Casina

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'opera teatrale di Plauto, vedi Casina (Plauto).
Casina
comune
Casina – Stemma Casina – Bandiera
Panorama invernale di Casina
Panorama invernale di Casina
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
Provincia Provincia di Reggio Emilia-Stemma.png Reggio Emilia
Amministrazione
Sindaco Gian Franco Rinaldi (lista civica sostenuta da PD - SEL - RC - UDC - IDV) dal 16/05/2011
Data di istituzione 04/12/1859[1]
Territorio
Coordinate 44°30′40″N 10°30′09″E / 44.511111°N 10.5025°E44.511111; 10.5025 (Casina)Coordinate: 44°30′40″N 10°30′09″E / 44.511111°N 10.5025°E44.511111; 10.5025 (Casina)
Altitudine 574 m s.l.m.
Superficie 63,8[2] km²
Abitanti 4 501[3] (31-12-2014)
Densità 70,55 ab./km²
Frazioni Banzola, Barazzone, Beleo, Bergogno, Bettola, Bocco, Boschi, Braglio, Brugna, Casaleo, Casetico, Castignola, Ciolla, Cortogno, Costaferrata, Crocicchio, Faieto, Giandeto Straduzzi, Il Monte, La Ripa, Leguigno Faggeto, Lezzolo, L'Incrostolo, Masere, Migliara-Boastra, Molino di Cortogno, Monchio l'Axella, Montale, Montata, Montevaglio, Paullo Chiesa, Sordiglio, Strada-Fabbrica, Trazara, Vercallo, Villa Bonini
Comuni confinanti Carpineti, Castelnovo ne' Monti, Canossa, Vezzano sul Crostolo, Viano
Altre informazioni
Cod. postale 42034
Prefisso 0522
Fuso orario UTC+1
Codice ISTAT 035013
Cod. catastale B967
Targa RE
Cl. sismica zona 3 (sismicità bassa)
Nome abitanti casinesi
Patrono san Bartolomeo
Giorno festivo 24 agosto
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Casina
Casina
Posizione del comune di Casina nella provincia di Reggio Emilia
Posizione del comune di Casina nella provincia di Reggio Emilia
Sito istituzionale

Casina (Caṡîna /kaˈziːna/ in dialetto reggiano, La Caṡèina nel dialetto locale) è un comune italiano di 4 501 abitanti[3] della provincia di Reggio Emilia.

Il territorio comunale fa parte della Comunità Montana dell'Appennino reggiano.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è interamente situato in montagna. Le due valli principali sono quella del torrente Crostolo che interessa il territorio a est e il torrente Tassobbio che invece occupa tutta la parte ovest.
Tra i rilievi più alti si possono elencare il monte Barazzone (735 m) e il monte Pulce (739 m).

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stazione meteorologica di Casina.

La zona climatica del comune è la E, pertanto è possibile accendere il riscaldamento dal 15 ottobre al 15 aprile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

In epoca preromana il territorio fu occupato prima dai Liguri e vi insediarono successivamente gli Umbri, gli Etruschi e i Celti. Durante il II sec. A.C. con una serie di campagne militari i Romani conquistarono definitivamente la zona.
Caduto l'impero il territorio venne occupato prima dai Goti, dai Bizantini, dai Longobardi e infine dai Franchi. I Longobardi riorganizzarono una prima forma di stato, organizzazione che mancava dai tempi dei romani.
È nel secolo IX e X che iniziano a essere costruiti i primi insediamenti rurali come Migliara,Beleo e Giandeto. Compaiono anche i primi castelli come Sarzano, Leguigno e Paullo, quest'ultimo anche sede del potere religioso con una sua pieve. Dopo la morte di Matilde di Canossa queste entità amministrative accettarono di entrare nella giurisdizione del comune di Reggio Emilia.
Il territorio di "Cassina" viene infatti menzionato nel "Libro dei fuochi" del Comune di Reggio del 1315. L'amministrazione dalla famiglia dei Canossa passo a quella dei Fogliani e poi agli Estensi.
Casina di qualificò come comune il 4 dicembre 1859 con un decreto del dittatore dell'Emilia Luigi Carlo Farini. [4] [5]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

  • Castello di Sarzano (IX secolo), il bene monumentale più importante, sito sul crinale che collega Canossa a Carpineti.
  • Oratorio del Carrobbio (1742), situato alla deviazione verso il castello di Sarzano a 1 km dal capoluogo, è stato costruito a seguito del apparizione della Beata Vergine Maria a una pastorella.
  • Castello di Leguigno (XIV secolo), in ottimo stato, si trova vicino al omonimo borgo medievale.
  • Pieve di Pianzo (VII secolo), probabilmente di epoca longobarda, ha ricevuto vari restauri nei secoli passati e di recente.
  • Oratorio di Beleo (X secolo), di struttura romanica, nel bosco intorno sono stati collocati degli steli a ricordo degli alpini caduti durante le guerre.[6]

Altro[modifica | modifica wikitesto]

In località La Torre di Casina, lungo l'antica strada ducale Gualtieri-Aulla a 200 metri a valle dall'incrocio con la strada che porta alla rocca di Canossa, è posta dal 1948 una lapide a ricordo del passaggio degli studenti e professori toscani che combatterono al fianco di Carlo Alberto di Savoia, sui campi di Curtatone e Montanara.

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Biblioteche[modifica | modifica wikitesto]

La biblioteca comunale "Sincero Bresciani" è stata fondata nel 1980 e ora dispone di più di 15.000 volumi. Si trova in via Marconi 7, al piano terra del centro culturale.

Scuole[modifica | modifica wikitesto]

Nel territorio comunale si trovano:

  • 2 scuole per l'infanzia e primarie: una a Casina, l'altra a Paullo.
  • una scuola secondaria di primo grado a Casina.

Questi sedi fanno parte dell'Istituto comprensivo "Giorgio Gregori" di Carpineti-Casina.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Il museo della civiltà contadina "Corte Gherardi" ospita una collezione di oltre 2000 pezzi che raccontano la vita agreste del territorio.Ha sede nel borgo di Montale.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Il comune di Casina fa parte dell'area di produzione del Parmigiano Reggiano.

La produzione di questo rinomato formaggio riguarda l'allevamento di mucche da latte e la fabbricazione in molti caseifici del territorio.Il parmigiano reggiano di montagna si differenzia da quello di pianura dal colore giallo paglierino più intenso e dal gusto più piccante.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Il territorio comunale è attraversato dalla strada statale 63 del Valico del Cerreto.

É attivo un servizio di autobus per il collegamento con Reggio nell'Emilia.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
5 luglio 1988 7 giugno 1993 Gildo Dallari PCI, PDS Sindaco [7]
7 giugno 1993 28 aprile 1997 Walter Vezzosi Democrazia Cristiana Sindaco [7]
28 aprile 1997 14 maggio 2001 William Filippi centro-sinistra Sindaco [7]
14 maggio 2001 16 maggio 2011 Carlo Fornili lista civica Sindaco [7]
16 maggio 2011 in carica Gian Franco Rinaldi lista civica: Per Casina Sindaco [7]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[8]


Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Casina Lo scorrere di un secolo, p. 14
  2. ^ Dati comuni-italiani.it, comuni-italiani.it. URL consultato il 24-10-2015.
  3. ^ a b Dati ISTAT, tuttitalia.it. URL consultato il 24-10-2015.
  4. ^ Viaggio nell'appennino reggiano, p. 65
  5. ^ Preistoria e Storia del luogo, comune.casina.re.it. URL consultato il 24-10-2015.
  6. ^ Daniele Canossini, Casina luoghi, peculiarità, monumenti, memorie (PDF), comune.casina.re.it. URL consultato il 28/12/2015.
  7. ^ a b c d e http://amministratori.interno.it/
  8. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanna Caroli, Giuseppina Gentili, Giorgio Gregori e Paolo Gregori, Casina Lo scorrere di un secolo, Reggio Emilia, Comune di Casina - Age Grafico-editoriale, 1990.
  • Athos Nobili, Viaggio nell'appennino reggiano, Reggio Emilia, Grafitalia Reggio Emilia, 2000.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN246323039 · GND: (DE7608165-5