Enrico V d'Inghilterra

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrico V
King Henry V from NPG.jpg
Ritratto di Enrico V
Re d'Inghilterra e signore d'Irlanda
Stemma
In carica 21 marzo 1413 -
31 agosto 1422
Predecessore Enrico IV
Successore Enrico VI
Nome completo Enrico di Monmouth
Altri titoli principe di Galles, duca di Lancaster e duca di Cornovaglia
Nascita Monmouth, Galles, 16 settembre 1387
Morte Castello di Vincennes, Francia, 31 agosto 1422
Casa reale Lancaster
Padre Enrico IV
Madre Maria di Bohun
Consorte Caterina di Valois (27 ottobre 1401 – 3 gennaio 1437)
Figli Enrico VI di Windsor, re d'Inghilterra

Enrico di Monmouth (in inglese: Henry (of) Monmouth; Monmouth, 9 agosto 1387[1][2]/16 settembre 1387[3]Vincennes, 31 agosto 1422[1]) fu re d'Inghilterra dal 1413 alla sua morte. Benché abbia regnato soltanto nove anni, l'azione politico-militare esercitata da Enrico V fu assai notevole sullo scacchiere europeo, tanto da renderlo uno dei più popolari sovrani del Medioevo[4]. Enrico, infatti, fu capace di portare nuovamente il Regno d'Inghilterra tra le prime potenze europee in seguito alla brillante vittoria conseguita ad Azincourt sui francesi, in seguito alla quale riuscì a farsi nominare erede del trono di Francia.

Abile politico ed esperto amministratore, Enrico ebbe anche il merito di ricomporre, attraverso lo zio Enrico Beaufort, lo Scisma d'Occidente, stipulando con l'imperatore Sigismondo il Trattato di Canterbury[5]. La figura del sovrano, comunque, fu eternata da William Shakespeare nel dramma omonimo, in cui viene rimarcato lo spirito affabile, nobile e profondamente religioso.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origine e gli anni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Educazione e ritratto psicologico[modifica | modifica wikitesto]

Enrico V nacque al castello di Monmouth il 9 agosto del 1387[1], figlio maschio primogenito di Enrico Bolingbroke, conte di Derby e duca di Lancaster, e di Maria di Bohun[6][7]. Il giovane Enrico, cresciuto dalla governante Johanna Waring[8], fu educato poi dallo zio, l'ecclesiastico e cancelliere dell'Università di Oxford Enrico Beaufort[8][9], in una serie di discipline inusuali per gli standard dell'epoca: musica, letteratura e lingua inglese[10] e altre discipline umanistiche[11]. Si è incerti se Enrico abbia studiato effettivamente al Queen's College[8], mentre è nota l'investitura a cavaliere da parte di re Riccardo II[12].

Per quanto riguarda il resto dell'infanzia di Enrico, non si hanno sufficienti fonti al riguardo, che ne attestino il carattere, gli studi superiori e la vita privata[13]: la vita dissoluta e il successivo ravvedimento narrato da Shakespeare nel dramma storico omonimo sono, con tutta probabilità, prive di fondamento[14]. Sicuramente, non furono anni facili a causa dei dissidi politici tra il padre e Riccardo II, e per il dolore subito in seguito alla perdita improvvisa della madre[15].

Henry, Principe di Galles, mentre presenta questo libro a John Mowbray, particolare di una miniatura, Londra, 1411-1413 circa, Arundel 38, f. 37.

L'attività militare (1400-1408)[modifica | modifica wikitesto]

Il 1399 fu un anno fondamentale nella vita del giovane Enrico: il padre Enrico, rientrato in Inghilterra dopo essere stato esiliato da Riccardo II, si coalizzò con un gruppo di nobili insoddisfatti, depose il re plantageneto e si autoproclamò re col nome di Enrico IV[16]. Di conseguenza il figlio Enrico di Monmouth, che durante la ribellione paterna fu inviato con il fratello Tommaso al castello di Trim[8], fu creato principe di Galles[17] e avviato subito alla carriera militare. Poco più che sedicenne Enrico, in qualità di principe di Galles, comandò le forze militari occupate a debellare le rivolte del 1403, capeggiate da Owen Glyndwr[6][18], tenendolo occupato fino al 1408[18][11]. Gli sforzi militari, però, non si rivolsero soltanto ai gallesi: alcuni nobili (tra cui i membri della famiglia dei Percy) lo stesso Roberto III di Scozia si allearono con i rivoltosi per attaccare l'Inghilterra, approfittando della caduta della dinastia dei Plantageneti e l'ascesa di quella usurpatrice dei Lancaster[6][19].

Enrico, in questo quinquennio di torbidi, dimostrò le proprie innate capacità militari contribuendo alla vittoria su Henry Percy (che in linea dinastica era il vero erede al trono[20]) nella battaglia di Shrewsbury del 21 luglio del 1403[21]. Sconfitto il primo e morto il secondo[22], a Owen Glydnwr non rimase che il fiacco sopporto di Carlo VI di Francia, il quale presto abbandonò il rivoltoso gallese al suo destino (1409)[23].

L'opposizione al padre (1410-1413)[modifica | modifica wikitesto]

In virtù anche di questi meriti sul campo, il giovane principe fu nominato presidente del consiglio privato della corona nel 1410, assumendo sempre di più una posizione di predominio a causa della cattiva salute del padre[6]. In tale incarico dove si distinse, grazie al supporto degli zii Henry e Thomas Beaufort[6], in una vivacissima contrapposizione alla politica del re suo padre e del suo cancelliere, l'arcivescovo Thomas FitzAlan[11]: Monmouth non condivideva la politica del padre nei confronti della Francia e la sua arrendevolezza nei confronti di Arundel[24]. Tale dissidio suscitò la disapprovazione del re, sentimento ostile che crebbe quando alcuni nobili del Parlamento gli proposero di abdicare in favore dell'erede al trono[24]. Ciò lo spinse a una rapida destituzione dalla carica già nel 1411[6]. Ma il 23 settembre 1412 Enrico di Monmouth arrivò a Londra con un numeroso seguito, e si presentò da solo di fronte al re, che lo abbracciò e lo perdonò: il futuro Enrico V fu giudicato e pienamente assolto[25]. Enrico IV morì a Westminster, il 20 marzo 1413[26], ed Enrico di Monmouth ascese al trono inglese il giorno successivo[24][27], venendo poi incoronato all'Abbazia di Westminster il 9 aprile[28].

Il re d'Inghilterra[modifica | modifica wikitesto]

Politica interna (1413-1414)[modifica | modifica wikitesto]

I Lollardi[modifica | modifica wikitesto]
Enrico V marcia contro i Lollardi, illustrazione tratta dalla A Chronicle of England, 1864

I primi problemi che dovette affrontare furono di politica interna: all'inizio del 1414, Enrico dimostrò notevole risolutezza nella repressione dell'eresia lollarda, ispirata all'hussismo e diffusasi in Inghilterra sotto il regno di Riccardo II[27]. Per l'opposizione ad Arundel, i lollardi pensavano che il principe di Galles fosse un simpatizzante del loro movimento, ma compresero l'ortodossia di Enrico soltanto quando questi ascese al trono[29]. Sir John Oldcastle, vecchio amico di Enrico e leader dei lollardi, cercò di radunare, il 7 gennaio del 1414, i suoi confratelli a St.Giles's Fields, ma il re in persona li disperse, distruggendone il fronte interno[30]. Poi, nell'aprile del medesimo anno, il parlamento riunitosi a Leicester approvò nuove severissime misure contro gli eretici[31].

La rivolta dei lollardi, nonostante fosse stata colpita a morte al principio del regno di Enrico e debellata entro il 1417 (quando Oldcastle fu catturato nelle Midlands e poi impiccato[31]), continuerà a sussistere in forma clandestina fino alla Riforma anglicana, quando riaffiorirà con il crollo della Chiesa Cattolica sul suolo inglese.

La congiura di Riccardo di Conisburgh[modifica | modifica wikitesto]

Nel luglio del 1415 represse una congiura ordita dai seguaci di Edmondo Mortimer, erede di Riccardo II[27]. Nel luglio 1415, Edmondo fu messo a parte di una congiura guidata da suo cugino e cognato, il conte di Cambridge, Riccardo di Conisburgh, della casa di York, che si proponeva di porre Edmondo sul trono al posto di Enrico V. Edmondo, colto da un grave senso di colpa, corse a riferire il tutto al re, che perdonò Edmondo ma mandò al patibolo Riccardo[32].

Provvedimenti economici[modifica | modifica wikitesto]

In politica economica continuò il rapporto conflittuale con la Hansa. Tra il 1418 e il 1420, infatti, si verificò un incidente commerciale tra la città di Londra e i mercanti della Lega che vi risiedevano: la giunta municipale della capitale inglese, infatti, impose una tassa (la scot and lots) su tutti i mercanti stranieri, atto che suscitò le proteste dell'Hansa[33]. Enrico V, da parte sua, sfruttò silenziosamente la cosa per danneggiare la potente lega commerciale, non facendo nulla di concreto per opporsi al degenerare dei rapporti e scrivendo solamente vaghe lettere di rinnovata amicizia con il leader dell'Hansa[34].

La guerra con la Francia[modifica | modifica wikitesto]

Premesse (1413-1414)[modifica | modifica wikitesto]
Enrico V d'Inghilterra, illustrazione estratta dalla History of England di Cassel, pubblicata intorno al 1902.

La risoluzione dei problemi interni fu il prodromo necessario perché il giovane sovrano potesse concentrarsi sul suo vero obiettivo: la sottimosissione della Francia, azione politico-militare favorita tramite il rispolveramento di vecchi diritti dinastici accampati, quasi un secolo prima, da Edoardo III. Infatti, già a partire dal mese di settembre 1413, Enrico V intraprese un'audace politica estera: approfittando anche della grave frattura fra il partito degli armagnacchi e dei borgognoni, il sovrano inglese finse di voler rinnovare il trattato di pace, con la vera intenzione di tenere sotto controllo l'evoluzione della politica interna francese[35]. Il leader dei borgognoni, il duca Giovanni Senza Paura, fu il principale interlocutore del sovrano inglese, tanto che tra il 1413 e il 1414 furono intavolate delle trattative matrimoniali tra il giovane re e una figlia del duca di Borgogna[36].

L'alleanza prevedeva tra i due che, nel caso che Enrico avesse attaccato la Francia, Giovanni sarebbe rimasto neutrale e lo avrebbe riconosciuto come re, se Enrico avesse avuto il sopravvento[37]. Sull'altro fronte, Enrico V, probabilment già dalla fine di maggio del 1414[30], rivendicò ufficialmente il trono di Francia, chiedendo in sposa Caterina, la figlia di Carlo VI, proposta che fu rifiutata per i titoli avanzati dal re d'Inghilterra[38]. Il 31 maggio 1415, approfittando del degenerare degli eventi in seno al Regno di Francia, Enrico V tornò sull'offensiva, avanzando richieste territoriali inaccettabili: la Normandia, il Ponthieu, il Maine, l'Anjou, la Touraine, il Poitou ed, infine, l'Aquitania nella sua estensione all'indomani del trattato di Bretigny del 1360, con l'aggiunta della Provenza[19][28][39]. I messi francesi, sapendo bene che la Francia non era pronta ad un conflitto aperto con l'Inghilterra, cercarono di controbattere concedendo la "signoria "legale" dell'Aquitania piuttosto che la sua "sovranità diretta"[40] e pagando un pesantissimo tributo[39]. Enrico, reputando questa controfferta troppo esigua, rispose dichiarando guerra alla Francia.

La prima spedizione e la battaglia di Anzicourt (1415)[modifica | modifica wikitesto]
Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Battaglia di Azincourt.
La Battaglia di Azincourt, estratto dalle Chroniques d’Enguerrand di Monstrelet, XV secolo. Con questa grande vittoria, Enrico riuscì a riportare l'Inghilterra tra le grandi potenze europee dopo decenni di decadenza.

Dopo che lasciò il fratello Giovanni, duca di Bedford, in qualità di luogotenente del Regno[31], Enrico V si accinse a partire per la Normandia nel mese di agosto. Il 13 di quel mese, la flotta inglese (forte di 1500 vascelli[41]) attraccò nei pressi di Le Havre, e alcuni giorni dopo l'esercito inglese assediò Harfleur, che cadde il 22 settembre[41]. Enrico, conscio di come il suo esercito fosse stato decimato dalle malattie e dalla fame e di come l'estate stesse rapidamente finendo, ritenne saggio raggiungere il porto di Calais donde poi ritornare in Inghilterra[42][43], ma arrivato in Piccardia si trovò di fronte l'armata francese, almeno tre volte più grande della sua[44]. L'esercito francese avrebbe potuto essere ancora più numeroso se fosse stata accettata l'offerta di aiuto di Giovanni Senza Paura, che fu respinta a causa delle diatribe tra il duca di Borgogna e il connestabile Charles d'Albret, leader degli armagnacchi[45].

Nonostante le pessime condizioni metereologiche e la fangosità del terreno, verso le 10 del mattino del 25 ottobre del 1415[45], giorno di San Crispino, i francesi capitanati dal D'Albret ingaggiarono battaglia nei pressi del villaggio di Azincourt. Alle quattro del pomeriggio, la battaglia era già finita con un disastro francese: rispetto ai 500 morti di parte inglese, dal lato francese morirono tra i 7.000 e i 15.000 uomini[46], tra cui i due fratelli di Giovanni Senza Paura, Antonio, Duca del Brabante e Filippo, Conte di Nevers, mentre il duca d'Orleans, Carlo, cadde prigioniero[45]. La straordinaria vittoria conseguita dagli inglesi su un esercito molto più grande può essere spiegata non soltanto per gli impedimenti di natura metereologica prima ricordati, ma anche per la stessa differente organizzazione dei due eserciti[47]. Infatti, se l'armata francese era composta principalmente dalla temibile cavalleria pesante, espressione dell'aristocrazia feudale, quella inglese poteva contare su una maggiore mobilità grazie alla fanteria e agli arcieri, preparati dopo lunghi e duri addestramenti[48]. Questi ultimi furono fondamentali per la vittoria: i dardi scagliati dai loro archi non potevano essere evitati dalla cavalleria francese, che fu pertanto decimata[49].

Il 1416 e le trattative con Borgogna e Impero[modifica | modifica wikitesto]
La Francia all'indomani del Trattato di Troyes. Tale divisione territoriale della Francia tra l'area fedele al delfino Carlo e quella sotto il controllo degli anglo-borgognoni perdurerà fino al 1429, quando Giovanna D'Arco diede inizio al capovolgimento del conflitto.

Dopo essere ritornato a Londra nel mese di novembre[31] Enrico, forte del sostegno popolare per la vittoria ottenuta[12], si preparò alla ripresa delle ostilità e con una fortunata attività diplomatica prima ruppe l'alleanza tra i francesi e l'imperatore Sigismondo[6], attraverso la stipulazione del Trattato di Canterbury, del 15 agosto 1416[50]. Con tale atto diplomatico, Enrico sostenne l'azione diplomatica svolta da Sigismondo nel Concilio di Costanza per porre fine allo Scisma d'Occidente; da parte sua, Sigismondo si dichiarò favorevole a riconoscere la legittimità della guerra intrapresa da Enrico stesso. L'8 ottobre, il sovrano Lancaster rinsaldò l'alleanza con Giovanni Senza Paura incontrandolo a Calais, dove pare che Giovanni fosse disposto a riconoscere Enrico V re di Francia[50]. La Francia, nel frattempo, stava sempre più sprofondando nella completa anarchia: la sconfitta navale subita alla foce della Senna il 15 agosto del 1416[50][31], il fallimento delle trattative diplomatiche per evitare la coalizione con Sigimondo e la morte, nell'aprile del 1417, del delfino di Francia, Giovanni[51], contribuirono a demoralizzare la corte francese. Con un re folle, la minaccia perenne del duca di Borgogna e l'esercito francese annientato, Enrico poteva rivendicare la corona di Francia, data la giovane età del nuovo delfino, il quattordicenne Carlo[52].

Prosecuzione della guerra e conquista della Normandia (1417-1419)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 1417 ripresero le ostilità. Enrico V, ottenuti i finanziamenti dal Parlamento[31], sbarcò a Trouville con 12 mila uomini il 1° agosto[53] e, dopo aver conquistato in meno di un anno la Normandia, il 29 luglio 1418 si presentò davanti a Rouen, assediandola[54].

Nello stesso tempo Giovanni era avanzato su Parigi, dove fu accolto come un liberatore il 14 luglio[31], due mesi dopo che i cittadini della capitale uccisero Bernardo VII d'Armagnac[53]. Il Duca si atteggiò a protettore del re e prese, ufficiosamente, il comando delle operazioni contro gli inglesi, non facendo però nulla per evitare la resa di Rouen, il 20 gennaio 1419[55]. Ora la Normandia era tutta inglese, ad eccezione di Mont-Saint-Michel, ed Enrico, per tutto il biennio 1419-1420, poté muoversi liberamente nel nord della Francia, conquistando Pontoise (città alle porte di Parigi) il 30 luglio[56].

Il Trattato di Troyes (1420)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Trattato di Troyes.
Manoscritto riportante le clausole firmate da Carlo VI ed Enrico V a Troyes il Numero d'inventario: AE/III/254).

Nel corso del 1419, il duca Giovanni Senza Paura si era riavvicinato al delfino Carlo per contrastare la presenza inglese in Francia. Durante le trattative Giovanni venne però assassinato a Montereau (10 settembre[6]) e il nuovo duca, il figlio Filippo III, accusò Carlo (che era anche suo cognato), di aver progettato l'omicidio del padre, arrivando alla conclusione che per i borgognoni era preferibile l'alleanza con gli inglesi a quella con gli armagnacchi[48]. Nel frattempo, la moglie di Carlo VI, l'intrigante Isabella di Baviera, scongiurò Enrico di vendicare l'omicidio del duca Giovanni, di punire il presunto assassino e di raggiungere Parigi[31]. Ormai la guerra era finita: con il Trattato di Troyes (21 maggio 1420), si riconosceva Enrico, che era stato adottato dai reali francesi, reggente di Francia ed erede di Carlo VI in luogo dell'erede legittimo, il Delfino Carlo[28][31]. Gli accordi prevedevano anche il matrimonio tra Enrico e Caterina di Valois, figlia del sovrano francese, matrimonio che fu celebrato il 2 giugno del 1420[28].

Lo zenit politico e la morte di Enrico[modifica | modifica wikitesto]

Stemma di Enrico V

La Francia si trovò così spaccata in due, quella controllata dai borgognoni e dagli inglesi, e quella sotto il controllo del Delfino e gli armagnacchi. Nonostante gli armagnacchi non intendessero riconoscere le clausole di Troyes e la nuova linea di successione, all'alba del 1421 Enrico era divenuto non soltanto il padrone virtuale del regno francese, ma anche l'arbitro della politica europea, grazie agli accordi con Sigismondo[6]. Nel 1421, la sconfitta (e morte) del fratello Tommaso di Clarence nella battaglia di Baugé indussero Enrico V a scendere ancora nel continente[6], da dove apprese della nascita del figlio ed erede Enrico, avvenuta il 21 dicembre[53]. Il re, però, non avrà più l'occasione di vedere il figlio, in quanto morì di febbre tifoide il 31 agosto 1422 presso Vincennes[11].

Il suo corpo, dopo essere stato imbalsamato[57], fu trasportato a Rouen, donde fu infine traslato in Inghilterra e sepolto, dopo un solenne funerale il 7 novembre[57], nella abbazia di Westminster a Londra[6][57]. Nel 1422, oltre a Enrico V morì anche Carlo VI, per cui il nuovo re di Francia, oltre che re d'Inghilterra, fu il figlioletto Enrico, affidato alla tutela di un consiglio di reggenza composto da Enrico Beaufort, Giovanni duca di Bedford e Humphrey duca di Gloucester[58].

La figura di Enrico V[modifica | modifica wikitesto]

Considerazioni storiografiche[modifica | modifica wikitesto]

Matrimonio di Enrico con Caterina di Valois

Premesse generali[modifica | modifica wikitesto]

La figura di Enrico V è stata oggetto di una politica di mitizzazione da parte della tradizione storiografica e letteraria inglese, rendendo il sovrano Lancaster uno dei più fulgidi simboli del patriottismo e il prototipo dell'eroe medievale, per via della sua mentalità cavalleresca[6]. Indubbiamente, i successi di Enrico furono straordinari: la fulminea stabilizzazione del reame, il genio tattico e l'abilità politica dimostrata nei confronti della Francia, dell'Impero e in occasione della ricomposizione della Chiesa sono il frutto delle sue qualità innate[59]. La potenza politico-militare che l'Inghilterra raggiunse sotto il suo scettro, di conseguenza, favorì la nascita di una storiografia ampiamente favorevole ad Enrico V, che già si può riscontrare sotto il suo regno dalle cronache lui coeve.

Le testimonianze dei contemporanei[modifica | modifica wikitesto]

Lo storico Tyler James Endell (1789-1851), nel suo importante lavoro di ricostruzione della figura di Enrico V (il saggio Henry of Monmouth, pubblicato nel 1838), esaminò le testimonianze scritte dei contemporanei del re Lancaster, delineandone un profilo estremamente positivo e virtuoso:

(EN)

« Testimony, on the other hand, ample and repeated, as we have already seen in these pages, is borne to his valour, and unremitting exertions and industry; to his firmness of porpouse, his integrity, his filial duty and affections; his hig-mindedness (in the best sense of the word), his generous spirit, his humanity, his habits of mind...his pious trust in Providence... »

(ITA)

« D'altro canto, l'ampia e ripetuta testimonianza, come abbiamo già potuto constatare in queste pagine, si sorregge sul suo valore, sui suoi incessanti sforzi e sulla sua operosità; sulal sua fermezza d'animo, la sua integrità, la sua devozione filiale e affetti; sui suoi principi nobilissimi (nel miglior senso della parola), sul suo generoso spirito, la sua umanità, i suoi costumi...sulla sua pia fiducia nella Provvidenza... »

(Tyler James Endell, Henry of Monmouth, p. 322)
John Gilbert, Re Enrico V alla Battaglia di Agincourt, XIX secolo.

Endell, per delineare un quadro così virtuoso di Enrico V, lesse le testimonianze degli Ypodigma Neustriae del monaco Thomas Walsingham (datate intorno al 1419 e dedicate al sovrano[60]), e quelle degli scritti dei poeti John Lydgate e di Thomas Hoccleve, esaltanti le sue imprese militari in Francia[61]. La consultazione di tali fonti così sfacciatamente di parte impedisce una chiara valutazione storiografica presso i contemporanei, cosa che può essere smentita, però, dalla sicurezza con cui Enrico V attuò la sua ambiziosa politica estera. Infatti, la piena sintonia del sovrano con le aspettative del popolo inglese sono un tacito segnale della popolarità che il sovrano godeva in ampi strati del Regno[19]. Altra importante testimonianza storica contemporanea, che verrà usata poi da Shakespeare per il suo Enrico V, sono gli Henrici Quinti Angliae Regis Gesta[62]. Gli stessi cronachisti francesi contemporanei alla campagna francese di Enrico V, quali Waurin, Jean Chartier e Chastellain, riconobbero che «, nonostante fosse stato loro nemico, fu davvero un grande personaggio»[63].

Nei secoli successivi[modifica | modifica wikitesto]

Sotto la dinastia Tudor (specialmente da parte di Enrico VIII, che sognava di emulare le imprese belliche del predecessore[64]) la memoria di Enrico V fu oggetto di una vera e propria propaganda patriottica. I Chronicles di Raphael Holinshed, pubblicati per la prima volta nel 1577 sotto il regno di Elisabetta I, influenzarono profondamente il teatro storico di William Shakespeare[65], il quale cristallizzò la figura di Enrico V nel sovrano virtuoso, affabile e pio che la tradizione storiografica dell'età moderna non ha messo in discussione.

Enrico V nella letteratura e nel cinema[modifica | modifica wikitesto]

Shakespeare[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Enrico V (Shakespeare).

Come accennato prima, sul personaggio di Enrico V William Shakespeare incentrò la sua omonima tragedia storica, dove il sovrano appare come il più puro eroe dell'epopea nazionale. Già nell'Enrico IV, Shakespeare aveva introdotto la figura dell'allora principe di Galles (chiamato nel dramma col soprannome di Hal[66]), delineandolo come un giovane in piena evoluzione psicologica, all'inizio estremamente impulsivo e dedito alle gozzoviglie, per poi maturare verso la fine della rappresentazione[66]. Divenuto sovrano, Enrico incarnò in sé tutti quei tratti virtuosi che contraddistinguevano l'etica cavalleresca: forte senso della giustizia, grande religiosità, risolutezza e sicurezza nelle proprie azioni[67]. Un manifesto esempio di questa forte personalità è testimoniata dal discorso che Enrico tenne alle truppe la sera prima dell'inizio della battaglia di Azincourt, capolavoro della retorica patriottica e nazionale[68]. La rievocazione teatrale che Shakespeare realizzò, però, è stata modellata su precise necessità politico-ideologiche proprie dell'Inghilterra elisabettiana: la figura di Enrico V, infatti, assurse a quella del simbolo per eccellenza dell'unità nazionale del popolo inglese riunito sotto il comando del monarca[69].

Nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Dall'opera shakespiriana sono stati tratti due film e una serie televisiva, basati sull'opera shakesperiana:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Enrico V d'Inghilterra Padre:
Enrico IV d'Inghilterra
Nonno paterno:
Giovanni di Gand
Bisnonno paterno:
Edoardo III d'Inghilterra
Trisnonno paterno:
Edoardo II d'Inghilterra
Trisnonna paterna:
Isabella di Francia
Bisnonna paterna:
Filippa di Hainaut
Trisnonno paterno:
Guglielmo I di Hainaut
Trisnonna paterna:
Giovanna di Valois
Nonna paterna:
Bianca di Lancaster
Bisnonno paterno:
Enrico di Grosmont
Trisnonno paterno:
Enrico Plantageneto
Trisnonna paterna:
Maud Chaworth
Bisnonna paterna:
Isabella di Beaumont
Trisnonno paterno:
Enrico di Beaumont
Trisnonna paterna:
Alice Comyn
Madre:
Maria di Bohun
Nonno materno:
Humphrey di Bohun
Bisnonno materno:
William di Bohun
Trisnonno materno:
Humphrey di Bohun sr.
Trisnonna materna:
Elisabetta di Rhuddlan
Bisnonna materna:
Elisabetta di Badlesmere
Trisnonno materno:
Bartolomeo di Badlesmere
Trisnonna materna:
Margherita de Clare
Nonna materna:
Joan FitzAlan
Bisnonno materno:
Richard FitzAlan
Trisnonno materno:
Edmund FitzAlan
Trisnonna materna:
Alice de Warenne
Bisnonna materna:
Eleonora di Lancaster
Trisnonno materno:
Enrico Plantageneto
Trisnonna materna:
Maud Chaworth

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Il 2 giugno 1420[28], a Troyes, Francia, Enrico sposò Caterina di Valois figlia del re di Francia Carlo VI e di Isabella di Baviera. Caterina ad Enrico diede un unico figlio, Enrico VI di Windsor, re d'Inghilterra.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine della Giarrettiera - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine della Giarrettiera

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) King Henry V. URL consultato il 17 giugno 2015.
  2. ^ La data di nascita, però, non è sicura. Si ritiene che Enrico sia nato in una data imprecisata sul finire dell'estate o del 1386 o del 1387, come riportato in (EN) Henry V, history.com. URL consultato il 17 giugno 2015.
    «Henry was born in August of 1386 (or 1387)».
  3. ^ (EN) C.D. Ross, Henry V, Encyclopedia Britannica. URL consultato il 17 giugno 2015.
    «Henry V, (born Sept. 16?, 1387...».
  4. ^ Alfredo Bosisio, Il Basso Medioevo in Storia Universale, vol. 4, p. 274.
  5. ^ (EN) John A. Wagner, maggio 2015 Encyclopedia of the Hundred Years War.
  6. ^ a b c d e f g h i j k l (EN) C. L. Kingsford, Henry V, King of England, luminarium.org. URL consultato il 17 giugno 2015.
  7. ^ Tyler James Endell, Henry of Monmouth, vol. 1, p. 1.
  8. ^ a b c d (EN) C.L. Kingsford, Henry V in Dictionary of National Biographic, vol. 26, p. 43. URL consultato il 18 giugno 2015.
  9. ^ Tyler James Endell, Henry of Monmouth, vol. 1, p. 16. URL consultato il 18 giugno 2015.
  10. ^ L'apprendimento e lo studio approfondito della lingua e della cultura inglese da parte di un nobile britannico, per l'epoca, non era scontato, in quanto il francese era la lingua della cultura e della raffinatezza. Quando Enrico salirà al trono nel 1413, deciderà di utilizzare l'inglese al posto della lingua francese: (EN) Henry V, history.com. URL consultato il 17 giugno 2015.
    «Henry V was the first king of England since the Norman invasion to use English as his primary language. His predecessors had all preferred French.».
  11. ^ a b c d (EN) C.D. Ross, Henry V, Encyclopedia Britannica. URL consultato il 17 giugno 2015.
  12. ^ a b (EN) Henry V, englishmonarchs.co.uk, 2004 - 2005. URL consultato il 18 giugno 2015.
  13. ^ (EN) Tyler James Endell, Henry of Monmouth, vol. 1, p. 16. URL consultato il 18 giugno 2015.
    «Scanty as are the materials from which we must weave our opinion with reguard to the first years of Henry of Monmouth...».
  14. ^ (EN) C.D. Ross, Henry V, Encyclopaedia Britannica. URL consultato il 18 giugno 2015.
    «The stories of Prince Henry’s reckless and dissolute youth, immortalized by Shakespeare, and of the sudden change that overtook him when he became king, have been traced back to within 20 years of his death and cannot be dismissed as pure fabrication».
  15. ^ Tyler James Endell, Henry of Monmouth, vol. 1, pp. 16-17. URL consultato il 18 giugno 2015.
  16. ^ T.F. Tout, Henry IV, vol. 26, p. 35. URL consultato il 18 giugno 2015.
  17. ^ Henry of Monmouth, Tyler James Endell, vol. 1, p. 23. URL consultato il 18 giugno 2015.
  18. ^ a b Kenneth O. Morgan, Storia dell'Inghilterra, p. 176.
  19. ^ a b c Kenneth O.Morgan, Storia dell'Inghilterra, p. 177.
  20. ^ (EN) Sir Henry Percy, luminarium.org, 3 maggio 2007. URL consultato il 17 giugno 2015.
  21. ^ (EN) Henry V, history.com. URL consultato il 17 giugno 2015.
  22. ^ Si dice che re Roberto morì dopo aver appreso della cattura del figlio Giacomo da parte degli inglesi. Con la morte del re e la prigionia dell'erede al trono, la Scozia fu costretta a ritirarsi dal conflitto: (EN) Aeneas James George Mackay, Robert III in Dictionary of National Biography, vol. 48, p. 349. URL consultato il 18 giugno 2015.
    «On 4 April 1406, shortly after the receipt of the news of his son's capture, Robert III died at Rothesay...».
  23. ^ (EN) Owain Glyndwr, englishmonarchs.co.uk, 2004-2005. URL consultato il 18 giugno 2015.
  24. ^ a b c (EN) C.L. Kingsford, Henry V in Dictionary of national biography, vol. 26, p. 45. URL consultato il 18 giugno 2015.
  25. ^ L'accusa era di essersi impadronito delle paghe della guarnigione di Calais
  26. ^ (EN) T.F. Tout, Henry IV in Dictionary of national biography, vol. 26, p. 41. URL consultato il 18 giugno 2015.
  27. ^ a b c (EN) C.D. Ross, Henry V, Encyclopaedia Britannica. URL consultato il 18 giugno 2015.
  28. ^ a b c d e (EN) Biography of Henry V, Archontology.org, 14 marzo 2010. URL consultato il 18 giugno 2015.
  29. ^ Enrico V, come il padre, aveva bisogno dell'appoggio della Chiesa per consolidare la posizione della dinastia cui apparteneva. Si veda: George Maculay Trevelyan, Storia di Inghilterra, p. 287.
    «Il movimento lollardo fu soppresso mediante le persecuzioni ai tempi di Enrico IV e Enrico V, i quali cercarono di consolidare le loro malsicure pretese dinastiche ricorrendo al potente aiuto della Chiesa».
  30. ^ a b (EN) C.L. Kingsford, Henry V in Dictionary of national biographic, vol. 26, p. 46. URL consultato il 18 giugno 2015.
  31. ^ a b c d e f g h i (EN) Sanderson Beck, England under Henry V 1413-22, san.beck.org, 2010. URL consultato il 19 giugno 2015.
  32. ^ (EN) Richard, Earl of Cambridge, luminarium.org. URL consultato il 18 giugno 2015.
  33. ^ Frederik Pedersen, Trade and Politics in the Medieval Baltic: English Merchants and England’s Relations to the Hanseatic League 1370-1437, p. 170. URL consultato il 22 giugno 2015.
  34. ^ Frederik Pedersen, Trade and Politics in the Medieval Baltic: English Merchants and England’s Relations to the Hanseatic League 1370-1437, p. 171. URL consultato il 22 giugno 2015.
  35. ^ (EN) John Matusiak, Henry V, p. 107. URL consultato il 18 giugno 2015.
  36. ^ (EN) John Matusiak, Henry V, p. 107. URL consultato il 18 giugno 2015.
    «During the previous autumn [rispetto al 1414], there had already been tentative talk of marriage between Herny and one of the duke's daughters».
  37. ^ Nello stesso tempo Giovanni Senza Paura garantiva al re di Francia Carlo VI di non aver preso alcun impegno con gli inglesi.
  38. ^ (EN) C.L. Kingsford, Henry V in Dictionary of national biography, vol. 27, p. 47. URL consultato il 18 giugno 2015.
  39. ^ a b (EN) John Matusiak, Henry V, p. 109. URL consultato il 18 giugno 2015.
  40. ^ L'Aquitania, in quanto feudo della Francia, era "concesso" al re d'Inghilterra per la gestione diretta dei suoi domini, in qualità di feudatario del re di Francia. Con tale atto, gli ambasciatori francesi avrebbero concesso ad Enrico V, oltre alla sovranità diretta, anche quella legale e giuridica.
  41. ^ a b (EN) J.P. Sommerville, Henry V, faculty.history.wisc.edu. URL consultato il 18 giugno 2015.
  42. ^ (EN) The Battle of Agincourt, 1415, eyewitnesstohistory.com, 2006. URL consultato il 19 giugno 2015.
  43. ^ (FR) Bataille de Azincourt, Encyclopædia Universalis, p. 1. URL consultato il 19 giugno 2015.
  44. ^ Gli storici moderni ritengono che l'armata di Enrico oscillasse tra le 9.000 e le 13 mila unità, mentre quella capitanata dal generale francese Charles d'Albret tra le 12.000 e le 36 mila. Si veda: (EN) Juliet Barker, Agincourt: The King, the Campaign, the Battle (U.S. Title: Agincourt: Henry V and the Battle That Made England.), pp. 227/320.; e (EN) Anne Curry, Agincourt: A New History, 2006, p. 192.
  45. ^ a b c (FR) La Bataille de Azincourt, histoire-pour-tous.fr, 2 maggio 2011. URL consultato il 19 giugno 2015.
  46. ^ Battaglia di Azincourt. 25 ottobre 1415, arsbellica.it, 7 dicembre 2004. URL consultato il 19 giugno 2015.
  47. ^ Si veda, per approfondire, l'articolo: Battaglia di Azincourt. 25 ottobre 1415, arsbellica.it, 7 dicembre 2004. URL consultato il 19 giugno 2015.
  48. ^ a b Alfredo Bosisio, Il Basso Medioevo in Storia Universale, vol. 4, p. 271.
  49. ^ (EN) The battle of Agincourt, eyewitnesstohistory.com, 2006. URL consultato il 19 giugno 2015.
    «Henry's archers fired lethal storms of arrows into this dense mass of humanity until the French began to retreat».
  50. ^ a b c (EN) C.L.Kingsford, Henry V in Dictionary of national biography, vol. 26, p. 49. URL consultato il 19 giugno 2015.
  51. ^ (EN) FRANCE, CAPETian kings, Charles Cawley & FMG, 30 maggio 2014. URL consultato il 19 maggio 2015.
    «JEAN de France (Hôtel de Saint-Pol, Paris 31 Aug 1398-Compiègne 4/5 Apr 1417, bur Compiègne, Abbaye royale de Saint-Corneille)».
  52. ^ (EN) FRANCE, CAPETian kings, Charles Cawley & FMG, 30 maggio 2014. URL consultato il 22 giugno 2015.
    «CHARLES de France (Hôtel Royal de Saint-Pol, Paris 22 Feb 1403-Château de Mehun-sur-Yèvre, Cher 22 Jul 1461, bur église de l'Abbaye royale de Saint-Denis). He succeeded his father in 1422 as CHARLES VII "le Victorieux" King of France.».
  53. ^ a b c (EN) Jim Keys, King Henry V and the French Throne, thehistoryherald.com, 19 giugno 2013. URL consultato il 20 giugno 2015.
  54. ^ (EN) C.L. Kingsford, Henry V in Dictionary of national biography, vol. 26, p. 50. URL consultato il 19 giugno 2015.
  55. ^ (EN) C.L. Kingsford, Henry V in Dictionary of national biography, vol. 26, p. 51. URL consultato il 19 giugno 2015.
  56. ^ (EN) C.L. Kingsford, Henry V in Dictionary of national biography, vol. 26, p. 52. URL consultato il 19 giugno 2015.
  57. ^ a b c (EN) Henry V, westminster-abbey.org. URL consultato il 21 giugno 2015.
  58. ^ (EN) Henry VI, archontology.org, 14 marzo 2010. URL consultato il 19 giugno 2015.
  59. ^ (EN) C.L. Kingsford, Henry V, luminarium.org. URL consultato il 22 giugno 2015.
    «His success was due to the power of his personality».
  60. ^ (EN) David Bates, England and Normandy in the Middle Ages, p. 245. URL consultato il 19 giugno 2015.
  61. ^ Thomas Occleve, come è ricordato in Kenneth O.Morgan, Storia dell'Inghilterra, p. 185., fu sovvenzionato dallo stesso Enrico V per la realizzazione di versi celebranti le vittorie di Azincourt e la conquista di Rouen.
  62. ^ (EN) Amanda Mabillard, Sources for Henry V, Shakespeare Online, 20 agosto 2000. URL consultato il 19 giugno 2015.
  63. ^ (EN) Desmond Seward, Henry V, The Scourge of God, p. 214.
  64. ^ (EN) Lara E. Eakins, Henry VIII, Lara E. Eakins, 19 febbraio 2012. URL consultato il 19 giugno 2015.
    «Henry consoled himself by going to war against France, hoping to emulate his ancestors Edward III and Henry V.».
  65. ^ (EN) Chronicles of England, Scotland, and Ireland 1587 (Selection), Internet Shakespeare Editions. URL consultato il 19 giugno 2015.
  66. ^ a b Enrico IV shakespeare parte I: analisi dei personaggi principali, shakespeareinitaly.it. URL consultato il 20 giugno 2015.
  67. ^ (EN) Henry V: Analysis of Major Characters, sparknotes.com. URL consultato il 20 giugno 2015.
  68. ^ (EN) David Bevington, Henry V, Encyclopaedia Britannica. URL consultato il 20 giugno 2015.
  69. ^ Si riporta qui parte del saggio di Rich Lawson sul rapporto tra l'Enrico V "storico" e quello "teatrale":(EN) Rich Lawson, Historical Sources and Shakespeare's Henry V, shadowedrealm.com. URL consultato il 20 giugno 2015.
    «Now that the religious unity had been lost, it was more important for the kingdom to feel united politically (under its monarch, Elizabeth), and any details from the past that would provide the English with a sense of pride and accomplishment would have been viewed as very helpful to the cause. Henry V was one of the greatest of the English kings, and his story, as Shakespeare told it, is likely to have filled the English with a sense of pride».
  70. ^ (EN) Enrico V (1944), IMDb. URL consultato il 21 giugno 2015.
  71. ^ (EN) Enrico V (1989), IMDb. URL consultato il 21 giugno 2015.
  72. ^ (EN) The Hollow Crown (2012), IMBd. URL consultato il 21 giugno 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Juliet Barker, Agincourt: The King, the Campaign, the Battle (U.S. Title: Agincourt: Henry V and the Battle That Made England.), 1ª ed., Londra, Little, Brown Book Group, 2005, ISBN 978-0-316-72648-1.
  • (EN) David Bates, England and Normandy in the Middle Ages, Londra - Rio Grande, The Hambledon Press, 1994, ISBN 1-85285-083-3. URL consultato il 19 giugno 2015.
  • Alfredo Bosisio, Il Basso Medioevo in Storia Universale, vol. 4, Novara, Istituto geografico De Agostini, 1968, SBN IT\ICCU\SBL\0106101.
  • (EN) Anne Curry, Agincourt: A New History, The History Press, 2006, ISBN 978-0-7524-3813-9.
  • (EN) Tyler James Endell, Henry of Monmouth, vol. 1, Londra, R. Bentley, 1838, OL7063183M.
  • (EN) C.L. Kingsford, Henry V in Leslie Stephen and Sidney Lee (a cura di), Dictionary of National Biographic, vol. 26, Londra, Smith, Elder & Co, 1891, p. 43. URL consultato il 18 giugno 2015.
  • (EN) Aeneas James George Mackay, Robert III in Leslie Stephen and Sidney Lee (a cura di), Dictionary of National Biography, vol. 48, Londra, Smith, Elder & Co, 1896, p. 349. URL consultato il 18 giugno 2015.
  • (EN) John Matusiak, Henry V, New York, Routledge, 2012, ISBN 978-0-415-62027-7. URL consultato il 18 giugno 2015.
  • Kenneth O.Morgan (a cura di), Storia dell'Inghilterra da Cesare ai giorni nostri, 10ª ed., Milano, Bompiani, 2007, ISBN 978-88-452-4639-5.
  • (EN) Desmond Seward, Henry V, The Scourge of God, Books on Tape, Inc., 1999, ISBN 978-0-7366-4452-5.
  • (EN) T.F. Tout, Henry IV in Leslie Stephen and Sidney Lee (a cura di), Dictionary of national biography, vol. 26, Londra, Smith, Elder & Co, 1891, p. 35. URL consultato il 18 giugno 2015.
  • George Maculay Trevelyan, Storia di Inghilterra, a cura di G. Martini e E. Panicieri, Milano, Garzanti [1962], 1965, SBN IT\ICCU\SBL\0420529.
  • (EN) John A. Wagner, maggio 2015 Encyclopedia of the Hundred Years War, Westport, Greenwood Publishing Group, 2006, ISBN 0-313-32736-X.
  • (EN) The Battle of Agincourt, 1415, eyewitnesstohistory.com, 2006. URL consultato il 19 giugno 2015.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Re d'Inghilterra Successore Royal Standard of England (1406-1603).svg
Enrico IV 1413-1422 Enrico VI
Predecessore Signore d'Irlanda Successore Banner of the Lordship of Ireland.svg
Enrico IV 1413-1422 Enrico VI
Predecessore Duca d'Aquitania Successore Flag of Aquitaine.svg
Giovanni di Gand 1399-1422 Enrico VI
Predecessore Principe di Galles Successore Coat of Arms of the Prince of Wales (Modern).svg
Riccardo II 1399-1413 Edoardo di Lancaster
Predecessore Duca di Lancaster Successore Red Rose Badge of Lancaster.svg
Enrico IV 1399-1413 Titolo unito alla Corona
Predecessore Lord Guardiano dei Cinque Porti Successore Lord Warden Cinque Ports (Lord Boyce)..png
Sir Thomas Erpynham 1409-1413 Thomas FitzAlan
Controllo di autorità VIAF: (EN284333410 · LCCN: (ENn50038127 · ISNI: (EN0000 0000 6631 6367 · GND: (DE118548182