Matteo Orsini (domenicano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Matteo Orsini, O.P.
cardinale di Santa Romana Chiesa
Matteo Orsini.jpg
CardinalCoA PioM.svg
Incarichi ricoperti
Nominato vescovo 20 ottobre 1326 da papa Giovanni XXII
Consacrato vescovo novembre 1326 dal cardinale Guillaume Pierre Godin, O.P.
Elevato arcivescovo 15 giugno 1327 da papa Giovanni XXII
Creato cardinale 18 dicembre 1327 da papa Giovanni XXII
Deceduto 18 agosto 1340 ad Avignone
Matteo Orsini

Matteo Orsini (Roma, ... – Avignone, 18 agosto 1340) è stato un arcivescovo e cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Era figlio di Orso Orsini di Montegiordano e membro della potente famiglia romana degli Orsini.

Studiò in Francia e nel 1264 entrò nell'Ordine domenicano. Studiò teologia a Parigi ed a Bologna. Insegnò sacra scrittura a Parigi ed a Firenze e nel 1322 divenne padre provinciale di Roma. Fu ambasciatore del popolo romano presso il pontefice ad Avignone per perorare la causa del rientro della sede pontificia a Roma.

Nel 1326 fu nominato vescovo di Agrigento ma un anno e mezzo dopo fu nominato vescovo di Manfredonia, carica che lasciò poco più di tre mesi dopo allorquando, con il concistoro del 18 dicembre 1327, fu creato cardinale da papa Giovanni XXII con il titolo dei Santi Giovanni e Paolo. Nel 1334 fu nominato amministratore apostolico dell'arcidiocesi di Palermo, carica che tenne fino al 1336. Nel 1334 partecipò al conclave che elesse papa Benedetto XII. Il 18 dicembre 1338 optò per il titolo di cardinale vescovo di Sabina.

Deceduto ad Avignone fu sepolto nella cappella di Santa Caterina nella Basilica di Santa Maria sopra Minerva. Qualche autore lo chiama beato.[1]

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Salvador Miranda, ORSINI, O.P., Matteo, su fiu.edu – The Cardinals of the Holy Roman Church, Florida International University. URL consultato il 4 aprile 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN160425227 · GND (DE14270721X · CERL cnp01275929