Jesus nahm zu sich die Zwölfe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jesus nahm zu sich die Zwölfe
Bach.jpg
Johann Sebastian Bach
Compositore Johann Sebastian Bach
Tipo di composizione cantata
Numero d'opera BWV 22
Epoca di composizione 1723
Prima esecuzione 7 febbraio 1723
Durata media circa 18 minuti
Organico

contralto solista, tenore solista, basso solista, coro, violino I e II, oboe, viola e basso continuo.

Movimenti

5

Jesus nahm zu sich die Zwölfe (in tedesco, "Gesù prese a sé i dodici") BWV 22 è una cantata di Johann Sebastian Bach.

Storia[modifica | modifica sorgente]

La cantata Jesus nahm zu sich die Zwölfe venne composta da Bach a Köthen nel 1723 per la domanica di quinquagesima come esame (insieme alla Du wahrer Gott und Davids Sohn BWV 23) per l'assunzione come Kantor della chiesa di San Tommaso a Lipsia. L'opera venne eseguita il 7 febbraio 1723 ed il 20 febbraio 1724.

Il testo della cantata si ispira al vangelo per il primo movimento, ad un testo di autore ignoto per i movimenti 2, 3 e 4, ed alla poetessa Elisabeth Kreuziger da Wittenberg per l'ultimo movimento.

Struttura[modifica | modifica sorgente]

La Jesus nahm zu sich die Zwölfe è scritta per contralto solista, tenore solista, basso solista, coro, violino I e II, oboe, viola e basso continuo ed è suddivisa in cinque movimenti:

  1. Arioso e coro: Jesus nahm zu sich die Zwölfe, per coro, tenore, basso continuo e tutti.
  2. Aria: Mein Jesu, ziehe mich nach dir, per contralto, oboe e continuo.
  3. Recitativo: Mein Jesu, ziehe mich, so werd' ich laufen, per basso, archi e continuo.
  4. Aria: Mein alles in allem, mein ewiges Gut, per tenore, archi e continuo.
  5. Corale: Ertöt uns durch dein' Güte, per tutti.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

musica classica Portale Musica classica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica classica