Ferrovia Trento-Malè-Mezzana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Ferrovia Trento-Malè-Marilleva)
Trento-Malè-Mezzana
Inizio Trento
Fine Mezzana
Stati attraversati Italia Italia
Lunghezza 65 km
Apertura 1909
Gestore TT
Precedenti gestori KKStB
FS
FTM
Scartamento 1000 mm
Elettrificazione 3000 V cc
Ferrovie

La ferrovia Trento-Malè-Mezzana è una ferrovia a trazione elettrica a scartamento ridotto di 1 000 mm che collega la città di Trento con Mezzana, ad un'altitudine di 900 m s.l.m., transitando per Malè, capoluogo della Val di Sole. Nel suo percorso attraversa la Piana Rotaliana, la Val di Non e la Val di Sole, affiancando in molti tratti il torrente Noce.

Il gestore dell'infrastruttura è Trentino trasporti, il servizio è espletato da Trentino Trasporti Esercizio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Elettromotrice della FTM nei pressi di Sorni
La ET007 nella vecchia stazione di Malè nel 2003

Con decreto del Consiglio Superiore dei lavori Pubblici n. 3415 del 22 dicembre 1948 la società Ferrovia Elettrica Trento-Malè (FETM) fu autorizzata ad attuare il progetto di trasformazione della tranvia Trento-Malè, inaugurata nel 1909 ed ereditata dalla precedente gestione a cura della società Ferrovia locale Trento-Malé.

Dopo una serie di vicende legate alla scarsità di finanziamenti, nel 1960 fu aperto all'esercizio il tratto tra la stazione tranviaria di Trento Torre Verde e Cles. Contestualmente fu soppressa l'intera linea tranviaria: per il servizio sulla nuova linea furono impiegati i vecchi rotabili tranviari, mentre quello sul tronco Cles – Malè fu provvisoriamente sostituito da un'autolinea. Nel giugno 1961 fu aperto il tratto ferroviario collegante queste due località.

Nel 1964 fu completato il fabbricato della stazione di Trento Porta Centa la quale sostituì il vecchio capolinea tranviario, per cui si decise di inaugurare solennemente la linea il 13 dicembre. Nello stesso periodo entrarono in funzione le nuove elettromotrici delle Officine Meccaniche della Stanga e l'alimentazione fu innalzata a 3000 V, come quella applicata sulla rete statale delle FS.

Con la legge finanziaria per il 1987, la FTM ottenne 60 miliardi di Lire che furono impiegati per la costruzione di una nuova stazione capolinea a Trento, posizionata nei pressi di quella delle FS e che è stata inaugurata nel 1995, e per il primo lotto del prolungamento da Malè a Fucine. A metà degli anni novanta, la Provincia autonoma di Trento ha finanziato il rinnovo degli armamenti e degli impianti di elettrificazione e di telecomunicazione.

Nel 2002 la società FTM è stata inglobata in Trentino trasporti (TT), la nuova società intermodale di trasporto pubblico su gomma e rotaia del Trentino. Il 5 maggio 2003 è stato aperto il prolungamento, di circa 10 chilometri, fino alla località turistica di Mezzana-Marilleva.

Nel 2005, allo scopo di permettere il potenziamento della rete stradale a settentrione di Lavis, sono iniziati i lavori di interramento della linea ferroviaria fra la stazione di Lavis e la fermata di Zambana. Il nuovo tratto, predisposto per il doppio binario è stato inaugurato il 6 settembre 2007.

Nel marzo 2015 sono iniziati i lavori di realizzazione del nuovo tracciato ferroviario nell'ambito territoriale del comune di Mezzana, relativamente al prolungamento della linea da Marilleva 900 alla nuova stazione capolinea di Mezzana, inaugurata il 23 luglio 2016. È dotata anche di un ramo di collegamento tra l'ex strada statale 42 e la strada provinciale 206 di Marilleva.[1] È inoltre previsto un ulteriore prolungamento della linea fino a Fucine.[2]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

La linea costruita negli anni cinquanta è una ferrovia a binario singolo a scartamento ridotto da 1000 mm (metrico). La trazione è elettrica a 3000 V in corrente continua. Le rotaie sono di tipo Vignoles da 50 kg/m, posate su traverse biblocco système Vagneux con attacchi Nabla.

Il tratto tra Trento e Gardolo è a doppio scartamento a tre rotaie per permettere il transito di convogli merci a scartamento ordinario da 1435 mm tra la ferrovia del Brennero e l'ex stabilimento della Whirlpool.

Il tracciato ha una pendenza massima del 50 per mille, mentre il raggio di curvatura minimo è di 80 metri. Presenta ventitré ponti, il più lungo dei quali misura 456 m. Il ponte di Santa Giustina, sul greto del Noce è lungo 78 metri ed alto 140 metri. È stato realizzato nel 1959 e all'epoca era il più alto ponte ferroviario del mondo.

Le gallerie sono dodici, per una lunghezza totale di 4710 m. Vi sono diciotto passaggi a livello, alcuni dei quali sono in via di eliminazione grazie all'opera di interramento della ferrovia tra gli abitati di Zambana e Lavis. Lungo il percorso sono presenti ventuno stazioni e fermate.

La velocità massima dei convogli è di 90 km/h.

Materiale rotabile[modifica | modifica wikitesto]

E86 ET 18 e Coradia Meridian ETi 8/8 403 nella nuova stazione di Trento

Il materiale rotabile risulta essere il seguente:

  • quattordici elettrotreni costruiti a partire dal 2005 da Alstom, immatricolati come Coradia Meridian ETi 8/8 401÷414;
  • quattro elettrotreni costruiti nel 1995 da Casaralta/Ansaldo/TIBB, immatricolati come Firema E86 ET 15÷18;
  • cinque elettromotrici costruite nel 1964 da Stanga/TIBB, immatricolate nella serie EL 01÷05. Queste sono state sottoposte ad un restauro per i loro cinquant'anni; in particolare le unità 03 e 05 sono state riportate negli originale colori, grigio e bianco, e risultano accantonate a Croviana; le altre tre unità risultano accantonate nella stazione di Zambana;
  • due elettrotreni acquisiti nel 1966 dalla dismessa Ferrovia delle Dolomiti, immatricolati nella serie ET 007-008 e costruiti nel 1955 da Stanga/TIBB, accantonati nella stazione di Zambana;
  • tre elettrotreni costruiti nel 1964 da Stanga/TIBB, immatricolati nella serie ET 11÷13. Tutti e tre gli elettrotreni sono stati demoliti. L'ET 11 è stato demolito a causa di un incendio, l'ET 12 è stato demolito a causa di un incidente al passaggio a livello con un tir che lo rese irreparabile e l'ET 13 è stato demolito;
  • un locomotore costruito nel 1965 da Stanga/TIBB, immatricolato come LC 21.

Percorso[modifica | modifica wikitesto]

Stazioni e fermate
Continuation backward
Linea RFI per Verona
Unknown route-map component "CONTgq" Junction from right
Linea RFI per Venezia
Head station Station on track
0+000 Trento FTM / Trento RFI 192 m s.l.m.
Stop on track Straight track
2+159 Trento Nord – Zona Commerciale
Unknown route-map component "d" Unknown route-map component "vSTR-" Unknown route-map component "vSHI2l-"
Unknown route-map component "d" Station on track Unknown route-map component "d"
Straight track + Unknown route-map component "MFADEf"
4+323 Gardolo 202 m s.l.m.
Stop on track
5+494 Zona Industriale Spini
Stop on track
6+271 Lamar
Station on track
7+741 Lavis 236 m s.l.m.
Unknown route-map component "KRW+l" Unknown route-map component "xKRWgr"
* 2007
Unknown route-map component "tSTRa" Unknown route-map component "exSTR"
Unknown route-map component "tSTR" Unknown route-map component "exHST"
9+536 Zambana-Pressano
Unknown route-map component "tHST" Unknown route-map component "exSTR"
Zambana
Unknown route-map component "d" Unknown route-map component "tSTRe" Unknown route-map component "exSTR" Unknown route-map component "d"
Straight track + Unknown route-map component "MFADEg"
Unknown route-map component "d" Unknown route-map component "KRWl" Unknown route-map component "xKRWg+r" Unknown route-map component "BS2+l" Unknown route-map component "dBS2c4"
Station on track Straight track
12+700 Nave San Felice 220 m s.l.m.
Stop on track Straight track
SorniSornello
Unknown route-map component "d" Unknown route-map component "vSTR-" Unknown route-map component "vSHI2l-"
Unknown route-map component "d" Small bridge over water Unknown route-map component "d"
Straight track + Unknown route-map component "MFADEf"
Fiume Adige
Station on track
16+230 Grumo - San Michele 205 m s.l.m.
Unknown route-map component "d" Unknown route-map component "AKRZu" Unknown route-map component "d"
Straight track + Unknown route-map component "MFADEg"
Autostrada A22
Unknown route-map component "d" Track turning from left Unknown route-map component "KRZo" Unknown route-map component "dSTRq" Track turning right
Straight track Station on track
Mezzocorona 218 m s.l.m.
Unknown route-map component "eABZrg" Unknown route-map component "eKRZ" Unknown route-map component "exCONTfq"
Verso Mezzolombardo
Station on track Straight track
Mezzocorona (RFI) 210 m s.l.m.
Unknown route-map component "dCONTgq" Track turning right Unknown route-map component "xSHI2gl" Unknown route-map component "dBS2c3"
Linea RFI per Bolzano
Unknown route-map component "d" Unknown route-map component "vexBHF-STR"
Mezzocorona Borgata (vecchia)
Unknown route-map component "d" Unknown route-map component "vexSTR-BHF"
Mezzocorona Borgata (nuova)
Unknown route-map component "d" Unknown route-map component "xvSHI2g+l-"
Small bridge over water
Fiume Noce
Station on track
21+720 Mezzolombardo 223 m s.l.m.
Small bridge over water
Fiume Noce
Enter and exit tunnel
Stop on track
25+240 Masi di Vigo 275 m s.l.m.
Station on track
Crescino
Small bridge over water
Fiume Noce
Station on track
Denno
Small bridge over water
Fiume Noce
Stop on track
30+030 Sabino 307 m s.l.m.
Enter and exit tunnel
Station on track
33+700 Mollaro 470 m s.l.m.
Stop on track
Segno
Station on track
37+020 Taio 520 m s.l.m.
Station on track
39+060 Dermulo 549 m s.l.m.
Enter and exit short tunnel
Small bridge over water
Fiume Noce
Station on track
40+320 Tassullo 529 m s.l.m.
Station on track
44+590 Cles 664 m s.l.m.
Stop on track
Cles Polo Scolastico
Enter and exit tunnel
Small bridge over water
Fiume Noce
Station on track
49+420 Mostizzolo 596 m s.l.m.
Station on track
BozzanaBordiana
Stop on track
Tozzaga
Stop on track
53+580 Cassana 659 m s.l.m.
Stop on track
Cavizzana
Station on track
Caldes
Station on track
Terzolas
Unknown route-map component "xKRWgl" Unknown route-map component "KRW+r"
55+040
0+000
Unknown route-map component "exKBHFe" Straight track
Malè († 2003)
Station on track
0+456 Malè (* 2003) 726 m s.l.m.
Stop on track
1+927 Croviana 710 m s.l.m.
Stop on track
3+787 Monclassico 735 m s.l.m.
Station on track
5+160 Dimaro-Pressòn 758 m s.l.m.
Small arched bridge over water
Fiume Noce
Small arched bridge over water
Fiume Noce
Stop on track
7+355 Mastellina 796 m s.l.m.
Small bridge over water
Fiume Noce
Stop on track
8+241 Daolasa 814 m s.l.m.
Stop on track
9+077 Piano di Commezzadura 835 m s.l.m.
Stop on track
10+158 Marilleva 888 m s.l.m.
End station
10+958 Mezzana 900 m s.l.m.
La nuova stazione della FTM a Daolasa e parte del percorso della ferrovia verso il capolinea di Mezzana

Traffico[modifica | modifica wikitesto]

L'offerta di corse per il servizio passeggeri prevede treni "locali" e "diretti"; questi ultimi fermano solo nelle principali località. Sono previste inoltre corse extra sulla tratta Trento-Mezzolombardo. Nella stagione estiva, sulla tratta Mostizzolo-Mezzana, sono previste delle corse "Treno+Bici" svolte dagli elettrotreni tipo E86, parzialmente privi di sedili, per lasciare spazio alle biciclette.

La linea è priva di servizio merci dagli anni novanta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lavori di prolungamento della ferrovia elettrica Trento Malè, in http://www.comune.mezzana.tn.it, Lunedì, 23 Marzo 2015.
  2. ^ Nuovi binari in Val di Sole: la ferrovia Trento-Malè in viaggio verso Fucine - Pronto il progetto preliminare, in Discoveryalps, 20 agosto 2008.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Perticaroli, La ferrovia Trento - Malè, in "Le Strade. Rivista mensile del Touring Club Italiano", anno XLV, n. 3 (marzo 1965), pp. 119–124.
  • Atlante ferroviario d'Italia e Slovenia. Eisenbahnatlas Italien und Slowenien, Colonia, Schweers + Wall, 2010, ISBN 978-3-89494-129-1.
  • Trento-Malè: Una ferrovia per tre valli, in tuttoTreno.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti