Cassope

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cassope
Map of ancient Epirus and environs (Italiano).svg
Città della regione storica dell'Epiro
Nome originale in greco antico: Κασσώπη, Kassópē
Cronologia
Fondazione VIII secolo a.C.[1]
Fine 31 a.C.[1]
Territorio e popolazione
Lingua greco antico
Localizzazione
Stato attuale Grecia Grecia
Località Kamarina[1]
Coordinate 39°08′25.92″N 20°41′14.16″E / 39.140534°N 20.687268°E39.140534; 20.687268Coordinate: 39°08′25.92″N 20°41′14.16″E / 39.140534°N 20.687268°E39.140534; 20.687268
Cartografia
Mappa di localizzazione: Grecia
Cassope
Cassope
Vista del sito di Cassope.

Cassope (in greco antico: Κασσώπη - Kassōpē, anche Κασσωπία - Kassōpia e Κασσιόπη - Kassiopē[2]) fu una città-stato dell'antica Grecia[3] in Epiro, oggi nell'unità periferica di Prevea. Cassope è situata nelle pendici di sud-est del monte Zalongo, vicino al villaggio di Kamarina. Era costruita sul bordo di una scogliera, che ha trascinato giù una parte del sito stesso.[4] È considerato uno dei migliori esempi rimasti di una città costruita lungo le linee di una pianta ippodamea in Grecia.[4]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

I primi insediamenti sul luogo sono noti dal Paleolitico, ma la città di Cassope venne fondata a metà del IV secolo a.C.[4] e divenne capitale dei Cassopei, una sub-tribù dei Tesprozi. Apparteneva alla Lega etolica.[4] Fiorì nel III secolo a.C., quando vi vennero edificati importanti edifici pubblici. Cassope batté anche una sua moneta. Venne poi distrutta dai Romani nel 177-176 a.C.[5] e abbandonata nel 31 a.C. quando gli abitanti superstiti si trasferirono a Nicopoli.[4]

Archeologia[modifica | modifica wikitesto]

Le rovine di Cassope vennero visitate e descritte da William Martin Leake agli inizi del XIX secolo.[6] Un'ampia campagna di scavi venne condotta da una squadra di archeologi guidata da Sotiris Dakaris nel 1952,nel 1955 e nel 1977-1983 per conto dell'Università di Ioannina e del German Archaeological Institute,[5] alla quale parteciparono, oltre a Dakaris, Wolfram Hoepfner, Konstantina Gravani e Ernst-Ludwig Schwandner.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Mappa 54 Epiro-Acarnania Archiviato il 5 marzo 2016 in Internet Archive..
  2. ^ William Smith, Dictionary of Greek and Roman Geography, vol. 1, London, 1854, p. 560-561.
  3. ^ An Inventory of Archaic and Classical Poleis: An Investigation Conducted by The Copenhagen Polis Centre for the Danish National Research Foundation by Mogens Herman Hansen, 2005, page 346
  4. ^ a b c d e Guide Bleu, Greece. Hachette Livre, 2000. p. 627.
  5. ^ a b Cassope page of the Hellenic Ministry of Culture
  6. ^ Travels in Northern Greece: Volume 1 by William Martin Leake, 2001, page 252, "... marching from Acarnania into Epirus, pitched his camp near the city Cassopia 3. ..."

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN96148570711324311825 · LCCN (ENsh97008512
Antica Grecia Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Grecia