Leucade (isola)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Leucade
Λευκάδα
2011 Dimos Lefkadas.png
Geografia fisica
Localizzazione Isole Ionie
Coordinate 38°43′N 20°39′E / 38.716667°N 20.65°E38.716667; 20.65Coordinate: 38°43′N 20°39′E / 38.716667°N 20.65°E38.716667; 20.65
Arcipelago Isole Ionie
Superficie 335.8 km²
Altitudine massima 1158 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Grecia Grecia
Periferia Isole Ionie
Unità periferica Leucade
Centro principale Leucade
Demografia
Abitanti 22879 (2005)
Gruppi etnici greco
Sito web Lefkada
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Leucade
Leucade

[senza fonte]

voci di isole della Grecia presenti su Wikipedia
Una spiaggia di Leucade a picco sul mare

Lèucade[1] o Leuca (in greco Λευκάδα, Lefkàda, in greco antico Λευκάς, Leukàs) o ancora, secondo l'antica denominazione veneziana, Santa Maura, è una delle Isole Ionie che si trovano ad ovest della Grecia continentale ed è l'unica isola greca raggiungibile anche senza nave-traghetti, perché collegata con un ponte mobile.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel sud dell'isola, vicino alla famosa spiaggia di Porto Katsiki, vi è il luogo dove, la leggenda vuole, si sarebbe suicidata la poetessa Saffo, gettandosi nel vuoto.

Il nome Leucàs, secondo Strabone, deriverebbe dalla scogliera bianca volta verso l'alto mare e Cefalonia. Su quello scoglio fu innalzato il tempio di Apollo Leucate e dalla rupe, secondo un'antica tradizione, usavano gettarsi in mare gli amanti infelici. Secondo Menandro, Saffo ne fu la vittima più illustre.

Altra località da non perdere è il piccolo villaggio sul mare chiamato Agios Nikitas.

La baia di Vassiliki, a sud dell'isola, è famosa per le condizioni estremamente favorevoli al windsurf. La pratica di tale sport infatti è garantita dalla regolarità del termico proveniente dalle montagne dell'isola. Inoltre la lunga penisola montuosa che delimita a ovest la baia ferma le onde del mare e garantisce condizioni di acqua piatta che favoriscono la pratica del windsurf anche ai meno esperti. Nella spiaggia a nord-ovest, Agios Ioannis, è praticato anche il kitesurf, con vento termico che si leva tutti i pomeriggi da maggio a settembre.

Il 17 novembre 2015 un terremoto ha colpito l'isola, danneggiando gravemente diverse tra le spiagge più note dell'isola[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Bandiera della Repubblica delle Sette Isole Unite (1800-1807)

Dopo la conquista siculo-normanna del XII-XIII secolo entrò a far parte stabilmente della Repubblica di Venezia. Occupata dai Francesi per breve periodo, fece parte della Repubblica delle Sette Isole Unite, sotto protettorato russo-ottomano ma a guida italo/veneto-greca. Fu questa la prima esperienza di autogoverno greco (durata 1800-1807), in cui ebbero un ruolo principale i greco-veneti, tra i quali Giovanni Capodistria. Passò quindi al Regno Unito e poi definitivamente alla Grecia (1864).

Comuni e comunità rurali[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1997, con l'attuazione della riforma Kapodistrias[3], Leucade costituiva una prefettura della Regione Isole Ionie, suddivisa in 6 comuni e 2 comunità. È stata abolita a seguito dell'entrata in vigore della riforma amministrativa detta Programma Callicrate dal 1º gennaio 2011[4]. Sotto la giurisdizione della prefettura rientrava anche un piccolo arcipelago noto come le "isole Tilevoides", esteso tra l'isola e la terraferma di cui fanno parte Meganisi, Kalamos, Kastos, Skorpios, Skorpidi, Madouni, Sparti, Thilia e Kithiro.

Comuni Codice YPES Sede Codice postale
Apollonion 3601 Vassiliki 310 82
Ellomenos 3602 Nydri 311 00
Karya 3604 310 80
Leucade 3606 311 00
Meganisi 3607 310 83
Sfakiotes 3608 Lazarata 310 80
Comunità rurali Codice YPES Sede Codice postale
Kalamos 3603 310 81
Kastos 3605 310 81
La spiaggia di Porto Katsiki

Persone[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Atlante Zanichelli 2009, Zanichelli, Torino e Bologna, 2009, p. 53.
  2. ^ Egremni Beach in Lefkas is lost after dramatic earthquake – Before and after, Greece by a greek, 19 novembre 2015. URL consultato il 25 maggio 2016.
  3. ^ riforma Kapodistrias, ypes.gr. URL consultato il 19 aprile 2011.
  4. ^ Programma Callicrate (PDF), ypes.gr. URL consultato il 1 marzo 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: (DE4111277-5 · BNF: (FRcb15964541k (data)
Grecia Portale Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di grecia