Lucy (film 2014)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lucy
Lucy (film).png
Scarlett Johansson in una scena del film
Titolo originale Lucy
Lingua originale inglese, coreano, spagnolo, cinese, francese
Paese di produzione Francia
Anno 2014
Durata 90 min
Genere azione, fantascienza, thriller
Regia Luc Besson
Sceneggiatura Luc Besson
Produttore Luc Besson, Christophe Lambert
Casa di produzione Canal+, Ciné+, EuropaCorp, TF1 Films Production
Distribuzione (Italia) Universal Pictures
Fotografia Thierry Arbogast
Effetti speciali Philippe Hubin, Kevin Berger, Richard Bluff, Nicholas Brooks, François Dumoulin, James Pastorius, 4DMax, Hatch Production, Industrial Light & Magic, Rodeo FX, Savage Visual Effects
Musiche Eric Serra
Scenografia Hugues Tissandier
Costumi Olivier Bériot
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Lucy è un film del 2014 diretto, scritto e co-prodotto da Luc Besson e interpretato da Scarlett Johansson, Morgan Freeman, Min-sik Choi e Amr Waked.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Lucy Miller è una ragazza di venticinque anni che studia a Taipei, si sballa di continuo ai rave party e non sa cosa fare di se stessa. Un giorno il suo ragazzo, Richard, la obbliga a consegnare una valigetta in sua vece: al momento della consegna il ragazzo viene ucciso e Lucy viene rapita da un gruppo di criminali coreani; il loro capo è lo spietato boss coreano Mr. Jang. Obbligata a lavorare come corriere della droga, le viene inserita chirurgicamente nell'addome una sacca contenente una nuova sostanza, il CPH4 sintetico, un enzima prodotto dalle madri in gravidanza per mettere in moto lo sviluppo del feto. A seguito di un pestaggio a cui viene sottoposta da uno dei gangster che vorrebbe abusare di lei, il pacchetto che trasporta si lacera e il contenuto si riversa all'interno del suo corpo. La sostanza viene assorbita dal suo organismo e Lucy acquista straordinarie capacità fisiche e mentali (percezioni extrasensoriali, insensibilità al dolore, memoria fotografica, apprendimento accelerato, telepatia e telecinesi), aumentando a dismisura la capacità di sfruttamento del proprio cervello. Inizia così un viaggio ai confini della fantascienza.

Scappata dalla cella e priva di qualsivoglia emozione umana, uccide molti dei membri della banda di trafficanti di droga, quindi raggiunge un ospedale dove viene operata al fine di estrarre il sacchetto rotto all'interno del proprio addome.

Terminata l'operazione, si informa da Mr. Jang sulle destinazioni dei rimanenti tre corrieri (Berlino, Parigi e Roma) e torna a casa, dove trova la coinquilina, che le presta il proprio computer. In pochi minuti impara a memoria tutte le 6734 pagine di ricerche scritte da Samuel Norman, un professore universitario di biologia dell'Università di Parigi, che decide di contattare.

Lucy ha quindi una conversazione telefonica con il professore, durante la quale rivela di poter controllare l'elettricità apparendo nel suo televisore, cellulare e molto altro; tuttavia, confessa di non sapere che fare delle sue facoltà, avendo ormai poche ore da vivere: il professor Norman, secondo il quale il senso della vita non è altro che il tramandare l'esperienza, le chiede di trasmettere le sue conoscenze, affinché l'intera umanità ne possa trarre giovamento. La giovane lascia il paese diretta verso la Francia: arrivata all'aeroporto modifica, con la sola forza di volontà, il suo aspetto e contatta Pierre Del Rio, un poliziotto francese e capitano dell'Antidroga, denunciando gli altri tre corrieri della nuova droga.

Dopo aver rischiato che la sua mente disintegrasse il suo corpo per espandersi sotto forma di energia, Lucy riesce ad arrivare sana e salva a Parigi grazie ad un'altra assunzione del CPH4 sintetico: qui, una volta recuperate le tre sacche di droga dalla polizia francese, se ne impossessa e, con l'aiuto di Del Rio, incontra il professor Norman. All'università Lucy spiega a Norman che, come questi aveva teorizzato nelle sue ricerche, l'accesso a percentuali sempre più alte delle sue facoltà mentali la rende capace di controllare il suo corpo, quello degli altri, la materia e l'energia. Lucy rivela anche che non è la matematica, né la fisica, né nessun'altra disciplina creata dall'uomo per meglio descrivere l'universo, ciò che ne governa le leggi: l'unica vera cosa che regola l'esistenza è il tempo. Norman e i suoi assistenti aiutano perciò la giovane ad assumere l'enorme quantità di droga rimasta, per permetterle di raggiungere il 100% dell'attività cerebrale.

Durante il processo Lucy raggiunge percentuali sempre più elevate di capacità e, giunta al 99%, crea un supercomputer, nel quale riversa tutta la sua conoscenza. Scopre, inoltre, di potersi spostare a piacimento nello spazio e nel tempo, fino addirittura a toccare con mano l'ominide Lucy, capostipite dell'umanità e suo omonimo, o ancora prima, fino al momento del Big Bang. Raggiunto il 100% delle sue facoltà, Lucy trascende il tempo e lo spazio e sparisce, lasciando tutte le sue conoscenze nelle mani del professore in una chiave USB. Del Rio, dopo aver salvato i professori da Mr. Jang, chiede dove sia finita Lucy, ricevendo all'istante un messaggio sullo schermo del suo telefono cellulare che spiega tutto: "Io sono ovunque".

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

La prima foto promozionale del film è stata diffusa il 28 marzo 2014,[1] mentre il primo trailer ufficiale è stato diffuso il 2 aprile.[2] Il primo trailer in lingua italiana[3] è stato diffuso il 13 giugno 2014. La pellicola è stata distribuita negli Stati Uniti d'America a partire dal 25 luglio 2014 e in Italia dal 25 settembre dello stesso anno.

Accoglienza[modifica | modifica wikitesto]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Il film ha ricevuto recensioni generalmente positive o miste: il sito MYmovies.it lo ha giudicato con 2,8 stelle su 5, Comingsoon.it con 3,5 stelle su 5 e IMDb con un punteggio di 6,4/10. La performance della Johansson e l'equilibrio tra sensibilità e intelligenza femminile con il doppio genere azione-fantascienza sono stati apprezzati.

Incassi[modifica | modifica wikitesto]

Il film fece buoni incassi in tutto il mondo, in Italia incassò 7.286.246 €, classificandosi al 18º posto nella stagione. In America invece divenne il 3° film francese ad incassare oltre 100 milioni di dollari, dopo Io vi troverò e il suo seguito Taken - La vendetta. A livello mondiale si trattò del più grande incasso francese della storia ed è stato il più grande incasso di sempre per un film di non produzione americana superando Les Misérables del 2012.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Sequel[modifica | modifica wikitesto]

Nel giugno 2015, Luc Besson rese nota la lista dei progetti futuri di Europa Corp, la società di produzione di cui è a capo; tra i film annunciati figura il sequel di Lucy.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lucy: Scarlett Johansson nella prima foto ufficiale del film di Luc Besson, everyeye.it, 28 marzo 2014. URL consultato il 6 maggio 2014.
  2. ^ (EN) First Trailer & 4 Images For Luc Besson’s ‘Lucy’ – Starring Scarlett Johansson & Morgan Freeman, flicksandbits.com, 2 aprile 2014. URL consultato il 6 maggio 2014.
  3. ^ Lucy - Trailer internazionale ufficiale in italiano, filmup.com, 13 giugno 2014. URL consultato il 7 agosto 2014.
  4. ^ (EN) MTV Movie Awards 2015 Winners, mtv.com, 12 aprile 2015. URL consultato il 19 aprile 2015.
  5. ^ (EN) MTV Movie Awards 2015: See The Full Winners List, mtv.com, 12 aprile 2015. URL consultato il 19 aprile 2015.
  6. ^ (EN) 2015 Saturn Awards: Captain America: Winter Soldier, Walking Dead lead nominees, ew.com. URL consultato il 24 agosto 2015.
  7. ^ Luc Besson prepara il seguito di Lucy, ancora con Scarlett Johansson

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN4312148947765054950007
Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema