Brian Kobilka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Brian Kobilka (Little Falls, 30 maggio 1955) è un biochimico statunitense, vincitore del premio Nobel per la chimica nel 2012, assieme allo statunitense Robert Lefkowitz, per i loro studi sui recettori cellulari accoppiati a proteine G[1][2][3].

Kobilka si è occupato in particolare della determinazione della struttura tridimensionale dei recettori β2 adrenergici tramite l'utilizzo della cristallografia a raggi X.[4][5]

Infanzia e studi[modifica | modifica wikitesto]

Kobilka ha frequentato la St. Mary's Grade School a Little Falls (Minnesota), una parte della diocesi cattolica romana di Saint Cloud.[6] Si è poi diplomato alla Little Falls High School. Ha conseguito una laurea in Biologia e Chimica presso l'University of Minnesota Duluth e ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia, con lode, presso la Yale University School of Medicine. Dopo il completamento della sua specializzazione in medicina interna presso il Barnes-Jewish Hospital della Washington University School of Medicine di St.Louis, Missouri, Kobilka ha lavorato nella ricerca come borsista post-dottorato sotto Robert Lefkowitz alla Duke University, dove ha iniziato a lavorare sulla clonazione del β2- recettore adrenergico. Kobilka si è trasferito a Stanford nel 1989. È stato ricercatore dell'Howard Hughes Medical Institute (HHMI) dal 1987 al 2003.[7]

Lavoro di Ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Kobilka è meglio conosciuto per le sue ricerche sulla struttura e l'attività dei recettori accoppiati a proteine G (GPCR); in particolare, il lavoro del laboratorio di Kobilka ha determinato la struttura molecolare del recettore β2-adrenergic receptor.[8][9][10][11] Questo lavoro è stato molto citato da altri scienziati perché i GPCR sono obiettivi importanti per le terapie farmaceutiche, ma notoriamente difficili da lavorare con la cristallografia a raggi X (X-ray crystallography).[12]. Prima, la rodopsina era l'unico recettore accoppiato alla proteina G in cui la struttura era stata determinata ad alta risoluzione. La struttura del recettore β2-adrenergico fu presto seguita dalla determinazione della struttura molecolare di molti altri recettori accoppiati a proteine G.[13]

Kobilka ha ricevuto nel 1994 il premio John J. Abel per la farmacologia dell'American Society for Pharmacology and Experimental Therapeutics.[14] Il suo lavoro sulla struttura del GPCR è stato nominato "runner-up" per il premio "Breakthrough of the Year" 2007 da Science.[15] Il lavoro è stato, in parte, sostenuto dal premio Javits Neuroscience Investigator Award 2004 di Kobilka dell'Istituto nazionale di disturbi neurologici e ictus.[16][17] Ha ricevuto il Premio Nobel per la Chimica nel 2012 con Robert Lefkowitz per il suo lavoro sui recettori accoppiati a proteine G.[18][19] Nel 2017, Kobilka ha ricevuto il Golden Plate Award dell'American Academy of Achievement.[20]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Kobilka proviene da Little Falls, nel Minnesota centrale. Sia suo nonno Felix J. Kobilka (1893-1991) che suo padre Franklyn A. Kobilka (1921-2004) erano fornai nativi di Little Falls.[21][22][23] La nonna di Kobilka, Isabelle Susan Kobilka (nata Medved, 1891–1980), apparteneva alle famiglie Medved e Kiewel di immigrati prussiani, che dal 1888 possedevano lo storico birrificio Kiewel a Little Falls. Sua madre è Betty L. Kobilka (nata a Faust, nata nel 1930).

Kobilka ha incontrato sua moglie Tong Sun Thian, una donna cinese-malese,[24] presso l'Università del Minnesota Duluth. Hanno due figli, Jason e Megan Kobilka[21][25] e sono cattolici praticanti.[26]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Redazione Online, Il Nobel per la chimica per gli studi sui farmaci del futuro, in Corriere della Sera, 10 ottobre 2012. URL consultato il 10 ottobre 2012.
  2. ^ Elena Dusi, Premio Nobel per la chimica agli studi sui "sensi" delle cellule, in La Repubblica, 10 ottobre 2012. URL consultato l'11 ottobre 2012.
  3. ^ Accademia dei Lincei: Nobel della chimica 2012, in Le Scienze, 10 ottobre 2012. URL consultato il 12 ottobre 2012.
  4. ^ (EN) V. Cherezov, D. M. Rosenbaum, M. A. Hanson, S. G. F. Rasmussen, F. S. Thian, T. S. Kobilka, High-Resolution Crystal Structure of an Engineered Human 2-Adrenergic G Protein Coupled Receptor, in Science Signaling, vol. 318, n. 5854, 2007, pp. 1258–1265, DOI:10.1126/science.1150577.
  5. ^ (EN) Søren G. F. Rasmussen, Hee-Jung Choi, Daniel M. Rosenbaum, Tong Sun Kobilka, Foon Sun Thian, Patricia C. Edwards, Crystal structure of the human β2 adrenergic G-protein-coupled receptor, in Nature, vol. 450, n. 7168, 2007, pp. 383–387, DOI:10.1038/nature06325.
  6. ^ Catholic scientist at Stanford shares Nobel Prize for work in chemistry, su catholicnews.com, Catholic News Service, 23 ottobre 2012. URL consultato il 19 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2013).
  7. ^ Brian K. Kobilka, M.D., su hhmi.com, HHMI. URL consultato il 19 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2012).
  8. ^ Cell Insights Could Bring Better Drugs, in Forbes. URL consultato il 23 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2011).
  9. ^ Rasmussen SG, Choi HJ, Rosenbaum DM, Kobilka TS, Thian FS, Edwards PC, Burghammer M, Ratnala VR, Sanishvili R, Fischetti RF, Schertler GF, Weis WI, Kobilka BK, Crystal structure of the human β2-adrenergic G-protein-coupled receptor, in Nature, vol. 450, n. 7168, 2007, pp. 383–7, DOI:10.1038/nature06325, PMID 17952055.
  10. ^ Cherezov V, Rosenbaum DM, Hanson MA, Rasmussen SG, Thian FS, Kobilka TS, Choi HJ, Kuhn P, Weis WI, Kobilka BK, Stevens RC, High Resolution Crystal Structure of an Engineered Human β2-Adrenergic G protein-Coupled Receptor, in Science, vol. 318, n. 5854, 2007, pp. 1258–65, DOI:10.1126/science.1150577, PMC 2583103, PMID 17962520.
  11. ^ Rosenbaum DM, Cherezov V, Hanson MA, Rasmussen SG, Thian FS, Kobilka TS, Choi HJ, Yao XJ, Weis WI, Stevens RC, Kobilka BK, GPCR engineering yields high-resolution structural insights into β2-adrenergic receptor function, in Science, vol. 318, n. 5854, 2007, pp. 1266–73, DOI:10.1126/science.1150609, PMID 17962519.
  12. ^ ScienceWatch.com: Interview with Brian Kobilka, su sciencewatch.com. URL consultato il 16 ottobre 2008 (archiviato dall'url originale l'8 maggio 2010).
  13. ^ M. A. Hanson e R. C. Stevens, Discovery of New GPCR Biology: One Receptor Structure at a Time, in Structure, vol. 17, n. 1, 2009, pp. 8–14, DOI:10.1016/j.str.2008.12.003, PMC 2813843, PMID 19141277.
  14. ^ John J. Abel Award, su aspet.org, ASPET. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  15. ^ Kobilka's work recognized in magazine award, su news-service.stanford.edu, Stanford University, 9 gennaio 2008. URL consultato il 24 gennaio 2013.
  16. ^ Javits Neuroscience Investigator Award Recognizes Eight Exemplary Scientists, su ninds.nih.gov, National Institute of Neurological Disorders and Stroke (NINDS), 10 novembre 2004. URL consultato il 24 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2008).
  17. ^ The Structure of an Important Drug Target Made Crystal Clear, su ninds.nih.gov, National Institute of Neurological Disorders and Stroke (NINDS), 5 dicembre 2007. URL consultato il 24 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 1º ottobre 2008).
  18. ^ Hotz, Robert Lee, U.S. Scientists Win Chemistry Nobel, su wsj.com, The Wall Street Journal Online, 10 ottobre 2012. URL consultato il 10 ottobre 2012.
  19. ^ Americans Robert Lefkowitz and Brian Kobilka win 2012 Nobel Prize in chemistry, in Daily News, AP, 10 ottobre 2012. URL consultato l'11 ottobre 2012.
  20. ^ Golden Plate Awardees of the American Academy of Achievement, su www.achievement.org, American Academy of Achievement.
  21. ^ a b Franklyn A. Kobilka, 83, su archives.ecmpublishers.info, ECM Publishers, Inc, 16 marzo 2004. URL consultato il 16 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale il 9 dicembre 2012).
  22. ^ Paul Walsh e Alejandra Matos, Little Falls bakery helps deliver a sweet reward: Nobel Prize, su startribune.com, StarTribune, 11 ottobre 2012. URL consultato il 16 gennaio 2013.
  23. ^ Social Security Death Index, su sortedbyname.com. URL consultato il 10 ottobre 2012 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2012).
  24. ^ (ZH) 大馬華人女婿獲諾獎‧化學獎得主科比爾卡會煮豉油雞, su sinchew.com.my, 星洲日報, 11 ottobre 2012. URL consultato il 16 gennaio 2013.
  25. ^ Lizzie Buchen, Cell signalling: It's all about the structure, in Nature, vol. 476, n. 7361, 24 agosto 2011, pp. 387–390, DOI:10.1038/476387a, PMID 21866135.
  26. ^ Nikki Rajala, Catholic scientist at Stanford shares Nobel Prize for work in chemistry, in The Spokesman-Review, Catholic News Service, 24 maggio 2013. URL consultato il 19 settembre 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN235149066630865602549 · LCCN (ENno2010078364 · GND (DE1209585758 · WorldCat Identities (ENlccn-no2010078364