La caduta degli angeli ribelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La caduta degli angeli ribelli
Paese di produzioneItalia
Anno1981
Durata103 min
Generedrammatico
RegiaMarco Tullio Giordana
SoggettoVincenzo Caretti, Mario Gallo, Marco Tullio Giordana
SceneggiaturaVincenzo Caretti, Mario Gallo, Marco Tullio Giordana
ProduttoreMario Gallo, Enzo Giulioli
FotografiaGiuseppe Pinori
MontaggioSergio Nuti
ScenografiaRaffaele Balletti
Interpreti e personaggi

La caduta degli angeli ribelli è un film drammatico italiano del 1981, diretto e sceneggiato da Marco Tullio Giordana, con l'interpretazione di Vittorio Mezzogiorno e Alida Valli, vincitrice per la sua interpretazione del David di Donatello. Il titolo prende spunto dal celebre dipinto Caduta degli angeli ribelli di Pieter Bruegel il Vecchio.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Cecilia, una giovane borghese, nonostante la vita agiata lascia lavoro, famiglia e affetti per seguire un uomo conosciuto per caso e che scoprirà in seguito essere un terrorista isolato dai suoi compagni. Ma questa vita in continua fuga non fa per lei, deciderà di porvi fine con una drammatica scelta.

Significato[modifica | modifica wikitesto]

Nel suo primo film, Maledetti vi amerò del 1980, il regista aveva raccontato la generazione reduce dal Sessantotto, nel periodo verso la fine degli anni Settanta. Con questo film Giordana, rimane sul tema della profonda crisi d’identità determinata dall'impossibilità delle grandi ideologie di rapportarsi con la realtà[1].

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Olivieri e Anna Paparcone, Marco Tullio Giordana. Una poetica civile in forma di cinema, Rubbettino, 2017 ISBN 9788849850192

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ [1]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema