Associazione Calcio Dilettantistica Ars et Labor Grottaglie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ars et Labor Grottaglie
Calcio Football pictogram.svg
i Biancazzurri, gli Ionici
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Bianco e Blu.svg Bianco, Blu
Simboli Gallo
Inno Alé Grottaglie
Dati societari
Città Grottaglie
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Promozione
Fondazione 1962
Presidente Italia Carmelo La Volpe[1]
Allenatore Italia Pierluigi Orlandini
Stadio Stadio Atlantico D'Amuri
(2 400 posti)
Sito web www.arsetlaborgrottagliecalcio.it
Palmarès
Titoli nazionali Coccarda Coppa Italia.svg 1 Coppa Puglia
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

L’Associazione Calcio Dilettantistica Ars et Labor Grottaglie, più semplicemente Ars Et Labor Grottaglie o Grottaglie, è la principale società calcistica italiana di Grottaglie, in provincia di Taranto. Fondata nel 1962 come polisportiva, ha vissuto le sue fortune sportive soprattutto grazie alla sezione calcistica, la quale ha militato per 25 stagioni, di cui 15 consecutive dal 2001 al 2015, in Serie D, il quarto livello del calcio Italiano.

Nel suo palmarès annovera la vittoria di un campionato di Eccellenza Puglia, due campionati di Promozione, di una Coppa Puglia e di un campionato di Prima Categoria.

Nella stagione 2019-2020 militerà nel campionato di Promozione Puglia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nascita della Polisportiva Ars Et Labor[modifica | modifica wikitesto]

La Storia della Polisportiva Ars Et Labor di Grottaglie comincia nel marzo del 1962 quando un gruppo di Sportivi Grottagliesi decide di fondare un circolo che riunisse varie discipline sportive sotto un'unica organizzazione.

La sezione calcistica[modifica | modifica wikitesto]

La Polisportiva si cimenterà in vari ambiti, fra cui su tutti il tennis e il calcio. La sezione calcistica della società sarà iscritta per la prima volta ad un campionato FIGC a partire dalla stagione 1963-1964, nel campionato di Prima Categoria, all’epoca 5º livello del calcio Italiano.

I primi anni e lo spareggio della monetina[modifica | modifica wikitesto]

La squadra nel corso degli anni crebbe di importanza. L’obiettivo era quello di centrare il salto di categoria in Serie D che all’epoca era paragonabile all’attuale professionismo. Dopo aver raggiunto buoni piazzamenti come due quarti posti e un terzo posto, la stagione che diede una svolta al calcio Grottagliese fu quella del 1971-1972, quando i biancazzurri terminarono il campionato al secondo posto alla pari del Gallipoli. Il campionato fu deciso da uno spareggio giocato allo stadio Veneziani di Monopoli e terminò con un celebre lancio di una monetina che premiò i Leccesi.

Il primo anno in Serie D e l’inizio di un sali-scendi[modifica | modifica wikitesto]

La stagione successiva al lancio della monetina fu un vero e proprio successo per l’Ars Et Labor Grottaglie, che ammazzò il campionato venendo promossa per la prima volta nella sua storia in Serie D. Dopo la prima promozione in Serie D il Grottaglie ha militato per 7 anni consecutivi nel 4º livello del calcio Italiano, per poi fare ritorno in Promozione nel 1989-1990. Nel 1991 il Grottaglie partecipò al primo campionato di Eccellenza Puglia della storia, l’anno successivo retrocesse per la prima volta nel 6º livello del calcio Italiano, ovvero la Promozione Puglia. Dopo un anno di transizione il Grottaglie provò nuovamente la scalata all’Eccellenza che ottenne nel 1996-1997.

La storica promozione dell’era Fiorino, l’inizio dell’era Ciracì[modifica | modifica wikitesto]

Il Grottaglie ottenne una storica promozione in Serie D nella stagione 2000-2001, storica perché sarà l’inizio di una striscia di campionati di quarta serie che durerà per 15 anni consecutivi. Il 2001-2002 sarà probabilmente la stagione più importante del calcio Grottagliese finora, infatti gli Ionici conquisteranno sia il terzo posto nel campionato di Serie D che la finale di Coppa Italia di serie D, che però perderà contro il con il Pievigina. Nella finale di ritorno, lo stadio Atlantico D’Amuri farà registrare il record di spettatori paganti della sua storia, circa 3.000, tutti Grottagliesi assiepati sia nel settore di tribuna che in quello di gradinata.

I play off promozione e l’inizio di una serie di retrocessioni e ripescaggi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006-2007 il Grottaglie sotto la gestione Ciracì raggiunge per la prima volta nella sua storia i Play Off promozione, essendosi posizionata 3ª. I biancazzurri saranno eliminati dalla compagine del Barletta. Nella stagione successiva gli ionici si piazzeranno al quinto posto, qualificandosi nuovamente ai play-off. Anche in questa annata la corsa terminerà al primo turno nuovamente contro il Barletta. Nella stagione 2008-2009 la squadra si classificherà al quindicesimo posto, dovendo così disputare i play-out salvezza contro il Bitonto. Il 7 giugno 2009, perdendo di misura, il Grottaglie fece ritorno in Eccellenza dopo 8 anni di Serie D. Il 2 settembre 2009 la società tarantina venne però ripescata in Serie D dopo il ricorso al Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport (TNAS) in merito all'esclusione dai ripescaggi. Nella stagione 2010-2011 il Grottaglie si piazzerà al dodicesimo posto e vincerà lo spareggio per i play-out contro il Sant'Antonio Abate. Nella stagione 2011-2012 si piazzerà al quattordicesimo posto e si salverà passando dai play-out contro il Real Nocera nell'anno del cinquantenario. Nella stagione 2012-2013 si piazzerà al sedicesimo posto retrocedendo in Eccellenza, successivamente verrà nuovamente ripescato in Serie D per la stagione 2013-2014, dove si piazzerà nuovamente al sedicesimo posto ma vincerà la gara secca dei play-out contro il Real Hyria.

Il 15º anno consecutivo in Serie D, il baratro delle tre retrocessioni consecutive[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2014-2015 ha militato nuovamente in serie D per la 15ª volta consecutiva, però piazzandosi questa volta all'ultimo posto della classifica ha fatto ritorno in Eccellenza Puglia. Da questo momento comincerà un calvario fatto di tre retrocessioni consecutive nel 2015-2016 dall'Eccellenza Puglia alla Promozione Puglia (dalla quale mancava da ben 20 anni) e nel 2016-2017 dalla Promozione Puglia alla Prima Categoria, campionato nel quale non aveva mai militato prima d’ora.

Il rischio di avere due squadre e l’inizio dell’era La Volpe[modifica | modifica wikitesto]

L’estate del 2017 sarà un’estate turbolenta per il calcio Grottagliese. Il fallimento totale della gestione di “soli Grottagliesi” che avevano portato il sodalizio in tre anni dalla Serie D alla Prima Categoria aveva lasciato dietro sé una voragine paurosa. Nel precedente campionato diversi imprenditori si erano fatti avanti per sposare la causa Grottagliese, fra cui Carmelo La Volpe. Dopo un iniziale accordo, alcune incomprensioni portarono La Volpe a spostare il titolo sportivo della Stella Jonica a San Giorgio a Grottaglie e fondare una seconda squadra cittadina. La squadra fondata da La Volpe però non vedrà mai la luce, dato che nell’estate del 2017, al termine dell’ennesima retrocessione del Grottaglie ci fu il passaggio delle quote societarie dall’ex presidente Leonzio D’Amicis proprio all’imprenditore proprietario di Style Arredo.

L’esordio in Prima Categoria, la conquista della Coppa Puglia e il nuovo spareggio[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2017-2018 il Grottaglie viene inserito nel Girone B di Prima Categoria. Il 24 settembre 2017 il Grottaglie farà il suo esordio in Prima Categoria Puglia battendo la Virtus Locorotondo per 3-1. La stagione non andrà però secondo i piani. I biancazzurri avevano pronosticato un pronto ritorno in Promozione ma il campionato vide gli Ionici di La Volpe piazzarsi al 5º posto in classifica e quindi qualificarsi ai play-off promozione, che perderà al primo turno contro la Rinascita Rutiglianese. La stagione sarà però in parte salvata il 12 aprile 2018 quando battendo il Norba Conversano ai rigori dopo l'1-1 in rimonta dei tempi regolamentari nel campo neutro di Fasano, i biancazzurri conquisteranno la Coppa Puglia per la prima volta nella loro storia laureandosi appunto Campioni di Puglia. Nella stagione 2018-19 ha militato per il secondo anno consecutivo nella sua storia in Prima Categoria Puglia, nuovamente inserito nel Girone B della competizione. Terminerà il campionato primo in classifica a 80 punti, record nella storia del Grottaglie, alla pari del Castellaneta[2] che batterà nello spareggio promozione sul neutro di Fasano per 2-0 difronte a circa 1200 spettatori di cui 1000 da Grottaglie[3].

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Associazione Calcio Dilettantistica Ars et Labor Grottaglie
  • 1962 - Fondazione dell'Ars et Labor Grottaglie.
  • 1963-64 - 6º nel girone B in Prima Categoria Puglia.
  • 1964-65 - 4º nel girone B in Prima Categoria Puglia.
  • 1965-66 - 4º nel girone B in Prima Categoria Puglia.
  • 1966-67 - 9º nel girone B in Prima Categoria Puglia.
  • 1967-68 - 9º nel girone B in Prima Categoria Puglia.
  • 1968-69 - 8º nel girone B in Prima Categoria Puglia.
  • 1969-70 - 3º nel girone B in Prima Categoria Puglia.

  • 1970-71 - 4º nel girone B in Prima Categoria Puglia.
  • 1971-72 - 2º nel girone B in Prima Categoria Puglia. Perde lo spareggio promozione col Gallipoli
  • 1972-73 - 1º nel girone B in Promozione Puglia. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie D
  • 1973-74 - 14º nel girone H di Serie D.
  • 1974-75 - 6º nel girone H di Serie D.
  • 1975-76 - 16º nel girone H di Serie D. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Promozione
  • 1976-77 - 2º nel girone B in Promozione Puglia.
  • 1977-78 - 1º nel girone B in Promozione Puglia. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie D
  • 1978-79 - 12º nel girone E di Serie D.
  • 1979-80 - 6º nel girone E di Serie D.

  • 1980-81 - 8º nel girone E di Serie D.
  • 1981-82 - 12º del girone L dell'Interregionale.
  • 1982-83 - 14º del girone L dell'Interregionale. Retrocesso ma successivamente riammesso.
  • 1983-84 - 5º del girone I dell'Interregionale.
  • 1984-85 - 14º del girone I dell'Interregionale. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Promozione
  • 1985-86 - 6º nel girone B in Promozione Puglia.
  • 1986-87 - 9º nel girone B in Promozione Puglia.
  • 1987-88 - 9º nel girone B in Promozione Puglia.
  • 1988-89 - 2º nel girone B in Promozione Puglia. Green Arrow Up.svg Promosso in Interregionale
  • 1989-90 - 15º del girone I del Campionato Interregionale. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Promozione

  • 1990-91 - 4º nel girone B in Promozione Puglia.
  • 1991-92 - 8º in Eccellenza Puglia.
  • 1992-93 - 14º in Eccellenza Puglia. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Promozione
  • 1993-94 - 7º nel girone B in Promozione Puglia.
  • 1994-95 - 3º nel girone B in Promozione Puglia.
  • 1995-96 - 3º nel girone B in Promozione Puglia.
  • 1996-97 - 2º nel girone B in Promozione Puglia. Green Arrow Up.svg Promosso in Eccellenza
  • 1997-98 - 8º in Eccellenza Puglia.
  • 1998-99 - 10º in Eccellenza Puglia.
  • 1999-00 - 6º in Eccellenza Puglia.

  • 2000-01 - 1º in Eccellenza Puglia. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie D
  • 2001-02 - 3º nel girone H di Serie D.
Finalista di Coppa Italia Serie D.
  • 2002-03 - 11º nel girone H di Serie D.
Primo Turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2003-04 - 13º nel girone H di Serie D. Salvo dopo i Play-out.
Primo Turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2004-05 - 8º nel girone H di Serie D.
Primo Turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2005-06 - 12º nel girone H di Serie D.
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie D.
Primo Turno di Coppa Italia Serie D.
Primo Turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2008-09 - 15º nel girone H di Serie D. Retrocesso in Eccellenza e successivamente ripescato
Primo Turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2009-10 - 10º nel girone H di Serie D.

  • 2010-11 - 12º nel girone H di Serie D. Vince lo spareggio salvezza.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2011-12 - 14º nel girone H di Serie D. Salvo dopo i Play-out.
Primo Turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2012-13 - 16º nel girone H di Serie D. Retrocesso in Eccellenza e successivamente ripescato
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2013-14 - 16º nel girone H di Serie D. Salvo dopo i Play-out.
Primo Turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2014-15 - 18º nel girone H di Serie D. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Eccellenza
Primo Turno di finale di Coppa Italia Serie D.
  • 2015-16 - 17° di Eccellenza Puglia. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Promozione
Quarti di finale di Coppa Italia Dilettanti Puglia
  • 2016-17 - 16° nel girone B di Promozione Puglia. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Prima Categoria
Ottavi di finale di Coppa Puglia di Promozione.
Coccarda Coppa Italia.svg Vince la Coppa Puglia di Prima Categoria (1º titolo).
  • 2018-19 - 1° nel girone B di Prima Categoria. Vince lo spareggio promozione col Castellaneta[3]. Green Arrow Up.svg Promosso in Promozione
Sedicesimi di finale di Coppa Puglia di Prima Categoria.
  • 2019-20 - ° nel girone B di Promozione Puglia.
in Coppa Puglia di Promozione.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

I colori della maglia casalinga del Grottaglie sono il bianco e l'azzurro, disposti principalmente in bande verticali oppure orizzontali (fatta eccezione per la prima maglia della stagione 2018/19, la quale risulta essere completamente diversa nello stile storico adottato dal sodalizio Grottagliese). La divisa da trasferta nel corso degli anni può variare la sua colorazione principale fra bianco o giallo, con inserti biancoazzurri. La terza divisa del club ha una colorazione totalmente granata e di stagione in stagione può variare i motivi che la compongono, generalmente di colore bianco o azzurro.

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Divisa Casa
2018-19
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
2018-19
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza Divisa 2018-19
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Quarta Divisa
2018-19

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma dell'Ars Et Labor Grottaglie è variato tre volte nel corso della storia. Il primo logo fu adottato dal 1962, anno di fondazione della società al 1998 e raffigurava uno scudo di colore biancoazzurro, la denominazione sociale della società, ovvero "Polisportiva Dilettantistica Ars et Labor Grottaglie", il Castello Episcopio (luogo di interesse della cittadina), un leone e varie stelle a formare un arco[4]. Dal 1998, anno in cui da Polisportiva la società divenne solo calcistica, il logo cambiò a favore di uno nuovo che inglobasse il vecchio stemma e, oltre a questo presentava delle spighe di grano ai lati, il Castello Episcopio in alto e un nastro biancazzurro ad avvolgere le spighe e lo scudo[5]. Dal 2009 la squadra ha adottato un nuovo stemma che ha mantenuto fino ad oggi. Lo stemma attuale rappresenta uno scudo con due gradazioni di blu al suo interno, un contorno dorato, due spighe di grano all'interno dello stemma e una stella fra esse[6].

Inno[modifica | modifica wikitesto]

L'inno ufficiale dell'Ars Et Labor Grottaglie è "Alé Grottaglie!"[7], composto nel 2013 e adottato ufficialmente dal Settembre del 2017.

Simboli[modifica | modifica wikitesto]

Il simbolo della squadra è un gallo impettito dal corpo giallo e lunga e folta coda azzurra[8]. Il gallo rappresenta la ceramica artistica molto famosa e diffusa sul territorio grottagliese.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Il Grottaglie disputa le proprie partite casalinghe nello Stadio comunale Atlantico D'Amuri di Grottaglie, che ha una capienza di circa 2.400 posti ca.; il Settore Locali contiene 1800 posti, il Settore Ospiti 600 posti; è il 4° impianto della provincia per posti a sedere. Possiede una pista d'atletica.

Centro di allenamento[modifica | modifica wikitesto]

Il Grottaglie disputa i propri allenamenti settimanali in varie strutture, fra cui lo Stadio D'Amuri stesso, il centro sportivo Monticello e tempo fa, quando ancora agibile, al centro sportivo sito in zona "Savarra".

Settore Giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Il settore giovanile della società biancoazzurra milita nel campionato regionale di Promozione Puglia Juniores.

Statistiche e Record[modifica | modifica wikitesto]

Il Grottaglie nella sua storia cominciata nel 1962 può vantare diversi record a livello dilettantistico. Nel palmarès della società biancazzurra figurano infatti 25 campionati di Serie D di cui 15 di fila (record assoluto), 1 vittoria nel Campionato di Eccellenza Puglia (2000-01), 2 in quello di Promozione Puglia (1972-73 e 1977-78) e una finale di Coppa Italia Serie D tutti conseguiti sotto la presidenza Ciraci' persa contro il Pievigina nella stagione 2001-02. Tra i piazzamenti di massimo rilievo della società abbiamo due 3º posto (2001-02 e 2006-07) e due 5º posto (1983-84 e 2007-08) tutti in Serie D, il quarto livello del calcio italiano. Il Grottaglie inoltre vanta il privilegio di aver infranto il record del nardò calcio nel campionato serie D stagione 78-79 di imbattibilità sul proprio terreno di gioco dopo 35 partite. Davanti a quasi 9.000 spettatori l'Ars et Labor Grottaglie si impose per 2 a 1 con doppietta del neritino purosangue Parente Franco. Inoltre poteva vantare il record assoluto di non aver mai giocato un campionato di rango inferiore alla Promozione (ovvero il sesto livello del campionato italiano di calcio), record perso nella stagione 2016-17 dopo che, essendosi piazzata all'ultima posizione del girone B di Promozione Puglia è retrocessa per la prima volta nella sua storia nel 7º livello del calcio dilettantistico Italiano.

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Partite

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

2000-2001
1972-1973, 1977-1978
2017-2018
2018-2019

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Terzo posto: 2001-2002, 2006-2007
Finalista: 2001-2002

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La tifoseria grottagliese ha vessilli degli stessi colori sociali della squadra e cioè il biancoazzurro, da qui il soprannome "Biancazzurri"[12]. Attualmente esistono due gruppi ultras: i "Grottagliesi"[13] e i "Baldi Giovani"[14] i quali si sistemano assieme nel settore di tribuna coperta, generalmente sui gradoni adiacenti l'ingresso B.

Amicizie e Rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Gli ultrà Grottagliesi sostenevano un gemellaggio con il gruppo "Teste Matte" di Manfredonia scolorito però dal tempo passato senza che queste compagini si incontrassero in Campo. Ad oggi sostengono un gemellaggio rinnovato con la Curva Nord di Locorotondo[15]. Inoltre vi è un rapporto di amicizia o comunque di rispetto reciproco con gli Allentati del Fasano, con la Curva Nord di Taranto[16], con la Curva Sud di Brindisi e coi tifosi di Tricase e Puteolana.

La rivalità più sentita dai tifosi Grottagliesi si ha nei confronti della tifoseria del Manduria[17]. Altre importanti rivalità si hanno nei confronti delle tifoserie di Bitonto[18], Noicattaro[19], Nardò[20] e Ostuni[21]. Da registrare anche screzi (anche se di poco conto) nei confronti dei sostenitori di Barletta[22], Andria[23], Martina e Rutigliano.

Partecipazioni ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Ha disputato, in diversi periodi, 25 campionati di Serie D, 16 campionati di Eccellenza e 11 di Promozione. Ha vinto una volta il campionato di Eccellenza nella stagione 2000-01 e due volte il girone B del campionato di Promozione nelle stagioni 1972-73 e 1977-78. Ha conquistato altre due promozioni, una nel campionato di Interregionale e una in Eccellenza, classificandosi in entrambe le volte al secondo posto nel girone B del campionato di Promozione, nelle stagioni 1988-89 e 1996-97. Ha anche disputato i play-off del girone H di Serie D nel 2006-2007 e nel 2007-2008, venendo eliminata al primo turno, in entrambe le edizioni, dal Barletta, ed una finale di Coppa Italia Serie D nella stagione 2001-2002, persa contro il Pievigina.

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione
Serie D 25 1973-1974 2014-2015
Eccellenza 17 1970-1971 2015-2016
Promozione 13 1963-1964 2019-2020
Prima Categoria 2 2017-2018 2018-2019

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Promozione Puglia: Il Grottaglie ha una nuova proprietà, su blunote.slyvi.com.
  2. ^ Grottaglie-Castellaneta: sarà spareggio per determinare la promozione, su tuttosporttaranto.com.
  3. ^ a b Castellaneta ko, il Grottaglie è in Promozione, su blunote.it.
  4. ^ Logo Ars et Labor Grottaglie dal 1962 al 1998 (JPG), su i.ebayimg.com.
  5. ^ Logo Ars et Labor Grottaglie dal 1998 al 2008, su facebook.com.
  6. ^ Logo Ars et Labor Grottaglie dal 2009 a oggi, su facebook.com.
  7. ^ inno Ufficiale Ars et Labor Grottaglie, su youtube.com.
  8. ^ Il Gallo, simbolo della Ceramica grottagliese (JPG), su orecchiettepugliesi.it.
  9. ^ 1a Categoria: Grottaglie senza freni, 9 reti alla Cedas Brindisi, su blunote.it, 14/10/2018.
  10. ^ Lavello - Grottaglie 0-7 HIGHLIGHTS, su youtube.com, 5/4/2008.
  11. ^ Ischia Isolaverde - Grottaglie 9-1 HIGHLIGHTS, su youtube.com, 13/10/2012.
  12. ^ I Biancazzurri del Grottaglie, su salentosport.net.
  13. ^ Ultras Grottagliesi, su grottaglieinrete.it.
  14. ^ A Grottaglie nascono i “BALDI GIOVANI”, su sportpeople.net.
  15. ^ Ultrà Grottaglie: Amicizie e Rivalità, su web.tiscali.it.
  16. ^ Grottaglie-Taranto: Il derby dell'Amicizia, su zero99hd.blogspot.it.
  17. ^ Ultrà Grottaglie: Rivalità, su web.tiscali.it.
  18. ^ Grottaglie-Bitonto: due anni fa sassaiola a Grottaglie, su bitontolive.it.
  19. ^ ULTRAS GROTTAGLIE a noicattaro, su youtube.com.
  20. ^ Grottaglie-Nardò, Amicizie e Rivalità, su solobari.it.
  21. ^ Grottaglie - Ostuni - I Grottagliesi, su youtube.com.
  22. ^ Grottaglie-Barletta, su youtube.com.
  23. ^ Grottaglie-Andria: Highlights del Match, su youtube.com.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio