Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
Prosecco Valley.jpg
TipoCulturali
Criterio(v)
PericoloNon in pericolo
Riconosciuto dal2019
Scheda UNESCO(EN) The Prosecco Hills of Conegliano and Valdobbiadene e Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene
(FR) Les Collines du Prosecco de Conegliano et Valdobbiadene

Le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene sono un gruppo di colline comprese nella provincia di Treviso, in Veneto, caratterizzate dal territorio vitivinicolo della zona di produzione del vino Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene DOCG.

Dal 2019 le colline sono inserite nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'UNESCO.[1][2] Dopo una prima bocciatura nel 2018[3], nel corso della 43ª sessione UNESCO tenutasi a Baku in Azerbaigian, sono divenute il 55° sito italiano e l'8° in Veneto ad ottenere questo riconoscimento.[4][5]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Mappa del Patrimonio dell'Umanità UNESCO. In verde la zona centrale, in arancio la zona cuscinetto.

Collocate nel nordest d'Italia, in provincia di Treviso (Veneto), le Colline del Prosecco si estendono in direzione est-ovest, da Vittorio Veneto a Valdobbiadene.[6]

La zona centrale, ovvero l’areale riconosciuto patrimonio dell’umanità, oggetto di tutela e di protezione ha un’estensione di 9197,45 ettari e comprende i territori collinari ricadenti nei Comuni di Valdobbiadene, Vidor, Miane, Farra di Soligo, Pieve di Soligo, Follina, Cison di Valmarino, Refrontolo, San Pietro di Feletto, Revine Lago, Tarzo e Vittorio Veneto.

A questa zona va aggiunta una zona cuscinetto (9769,80 ettari) con la presenza di territori collinari di minore rilevanza. Essa è composta dai Comuni di Conegliano, Susegana e San Vendemiano. Poi è stata aggiunte la "commitment zone" dove si possono riconoscere i caratteri principali della candidatura, ma con un maggiore sviluppo dell’urbanizzazione. Essa è composta dai Comuni di Cappella Maggiore, Colle Umberto, Codogné, Cordignano, Fregona, Godega di Sant'Urbano, Mareno di Piave, Moriago della Battaglia, Sarmede, San Fior, Sernaglia della Battaglia, Segusino, Santa Lucia di Piave e Vazzola. [7]

Sono caratterizzate da una particolare conformazione geologica denominata hogback, ovvero costituiscono una serie di colline con una cresta stretta e pendii ripidi su entrambi i fianchi, intervallati da piccole valli parallele.[6]

Il sito include gran parte del territorio vitivinicolo della zona di produzione del Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene DOCG.

Il panorama è caratterizzato dai cosiddetti ciglioni, terrapieni sui quali sono stati realizzati terrazzamenti stretti ed erbosi per i filari di viti. Per secoli questi aspri terreni sono stati modellati e resi adatti alla coltura dall'uomo. Dal XVII secolo, l'uso dei ciglioni ha creato un particolare scenario a scacchiera costituito da filari di viti paralleli tra di loro e verticali rispetto ai declivi. Nel XIX secolo, la tecnica di coltivazione della bellussera ha contribuito alle caratteristiche estetiche del territorio[2].

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]


Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Venerdì 28 giugno 2019, pochi giorni prima della seduta del comitato UNESCO che avrebbe portato all'inserimento dei territori del Conegliano Valdobbiadene nella lista dei patrimoni dell'umanità, si è tenuto fuori dalla sede veneziana dell'UNESCO un sit-in ambientalista organizzato da diverse associazioni per la lotta contro l'uso massiccio di pesticidi in agricoltura. Gli attivisti hanno consegnato un fascicolo al rappresentante delle Nazioni Unite con varie considerazioni sulla questione dell'uso dei fitofarmaci nel territorio, evidenziando anche come nel rapporto ufficiale UNESCO non comparissero termini come "pesticida" o "inquinamento"[8]. Proteste simili si erano già verificate nello stesso territorio, attirando l'interesse di trasmissioni nazionali come Report, che ha messo in luce come le dichiarazioni degli amministratori locali e dei responsabili della sanità sulla salute ambientale delle colline siano in netto contrasto con le versioni degli abitanti della zona[9]. Da chiarire che, i motivi che hanno portato a innumerevoli discussioni sul tema della sostenibilità del territorio tra Conegliano Valdobbiadene, sono stati puntualmente affrontati dalle Autorità locali, dal Consorzio di Tutela del Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG con il supporto degli enti preposti alla formazione e ricerca in particolare nel settore vitivinicolo come: la Scuola Enologica di Conegliano, il Crea VE Centro di Ricerca per la Viticoltura di Conegliano e l'Università degli studi di Padova che sempre a Conegliano tiene il corso in Scienze Viticole ed Enologiche. Infatti la Denominazione Conegliano Valdobbiadene, ad esempio, risulta essere la prima area in Europa ad avere messo al bando il glifosato, prodotto erbicida oggetto di controversie per la sua sospetta pericolosità.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Le colline del prosecco da oggi patrimonio Unesco.
  2. ^ a b (EN) UNESCO World Heritage Centre, Le Colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene, su UNESCO World Heritage Centre. URL consultato il 7 luglio 2019.
  3. ^ Unesco: colline del Prosecco patrimonio dell’Umanità, su food.firstonline.info, 7 luglio 2019. URL consultato il 7 luglio 2019 (archiviato il 7 luglio 2019).
  4. ^ Le Colline del Prosecco sono Patrimonio Unesco, su European Food Agency, 7 luglio 2019. URL consultato il 7 luglio 2019 (archiviato il 7 luglio 2019).
  5. ^ Unesco, i 55 siti italiani patrimonio dell'Umanità, su repubblica.it, 7 luglio 2019. URL consultato il 7 luglio 2019 (archiviato il 7 luglio 2019).
  6. ^ a b Le colline del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene Patrimonio dell'Umanità: ecco la mappa del sito, Qdpnews.it, 8 luglio 2019. URL consultato il 9 luglio 2019.
  7. ^ L’Unesco finalmente promuove le Colline del Prosecco Superiore a Patrimonio dell’Umanità, gamberorosso.it, 8 luglio 2019. URL consultato il 28 ottobre 2019.
  8. ^ (EN) 'Assurdo che un territorio dove la popolazione viva a disagio sia patrimonio Unesco'., su www.oggitreviso.it. URL consultato l'8 settembre 2019.
  9. ^ Report Prosecco patrimonio Unesco? I pesticidi potrebbero far saltare tutto, su www.rai.it. URL consultato l'8 settembre 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]