NGC 253

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
NGC 253
Galassia a spirale
Sculptor Galaxy by VISTA.jpg
NGC 253
Scoperta
ScopritoreCaroline Lucretia Herschel
Data1783
Dati osservativi
(epoca J2000.0)
CostellazioneScultore
Ascensione retta00h 47m 33,1s
Declinazione-25° 17′ 19″
Distanza11,4 milioni a.l.
(3,5 milioni pc)
Magnitudine apparente (V)7,8
Dimensione apparente (V)27,5' x 6,8'
Caratteristiche fisiche
TipoGalassia a spirale
ClasseSAB(s)c II
Altre designazioni
C 65; PGC 2789; GC 138
Mappa di localizzazione
NGC 253
Sculptor IAU.svg
Categoria di galassie a spirale

Coordinate: Carta celeste 00h 47m 33.1s, -25° 17′ 19″

NGC 253

NGC 253 è una grande galassia a spirale nella costellazione dello Scultore.

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Fa parte del Gruppo dello Scultore, un ammasso di galassie di cui NGC 253 occupa la posizione centrale. Si individua 7 gradi a sud della brillante stella β Ceti; un binocolo 11x80 è già sufficiente per individuarla e, se la notte è limpida e buia, anche con un 10x50 si può osservare nella sua posizione un leggero alone allungato. Un telescopio da 200mm di apertura rivela bene sia il nucleo, sia i due bracci di spirale, rivolti uno a NE e l'altro a SW, che si originano dalla barra centrale. Due stelle gialle di ottava grandezza appartenenti alla nostra Galassia si osservano sul lato sud dell'oggetto.

Si tratta di una delle cosiddette Galassie dello starburst, ossia dove è vigorosa la formazione stellare. Nel novembre 1940 fu osservata presso il suo nucleo una supernova, classificata come SN 1940E.

La sua distanza dalla Via Lattea è stimata sugli 11,4 milioni di anni-luce.

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie televisiva The Event nell'episodio Inostranka gli extraterrestri affermano di venire dalla galassia NGC 253.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Catalogo NGC/IC online, su ngcicproject.org. URL consultato il 7 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2009).
  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0, William-Bell inc. ISBN 0-943396-14-X

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari