Gran Premio del Brasile 2000

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Brasile Gran Premio del Brasile 2000
648º GP del Mondiale di Formula 1
Gara 2 di 17 del Campionato 2000
Autódromo José Carlos Pace (AKA Interlagos) track map.svg
Data 26 marzo 2000
Luogo San Paolo
Percorso 4,309 km / 2,679 US mi
Circuito permanente
Distanza 71 giri, 305,939 km
Clima coperto
Risultati
Pole position Giro più veloce
Finlandia Mika Häkkinen Germania Michael Schumacher
McLaren - Mercedes in 1'14"111 Ferrari in 1'14"755
(nel giro 48)
Podio
1. Germania Michael Schumacher
Ferrari
2. Italia Giancarlo Fisichella
Benetton - Supertec
3. Germania Heinz-Harald Frentzen
Jordan - Mugen Honda

Il Gran Premio del Brasile 2000 è stato un Gran Premio di Formula 1 disputato il 26 marzo 2000 sul circuito di Interlagos di San Paolo. Il vincitore fu Michael Schumacher, su Ferrari; alle sue spalle furono classificati Giancarlo Fisichella su Benetton - Playlife e Heinz-Harald Frentzen su Jordan - Mugen Honda, in seguito alla squalifica nel dopo gara di David Coulthard, giunto secondo.

Vigilia[modifica | modifica wikitesto]

Aspetti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

All'indomani dell'inaugurale Gran Premio d'Australia, la Renault rilevò il team Benetton per 120 milioni di Dollari[1]. La casa francese ottenne immediatamente il controllo del team, che avrebbe però continuato a chiamarsi Benetton e a portare la stessa livrea anche per tutto il 2001[1]. La gestione della scuderia fu affidata sin dal Gran Premio del Brasile a Flavio Briatore, già direttore della squadra fino al 1997[1].

Prima della gara il circuito di Interlagos fu sottoposto a una riasfaltatura integrale, che però non fu sufficiente per eliminare completamente le irregolarità della superficie[2].

Aspetti tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Diverse scuderie apportarono delle modifiche alle proprie monoposto, per affinarne le appendici aerodinamiche o per risolvere i problemi di affidabilità emersi durante l'inaugurale Gran Premio d'Australia. Fu questo il caso della Mercedes, che, individuato in un filtro la causa del guasto al sistema delle valvole pneumatiche che aveva messo fuori gara sia Mika Häkkinen che David Coulthard, ne modificò il disegno[3]. Anche la Ford-Cosworth modificò il sistema di lubrificazione del motore, che era stato all'origine dei problemi avuti principalmente da Herbert a Melbourne[3]. Alla Arrows, invece, fu rivisto il progetto del tirante dello sterzo, che si era rotto su entrambe le vetture in Australia[3].

Prove libere[modifica | modifica wikitesto]

Durante la sessione di sabato mattina sulla monoposto di Schumacher si rese necessaria la sostituzione del motore[4]. Nella stessa sessione, Mika Salo fu vittima di un violento incidente, causato dal cedimento dell'alettone posteriore in rettilineo[4].

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I tempi migliori della prima sessione di prove libere di venerdì furono i seguenti:[5]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 4 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 1'17"631
2 1 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1'17"896
3 2 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1'18"040

I tempi migliori della seconda sessione di prove libere di venerdì furono i seguenti:[5]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 1 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1'15"896
2 3 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'16"375
3 2 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1'16"606

I tempi migliori delle sessioni di prove libere di sabato mattina furono i seguenti:[5]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 1 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1'14"159
2 4 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 1'14"442
3 2 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1'14"502

Qualifiche[modifica | modifica wikitesto]

Le qualifiche furono piuttosto tormentate, sia per via della pioggia intermittente, sia a causa delle ripetute cadute di alcuni cartelloni pubblicitari sul tracciato, che causarono per ben tre volte l'interruzione della sessione. Nella terza occasione, un cartellone cadde sul rettilineo principale mentre transitava la Prost di Jean Alesi, che dovette compiere uno scarto improvviso per evitarlo[6]. Nonostante questi contrattempi, Mika Häkkinen confermò la pole position del Gran Premio d'Australia, precedendo anche in questa occasione il compagno di squadra David Coulthard, rispetto al quale fu più veloce di oltre un decimo di secondo. Michael Schumacher fu autore di un'uscita di pista, nella quale il telaio della sua monoposto si danneggiò[7]. Il pilota tedesco disputò il resto delle qualifiche al volante del muletto, dovendo rinunciare a completare il proprio giro migliore perché non aveva sufficiente benzina a bordo e facendo segnare il terzo tempo[7]. Alle sue spalle si qualificò il suo compagno di squadra Rubens Barrichello.

La terza fila fu occupata da Giancarlo Fisichella e Eddie Irvine, entrambi staccati di oltre un secondo rispetto al tempo della pole position. Le prime file furono completate da Heinz-Harald Frentzen, Ricardo Zonta, Jenson Button (al debuto assoluto sul circuito brasiliano) e Jacques Villeneuve.

Nelle fasi iniziali della sessione, sulla Sauber di Pedro Diniz cedette l'alettone posteriore. Il pilota brasiliano riuscì ad evitare contatti con le barriere e a riportare la sua vettura ai box, ma la Sauber, in luce del cedimento avvenuto in mattinata sulla monoposto di Salo, decise di fermare entrambi i piloti. Non essendoci il tempo necessario per analizzare le cause dei cedimenti, nel pomeriggio Peter Sauber annunciò la rinuncia della sua squadra a prendere parte alla gara[8].

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Tempo Distacco
1 1 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1'14"111
2 2 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1'14"285 +0"174
3 3 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'14"508 +0"397
4 4 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 1'14"636 +0"525
5 11 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Playlife 1'15"375 +1"264
6 7 Regno Unito Eddie Irvine Jaguar - Cosworth 1'15"425 +1"314
7 5 Germania Heinz-Harald Frentzen Jordan - Mugen Honda 1'15"455 +1"344
8 23 Brasile Ricardo Zonta BAR - Honda 1'15"484 +1"373
9 10 Regno Unito Jenson Button Williams - BMW 1'15"490 +1"379
10 22 Canada Jacques Villeneuve BAR - Honda 1'15"515 +1"404
11 9 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW 1'15"561 +1"450
12 6 Italia Jarno Trulli Jordan - Mugen Honda 1'15"627 +1"516
13 12 Austria Alexander Wurz Benetton - Playlife 1'15"664 +1"553
14 19 Paesi Bassi Jos Verstappen Arrows - Supertec 1'15"704 +1"593
15 14 Francia Jean Alesi Prost - Peugeot 1'15"715 +1"604
16 18 Spagna Pedro de la Rosa Arrows - Supertec 1'16"002 +1"891
17 8 Regno Unito Johnny Herbert Jaguar - Cosworth 1'16"250 +2"139
18 20 Spagna Marc Gené Minardi - Fondmetal 1'16"380 +2"269
19 15 Germania Nick Heidfeld Prost - Peugeot 1'17"112 +3"001
20 21 Argentina Gaston Mazzacane Minardi - Fondmetal 1'17"512 +3"401

Warm up[modifica | modifica wikitesto]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

I tempi migliori fatti segnare nel warm up di domenica mattina furono i seguenti:[5]

Pos No Pilota Costruttore Tempo
1 1 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 1'16"343
2 3 Germania Michael Schumacher Ferrari 1'16"348
3 2 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 1'17"008

Gara[modifica | modifica wikitesto]

Wurz partì dai box dopo aver fatto spegnere il motore sullo schieramento; in gara il pilota austriaco si ritirò dopo appena sei giri per un problema al motore.

Alla partenza le due Ferrari, che avevano programmato una strategia a due soste, scattarono decisamente meglio delle McLaren, partite per compiere un solo pit stop. Schumacher superò Coulthard già al via, attaccando poi Häkkinen e sorpassandolo alla prima curva del secondo giro, in fondo al rettilineo dei box; lo stesso fece il suo compagno di squadra, che sopravanzò Coulthard e cominciò così a tallonare Häkkinen. Dietro ai primi quattro si trovava Irvine, seguito da Fisichella, Frentzen, Trulli, Zonta, Villeneuve e Verstappen.

Trulli e Verstappen, con vetture più leggere rispetto a quelle dei rivali, diedero vita ad una bella sequenza di sorpassi; Irvine, proprio dopo essere stato superato da Trulli, uscì di pista e fu costretto al ritiro al 20º giro. Intanto, al 15º giro Barrichello aveva passato Häkkinen, conquistando la seconda posizione.

Nello stesso giro rientrò ai box Schumacher, al quale non bastarono 21"9 secondi di vantaggio per tornare in pista davanti ad Häkkinen. Il pilota tedesco riuscì comunque a sopravanzare Coulthard, che cominciò ad avere problemi con il cambio. Due giri dopo, anche Barrichello effettuò il proprio pit stop, tornando in pista al quarto posto; tuttavia, cinque giri dopo sulla Ferrari si ruppe il motore ed il brasiliano fu costretto al ritiro nella gara di casa.

Al 28º giro, Trulli, quinto, si fermò per la sua prima sosta. Tre tornate più tardi anche Häkkinen rientrò ai box, non per rifornire ma per ritirarsi a causa di un guasto al motore. Schumacher, in testa e con un notevole vantaggio su Coulthard, rallentato da problemi tecnici, poté amministrare tranquillamente la corsa. Alle sue spalle diversi piloti si contendevano il terzo posto: Verstappen rifornì al 36º giro, seguito cinque passaggi più tardi da Frentzen. Il pilota olandese fu però rallentato dai crampi, e dovette cedere la posizione sia a Ralf Schumacher che a Button scivolando all'ottavo posto.

Fisichella, risalito fino al terzo posto, restò in pista fino al 51º giro, rientrando in gara davanti a Trulli (che doveva effettuare un secondo pit stop) e a Frentzen. Nello stesso giro anche Schumacher si fermò ai box, tornando in pista davanti a Coulthard, che aveva effettuato la sua unica sosta al 43º giro. A tredici tornate dalla fine il ferrarista rallentò improvvisamente a causa di problemi al cambio; tuttavia, Coulthard era troppo lontano per impensierirlo e Schumacher fu in grado di amministrare il proprio vantaggio, tagliando il traguardo per primo seguito dal pilota scozzese della McLaren. Terzo giunse Fisichella, seguito dalle due Jordan di Frentzen e Trulli e da Ralf Schumacher.

Le verifiche tecniche del dopo gara si protrassero per diverse ore. Inizialmente, i controlli interessarono le vetture di tutti i piloti giunti a punti ad eccezione di Fisichella e furono concentrati sull'eccessiva usura del pattino di legno posto sul fondo di tutte le monoposto[9]. Al termine delle verifiche, le vetture furono considerate a norma, ma Coulthard venne comunque squalificato perché l'alettone anteriore della sua McLaren era posto a una distanza troppo ridotta dal suolo, risultando sette millimetri più basso del dovuto[10]. La squalifica del pilota scozzese fece salire sul podio Frentzen e consegnò a Button il primo punto in carriera.

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Pos No Pilota Costruttore Giri Tempo/Ritiro e motivo del ritiro Partenza Punti
1 3 Germania Michael Schumacher Ferrari 71 1h31'35"271 3 10
2 11 Italia Giancarlo Fisichella Benetton - Playlife 71 +39"898 5 6
3 5 Germania Heinz-Harald Frentzen Jordan - Mugen Honda 71 +42"268 7 4
4 6 Italia Jarno Trulli Jordan - Mugen Honda 71 +1'12"780 12 3
5 9 Germania Ralf Schumacher Williams - BMW 70 + 1 giro 11 2
6 10 Regno Unito Jenson Button Williams - BMW 70 + 1 giro 9 1
7 19 Paesi Bassi Jos Verstappen Arrows - Supertec 70 + 1 giro 14
8 18 Spagna Pedro de la Rosa Arrows - Supertec 70 + 1 giro 16
9 23 Brasile Ricardo Zonta BAR - Honda 69 + 2 giri 8
10 21 Argentina Gaston Mazzacane Minardi - Fondmetal 69 + 2 giri 20
Ritirato 8 Regno Unito Johnny Herbert Jaguar - Cosworth 51 Motore 17
Ritirato 20 Spagna Marc Gené Minardi - Fondmetal 31 Motore 18
Ritirato 1 Finlandia Mika Häkkinen McLaren - Mercedes 30 Motore 1
Ritirato 4 Brasile Rubens Barrichello Ferrari 27 Motore 4
Ritirato 7 Regno Unito Eddie Irvine Jaguar - Cosworth 20 Incidente 6
Ritirato 22 Canada Jacques Villeneuve BAR - Honda 16 Cambio 10
Ritirato 14 Francia Jean Alesi Prost - Peugeot 11 Impianto elettrico 15
Ritirato 15 Germania Nick Heidfeld Prost - Peugeot 9 Motore 19
Ritirato 12 Austria Alexander Wurz Benetton - Playlife 6 Motore 13
Squalificato 2 Regno Unito David Coulthard McLaren - Mercedes 71 / 2

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Costruttori[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Team Punti
1 Italia Ferrari 26
2 Italia Benetton - Playlife 8
3 Irlanda Jordan - Mugen Honda 7
3 Regno Unito Williams - BMW 7
5 Regno Unito BAR - Honda 4

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Renault buys Benetton, su grandprix.com, 20 marzo 2000. URL consultato il 9 gennaio 2018.
  2. ^ «Interlagos riasfaltato. Purtroppo molto male.», Autosprint n.13 (28 marzo - 3 aprile 2000), pag. 84
  3. ^ a b c Giorgio Piola, «Quanti interventi in casa McLaren!», Autosprint n. 13 (27 marzo - 3 aprile 2000), pagg.48-49
  4. ^ a b «A «Fisico» fa bene la cura Briatore», Autosprint n.13 (28 marzo - 3 aprile 2000), pagg. 38-39
  5. ^ a b c d «tutti i tempi delle prove», Autosprint n. 13 (28 marzo - 3 aprile 2000), pag.42
  6. ^ «Cartelloni troppo pericolosi», Autosprint n.13 (28 marzo - 3 aprile 2000), pag. 85
  7. ^ a b «Hakkinen raggiunge Schumacher a 23 pole», Autosprint n.13 (28 marzo - 3 aprile 2000), pag. 37
  8. ^ (EN) Sauber withdraws from Brazilian Grand Prix, su Grandprix.com, 27 marzo 2000. URL consultato il 10 gennaio 2018.
  9. ^ «Il pattino sfrega e si consuma», Autosprint n.13, 27 marzo - 3 aprile 2000, pagg. 22-23
  10. ^ Alberto Antonini, «McLaren tradita da 7 millimetri», Autosprint n. 13, 27 marzo - 3 aprile 2000, pagg. 26-27.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i dati statistici provengono da Autosprint n.13/2000.

Campionato mondiale di Formula 1 - Stagione 2000
Flag of Australia.svg Flag of Brazil.svg Flag of San Marino.svg Flag of the United Kingdom.svg Flag of Spain.svg Flag of Europe.svg Flag of Monaco.svg Flag of Canada.svg Flag of France.svg Flag of Austria.svg Flag of Germany.svg Flag of Hungary.svg Flag of Belgium.svg Flag of Italy.svg Flag of the United States.svg Flag of Japan.svg Flag of Malaysia.svg
  Fairytale up blue.png

Edizione precedente:
1999
Gran Premio del Brasile
Edizione successiva:
2001