Walther Nernst

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Walther Hermann Nernst
Medaglia del Premio Nobel Premio Nobel per la chimica 1920

Walther Hermann Nernst (Briesen, 25 giugno 1864Zibelle, 18 novembre 1941) è stato un chimico tedesco. Aiutò ad affermare il moderno campo della chimica fisica, contribuì all'elettrochimica, alla termodinamica, alla chimica dello stato solido e alla fotochimica. Egli è inoltre conosciuto per aver scoperto l'equazione di Nernst.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nernst nacque a Briesen, Prussia (Regno di Prussia, odierna Wąbrzeźno in Polonia). Studiò fisica e matematica nelle Università di Zurigo, Berlino e Graz. Dopo un po' di lavoro a Lipsia, egli fondò l'Istituto di Chimica Fisica ed Elettrochimica a Gottinga. Nernst inventò, nel 1898, la lampadina di Nernst, una lampadina elettrica che usa una barretta di ceramica incandescente (il successore della lampadina a filamento di carbone e il precursore della lampada ad incandescenza). Nernst fece ricerche sulla pressione osmotica e sull'elettrochimica. Intorno al 1906 egli stabilì un "teorema del calore", più tardi conosciuto come la terza legge della termodinamica (che descrive il comportamento della materia a temperature prossime allo zero assoluto).

Nel 1920 ricevette il premio Nobel per la chimica in riconoscimento per i suoi lavori nella termochimica. Nel 1924 diventò direttore del Physikalisch-Chemisches Institut a Berlino, posizione dalla quale si ritirò nel 1933. Nernst continuò a lavorare all'elettroacustica e all'astrofisica.

Nel 1930 Nernst inventò un piano elettrico sostituendo la tavola sonora con un amplificatore radio. Il piano usava fonorivelatori per produrre elettronicamente il suono modificato e amplificato assomigliando a quello di una chitarra elettrica.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44372928 · ISNI (EN0000 0001 0857 0612 · LCCN (ENn50003033 · GND (DE11858698X · BNF (FRcb123482995 (data) · NLA (EN35956239 · NDL (ENJA00771391 · WorldCat Identities (ENn50-003033