Vezzano sul Crostolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Vezzano sul Crostolo
comune
Vezzano sul Crostolo – Stemma Vezzano sul Crostolo – Bandiera
Vezzano sul Crostolo – Veduta
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Emilia-Romagna-Stemma.svg Emilia-Romagna
ProvinciaProvincia di Reggio Emilia-Stemma.png Reggio Emilia
Amministrazione
SindacoStefano Vescovi (lista civica SìAmo Vezzano) dal 27-5-2019
Territorio
Coordinate44°36′N 10°33′E / 44.6°N 10.55°E44.6; 10.55 (Vezzano sul Crostolo)
Altitudine166 m s.l.m.
Superficie37,82 km²
Abitanti4 342[1] (31-8-2020)
Densità114,81 ab./km²
FrazioniBettola, Casola, Casa Bissini, Ca' Caprari, Ca' di Rosino, Casa Cesari, Casaratta, Case Martini, Casoletta, Il Poggio, La Fornace, La Valle, La Vecchia, Marmazza, Melano, Monchio, Montalto, Monte, Paderna, Pecorile, Pedergnano, Possione, Rio Buracci, Riolo, Scarzola, Sedrio, Villa, Vindè, Vronco
Comuni confinantiAlbinea, Casina, Canossa, Quattro Castella, San Polo d'Enza, Viano
Altre informazioni
Cod. postale42030
Prefisso0522
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT035043
Cod. catastaleL820
TargaRE
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[2]
Cl. climaticazona E, 2 503 GG[3]
Nome abitantivezzanesi
Patronosan Martino
Giorno festivo11 novembre
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Vezzano sul Crostolo
Vezzano sul Crostolo
Vezzano sul Crostolo – Mappa
Posizione del comune di Vezzano sul Crostolo nella provincia di Reggio Emilia
Sito istituzionale

Vezzano sul Crostolo (Vsân in dialetto reggiano[4]) è un comune italiano di 4 342 abitanti[1] della provincia di Reggio Emilia in Emilia-Romagna.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Vezzano sul Crostolo, sito sulla riva sinistra del Crostolo, sorge a 13 km a sud di Reggio Emilia. Il suo territorio abbraccia le valli dei torrenti Crostolo e Campola nella prima quinta collinare della provincia di Reggio Emilia. Oltre al capoluogo, il territorio comunale, è formato dalle frazioni di Casola Canossa, La Vecchia, Montalto, Paderna e Pecorile. Il Comune di Vezzano sul Crostolo che ha una superficie di 37 chilometri quadrati confina a Nord con il comune di Quattro Castella, ad Est con Albinea e Viano, a Sud con Casina e ad Ovest con Canossa e San Polo d'Enza.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Vezzano fu menzionato per la prima volta in una donazione dell'835 fatta da Cunegonda di Laon, vedova del re Bernardo d'Italia, al monastero di Sant'Alessandro di Parma. Un secondo documento, del monastero di San Prospero di Reggio, ne attesta l'esistenza nel 1097. Nel 1188 gli uomini della località giurarono fedeltà al Comune di Reggio, giuramento che venne rinnovato nove anni più tardi.

Nel corso dei secoli l'economia della zona fu storicamente legata all'estrazione del gesso nelle cave vicino al paese. Con la Restaurazione l'odierno territorio comunale vezzanese fu smembrato e ripartito tra Reggio, Scandiano e San Polo. In quegli stessi anni la strada del Cerreto, che fino ad allora seguiva il corso del torrente Campola per proseguire tortuosamente verso Paullo, venne rettificata e fatta passare attraverso Vezzano e la valle del Crostolo.

Il comune di Vezzano fu istituito nel 1859 per volontà di Luigi Carlo Farini. Nel 1872 la frazione di Mucciatella fu ceduta a Quattro Castella.

Il 24 giugno del 1944, nella frazione de La Bettola, venne perpetrato dai nazifascisti un efferato eccidio, che causò la morte di 32 civili.

Secondo quanto riferito da Renato Curcio ed Alberto Franceschini, nell'agosto del 1970 nella frazione di Pecorile, si sarebbe tenuto un convegno a cui parteciparono un centinaio di delegati dell'organizzazione dell'estrema sinistra milanese Sinistra Proletaria durante il quale sarebbe stata decisa la nascita delle Brigate Rosse.

Dal novembre 2018, Vezzano è gemellato con il comune di Friolzheim in Baden-Württemberg (Germania).

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Martino, edificata a Vezzano, risulta attestata nel 1156 e fu consacrata verso la metà dello stesso secolo dal vescovo Adalberio. Nel 1823 fu restaurata nelle forme attuali. L'interno, in ordine dorico, è a navata unica con volta a botte.
  • Chiesa di San Michele, situata nella frazione di Paderna, risulta esistente nel XIV secolo.
  • Chiesa di Santa Eufemia, situata nella frazione di Casola Canossa, fu citata per la prima volta in un documento dell'XI secolo.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[5]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Al 31 dicembre 2017 gli stranieri residenti nel comune sono 258, pari al 6,1% della popolazione. Di seguito sono riportati i gruppi più consistenti[6]:

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Il centro di Vezzano sul Crostolo è attraversato dalla Strada statale 63 del Valico del Cerreto che consente il collegamento sia con Reggio Emilia sia con l'Appennino reggiano.

Il comune non è raggiungibile direttamente tramite autostrada; il casello più vicino è quello di Reggio Emilia sull'A1 Milano-Napoli.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito è presentata una tabella relativa alle amministrazioni che si sono succedute in questo comune.

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
9 luglio 1985 7 luglio 1992 Maurizia Cucchi PCI, PDS Sindaco [7]
7 luglio 1992 14 giugno 1999 Graziano Zannoni - Sindaco [7]
14 giugno 1999 7 giugno 2009 Paolo Pagnozzi lista civica di centro Sindaco [7]
8 giugno 2009 26 maggio 2019 Mauro Bigi lista civica di centrosinistra Sindaco [7]
27 maggio 2019 "in carica" Stefano Vescovi Lista civica SìAmo Vezzano Sindaco [7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Dato Istat - Popolazione residente al 31 agosto 2020 (dato provvisorio).
  2. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  3. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  4. ^ AA. VV., Dizionario di toponomastica. Storia e significato dei nomi geografici italiani., Milano, Garzanti, 1996, p. 698, ISBN 88-11-30500-4.
  5. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  6. ^ Bilancio Demografico e popolazione residente straniera al 31 dicembre 2017 per sesso e cittadinanza, su demo.istat.it, ISTAT. URL consultato il 12 luglio 2018.
  7. ^ a b c d e http://amministratori.interno.it/

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN249402390 · GND (DE4624321-5