Carolyn R. Bertozzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Bertozzi nel 2022
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la chimica 2022
Premio Wolf Premio Wolf per la chimica 2022

Carolyn Ruth Bertozzi (Boston, 10 ottobre 1966) è una chimica statunitense nota per il suo lavoro ad ampio raggio che spazia dalla chimica alla biologia.

Ha coniato il termine "chimica bioortogonale" per le reazioni chimiche compatibili con i sistemi viventi[1][2].

I suoi recenti sforzi includono la sintesi di strumenti chimici per studiare gli zuccheri della superficie cellulare chiamati glicani e il modo in cui influenzano malattie come il cancro, l'infiammazione e le infezioni virali come il COVID-19. Per i suoi contributi e nell'ambito della click chemistry è stata insignita del premio Nobel per la chimica nel 2022, assieme ai colleghi Meldal e Sharpless.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Carolyn Bertozzi è nata a Boston ed è cresciuta a Lexington, nel Massachusetts. Figlia di Norma Gloria Berringer e William Bertozzi, professore di fisica al MIT[3][4][5], ha due sorelle, una delle quali, Andrea Bertozzi, è una celebre matematica dell'UCLA.[6]. Suo padre era di origini italiane[7][8] mentre i suoi nonni materni erano originari della Nuova Scozia (Canada)[9].

Durante il liceo è stata una giocatrice di calcio[10]. Ai tempi in cui frequentava l'università, ha fatto parte di varie rock band, tra le quali i Bored of Education, che nel 1986 vinsero la Ivy League Battle of the Bands. Della formazione musicale, nella quale Bertozzi era tastierista e vocalist, faceva parte anche Tom Morello, che sarebbe successivamente diventato chitarrista dei Rage Against the Machine[11][12]. Dopo la laurea ad Harvard nel 1988, ha suonato presso i Bell Labs con Chris Chidsey.

Carriera accademica[modifica | modifica wikitesto]

Si è laureata summa cum laude in chimica presso l'Università di Harvard, dove ha lavorato con il professor Joe Grabowski alla progettazione e costruzione di un calorimetro fotoacustico.

Bertozzi ha completato il dottorato di ricerca in chimica presso l'Università della California, Berkeley, nel 1993 con Mark Bednarski, lavorando sulla sintesi chimica di analoghi degli oligosaccaridi. Mentre era a Berkeley, scoprì che i virus possono legarsi agli zuccheri nel corpo. La scoperta l'ha portata al suo attuale campo di ricerca, la glicobiologia. Durante il terzo anno di scuola di specializzazione di Carolyn, a Bednarski fu diagnosticato un cancro al colon, che lo portò a prendere un congedo. Ciò ha lasciato la Bertozzi e il resto del laboratorio a completare il dottorato di ricerca senza una supervisione diretta.

Nel 2010 è stata la prima donna a ricevere il Premio Lemelson-MIT. È membro dell'Accademia nazionale delle scienze (2005), dell'Accademia Cesarea Leopoldina[13] (2008), del National Academy of Medicine (2011) e del National Academy of Inventors (2013). Nel 2014 è diventata capo della rivista scientifica ACS Central Science dell'American Chemical Society.[14] Dal 2021 è socia dell'Accademia dei Lincei[15]

Nel febbraio 2022 ha ricevuto il Premio Wolf per la chimica. Ha ricevuto nell'ottobre 2022 il Premio Nobel per la chimica insieme a Morten P. Meldal e Karl Barry Sharpless, "per lo sviluppo della click chemistry e della chimica bioortogonale".

Startup biomediche[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi anni 2000, Bertozzi e Steve Rosen hanno co-fondato la Thios Pharmaceuticals, la prima azienda a puntare sulle vie di solfatazione[16].

Carolyn Bertozzi nel 2011

Nel 2008, Bertozzi ha fondato una propria startup: Redwood Bioscience di Emeryville, California[17]. Redwood Bioscience è un'azienda di biotecnologie che utilizza SMARTag, una tecnologia di modificazione delle proteine sito-specifica che consente a piccoli farmaci di attaccarsi ai siti delle proteine e può essere utilizzata per aiutare a combattere i tumori[18]. Redwood Bioscience è stata acquisita da Catalent Pharma Solutions nel 2014, ma Bertozzi continua a far parte del comitato consultivo per il settore biologico dell'azienda[18].

Nel 2014 ha co-fondato Enable Biosciences, che si concentra sulle biotecnologie per la diagnosi a domicilio di diabete di tipo 1, HIV e altre malattie[19][20].

Nel 2015 Bertozzi è diventata co-fondatrice di Palleon Pharma di Waltham, Massachusetts, Palleon Pharma si concentra sullo studio degli inibitori del checkpoint glicoimmunitario come potenziale trattamento del cancro[21].

Nel 2017, Bertozzi ha contribuito a fondare InterVenn Biosciences, che utilizza la spettrometria di massa e l'intelligenza artificiale per migliorare la glicoproteomica per la scoperta di target e biomarcatori, la diagnostica del cancro ovarico e la previsione dei successi e dei fallimenti degli studi clinici[19][22].

Nel 2018 ha co-fondato la Grace Science Foundation. La fondazione si concentra sulla cura della carenza di NGLY1 attraverso lo sviluppo di terapie efficienti e poco costose[23].

Nel 2019 ha co-fondato OliLux Biosciences e Lycia Therapeutics. OliLux Biosciences sviluppa nuovi metodi per il rilevamento della tubercolosi[19][24]. La fondazione di Lycia Therapeutics è avvenuta quando il gruppo di Bertozzi ha scoperto le chimere lisosoma-targeting (LYTACs). Questa nuova classe di molecole potrebbe essere in grado di degradare alcuni bersagli delle malattie cardiovascolari e del cancro[25]. Lycia Therapeutics si concentra sullo sviluppo di tecnologie che utilizzano chimere a bersaglio del lisosoma (LYTAC)[19].

Bertozzi ha anche fatto parte in precedenza del comitato consultivo di ricerca di diverse aziende farmaceutiche, tra cui GlaxoSmithKline e, fino al 2021, di Eli Lilly[26].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Carolyn Bertozzi è omosessuale, cosa che ha dichiarato pubblicamente fin dagli anni ottanta[27]. Ha una moglie e tre figli[10].

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Bertozzi ha oltre 600 pubblicazioni su Web of Science; di seguito sono elencate le più citate:

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Premi[modifica | modifica wikitesto]

Carolyn Bertozzi riceve l'Emanuel Merck Lectureship nel 2011

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Premio Wolf per la Chimica 2022 alle scienziate Carolyn Bertozzi e B.Bassler, su RaiNews. URL consultato il 5 ottobre 2022.
  2. ^ (EN) Carolyn R. Bertozzi, su Wolf Foundation, 8 febbraio 2022. URL consultato il 5 ottobre 2022.
  3. ^ MIT Physics Department Faculty, su web.mit.edu. URL consultato il 4 giugno 2012.
  4. ^ (EN) T. Davis, Profile of Carolyn Bertozzi, in Proceedings of the National Academy of Sciences, vol. 107, n. 7, 16 febbraio 2010, pp. 2737–2739, Bibcode:2010PNAS..107.2737D, DOI:10.1073/pnas.0914469107, ISSN 0027-8424 (WC · ACNP), PMC 2840349, PMID 20160128.
  5. ^ Rajendrani Mukhopadhyay, Keeping it Real, in ASBMB Today, 1º settembre 2016. URL consultato il 3 novembre 2020.
  6. ^ (EN) UCLA Math Department Faculty, su math.ucla.edu. URL consultato il 4 giugno 2012.
  7. ^ Il Nobel per la chimica 2022 a Bertozzi, Meldal e Sharpless, su rainews.it.
  8. ^ (EN) Italian American Scientist Carolyn Bertozzi Wins the Nobel Prize in Chemistry, su lavocedinewyork.com, 5 ottobre 2022. URL consultato il 7 ottobre 2022.
  9. ^ Oral history interview with Carolyn R. Bertozzi, su digital.sciencehistory.org.
  10. ^ a b Giovanni Ferrari, Il Nobel per la Chimica è donna, Carolyn R. Bertozzi, di origini italiane, su iO Donna, 6 ottobre 2022. URL consultato il 7 ottobre 2022.
  11. ^ (EN) Sarah Houlton2018-01-12T11:37:00+00:00, Carolyn Bertozzi, su Chemistry World. URL consultato il 7 ottobre 2022.
  12. ^ redazione, TOM MORELLO: La vincitrice del premio Nobel per la chimica suonava col chitarrista dei Rage Against the Machine, su Longliverocknroll.it, 6 ottobre 2022. URL consultato il 7 ottobre 2022.
  13. ^ a b List of Members, su leopoldina.org. URL consultato l'8 ottobre 2017.
  14. ^ a b (EN) Carolyn Bertozzi To Lead ACS Central Science, su cen.acs.org, 25 settembre 2014. URL consultato il ottobre 2022.
  15. ^ a b (EN) Alla lincea Carolyn Bertozzi uno dei Nobel per la Chimica 2022 | Accademia Nazionale dei Lincei, su lincei.it. URL consultato il 7 ottobre 2022.
  16. ^ Thios Pharmaceuticals. Targeting Sulfation Pathways (PDF), su cell.com.
  17. ^ (EN) Alison McCook, Nature magazine, Women in Biotechnology: Barred from the Boardroom, su Scientific American. URL consultato il 10 ottobre 2022.
  18. ^ a b Redwood Bioscience Inc. | IPIRA, su ipira.berkeley.edu. URL consultato il 10 ottobre 2022.
  19. ^ a b c d cen.acs.org, https://cen.acs.org/people/profiles/Carolyn-Bertozzis-glycorevolution/98/i5. URL consultato il 10 ottobre 2022.
  20. ^ Enable Biosciences, Inc. | IPIRA, su ipira.berkeley.edu. URL consultato il 10 ottobre 2022.
  21. ^ (EN) Palleon Pharma, su MassBio. URL consultato il 10 ottobre 2022.
  22. ^ InterVenn Biosciences | Clinical Glycoproteomics + Artificial Intelligence, InterVenn Biosciences | Clinical Glycoproteomics + Artificial Intelligence, su intervenn.com. URL consultato il 10 ottobre 2022.
  23. ^ National Center for Advancing Translational Sciences, su rarediseases.info.nih.gov.
  24. ^ (EN) Ryan Dinkele, Sophia Gessner e Anastasia S. Koch, Capture and visualization of live Mycobacterium tuberculosis bacilli from tuberculosis bioaerosols, 27 dicembre 2019, pp. 2019.12.23.887729, DOI:10.1101/2019.12.23.887729v1. URL consultato il 10 ottobre 2022.
  25. ^ (EN) Steven Banik, Kayvon Pedram e Simon Wisnovsky, Lysosome Targeting Chimeras (LYTACs) for the Degradation of Secreted and Membrane Proteins, 20 novembre 2019, DOI:10.26434/chemrxiv.7927061.v2. URL consultato il 10 ottobre 2022.
  26. ^ (EN) Eli Lilly and Company, Lilly Announces that Professor Carolyn Bertozzi has Resigned from its Board of Directors, su prnewswire.com. URL consultato il 10 ottobre 2022.
  27. ^ (EN) Pauline Navals, ONE ON ONE WITH CAROLYN BERTOZZI, in Chemical & Engineering News, 5 aprile 2022.
  28. ^ a b c d Dr. Bertozzi to Speak at Drug Discovery Symposium, su news.feinberg.northwestern.edu, 4 novembre 2002.
  29. ^ Horace S. Isbell Award, su acscarb.org.
  30. ^ Carolyn R. Bertozzi, su beckman-foundation.org.
  31. ^ Arthur C. Cope Scholar Awards, su acs.org.
  32. ^ Major Awards & Honors | College of Chemistry, su chemistry.berkeley.edu. URL consultato il 5 ottobre 2022.
  33. ^ President Honors Outstanding Young Scientists, su clintonwhitehouse4.archives.gov.
  34. ^ (EN) Dr. Bertozzi to Speak at Drug Discovery Symposium, su News Center, 4 novembre 2002. URL consultato il 5 ottobre 2022.
  35. ^ a b UC Berkeley chemist, biologist, entrepreneur awarded $500,000 Lemelson–MIT Prize, su vcresearch.berkeley.edu.
  36. ^ 05.03.2005 – Three UC Berkeley faculty named to National Academy of Sciences, su berkeley.edu.
  37. ^ Ernst Schering Prize 2007 – Schering Stiftung, su scheringstiftung.de.
  38. ^ The Roy L. Whistler International Award in Carbohydrate Chemistry 2008, su academic.oup.com.
  39. ^ ACS May Gibbs Award Meeting, su archive.chicagoacs.net.
  40. ^ Nichols Medal, su newyorkacs.online.
  41. ^ Carolyn Bertozzi Wins Harrison Howe Award, su cen.acs.org.
  42. ^ (EN) Carolyn Bertozzi | Lemelson-MIT Program, su web.archive.org, 10 agosto 2020. URL consultato il 5 ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 10 agosto 2020).
  43. ^ Bioorganic & Medicinal Chemistry Letters, su sciencedirect.com.
  44. ^ archive.ph, su archive.ph. URL consultato il 5 ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 2 luglio 2014).
  45. ^ Bloemendal Medal, su www2.rimls.nl. URL consultato il 10 ottobre 2022 (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2021).
  46. ^ Carolyn Bertozzi, su bertozzigroup.stanford.edu.
  47. ^ Carolyn Bertozzi, su nasonline.org.
  48. ^ Chemistry for the Future Solvay Prize – The 2020 Laureate, su solvay.com.
  49. ^ F.A. Cotton Medal, su chem.tamu.edu.
  50. ^ Carolyn R. Bertozzi, su wolffund.org.il.
  51. ^ Welch Award in Chemistry, su welch1.org.
  52. ^ Winners of Heineken Prizes 2022 announced, su theheinekencompany.com.
  53. ^ Bijvoet Medals awarded to Carolyn Bertozzi and Vishva Dixit, su uu.nl.
  54. ^ Harvard Phi Beta Kappa Inductees Announced, su thecrimson.com.
  55. ^ Book of Members, 1780–2010: Chapter B (PDF), su amacad.org.
  56. ^ EM Lectureship – Research, su emdgroup.com.
  57. ^ Simmons among nine honorary degree recipients, su news.brown.edu.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN12522617 · ISNI (EN0000 0001 1021 3091 · ORCID (EN0000-0003-4482-2754 · LCCN (ENn2001004919 · GND (DE1172571600 · BNF (FRcb14424895h (data) · CONOR.SI (SL36034147 · WorldCat Identities (ENlccn-n2001004919