Condizione della donna in Bielorussia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Una giovane modella bielorussa.

Il ruolo di genere, la condizione femminile e i diritti delle donne in Bielorussia si sono evoluti nel corso della storia bielorussa, in modo particolare da quando il concetto di pari diritti per le donne è stato sviluppato e dimostrato nel tardo XVI secolo. La cosiddetta "Carta del Granducato" datata 1588, uno dei documenti legali più importanti della storia del paese, ha protetto la dignità delle donne attraverso un atto legislativo[1].

Le donne e il loro contributo alla società e alla cultura si celebrano annualmente l'8 di marzo, durante la Giornata Internazionale della Donna[2].

Il Gender Inequality Index per il 2013 era fissato a 0.152 (alla 28ª posizione su 152 paesi), mentre le donne nell'Assemblea Nazionale (Bielorussia) ammontano al 29.5% del totale[3]. Nel 2014 il tasso di occupazione femminile era posizionato al 62%[4]. Il Global Gender Gap Report per il 2012 era fissato a 0.6442[5].

Popolazione[modifica | modifica wikitesto]

La giornalista e scrittrice Svjatlana Aleksievič, insignita nel 2015 del Premio Nobel per la letteratura.

Nel 2000 il 53% della popolazione bielorussa era composta da donne. La durata media della vita delle donne bielorusse è di circa 74 anni[2].

Ruolo nella società[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la tradizione, la posa del cibo sul tavolo è abitualmente fatta dalle donne. Anche la cura della famiglia e l'allevamento dei bambini sono tradizionalmente delegati a loro[2].

Organizzazioni per le donne[modifica | modifica wikitesto]

I gruppi femministi in Bielorussia sono comparsi per la prima volta nel 1991, per poi trasformarsi rapidamente in ulteriori entità nel corso degli anni. Queste organizzazioni comprendevano l'"Unione delle donne in Bielorussia" (precedentemente conosciuta come il "Comitato Bielorusso delle donne sovietiche"), la "Lega delle donne in Bielorussia", il "Comitato delle soldatesse nazionali", il "Movimento cristiano-democratico femminile", il "Movimento femminista bielorusso", "Per il Rinascimento Della Patria" e infine la "Lega delle Elettrici" e l'"Associazione Liberale delle Donne"[2].

Diritti di genere[modifica | modifica wikitesto]

Le donne sposate in Bielorussia hanno il diritto di mantenere le proprie proprietà, redditi, investimenti privati e e altri introiti provenienti da attività svolte da loro[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Belarusian Women as seen Through an Era, United Nations in Belarus.
  2. ^ a b c d e Belarus, everyculture.com
  3. ^ Table 4: Gender Inequality Index, United Nations Development Programme. URL consultato il 7 novembre 2014.
  4. ^ http://data.worldbank.org/indicator/SL.TLF.ACTI.FE.ZS/countries
  5. ^ The Global Gender Gap Report 2013, World Economic Forum, pp. 12-13.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]