Michael Levitt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michael Levitt
Medaglia del Premio Nobel Nobel per la chimica 2013

Michael Levitt (Pretoria, 9 maggio 1947) è un fisico sudafricano naturalizzato statunitense, vincitore del premio Nobel per la chimica nel 2013, assieme a Martin Karplus e Arieh Warshel, per gli studi sullo sviluppo di modelli multiscala in grado di descrivere reazioni chimiche complesse[1][2][3] È la prima persona di origini sudafricane a vincere questo riconoscimento.

Levitt è stato uno dei primi ricercatori a condurre simulazioni di dinamica molecolare di DNA e proteine e a sviluppare il primo software per questo scopo.[4][5][6][7]

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Membro della Royal Society - nastrino per uniforme ordinaria Membro della Royal Society

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) The Nobel Prize in Chemistry 2013, Royal Swedish Academy of Sciences, 9 ottobre 2013. URL consultato il 9 ottobre 2013.
  2. ^ Redazione Online, Il Nobel per la Chimica a Karplus, Levitt e Warshel in Corriere della Sera, 9 ottobre 2013. URL consultato il 9 ottobre 2013.
  3. ^ Premio Nobel per la chimica a Karplus, Levitt e Warshel in La Repubblica, 9 ottobre 2013. URL consultato il 9 ottobre 2013.
  4. ^ (EN) Cyrus Chothia, Arthur M. Lesk, Anna Tramontano, Michael Levitt, Sandra J. Smith-Gill, Gillian Air, Conformations of immunoglobulin hypervariable regions in Nature, vol. 342, n. 6252, 1989, pp. 877–883. DOI:10.1038/342877a0.
  5. ^ (EN) Michael Levitt, Cyrus Chothia, Structural patterns in globular proteins in Nature, vol. 261, n. 5561, 1976, pp. 552–558. DOI:10.1038/261552a0.
  6. ^ (EN) A. Warshel, M. Levitt, Theoretical studies of enzymic reactions: Dielectric, electrostatic and steric stabilization of the carbonium ion in the reaction of lysozyme in Journal of Molecular Biology, vol. 103, n. 2, 1976, pp. 227–249. DOI:10.1016/0022-2836(76)90311-9.
  7. ^ (EN) Michael Levitt, A simplified representation of protein conformations for rapid simulation of protein folding in Journal of Molecular Biology, vol. 104, n. 1, 1976, pp. 59–107. DOI:10.1016/0022-2836(76)90004-8.