Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Bo (parashah)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Bo (ebraico: בֹּא — tradotto in italiano esprime la forma imperativa di comando, equivalente a "vai" o "vieni", incipit e parola che Dio pronuncia in questa parashah, in Esodo 10:1) quindicesima porzione settimanale della Torah (ebr. פָּרָשָׁה – parashah o anche parsha/parscià) nel ciclo annuale ebraico di letture bibliche dal Pentateuco, terza nel Libro dell'Esodo. Rappresenta il passo 10:1-13:16 di Esodo, che gli ebrei leggono durante il quindicesimo Shabbat dopo Simchat Torah, generalmente in gennaio o nei primi di febbraio.

La parashah narra l'episodio delle ultime tre piaghe d'Egitto.

In Pesach gli ebrei leggono anche parte della parashah, Esodo 12:21-51, quale lettura iniziale della Torah per il primo giorno di Pesach, e un'altra parte, Esodo 13:1-16, quale parte iniziale della Torah per il primo giorno intermedio (Chol haMoed) di Pesach, Festival ritenuto infatti uno tra i Capodanno ebraici. Gli ebrei leggono anche un'altra parte della parashah, Esodo 12:1-20, che descrive le leggi di Pesach, quale lettura biblica del maftir per lo speciale Shabbat haChodesh, che cade nel Rosh Chodesh di Nisan, mese in cui gli ebrei celebrano la Pesach.

L'Esodo degli Israeliti dall'Egitto (dipinto di David Roberts del 1830)

Antichi paralleli[modifica | modifica wikitesto]

Esodo capitolo 12[modifica | modifica wikitesto]

Il comando di applicare del sangue sull'architrave e sugli stipiti in Esodo 12:22 con del sangue, del Korban, spalmato sugli stipiti e probabilmente anche sull'architrave o le porte (non chiaro se all'interno o anche o solo all'esterno delle porte), che Dio vedendo non ne colpì le abitazioni, riporta in ricordo di questa salvazione all'affissione delle Mezuzot.

Interpretazione intrabiblica[modifica | modifica wikitesto]

La parasha ha paralleli o viene discussa nelle seguenti fonti bibliche:[1]

Esodo capitoli 7–12[modifica | modifica wikitesto]

La descrizione delle 10 piaghe presenta schemi e progressioni come segue:

Ciclo Numero Piaga Versetti Ci fu preavviso? Tempo dell'avvertimento Introduzione Attore Bastone? Israeliti protetti? Faraone cedette? Chi indurì il cuore di Faraone?
Primo 1 sangue 7:14-25 al mattino in ebraico: לֵךְ אֶל-פַּרְעֹה?

Va da Faraone

Aronne no no voce passiva
2 rane Esodo 7:26-8:11

(8:1-15 in altre versioni)

ignoto in ebraico: בֹּא אֶל-פַּרְעֹה?

Va da Faraone

Aronne no voce passiva
3 zanzare o pidocchi Esodo 8:12-15

(8:16-19 in altre versioni)

no nessuno nessuno Aronne no no voce passiva
Secondo 4 mosconi o

bestie feroci

Esodo 8:16-28

(8:20-32 in altre versioni)

di primo mattino in ebraico: וְהִתְיַצֵּב לִפְנֵי פַרְעֹה?

davanti a Faraone

Dio no Faraone
5 bestiame Esodo 9:1-7 ignoto in ebraico: בֹּא אֶל-פַּרְעֹה?

Va da Faraone

Dio no no Faraone
6 ulcere con pustole Esodo 9:8-12 no nessuno nessuno Mosè no no no Dio
Terzo 7 grandine Esodo 9:13-35 di primo mattino in ebraico: וְהִתְיַצֵּב לִפְנֵי פַרְעֹה?

davanti a Faraone

Mosè no voce passiva
8 locuste Esodo 10:1-20 ignoto in ebraico: בֹּא אֶל-פַּרְעֹה?

va da Faraone

Mosè no Dio
9 tenebre Esodo 10:21-29 no nessuno nessuno Mosè Dio
10 primogenito Esodo 11:1-10

12:29-32

ignoto nessuno Dio no Dio

"La traduzione dall'ebraico nelle altre lingue, anche attuali e "moderne", e quindi l'esegesi ebraica sono per alcune di queste talvolta congetturali"

Salmi 78:44-51 e Salmi 105:23-38 raccontano rispettivamente ordinamenti diversi delle sette piaghe. Salmi 78:44-51 ricorda le piaghe di (1) sangue, (2) mosconi, (3) rane, (4) locuste, (5) grandine, (6) bestiame e (7) primogeniti, ma non le piaghe delle zanzare, pustole o tenebre. Salmi 105:23-38 ricorda le piaghe di (1) tenebre, (2) sangue, (3) rane, (4) mosconi e pidocchi, (5) grandine, (6) locuste e (7) primogeniti, ma non le piaghe del bestiame o delle pustole.

Haftarah[modifica | modifica wikitesto]

La haftarah della parashah è Geremia 46:13-28.

Collegamenti alla Parashah[modifica | modifica wikitesto]

Sia la parashah che la haftarah descrivono il giudizio di Dio contro l'Egitto. La parashah riporta che Dio disse a Mosè di andare (bo’) dal Faraone;[2] la haftarah riporta la parola di Dio che Nabucodonosor sarebbe venuto (la-vo’) dal Faraone.[3] Entrambe narrano di una piaga di locuste — letteralmente nella, figurativamente nella haftarah.[4] Sia la parashah che la haftarah raccontano la punizione divina degli dèi d'Egitto.[5] Entrambe descrivono la liberazione finale degli Israeliti dalla cattività.[6]

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

La parashah ha paralleli o viene discussa nelle seguenti fonti (ENHEITYI) :

Biblici[modifica | modifica wikitesto]

Non rabbinici[modifica | modifica wikitesto]

Rabbinici classici[modifica | modifica wikitesto]

  • Mishnah: Challah 1:2, 4:9; Orlah 3:3; Bikkurim 2:9; Pesachim 1:1–10:9; Beitzah 1:1–5:7; Megillah 3:4; Avodah Zarah 5:9; Zevahim 3:6; Menachot 3:7; Bekhorot 1:1–6:12, 8:1; Keritot 1:1. III secolo. Rist. (EN) su The Mishnah: A New Translation. Trad. di Jacob Neusner, 148, 157, 165, 171, 229–51, 291–99, 321, 672, 705, 739, 787–800, 803, 836. New Haven: Yale University Press, 1988. ISBN 0-300-05022-4.
  • Tosefta: Terumot 10:7; Challah 2:9; Pisha (Pesachim) 1:1–10:13; Sukkah 2:1; Yom Tov (Beitzah) 1:4–5; Rosh Hashanah 1:1, 3; Megillah 3:4; Sotah 4:5; Makkot 4:1; Zevachim 1:1; Menachot 8:28; Bekhorot 1:1–7:15. III-IV secolo. Rist. su The Tosefta: Translated from the Hebrew, with a New Introduction. Trad. Jacob Neusner, 198, 339, 471–522, 572, 585–86, 605, 645, 846, 1208–09, 1308, 1445, 1469–94. Peabody, Mass.: Hendrickson Pub., 2002. ISBN 1-56563-642-2.
  • Talmud gerosolimitano: Berakhot 9a, 21b, 37a, 61a; Challah 49a; Orlah 35a; Pesachim 1a–86a; Yoma 2a; Beitzah 1a–49b; Rosh Hashanah 1b, 6a, 11a, 17b–18a; Megillah 14b, 17b, 21a–b, 29b; Sanhedrin 11b, 13a, 31a–b. Terra d'Israele, circa 400 e.v. Rist. su Talmud Yerushalmi. Cur. da Chaim Malinowitz, Yisroel Simcha Schorr, e Mordechai Marcus, voll. 1–2, 11–12, 18–19, 21, 23–24, 26. Brooklyn: Mesorah Publications, 2005–2012.
  • Mekhilta of Rabbi Ishmael: Pisha 1:1–18:2. Terra d'Israele, tardo IV secolo. Rist. su Mekhilta According to Rabbi Ishmael. Trad. (EN) di Jacob Neusner, 1:1–119. Atlanta: Scholars Press, 1988. ISBN 1-55540-237-2.

Medievali[modifica | modifica wikitesto]

Moderni[modifica | modifica wikitesto]

  • Barack Obama. Dreams from My Father, 294. New York: Three Rivers Press, 1995, 2004. ISBN 1-4000-8277-3. (Mosè e Faraone).
  • Jacob Milgrom. “The Alien in Your Midst: Every Nation Has Its Ger: The Permanent Resident. The Torah Commands Us, First, Not To Oppress the Ger, and Then To Befriend and Love Him.” Bible Review, 11 (6) (1995).
  • William H.C. Propp. Exodus 1–18, 2:290–461. New York: Anchor Bible, 1998. ISBN 0-385-14804-6.
  • Martin Sicker. A Passover Seder Companion and Analytic Introduction to the Haggadah. New York: iUniverse, 2004. ISBN 0-595-31369-8.
  • Diane Ackerman. The Zookeeper's Wife: A War Story, 181–82, 211. New York: W.W. Norton, 2007. ISBN 978-0-393-06172-7. (Pesach nel Ghetto di Varsavia).
  • Suzanne A. Brody. “Pidyon HaBen.” In Dancing in the White Spaces: The Yearly Torah Cycle and More Poems, 77. Shelbyville, Kentucky: Wasteland Press, 2007. ISBN 1-60047-112-9.
  • Esther Jungreis. Life Is a Test, 117. Brooklyn: Shaar Press, 2007. ISBN 1-4226-0609-0.
  • Sam Ernst & Jim Dunn. “A Tale of Two Audreys.” In Haven (serie televisiva), stagione 2, episodio 1. Entertainment One, 2011. (trama con elemento delle piaghe).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Testi[modifica | modifica wikitesto]

Cantillazione di Parashah Bo 1

Commentari[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Per ulteriori interpretazioni infrabibliche si veda, int. al., Benjamin D. Sommer. “Inner-biblical Interpretation.” In The Jewish Study Bible. Curato da Adele Berlin & Marc Zvi Brettler, pp. 1829–35. New York: Oxford University Press, 2004. ISBN 0-19-529751-2.
  2. ^ Esodo 10:1
  3. ^ Geremia 46:13.
  4. ^ Esodo 10:3-20 Geremia 46:23
  5. ^ 12:12 Geremia 46:25.
  6. ^ Esodo 12:51; Esodo 13:3; Geremia 46:27.


Ebraismo Portale Ebraismo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di ebraismo