No More (Album Version) – 5:14

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1997) Posizione
massima
Canada[2] 38
Stati Uniti (mainstream rock)[3] 12

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Eruptions"; Steven Rosen, Guitar World (December 1996)
  2. ^ (EN) Top Singles - March 03, 1996, su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 13 aprile 2018.
  3. ^ (EN) 277707 Chart History, Billboard. URL consultato il 13 aprile 2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]