Troyes

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Troyes
comune
Troyes – Stemma
(dettagli)
Troyes – Veduta
Localizzazione
StatoFrancia Francia
RegioneGrand Est
DipartimentoBlason département fr Aube.svg Aube
ArrondissementTroyes
CantoneCantoni di Troyes
Territorio
Coordinate48°18′N 4°05′E / 48.3°N 4.083333°E48.3; 4.083333 (Troyes)Coordinate: 48°18′N 4°05′E / 48.3°N 4.083333°E48.3; 4.083333 (Troyes)
Altitudine100-126 m s.l.m.
Superficie13,2 km²
Abitanti62 812[1] (2009)
Densità4 758,48 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale10000
Fuso orarioUTC+1
Codice INSEE10387
Targa10
Nome abitantiTroyens/Troyennes
Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Troyes
Troyes
Sito istituzionale

Troyes (pronuncia [tʀwa]) è un comune francese di 62.812 abitanti capoluogo del dipartimento dell'Aube nella regione Grand Est. Dista 150 km dalla capitale francese, Parigi. Gli abitanti sono chiamati Troyens, Troyennes.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Città romana (Augustobona Tricassis), di notevole importanza in quanto al centro di numerose vie di comunicazione. Tra queste la Via Agrippa, che la collegava a nord con Reims, mentre a sud con Langres e, continuando, fino a Milano. Altre vie romane collegavano Troyes con Poitiers, Autun e Orléans. Fu sede episcopale (il suo vescovo, secondo la tradizione, riuscì a salvare Troyes dalla distruzione ad opera di Attila) e di alcuni concili provinciali.

Nel 1129 la città ospitò un concilio presso la locale Cattedrale dei Santi Pietro e Paolo (Concilio di Troyes) nel quale venne ufficializzato l'Ordine dei Templari, che in realtà sarebbe però stato fondato da Godofredo de Buillon nel 1099 in concomitanza con la conquista di Gerusalemme da parte delle truppe Crociate e con la sua nomina ad Advocatus Sancti Sepulchri (difensore del Santo Sepolcro).

Nel medioevo fu un importante centro commerciale. Diede i natali a papa Urbano IV, nato Jacques Pantaléon (Troyes, ca. 1195 – Deruta, 2 ottobre 1264), che istituì la Solenne Festa del Corpus Domini dopo il Miracolo di Bolsena che riconobbe la Regola di Pietro del Morrone, futuro papa Celestino V.

Troyes diede i natali anche al celebre Chrétien de Troyes, vissuto nel XII secolo, oltre che del drammaturgo Pierre de Larivey (1541-1619)[2] e fu la culla, in età rinascimentale, di importanti scuole e istituti d'arte. Nella chiesa di St-Jean furono celebrate le nozze della principessa francese Caterina di Valois con Enrico V d'Inghilterra.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

A Troyes è nata un'importante azienda d'abbigliamento, ora nota a livello mondiale: la Lacoste. Oggi la sede madre si è spostata a Parigi, mentre gli edifici storici di Troyes ospitano il centro di produzione.

Cantoni[modifica | modifica wikitesto]

Il comune era suddiviso amministrativamente in 7 cantoni: Troyes-1, Troyes-2, Troyes-3, Troyes-4, Troyes-5, Troyes-6, Troyes-7.

A seguito della riforma approvata con decreto del 21 febbraio 2014[3], che ha avuto attuazione dopo le elezioni dipartimentali del 2015, il territorio comunale della città di Troyes è stato suddiviso nei seguenti 5 cantoni:

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Cattedrale di Troyes

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ INSEE popolazione legale totale 2009
  2. ^ le muse, VI, Novara, De Agostini, 1964, p. 360.
  3. ^ (FR) Décret n° 2014-216 du 21 février 2014 portant délimitation des cantons dans le département de l'Aube, http://www.legifrance.gouv.fr/, 21 febbraio 2014. URL consultato il 1º giugno 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN128951954 · LCCN (ENn81022026 · GND (DE4061034-2 · BNF (FRcb15246479v (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n81022026
Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Francia