Condizione della donna in Portogallo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Donne portoghesi in abito tradizionale.

Le donne in Portogallo hanno ricevuto una piena legalità giuridica uguale agli uomini attraverso il mandato della costituzione portoghese del 1976, che a sua volta derivava dalla rivoluzione dei garofani del 1974. A causa di ciò le donne portoghesi hanno ricevuto il diritto di voto e la piena uguaglianza sociale nel diritto di famiglia.

Nel corso dei primi anni '90 del XX secolo molte donne sono diventate professioniste, tra cui medici e avvocati, un dislivello rispetto alle tante che sono rimaste solo impiegate e appartenenti alla classe operaia[1].

Il Gender Inequality Index per il 2013 era pari a 0.116 (alla 21ª posizione su 152 paesi)[2], mentre il tasso di occupazione secondo l'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico era del 61.1% (dati del 2015)[3]. Il Global Gender Gap Report per il 2012 era fissato a 0.7056 (alla 51ª posizione su 144 paesi)[4].

Regime didattoriale (1932-1974)[modifica | modifica wikitesto]

Un'anziana signora.

Durante l'Estado Novo (Portogallo), un regime politico autoritario conservatore, i diritti delle donne erano assai limitati. Il concordato del 1940 firmato tra il governo e la chiesa cattolica romana ebbe come conseguenza che il ruolo di genere femminile fu legalmente e socialmente sottomesso agli uomini[5].

Vita familiare[modifica | modifica wikitesto]

In quanto paese in cui la religione predominante è il cattolicesimo, il Portogallo è stato tradizionalmente intriso di conservatorismo per quel che riguarda la vita familiare. Il divorzio è stato legalizzato nel 1975; l'adulterio ha subito la depenalizzazione nel 1982[6]. La legislazione sul divorzio è stata revisionata nell'ottobre del 2008, quando una legge rinnovata ha liberalizzato e velocizzato il procedimento.

Una donna in spiaggia.

Nel XXI secolo le dinamiche familiari sono diventate più liberali, con una crescita significativa e una maggior popolarità della convivenza; nel contempo il legame tra matrimonio e fertilità è diminuito. Nel 2016 il 52,8% delle nascite erano dovute a donne non sposate[7]. Come la maggior parte degli altri paesi occidentali, anche il Portogallo deve affrontare bassi livelli di fertilità; sin dagli anni '80 ha subito un tasso di fertilità sotto-sostitutivo (cambio generazionale)[8].

Nel 2010 l'età al primo matrimonio era fissata a 29,9 anni per le donne e a 31,4 anni per gli uomini[9]. Chi coabita possiede diritti in materia di sindacati tramite l'unione civile.

Aborto[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Aborto in Portogallo.

Le leggi sull'aborto in Portogallo sono state liberalizzate il 10 aprile 2007 a seguito di un referendum. L'aborto può essere eseguito su richiesta durante le prime dieci settimane di gravidanza e in fasi successive solo per ragioni specifiche (stupro, rischio di difetti di nascita, rischio per la salute della donna).

Purtuttavia l'acquisizione di un aborto legale è spesso difficile nella pratica in quanto sono molti i medici che rifiutano di eseguire aborti (che è legittimo in base a una clausola di obiezione di coscienza) poiché il Portgallo rimane un paese dove la tradizione cattolica mantiene ancora un'influenza notevole[10].

Una giovane donna immersa nella lettura.

Salute[modifica | modifica wikitesto]

Il tasso di mortalità materno è di 8,00 morti ogni 100 mila nascte vive (a partire dal 2010). Questo livello è basso rispetto agli standerd globali, ma risulta essere ancora più alto rispetto d altri paesi della civiltà occidentale[11]. Il tasso di HIV/AIDS è pari allo 0,6% degli adulti (tra i 15 e i 49 anni), uno dei più alti nell'Unione europea[12].

Dal 2001 gli immigrati hanno diritto all'assistenza sanitaria gratuita, inclusa la cura gratuita durante il periodo di gravidanza e il periodo postnatale, nonché l'utilizzo di strutture di pianificazione familiare (politica demografica), indipendentemente dal loro status legale di immigrati; questa politica è considerata importante perché la sieropositività è prevalente tra alcuni gruppi specifici di immigrati[13].

Gruppo di studentesse che suonano la chitarra.

Educazione[modifica | modifica wikitesto]

Il tasso di alfabetizzazione rimane ancora più basso tra le donne rispetto agli uomini: è al 94% per le femmine (di 15 o più anni, dati del 2011), mentre per i maschi è fissata al 97%[14].

Violenza domestica[modifica | modifica wikitesto]

La violenza domestica è illegale in Portogallo. La questione viene specificamente affrontata dall'articolo 152 del codice di diritto penale[15] portoghese; detto articolo, che è stato più volte modificato nel corso degli anni, recita: "Chiunque, in modo ripetitivo o no, infligge maltrattamenti fisici o mentali, incluse le pene corporali, la privazione della libertà e gli abusi sessuali a) sul coniuge o b) su una persona dello stesso o di un altro genere con il quale il reo ha mantenuto una qualche forma di unione, anche se senza convivenza e c) su un progenitore di un discendente comune di primo grado o d) su una persona particolarmente impotente a causa dell'età, della disabilità, della malattia, della gravidanza o della dipendenza economica, che coabita con l'autore del reato, sarà punito (...)"[16].

Il Portogallo ha inoltre ratificato la Convenzione del Consiglio d'Europa sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza domestica[17]. I dati accurati sulla violenza contro le donne sono diffivili da ottenere, ma secondo uno studio pubblicato nel 2008 il 38% delle donne ha subito violenze di tipo fisico, psicologico e/o sessuale a partire dall'età di 18 anni[18].

Donne in politica[modifica | modifica wikitesto]

Tradizionalmente in Portogallo, come anche in altri paesi, la politica viene onsiderata come un dominio maschile. Tuttavia negli ultimi anni sono state coinvolte più donne. A partire dal 2014 nell'Assemblea della Repubblica le donne ammontavano al 31,3%[19].

Una ragazza portoghese.

Personalità artistiche di rilievo[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Portugal-Women (data as of 1993), Mongabay.com. URL consultato il 3 novembre 2013.
  2. ^ Table 4: Gender Inequality Index, United Nations Development Programme. URL consultato il 7 novembre 2014.
  3. ^ http://stats.oecd.org/Index.aspx?DatasetCode=LFS_SEXAGE_I_R#
  4. ^ The Global Gender Gap Report 2013 (PDF), World Economic Forum, pp. 12-13.
  5. ^ Portugal - Women, su countrystudies.us. URL consultato il 17 giugno 2016.
  6. ^ "Aborto não deve ser uma prioridade da investigação criminal", su publico.pt. URL consultato il 17 giugno 2016.
  7. ^ PORDATA - Live births outside of marriage, with parents co-habiting or not (%) in Portugal, su pordata.pt. URL consultato il 17 giugno 2016.
  8. ^ Fertility in Portugal: a Macro/Micro Economic Perspective / Projects funded by national science agencies / Projects / Research output / Welcome - CEFAGE, su Uevora.pt. URL consultato il 17 giugno 2016.
  9. ^ [1][collegamento interrotto]
  10. ^ In Portugal, abortion legal but many doctors refuse to perform them, su wbez.org. URL consultato il 17 giugno 2016.
  11. ^ The World Factbook, su cia.gov. URL consultato il 17 giugno 2016.
  12. ^ The World Factbook, su cia.gov. URL consultato il 17 giugno 2016.
  13. ^ HIV/AIDS Among Immigrants in Portugal: Socio-Demographic and Behavioural Correlates of Preventive Practices (PDF), su Cdn.intechoppen.com. URL consultato il 17 giugno 2016.
  14. ^ The World Factbook, su cia.gov. URL consultato il 17 giugno 2016.
  15. ^ Ministry of Justice, Breaking the silence – united against domestic violence”: 29th Council of Europe Conference of Ministers of Justice - Report from Portugal, Direção-Geral da Política de Justiça, p. 2 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2017).
  16. ^ In lingua originale: Artigo 152.º Violência doméstica 1 — Quem, de modo reiterado ou não, infligir maus tratos físicos ou psíquicos, incluindo castigos corporais, privações da liberdade e ofensas sexuais: a) Ao cônjuge ou ex -cônjuge; b) A pessoa de outro ou do mesmo sexo com quem o agente mantenha ou tenha mantido uma relação análoga à dos cônjuges, ainda que sem coabitação; c) A progenitor de descendente comum em 1.º grau; ou d) A pessoa particularmente indefesa, em razão de idade, deficiência, doença, gravidez ou dependência económica, que com ele coabite; é punido (...) [2]
  17. ^ Liste complète, su coe.int. URL consultato il 17 giugno 2016.
  18. ^ Super User, WAVE Network (PDF), su wave-network.org. URL consultato il 17 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2016).
  19. ^ Women in Parliaments: World Classification, su ipu.org. URL consultato il 17 giugno 2016.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]