Mago Forest

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Michele Foresta)
Michele Foresta

Michele Foresta, meglio conosciuto come Mago Forest o Mister Forest (Nicosia, 22 febbraio 1961), è un comico, showman e conduttore televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver ottenuto il diploma di Ragioniere e Perito Commerciale, si trasferisce a Milano, dove frequenta una scuola di mimo e teatro, Quelli di Grock, fondata da Maurizio Nichetti.[1] Ingaggiato dalla compagnia "On the Road", si esibisce in molti cabaret milanesi per passare poi a Londra e Parigi. È in questo periodo che crea il suo personaggio, quello appunto del Mago Forest (chiamato anche Mr. Forest), indegno erede dei maghi Silvan e Harry Houdini.

Nel 1984 partecipa come concorrente al gioco a quiz Autostop condotto da Marco Columbro. Notato da Renzo Arbore, nel 1988 egli partecipa alla trasmissione Indietro tutta!, suo primo approccio come intrattenitore televisivo. Inizia poi un rapporto lavorativo col conterraneo Nino Frassica, insieme al quale presenterà "Grazie Mille" (dove, munito di finto codino, interpreta con altri due colleghi, il trio "I Fratelli di Fiorello"), Acqua calda, La grande sfida e I cervelloni. Nel 1991 partecipa come intrattenitore alla 1ª edizione di Scommettiamo che...? assieme a Nino Frassica, protagonisti di alcune parodie.

Nel 199093 lavora nei panni di un malato dell'ospedale nel cast della serie Cri Cri che vede come protagonista Cristina D'Avena, nel 1996 comincia a farsi chiamare Mr. Forest o Mago Forest e partecipa alla prima edizione del Seven Show. Con Frassica, Foresta scrive il libro comico Come diventare maghi in 15 minuti, che lo rende popolare al grande pubblico: la partecipazione prima al Seven Show e poi a Zelig (di cui detiene il record di presenze, essendo stato ospite fisso sia con Simona Ventura che con Claudio Bisio) dal 1997 al 2001 accentuerà la sua popolarità. Dopo alcune apparizioni al Maurizio Costanzo Show nel 1999, è l'attore protagonista in alcune rappresentazioni teatrali come Snaporaz-Fellini (in cui interpreta Mandrake) e Che cos'ha Copperfield che io non ho.

Nel 2001 viene scelto dalla Gialappa's band per condurre la seconda edizione di Mai dire Maik, fantomatico quiz su i grandi pezzi che hanno reso famoso Mai dire Gol, continuando di qui ininterrottamente fino al 2009 con programmi come Mai dire Grande Fratello, Mai dire domenica, Mai dire Iene, Mai dire Lunedì, Mai dire Grande Fratello & Figli, Mai dire Candid, Mai dire Grande Fratello Show. Nell'estate del 2006 presenta il Festivalbar insieme a Cristina Chiabotto e Ilary Blasi. Dal 23 gennaio 2007 ha condotto il programma Mai dire Martedì, con la Gialappa's band. A settembre invece ha condotto Mai dire Candid, con Ilary Blasi. Nella serata dei duetti del Festival di Sanremo 2008 si è esibito in coppia con il cantautore Tricarico, illustrandone visivamente la canzone Vita tranquilla.

Nel 2007 ha doppiato il personaggio Dr. Neo Cortex nei videogiochi Crash of the Titans e il sequel Crash: Il dominio sui mutanti, due capitoli della serie Crash Bandicoot. Nel 2008 lavora alla sit-com Taglia e cuci in coppia con Giovanni Cacioppo in onda sul canale satellitare Fox. Nel 2010 torna a lavorare, come comico, a Zelig, dove rimane anche nell'edizione 2011. Nel 2011 è nel cast del programma di Italia 1 Fenomenal, e conduce insieme a Rossella Brescia il programma Uman - Take control. Nel 2012 torna a Zelig Arcimboldi in onda su Canale 5 con i suoi trucchi magici, e nella stessa stagione televisiva veste i panni dell'avvocato Foresta, disturbatore comico degli ospiti di Piero Chiambretti al programma di Italia 1 Chiambretti Sunday Show - La Muzika sta cambiando.

Nel 2013 conduce la nuova edizione di Zelig Circus con Teresa Mannino. Conduce poi la seconda puntata di Zelig nel 2014.

Dal 2015 è ospite fisso del programma in onda su Rai 2: Stasera tutto è possibile.

Nel 2016 torna a far parte del cast di Zelig nella nuova edizione Zelig Event.

Nel 2017 torna a lavorare con la Gialappa's Band, conducendo su Rai 2 il programma Rai dire Niùs, con Mia Ceran.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Programmi televisivi[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Noi Grock, quarant'anni di pura passione c'eravamo, ricerca.repubblica.it. URL consultato il 4 aprile 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]