Chiese rupestri di Matera

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiese rupestri di Matera
San Luca alla Selva.JPG
Interno di Santa Maria del Vitisciulo già San Luca alla Selva
Utilizzochiese/abitazioni
Stilemedievale
EpocaAlto Medioevo
Localizzazione
StatoItalia Italia
ProvinciaMatera
Altitudine400 m s.l.m.
Amministrazione
PatrimonioPatrimonio mondiale dell'umanità
EnteUNESCO
VisitabileSi
Mappa di localizzazione

Coordinate: 40°40′N 16°36′E / 40.666667°N 16.6°E40.666667; 16.6

UNESCO white logo.svg Bene protetto dall'UNESCO
UNESCO World Heritage Site logo.svg Patrimonio dell'umanità
I Sassi e il parco delle Chiese Rupestri di Matera
(EN) The Sassi and the park of the Rupestrian Churches of Matera
Veduta di matera di giorno 09.jpg
Tipoarchitettonico
CriterioC (iii)(iv)(v)
Pericolono
Riconosciuto dal1993
Scheda UNESCO(EN) Scheda
(FR) Scheda

Le chiese rupestri del territorio di Matera, fondate principalmente nell'Alto Medioevo, sono edifici scavati nella roccia. Inizialmente nate come strutture religiose, nel corso del tempo hanno subito diverse trasformazioni d'uso, diventando abitazioni o ricoveri per animali. Sono un'importante testimonianza della presenza di comunità di monaci benedettini, longobardi e bizantini. Talune chiese, inoltre, pur nella sostanziale impostazione latina, presentano elementi bizantini, o viceversa, chiese architettonicamente greche hanno spazi liturgici di tipo latino. Le chiese rupestri contengono spesso affreschi ed elementi scultorei, che, oltre alla funzione decorativa, inducevano alla contemplazione e alla preghiera.

Nel Medioevo piccole comunità di laici e monaci immigrati dalle zone della Cappadocia[1], Armenia, Siria ed Asia Minore, dopo aver perso le possibilità di culto, si rifugiarono in queste grotte che diventarono luoghi di preghiera decorati con affreschi bizantini, arricchendo di arte e cultura orientale l'intero comprensorio.[2]

Elenco[modifica | modifica wikitesto]

Santa Maria de Armeniis
San Pietro Caveoso, altare di sant'Antonio (1531)
Santa Lucia alle Malve, Deposizione, san Nicola, e incoronazione della Vergine e santi (XIV secolo)
Chiesa della Madonna delle Vergini
Affreschi nella Cripta del Peccato originale
Chiesa della Madonna della Croce

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In Cappadocia vi sono numerose chiese rupestri, anche con vasti cicli affrescati, come quelle di Göreme.
  2. ^ Maria Antonella Siepe e Antonello Di Gennaro, I Sassi di Matera, ed. Giannatelli, Matera, 2016, pag. 8

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • AA.VV., Chiese e asceteri rupestri di Matera, Matera, De Luca, 1995.
  • Le Chiese Rupestri di Matera, Roma, DE LUCA, 1966.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]