Condizione della donna in Europa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'evoluzione e la storia del ruolo di genere, della condizione femminile e dei diritti delle donne in Europa coincide con lo sviluppo storico-sociale del continente stesso e sono perfettamente integrate all'interno della storia dell'Europa. Secondo gli ultimi dati disponibili (2010) il 51,2% della popolazione totale dell'Unione europea è composta da donne (nel gennaio 2011 la popolazione dell'UE era a 502.122.750 abitanti)[1].

Le donne moderne europee comprendono anche quelle provenienti da stati sovrani non appartenenti all'UE o all'Europa continentale come la Turchia, la Città del Vaticano, San Marino, Andorra, l'Albania, la Bosnia-Erzegovina, il Montenegro, la Repubblica di Macedonia, la Serbia, la Svizzera, la Norvegia, l'Islanda, la Bielorussia, la Moldavia, l'Ucraina, l'Azerbaigian, l'Armenia, la Georgia e, ora, anche il Regno Unito. Ci sono poi anche donne europee provenienti da dipendenze o altri territori come le Isole Åland, le Fær Øer, Gibilterra, Guernsey, l'isola di Jersey e l'Isola di Man.

Le donne europee comprendono poi anche le donne provenienti da stati a riconoscimento limitato a livello internazionale quali l'Abkhazia, il Kosovo, il Nagorno-Karabakh, Cipro del Nord, l'Ossezia meridionale e la Transnistria. Tutte le donne provenienti da questi stati, compresi quelle provenienti da microstati europei e da territori dipendenti hanno sviluppato le proprie peculiari caratteristiche culturali.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'autore Michael Scott, nel suo articolo "The Rise of Women in Ancient Greece" (History Today)" (La crescita delle donne nell'antica Grecia", i "luoghi femminili" e i loro successi nell'antica Grecia furono meglio descritto da Tucidide in questa citazione: "che la più grande gloria [per le donne] debba essere quella di aver meno parlato tra gli uomini, sia in lode o in colpa"[2].

Le caratteristiche moderne delle donne in Bielorussia si sono evolute dagli eventi che si sono verificati all'interno della storia della Bielorussia, in particolare quando il "concetto di pari diritti per le donne è stato sviluppato e dimostrato nel tardo 16° secolo". La cosiddetta Carta del Granducato del 1588 - uno dei documenti legali più importanti della storia bielorussa - ha protetto la dignità delle donne tramite legge scritta[3]. Le donne bielorusse e il loro contributo alla società si celebrano annualmente l'8 marzo, durante la Giornata internazionale della donna[4].

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Donne nella Germania nazista e Condizione della donna in Germania.

Dopo aver raggiunto il pieno diritto di voto ed essere entrate nella politica della Germania nel 1919, le donne tedesche cominciarono ad assumere ruoli più attivi ricoprendo posizioni normalmente concesse solo dagli uomini. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, furono etichettate come Trümmerfrauen o "donne delle macerie" perché si occupavano dei "feriti, seppellivano i morti e recuperavano gli oggetti", oltre a partecipare al "compito difficile della ricostruzione semplicemente cancellando e spazzando via "le macerie e le rovine della guerra " causata dalla Germania nazista[5].

Ruoli tradizionali[modifica | modifica wikitesto]

Le donne albanesi risiedono all'interno di una società intrisa di conservatorismo[6] e patriarcato (antropologia). In una società così tradizionale le donne dell'Albania hanno ruoli subordinati in comunità che credono nel "predominio maschile"; ciò nonostante l'arrivo della democrazia e l'adozione di un'economia di mercato libera, dopo il periodo dominato dal Partito del Lavoro d'Albania[7]. Sulla base dei 500 anni del Kanun di Lekë Dukagjini, un codice di condotta tradizionale, il ruolo principale delle donne albanesi è quello di prendersi cura dei bambini e della casa[6].

A causa della natura patriarcale della cultura e della società armena tradizionali[8], le donne in Armenia sono spesso ritenute virtuose e sottomesse, per salvaguardare la loro verginità fino al matrimonio e così assumersi soprattutto compiti domestici.

Le norme sociali tradizionali in Azerbaigian e il ritardato sviluppo economico nelle regioni rurali del paese continuano a limitare i ruoli femminili nell'economia; ci sono rapporti indicanti difficoltà per le donne ad esercitare i propri diritti legali a causa della discriminazione di genere[9].

La storia, la caratteristica, l'evoluzione e le genealogie delle donne attuali nella Repubblica Ceca possono essere ricostruite da molti secoli prima dell'insediamento nel territorio attuale; esse sono originate da coloni slavi ancestrali che avevano un'economia fondata principalmente sull'agricoltura[10].

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Condizione femminile in Italia.

In alcune parti dell'Italia le donne sono ancora vittime di stereotipo e viste semplicemente come casalinghe e madri, ciò riflesso anche nel fattore di una disoccupazione femminile media superiore a quella dell'UE[11].

Una prima descrizione delle donne del Montenegro proviene da una colonna del The New York Times del 5 novembre 1880 ove si dichiarava che "la donna montenegrina si assume una parità di lavoro con l'uomo sul campo e, tanto più lodevole in relazione al viaggio in cavallo e ad altre forme di trasporto animale". Il giornale le descrisse ulteriormente per essere impegnate nella lavorazione a maglia o nella filatura[12].

La tradizione svizzera pose le donne sotto l'autorità dei loro padri e dei propri mariti[4].

Promozione dell'uguaglianza di genere[modifica | modifica wikitesto]

Legalmente le donne in Andorra hanno diritti uguali in base alle leggi del Principato. Andorra è stata lenta nel dare alle donne diritti legali: il suffragio femminile è stato raggiunto solo nel 1970[13]. Negli ultimi anni, tuttavia, le donne hanno progredito in modo significativo. Politicamente le donne andorrane hanno vinto 15 seggi durante le Elezioni legislative in Andorra del 2011; per questa ragione, Andorra è diventata la prima nazione in Europa e il secondo paese a livello internazionale ad aver eletto una "legislatura maggioritaria femminile".

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Condizione della donna in Austria.

La posizione giuridica delle donne in Austria è migliorata a partire dalla metà degli anni '70. Sulla base di uno studio del dicembre 1993 sullo status delle donne austriache, la priorità della legislazione nel paese si fonda sulla parità di trattamento tra i due generi, piuttosto che nell'avere diritti uguali. Così, le donne beneficiano del tentativo del loro governo "di compensare la disuguaglianza di oneri specifica del genere". Tuttavia, nonostante il miglioramento legislativo in relazione allo status delle donne nella società, il concetto di ruoli tradizionali ha prevalso. Gli uomini austriaci considerano la maggior parte delle faccende domestiche e le responsabilità in materia di allevamento di figli come interni al regno delle donne. Sia l'istruzione che il genere sono la base dei livelli di reddito[14].

Le donne in Azerbaigian nominalmente godono degli stessi diritti legali degli uomini; tuttavia, la discriminazione sociale costituisce un problema diffuso[9].

In Croazia l'uguaglianza di genere fa parte dell'articolo 3 della Costituzione croata. Dal 2003 è esistito un mediatore di genere e un "Ufficio per l'uguaglianza di genere"[15].

Nella Repubblica Ceca, dopo il periodo nella storico conosciuto come rivoluzione di velluto, molte donne sono diventate individui con posti di lavoro a tempo pieno e che, allo stesso tempo, si concentrano anche sulle loro responsabilità come casalinghe, dando loro "un alto Senso dell'efficacia personale e dell'indipendenza all'interno della società ceca"[16].

Le donne finlandesi godono di un "alto grado di uguaglianza" e di "cortesia tradizionale" tra gli uomini[17]. Nel 1906 le donne di Finlandia sono diventate le prime donne europee ad avere il diritto di voto[18]. Ci sono molte donne in Finlandia che hanno posizioni di rilievo nella società, tra gli accademici (cultura della Finlandia, nel settore del business[18] e nel governo della Finlandia. Un esempio di donne potenti nella politica della Finlandia è Tarja Halonen, che è diventata la prima presidentessa del paese (era uno dei Ministri degli affari esteri della Finlandia prima di diventare presidente).

Lo status delle donne greche ha subito cambiamenti e maggiori progressi con l'avvio del XX secolo. Nel 1957 hanno ricevuto il loro diritto di voto, che ha portato ad u accrescimento del reddito e a posti di lavoro nelle imprese e nel governo della Grecia; sono state in grado di mantenere il diritto di ereditare la proprietà anche dopo essere state sposate[19].

Secondo uno studio i Paesi Bassi hanno le donne più felici del mondo[20].

San Marino ha introdotto il suffragio femminile a seguito della crisi costituzionale del 1957 conosciuta come Fatti di Rovereta. Le donne sammarinesi hanno ricevuto il diritto di voto nel 1960 e il diritto di tenere un ufficio politico nel 1973[21]. Tuttavia, in un referendum del 1982, le donne di San Marino non hanno vinto il diritto di mantenere la loro cittadinanza sammarinese se si sposano con stranieri maschi (19.000 elettori sammarinesi hanno votato per non abolire la legge del 1928 che toglievao alle donne la cittadinanza se sposavano degli stranieri); a causa della perdita della cittadinanza, le donne hanno anche perso il diritto di votare, di lavorare, di possedere proprietà, di risiedere e di ereditare proprietà all'interno della Repubblica[22]. Queste leggi di cittadinanza sono state successivamente modificate dal parlamento nel 2000[23] e nel 2004[24], consentendo così alle donne di mantenere la loro cittadinanza e di trasmetterla ai figli e al marito.

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Condizione della donna in Spagna.

Oltre ad assumere notorietà come "regine e donne nobili" nella storia della Spagna, le donne spagnole hanno anche assunto una forte autocoscienza nel definire il proprio ruolo attuale "senza bisogno di una forte ribellione femminista"[4].

Le donne svizzere hanno ottenuto il diritto di voto alle elezioni nazionali nel 1971[25], mentre hanno ottenuto il diritto di voto a livello cantonale locale tra il 1959 (canton Vaud e canton Neuchâtel in quell'anno) e il 1991 (Canton Appenzello Interno)[26][27]. Tuttavia, malgrado l'acquisizione dello status di uguaglianza nei diritti con gli uomini, alcune donne svizzere devono ancora essere in grado di raggiungere l'istruzione al di là del livello post-secondario, quindi guadagnano meno soldi rispetto agli uomini e occupano posti di lavoro inferiori[28].

Come cittadine di una nazione del dopoguerra, alcune donne kosovare sono diventate partecipi del processo di costruzione della pace e di istituzione dell'uguaglianza di genere nel processo di ricostruzione del Kosovo[29]. Sono diventate attive anche nella politica e nell'applicazione della legge nella Repubblica; un esempio di ciò è dato dall'elezione di Atifete Jahjaga come quarto tra i presidenti del Kosovo e in quanto tale divenne la prima donna[30], la prima candidata generale e la più giovane che venisse mai eletta nell'ufficio del Presidenza nel paese. Prima di diventare presidente ha ricoperto la carica di vice direttore della polizia kosovara[31] con il grado di maggior generale[32], il più alto tra le donne dell'Europa meridionale[33].

Le donne dell'Ossezia del Sud hanno vissuto situazioni di conflitto armato nelle loro regioni[34][35]. L'organizzazione principale che promuove e tutela lo status delle donne è l'"Associazione delle Donne dell'Ossezia meridionale per la democrazia e i diritti umani" (a volte denominata Associazione delle donne dell'Ossezia del Sud per la democrazia e la difesa dei diritti umani) ed è attualmente guidata da Lira Kozaeva-Tskhovrebova[36][35].

Donne lavoratrici[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Condizione della donna in Belgio.

Generazione dopo la generazione le donne belghe sono in grado di chiudere il cosiddetto "gap di genere professionale". Nelle generazioni più giovani ciò è dovuto alla crescente disponibilità di contratti di lavoro a tempo parziale. Nel 1999 l'utile medio di una donna belga è stato del 91% dello stipendio di un uomo. Quando non sono impiegate nel lavoro le donne belghe compiono ancora la maggior parte del lavoro domestico, a seconda dell'accordo intercorso tra i partner[37].

Secondo il Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (IFAD), le donne di Bosnia ed Erzegovina sono state colpite da tre tipi di transizione dopo la Guerra in Bosnia ed Erzegovina (1992-1995)[38], ovvero: la "transizione dalla guerra alla pace", la transizione economica e la transizione politica. Gli effetti conseguenti includono: l'abbassamento della loro posizione pubblica e sociale perché il loro obiettivo è quello di "impegnarsi nei compiti domestici" nelle loro case. Alcune donne bosniache ed erzegovine hanno optato per viaggiare al di fuori del paese per cercare lavoro[39]. Le donne più vulnerabili tra le classi sociali sono quelle delle zone rurali. Esse sono più emarginate a causa del livello più basso di istruzione e della loro inclinazione alla tradizione la quale si basa sugli uomini come "proprietari primari di terreni e altri beni". Ad esse sono connessi anche "accessi limitati alla terra, alla formazione, alle tecniche agricole moderne, alle finanze e alle attrezzature", quindi guadagnano bassi salari[39].

Il 24 ottobre 1975 il 90% delle donne del paese è scesa in sciopero, rifiutandosi di andare a lavorare o di prendersi cura della casa, trascorrendo invece la giornata per le strade a protestare[40].

Nel settore del lavoro in Italia le norme femminili sul lavoro sono generalmente di alta qualità e professionalità, ma non sono altrettanto eccellenti per quanto riguarda la loro istruzione[41]. La probabilità di assunzione di una donna è principalmente legata alle sue qualifiche e l'80% delle donne che si laureano all'università va poi a cercare lavoro[41]. Le donne italiane abitualmente ricevono gli stessi salari degli uomini nella loro stessa posizione. Le donne che rappresentano i colletti bianchi nei posti di lavoro di alto livello o di ufficio tendono ad essere pagate come gli uomini, ma le donne con "colletto azzurro" o con posizioni lavorative manuali vengono pagate generalmente 1/3 in meno rispetto alle loro controparti maschili[41].

Le donne nei Paesi Bassi hanno ancora una discussione aperta su come migliorare gli squilibri rimasti e le ingiustizie che affrontano in quanto donne; in particolare la scarsa partecipazione delle donne all'occupazione a tempo pieno è una questione politica[42]. Nel 2012 il 76,9% delle donne occupate ha lavorato a tempo parziale, ben al di sopra della media dell'Unione europea del 32,1%[43].

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Condizione della donna in Portogallo.

Nella prima parte degli anni '90 molte donne del Portogallo sono diventate professioniste, tra cui medici e avvocati, un salto rispetto alle molte che sono rimaste solo impiegate[44].

Allo stato attuale molte donne spagnole hanno abbandonato il loro consueto status di casalinghe per diventare attive nei settori delle imprese, delle professioni, della politica e delle forze armate[4].

Secondo "swissinfo" nel 2011, la "Segreteria di Stato per l'economia della Svizzera" (Seco) ha incoraggiato le imprese a "nominare più donne in posizioni di alto livello". Quelle che stanno già lavorando in imprese commerciali, secondo la stessa relazione, citano che "le donne guadagnano in media il 20% in meno degli uomini" e il rapporto è stato di 6 su 10 donne che lavoravano a tempo parziale[45].

Le donne abkhaziane sono più attive come partecipanti nel settore delle attività e nelle imprese legate alla creazione di organizzazioni per le donne nel loro Paese[46][47].

Educazione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'ambito dell'istruzione sono le donne italiane che tendono ad avere risultati molto favorevoli e che prevalgono soprattutto nell'istruzione secondaria e terziaria[41]. Fin dai tempi del Miracolo economico italiano il tasso di alfabetizzazione femminile e l'iscrizione universitario sono aumentati drasticamente[41]. Le donne hanno inoltre un tasso di alfabetizzazione del 98%, un'istruzione di base di qualità e spesso frequentano l'università[41]. Il 60% dei laureati italiani è composto da ed esse sono rappresentate in modo eccellente in tutti i temi accademici, tra cui la matematica, la tecnologia dell'informazione e altre aree tecnologiche normalmente occupate dai maschi[41].

Molestie sessuali e violenza di genere[modifica | modifica wikitesto]

Tra i problemi che devono affrontare attualmente le donne andorrane c'è l'esistenza della violenza contro le donne, l'assenza di dipartimenti governativi che si occupano di questioni riguardanti le donne e la mancanza di comunità per le donne vittime di violenza gestite dal governo[48].

L'Armenia affronta il problema dell'aborto selettivo[49][50][51][52][53].

Gran parte del 45% della popolazione ucraina (45 milioni[54]) che soffre di violenza - fisica, sessuale o mentale - è costituita da donne[55].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Women in Europe, Knowledge Center, Catalyst
  2. ^ Scott, Michael. The Rise of Women in Ancient Greece, History Today, Volume: 59 Issue: 11 2009
  3. ^ Belarusian Women as seen Through an Era, United Nations in Belarus.
  4. ^ a b c d France, everyculture.com
  5. ^ Women In German Society, German Culture, germanculture.com
  6. ^ a b Dan Bilefsky, Albanian Custom Fades: Woman as Family Man, su The New York Times, NYTIMES.com. URL consultato il 27 ottobre 2013.
  7. ^ Robert Elsie, Albania, Advameg, Inc.. URL consultato il 27 ottobre 2013.
  8. ^ Itano, Nicole. Quota Law Puts More Women in Armenia's Election. WeNews. May 10, 2007.
  9. ^ a b Country Reports on Human Rights Practices: Azerbaijan (2011). United States Bureau of Democracy, Human Rights, and Labor (2011). This article incorporates text from this source, which is in the public domain.
  10. ^ Czech Republic - HISTORY, Mongabay.com. URL consultato il 6 novembre 2013.
  11. ^ http://news.bbc.co.uk/1/hi/business/7337145.stm
  12. ^ THE WOMEN OF MONTENEGRO., su Correspondence of the London Standard, The New York Times. URL consultato il 18 novembre 2013. (abstract)
  13. ^ http://news.bbc.co.uk/2/hi/europe/country_profiles/3406417.stm
  14. ^ Lewis, Jone Johnson. Austria: Status of Women, Encyclopedia of Women's History, December 1993.
  15. ^ (HR) Croatian Parliament, Zakon o ravnopravnosti spolova, in Narodne novine, 116/2003, 14 luglio 2003.
  16. ^ Marianne A. and Phyllis Hutton Raabe Ferber, Women in the Czech Republic: Feminism, Czech Style, su International Journal of Politics, Culture, and Society Vol. 16, No. 3, Toward Gender Equity: Policies and Strategies (Spring, 2003), pp. 407-430, JSTOR, Springer. URL consultato il 6 novembre 2013.
  17. ^ Alho, Olli. A guide to Finnish customs and manners, November 2002/March 2010
  18. ^ a b Women in Business in Finland, worldbusinessculture.com
  19. ^ Hitton, Shanti. Social Culture of Greece, Travel Tips, USA Today
  20. ^ Claire Ward, How Dutch women got to be the happiest in the world, Macleans, 19 agosto 2011. URL consultato il 14 maggio 2013.
  21. ^ M. Cameron Arnold, San Marino, Advameg, Inc.. URL consultato il 26 ottobre 2013.
  22. ^ CS Monitor Correspondents, edited by Anne Shutt, Women lose ballot battle in republic of San Marino, The Christian Science Monitor. URL consultato il 26 ottobre 2013.
  23. ^ http://www.state.gov/j/drl/rls/hrrpt/2001/eur/8334.htm
  24. ^ http://www.ohchr.org/EN/NewsEvents/Pages/DisplayNews.aspx?NewsID=8989&LangID=E
  25. ^ BBC ON THIS DAY - 7 - 1971: Swiss women get the vote, in bbc.co.uk.
  26. ^ Women dominate new Swiss cabinet, su BBC News.
  27. ^ BBC NEWS - Europe - Naked Swiss hikers must cover up, in bbc.co.uk.
  28. ^ Switzerland, everyculture.com
  29. ^ An Approach to the Kosovo Post-War Rehabilitation Process from a Gender Perspective, QUADERNS DE CONSTRUCCIÓ DE PAU Nº 2, escola de cultura de pau, page 5.
  30. ^ First Female Elected President, Kosovo
  31. ^ Koha, "Në krye të Policisë së Kosovës, Atifete Jahjaga"[collegamento interrotto] Shqip TIME.mk 16 October 2010 (accessed 6 April 2011)
  32. ^ "Atifete Jahjaga zgjidhet presidente e Republikës" Telegrafi.com 7 April 2011 (accessed 6 April 2011)
  33. ^ "Kush do të na udhëheq" Telegrafi.com 7 April 2011 (accessed 7 April 2011)
  34. ^ GEORGIA: Female NGO Activists of Georgia and South Ossetia Meet in Baku to Search Ways to Stop Enmity, Caucasian Knot, peacewomen.org, June 12, 2010
  35. ^ a b Female NGO activists of Georgia and South Ossetia meet in Baku to search ways to stop enmity, Caucasian Knot, kavkaz-uzel.ru
  36. ^ MACEDONIA: How Are Women Faring In Macedonia?, AWID, September 12, 2009, peacewomen.org
  37. ^ De Lannoy, Jean and Ruben A. Lombaert, Belgium, Advameg, Inc.. URL consultato il 26 ottobre 2013.
  38. ^ In post-conflict Bosnia and Herzegovina, women are a driving force for change, IFAD
  39. ^ a b Bosnia and Herzegovina gender profile, IFAD, 5 March 2007.
  40. ^ http://www.bbc.com/news/magazine-34602822
  41. ^ a b c d e f g http://www.kwintessential.co.uk/articles/article/Italy/Women%E2%80%99s-Rights-in-Italy/314
  42. ^ https://www.government.nl/topics/gender-equality/contents/womens-labour-force-participation
  43. ^ http://ec.europa.eu/justice/gender-equality/files/epo_campaign/131205_country_profile_netherlands.pdf
  44. ^ Portugal-Women (data as of 1993), Mongabay.com. URL consultato il 3 novembre 2013.
  45. ^ Wilton, Isabelle. Women still climbing to the top in business, swissinfo.ch, March 7, 2011
  46. ^ Gogoryan, Anaid. "Four women in parliament not an achievement, but a disgrace", says leading member, Abkhazia's Women Lament Under-Representation, Caucasus, CRS Issue 583, March 18, 2011, iwpr.net
  47. ^ Abkhazia’s Women Lament Under-Representation, Institute for War and Peace Reporting, March 18, 2011, unhcr.org (accessed on May 1, 2011)
  48. ^ Andorra, Freedom House (2012). URL consultato il 2 novembre 2013.
  49. ^ http://www.bbc.com/news/world-europe-16248511
  50. ^ https://www.irex.org/sites/default/files/2012-2013%20STG%20Scholar%20Research%20Brief%20-Final.pdf
  51. ^ Gendercide in the Caucasus The Economist (September 13, 2013)
  52. ^ Michael, M; King, L; Guo, L; McKee, M; Richardson, E; Stuckler, D (2013), The mystery of missing female children in the Caucasus: an analysis of sex ratios by birth order, International perspectives on sexual and reproductive health, 39 (2), pp. 97-102, ISSN 1944-0391 (WC · ACNP)
  53. ^ John Bongaarts (2013), The Implementation of Preferences for Male Offspring, Population and Development Review, Volume 39, Issue 2, pages 185–208, June 2013
  54. ^ Ukraine profile, BBC News
  55. ^ Kyivans join global rally to end violence against women, Kyiv Post (14 February 2013)