Maddalena Crippa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maddalena Crippa, nei camerini del Teatro San Babila di Milano, al termine di Le ragazze di Lisistrata, 8 maggio 1987

Maddalena Crippa (Besana in Brianza, 4 settembre 1957) è un'attrice teatrale e attrice cinematografica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Maddalena Crippa in Sinfonia d'autunno

La sua formazione artistica è avvenuta presso il Piccolo Teatro di Milano, grazie a un lungo rapporto professionale con il regista Giorgio Strehler. In seguito la Crippa ha stretto un legame artistico e personale con il regista teatrale e lirico Peter Stein.

Attenta interprete di ruoli femminili tragici e classici, ha condotto un lungo studio personale sull'emissione vocale per perfezionare la dizione ed il canto come mezzi espressivi. Nel 1994 ha vinto una Maschera d'Argento.

Nel 1988 ha posato completamente nuda per la rivista erotica Excelsior.

Dal 21 febbraio 2012 ha riportato in scena lo spettacolo di teatro canzone E pensare che c'era il pensiero di Giorgio Gaber.

Ha preso parte a diversi film, tra cui Non più di uno, accanto a Renato Pozzetto.

Suo fratello è il noto attore Giovanni Crippa con il quale ha interpretato Passione di Giovanni Testori nel 2013.[1]

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Prosa televisiva RAI[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Maddalena Crippa tra amore e fede al via a Lucca i "Teatri del sacro" - Spettacoli Repubblica, in Spettacoli - La Repubblica, 7 giugno 2013. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  2. ^ Madre Coraggio torna al Piccolo per la festa di Brecht e di Strehler - la Repubblica.it, su Archivio - la Repubblica.it. URL consultato l'11 agosto 2019.
  3. ^ Italia mia Italia, su www.teatrodiroma.net. URL consultato il 15 gennaio 2018.
  4. ^ a b Marco Menini, Il Riccardo II di Stein. O della fatica dello spettatore | Recensioni, su Krapp's Last Post, 4 novembre 2017. URL consultato l'11 agosto 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN311681860 · SBN IT\ICCU\UBOV\490881 · GND (DE1062046870 · WorldCat Identities (EN311681860