Condizione della donna in Birmania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Donne birmane di etnia Karen.

Storicamente le donne in Birmania hanno goduto, con poche e temporanee eccezioni, di uno status unico all'interno delle società del Sudest asiatico: per secoli la componente femminile della popolazione ha goduto di un alto grado di indipendenza, col mantenimento pieno di tutti i loro diritti legali ed economici. Il sistema matriarcale vigente in passato includeva il diritto di ereditare proprietà e succedere eventualmente anche al ruolo di capo-villaggio.[1]

Tra il 2010-12 il 18% della popolazione femminile possedeva un'istruzione secondaria, il 4% sedeva in parlamento, il 75% faceva parte della forza lavorativa.[2]

Amore e matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Ragazze birmane al lavoro in una fabbrica di lacche.

In certa misura, anche il matrimonio combinato è stato parte della tradizione birmana; però le donne hanno sempre avuto il diritto di rifiutare l'offerta proveniente dal promesso sposo scelto precedentemente dai genitori per lei: allo stato attuale, le giovani donne possono liberamente scegliere chi sposare[3].

I matrimoni, fino al 2010, erano ammessi anche tra donne birmane e uomini stranieri, a condizione che i tribunali divisionali del paese ne ricevessero informativa con almeno 21 giorni di preavviso; in seguito il governo non ha più riconosciuto la validità di cerimonie matrimoniali con stranieri di sesso maschile[3]. Una delle principali ragioni addotte è stata quella di evitare la tratta di esseri umani[3]; le donne potevano, difatti, diventare facilmente vittime di trafficanti senza scrupoli per essere in seguito vendute all'industria del sesso in Pakistan e Thailandia[4].

Evoluzione dei diritti[modifica | modifica wikitesto]

Le "donne-giraffa" dei Kayan.

A seguito del deterioramento del clima economico-politico di quegli anni, un rapporto datato 1998 (ma pubblicato nel 2000) descrive così la situazione delle donne birmane: le famiglie sembrano così dare sempre più la priorità ai figli maschi a causa delle limitate risorse: queste modifiche hanno riguardato l'accesso per le donne all'istruzione, all'assistenza medica, alla formazione professionale e ad altre opportunità educative[5].

Sono diventate così operaie sottopagate dei militari, quando non vittime di vera e propria schiavitù, di omicidi, torture, stupri e altre forme gravi di molestia; gradualmente i livelli di potere sociale si sono ristretti e limitati con una difficoltà sempre maggiore nella possibilità di raggiungere posizioni di alto livello in uffici sia pubblici che privati[5]. Solo un numero molto limitato della popolazione femminile riceve adeguata educazione in materia di diritti riproduttivi e nei riguardi delle pratiche sicure di contraccezione, rendendole in tal modo maggiormente esposte a malattie sessualmente trasmissibili[5].

Nel 2008 la BBC ha portato alla ribalta le donne del popolo Kayan, una minoranza etnica di lingua tibeto-birmana e divenute già una forte attrazione turistica in Thailandia a causa della tradizione che le vuole indossare anelli di ottone attorno al collo; l'aggiunta d'un numero sempre maggiore di questi anelli fa sì che le clavicole vengano spinte in basso dando l'illusione al contempo che il collo si allunghi[6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Daw Mya Sein. "Women in Burma", The Atlantic, Atlantic Magazine, February 1958.
  2. ^ http://hdr.undp.org/hdr4press/press/report/hdr/english/HDR2013_EN_Complete.pdf Programma delle Nazioni Uniter per lo sviluppo, pag.156
  3. ^ a b c Thae Thae. Burmese Women Not Allowed to Marry Foreigners Archiviato il 2 marzo 2011 in Internet Archive., The Irrawaddy, May 25, 2010.
  4. ^ Trafficking Archiviato il 1º gennaio 2007 in Internet Archive., Burma/Myanmar, Factbook on Global Sexual Exploitation, Coalition Against Trafficking in Women
  5. ^ a b c Human Rights in Burma, Asian Women's Resource Exchange (AWORC), 2000
  6. ^ Harding, Andrew. Burmese women in Thai 'human zoo', January 30, 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Diritto Portale Diritto: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di diritto