Galà della pubblicità

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Il galà della pubblicità)
Jump to navigation Jump to search
Galà della pubblicità
PaeseItalia
Anno19962005
Generevarietà, pubblicità
Durata180 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreVari
IdeatoreRiccardo Cioni
MusicheRiccardo Cioni, Stephen Head, Patrizia Troiani
Casa di produzioneRTI e La Buccia S.p.A.
Rete televisiva

«I secondi passano... i primi restano»

(Slogan della manifestazione)

Il Galà della Pubblicità è stata una manifestazione andata in onda su Canale 5 e Italia 1 dal 1996 al 2005, nel corso della quale, venivano premiati con il "Mezzominuto d'oro" i migliori spot "antecedenti" dell'anno[1].

Svolgimento della manifestazione[modifica | modifica wikitesto]

Gli spot che si contendono il "Mezzominuto d'Oro" sono frutto di una selezione fatta dall'Art Directors Club Italiano (associazione che riunisce i migliori professionisti nel campo della comunicazione pubblicitaria) che ha valutato preventivamente gli elementi tecnici e quelli artistici dei filmati in gara. Ogni spot, per poter essere candidato, deve rispondere alle "7 Regole d'Oro" della comunicazione pubblicitaria:

  • Essere originale.
  • Comunicare una sola cosa.
  • Sorprendere lo spettatore.
  • Essere semplice ma non banale.
  • Suscitare un'emozione.
  • Valorizzare la marca.
  • Rompere le regole.

Tutte le edizioni, fatta eccezione dell'ultima, sono state realizzate con la collaborazione e il supporto della rivista Sorrisi e Canzoni TV.

Vincitori e panoramica[modifica | modifica wikitesto]

Anno Azienda/prodotto Titolo(i) spot Presentatori Location Messa in onda
1996 Telecom Italia "Speranza 45"/"Fax 30" Fiorello e Lorella Cuccarini Teatro Nuovo (MI) 18 aprile
1997 Levi's "Washroom" Marco Columbro e Lorella Cuccarini 20 febbraio
1998 Swatch "Fall Winter 1997" Fiorello e Naomi Campbell 10 febbraio
1999 Vigorsol "Beach" Fiorello 9 febbraio
2000 Adidas "Black" Fiorello e Pamela Anderson Palavobis (MI) 15 febbraio
2001 Fiat Doblò "Jamaica" Gerry Scotti e Esther Cañadas 7 febbraio
2002 Blu Dedica "Graffiti" Paolo Bonolis e Victoria Silvstedt 6 febbraio
2003 Peugeot 206 "The Sculptor" Alessia Marcuzzi e Heidi Klum Mazda Palace (MI) 5 febbraio
2004 Heineken "Shovelling" Gerry Scotti e Eva Herzigová 4 febbraio
2005 Telecom Italia "Gandhi" Walter Nudo, Sergio Múñiz e Martina Stella, con la partecipazione di Michele Foresta. Alcatraz (MI) 16 febbraio

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Edizione 1996[2][modifica | modifica wikitesto]

Di seguito sono elencati i vincitori delle 10 categorie principali:

In più furono premiati anche due spot in due categorie speciali:

Edizione 1997[3][4][modifica | modifica wikitesto]

  • "Epica" - Volkswagen Golf GTD (Agenzia: Verba DDB – Cliente: Volkswagen Group Italia S.p.A.).
  • "Washroom" - Levi's (Agenzia: Levi's Milano).
  • "Kafka" - Guaber VAPE Tecno (Agenzia: Testa/Van den Berg Milano).
  • "Poi doppiamo" - Mayo maionese (Agenzia: Ammirati Puris Lintas).
  • "Mare" - Superga (Agenzia: Pirella).

Il pubblico da casa attraverso il televoto, ha decretato la vittoria dello spot: "Washroom", Levi's.

Oltre ai 5 spot che concorrono al "Mezzominuto d'Oro", vengono premiati i vincitori delle categorie:

Edizione 1998[5][modifica | modifica wikitesto]

Le cinque nomination per il "Mezzominuto d'Oro" sono:

Il pubblico da casa attraverso il televoto, ha decretato la vittoria dello spot: "Fall Winter 1997", Swatch.

Edizione 2001[modifica | modifica wikitesto]

Le cinque nomination per il "Mezzominuto d'Oro" sono:

  • "Jamaica" - FIAT Doblò (Agenzia: BGS D'Arcy – Casa di produzione: Academy London – Cliente: FIAT Auto S.p.A.).
  • "Difetti" - BMW Serie 5 (Agenzia: D'Adda/Lorenzini/Vigorelli/BBDO – Casa di produzione: BRW & Partners – Cliente: BMW Italia S.p.a).
  • "The Day After" - Nike (Agenzia: Wieden & Kennedy Portland (OR) – Casa di produzione: Satellite – Cliente: Nike).
  • "Fango" - Land Rover Freelander (Agenzia: D'Adda/Lorenzini/Vigorelli/BBDO –Casa di Produzione: Harold S.r.l – Cliente: Land Rover).
  • "Insegua quell'auto" - FIAT Punto Speedgear (Agenzia: Leo Burnett – Casa di produzione: Got Film? – Cliente: FIAT Auto S.p.A.).

Il pubblico da casa attraverso il televoto, ha decretato la vittoria dello spot: "Jamaica", Fiat Doblò.

Oltre ai 5 spot che concorrono al "Mezzominuto d'Oro", vengono premiati i vincitori delle categorie:

  • Idea creativa
  • Innovazione
  • Campagna sociale
  • Humor
  • Internazionale
  • Interpretazione
  • Musica
  • Realizzazione
  • Sceneggiatura

Ospiti intervenuti alla serata: Pietro Taricone, Alessandro Gassmann, Manuela Arcuri, Victoria Silvstedt, Gabriel Omar Batistuta, Fabio Fazio, Luca Laurenti, Giovanni Trapattoni, Fiona May, Pupo, Jean-Claude Van Damme, Megan Gale, Alice ed Ellen Kessler, Dario Ballantini, Bebo Storti, Gemelli DiVersi, Max Pisu.

Edizione 2004[modifica | modifica wikitesto]

Le nomination 2004 per il ”Mezzominuto d'Oro” sono:

  • Heineken - "Shovelling"
  • Nike - "Musical Chairs"
  • Sky - "Full Metal Christmas"
  • Coop - "Assaggio"
  • BMW - "Everything is possible"

Il pubblico da casa, mediante il televoto, ha decretato la vittoria dello spot Heineken "Shovelling".

Durante la serata vengono premiati inoltre gli spot per le seguenti categorie tecniche:

  • Campagna sociale
  • Humor
  • Idea creativa
  • Innovazione
  • Internazionale
  • Interpretazione
  • Musica
  • Realizzazione
  • Sceneggiatura

Ospite d'eccezione della serata, il premio Oscar Mira Sorvino.

Edizione 2005[modifica | modifica wikitesto]

Per la prima volta dopo nove edizioni, viene adottato un sistema di scontri diretti. Gli 8 spot in nomination, si affrontano a coppie, con abbinamenti estratti a sorte in diretta. Di questi 8 spot, solo 4 entrano in semifinale e i due che ne escono vincitori si affrontano direttamente contendendosi la clessidra del "Mezzominuto d'oro".

Gli spot in gara di quest'anno sono:

Attraverso il televoto, i telespettatori hanno assegnato il "Mezzominuto d'oro" allo spot della Telecom Italia incentrato sulla figura di Gandhi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione