Federico Sforza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Federico Sforza
cardinale di Santa Romana Chiesa
Nicolas Mignard 002.jpg
Stemma.Card.Sforza.JPG
Nato 20 gennaio 1603, Roma
Creato cardinale 6 marzo 1645 da papa Innocenzo X
Deceduto 24 maggio 1676, Roma

Federico Sforza (Roma, 20 gennaio 1603Roma, 24 maggio 1676) è stato un cardinale italiano, del ramo degli Sforza di Santa Fiora; figlio di Alessandro, conte di Santa Fiora e duca di Segni, e di Eleonora Orsini.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Roma in seno alla famiglia Sforza, il Cardinale Federico discendeva dal ramo dei duchi di Segni ed era pronipote dei cardinali Guido Ascanio Sforza (1534) e Alessandro Sforza (1565), oltre ad essere imparentato col cardinale Francesco Sforza (1583). Egli, per parte sua, godeva del titolo di Principe di Valmontone.

Intrapresa la carriera ecclesiastica, divenne protonotario apostolico e successivamente, dal 1637, vicelegato ad Avignone. Nominato sacerdote e presi gli ordini sacri, venne nominato cardinale il 6 marzo 1645, ricevendo la porpora e la diaconia dei Santi Vito e Modesto a partire dal 10 luglio 1645. Divenuto Pro-Camerlengo di Santa Romana Chiesa il 27 settembre 1645, rimase in carica sino al 12 luglio 1653. Era divenuto nel frattempo Archimandrita commendatario del Monastero del SS. Salvatore di Messina e Barone della Terra di Savoca dal 1650.

Eletto vescovo di Rimini il 19 novembre 1646, partecipò quindi al conclave del 1655 che elesse a pontefice Alessandro VII, optando successivamente per il titolo cardinalizio dei Santi Silvestro e Martino ai Monti (26 giugno 1656). Divenuto Camerlengo del Sacro Collegio dei Cardinali (13 gennaio 1659-12 gennaio 1660), optò per il titolo di Sant'Anastasia il 21 aprile 1659 e successivamente passò a quello di San Pietro in Vincoli il 21 novembre 1661. Nel periodo che seguì, partecipò al conclave del 1667 che elesse Clemente IX ed a quello del 1669-1670.

Trasferitosi alla sede di Tivoli il 28 gennaio 1675, morì a Roma il 24 maggio 1676, venendo sepolto due giorni dopo nella cappella di famiglia nella basilica patriarcale liberiana.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Cardinale diacono dei Santi Vito e Modesto Successore CardinalCoA PioM.svg
Benedetto Ubaldi 1645-1656 Francesco Maria Mancini
Predecessore Vescovo di Rimini Successore BishopCoA PioM.svg
Angelo Cesi 1645-1656 Tommaso Carpegna
Predecessore Cardinale presbitero dei Santi Silvestro e Martino ai Monti Successore CardinalCoA PioM.svg
Pier Lugi Carafa 1656-1659 Volumnio Bandinelli
Predecessore Camerlengo del Sacro Collegio dei Cardinali Successore CardinalCoA PioM.svg
Niccolò Albergati-Ludovisi 1559-1560 Benedetto Odescalchi
Predecessore Cardinale presbitero di Sant'Anastasia Successore CardinalCoA PioM.svg
Ulderico di Carpegna 1659-1661 Carlo Bonelli
Predecessore Cardinale presbitero di San Pietro in Vincoli Successore CardinalCoA PioM.svg
Ulderico di Carpegna 1661-1676 Emmanuel Théodose de la Tour d'Auvergne de Bouillon
Predecessore Vescovo di Tivoli Successore BishopCoA PioM.svg
Marcello Santacroce 1675-1676 Mario Alberizzi
Predecessore Archimandrita del Santissimo Salvatore Successore BishopCoA PioM.svg
Francesco II Gisulfo 1650 - 1676 Paolo Savelli
Controllo di autoritàGND: (DE1018364919