Ignazio d'Amico

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ignazio D'Amico
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Patti;
vescovo di Agrigento
 
NatoCatania, XVII secolo
DecedutoAgrigento, 15 dicembre 1668
 

Ignazio D'Amico (Catania, XVII secoloAgrigento, 15 dicembre 1668) è stato un vescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il catanese Ignazio D'Amico resse la diocesi di Patti solo per 4 anni, ma vi lasciò segni indelebili della sua presenza, prima di essere trasferito nel 1666 ad Agrigento.

Si deve a questo vescovo la raccolta di tutte le scritture, dei contratti, delle liti, dei decreti e delle bolle che costituiscono oggi l'Arca Magna dell'Archivio Capitolare. Esperti da lui incaricati vi raccolsero il materiale in 40 volumi, secondo il contenuto, ricucendo anche in essi documenti originali e pergamene, di grande interesse per la storia religiosa e politica non solo della Sicilia. Un Libro Maestro in due volumi ne raccoglie gli indici e li completa con l'aggiunta di sommari e materiale vario.

Due poderosi volumi di 1198 fogli contengono gli Atti di una visita da lui compiuta alla diocesi, che fornisce dati preziosi sulle chiese e sulle loro dotazioni, sul numero di anime e sacerdoti, sulle suppellettili sacre, suppliche e controversie; un insieme che dà anche nei dettagli uno spaccato vivace e documentato sulla vita della diocesi pattese.

Nel 1666 fu nominato vescovo di Agrigento, dove morì il 15 dicembre 1668.

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • I. D'Amico, Visitatio generalis Ecclesiae et Dioecesis Pactensis
  • R. Pirro, Sicilia Sacra, a cura di A. Mongitore, Palermo 1733.
  • N. Giardina, Patti e la cronaca del suo vescovato, Siena 1888.
  • F. Pisciotta, Le visite pastorali dei vescovi di Patti a S. Salvatore di Fitalia (1537-1925), Patti 2008.