Giuseppe Petralia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Giuseppe Petralia
vescovo della Chiesa cattolica
Giuseppe Petralia.jpg
Cartolina raffigurante Mons. Giuseppe Petralia con sullo sfondo la Cattedrale di San Gerlando di Agrigento
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Agrigento
 
Nato1º gennaio 1906 a Bisacquino
Ordinato presbitero7 aprile 1928 dal cardinale Basilio Pompilj
Consacrato vescovo3 novembre 1963 dal cardinale Ernesto Ruffini
Deceduto7 luglio 2000 a Palermo
 

Giuseppe Petralia (Bisacquino, 1º gennaio 1906Palermo, 7 luglio 2000) è stato un vescovo cattolico, scrittore e poeta italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Carriera ecclesiastica[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Bisacquino il 1º gennaio 1906, fu uomo di profonda cultura teologica e letteraria, oltre che scrittore e poeta. Venne eletto vescovo di Agrigento il 14 ottobre 1963 e consacrato nella cattedrale di Palermo il successivo 3 novembre, festa di San Libertino, protovescovo agrigentino. Il suo episcopato si svolse nel periodo del concilio Vaticano II e in quello successivo a quest'ultimo, triste, poiché la diocesi venne colpita da calamità naturali, quali la frana di Agrigento del 1966 e il terremoto del Belice del 1968. In seguito avviò la catechesi e la partecipazione ecclesiale attraverso i consigli pastorali. Fu amico dei più illustri poeti e pensatori, come Mario Luzi, e collaborò con la rivista di letteratura La Tradizione fondata a Palermo da Pietro Mignosi. Prima di ritirarsi, fece la visita pastorale e presiedette la prima sessione del sinodo pastorale diocesano del 1979-81. Morì a Palermo il 7 luglio 2000.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Tra le opere di saggistica scritte dal Petralia vi sono:[1]

Giuseppe Petralia (terzo da sinistra) in visita a Papa Paolo VI il 20 novembre 1963

Genealogia episcopale[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ .Libri di Mons. Giuseppe Petralia, su zam.it. URL consultato il 22-11-2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN163570711 · ISNI (EN0000 0001 1615 6227 · SBN IT\ICCU\CFIV\068791 · LCCN (ENn97001446 · GND (DE135905826 · BNF (FRcb111590836 (data) · BAV ADV11348272