Assemblea federale (Federazione Russa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Assemblea Federale della Federazione Russa
Coat of Arms of the Russian Federation 2.svg
StatoRussia Russia
TipoParlamento Bicamerale
Camere
Istituito12 dicembre 1993
Predecessore
Presidente del Consiglio FederaleValentina Matviyenko (RU)
Presidente della Duma di StatoVyacheslav Volodin (RU)
Numero di membri620 (170+450)
Russia Federal Council 2022.svg
Russian 8th State Duma 2021.svg
Gruppi politiciConsiglio Federale

Maggioranza (142)

  •      RU (142)

Altri partiti (12)[3]

  •      PCFR (4)
  •      RG (4)
  •      PLDR (4)

Altri (14)

Vacanti (3)

  •      Vacanti (3)

Duma di Stato
Maggioranza (325)

  •      RU (325)

Altri partiti (124)[3]

Vacanti (1)

  •      Vacanti (1)
SedeMosca, Russia
Sito webwww.gov.ru/

L'Assemblea federale (in russo: Федеральное Собрание?, traslitterato: Federal'noe Sobranie) è la sede del potere legislativo della Federazione Russa, secondo la costituzione del 1993.

Costituzionalmente[4]si compone di due camere, la Duma di Stato, che è la camera bassa, e il Consiglio federale, che è la camera alta. Entrambe le camere si trovano a Mosca.

La prima Duma post-sovietica del 1993 è la Quinta Duma, dopo le prime quattro del periodo del 1906-17.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Camera alta
  2. ^ Camera bassa
  3. ^ a b Questa sezione è chiamata “Altri Partiti” e non “Opposizione” perché, sebbene costituzionalmente il paese sia una Repubblica pluripartitica, non esiste de facto alcun partito che possa effettivamente opporsi al dominio incontrastato e alla deriva autoritaria assunta dal paese nella sua breve storia post-sovietica a partire dal 1999. I partiti che fanno parte di questa sezione, infatti, molto spesso sono tollerati dal regime, dopo essere stati debitamente “depotenziati”, solo perché non interferiscono o non possono interferire con le azioni governative, il partito e i politici al governo. Essi, quindi, rappresentano solo un’opposizione “di facciata”, molto spesso votano a favore del governo in carica e delle sue azioni e addirittura sovente sono creati dallo stesso regime, che pilota le elezioni a proprio vantaggio.
  4. ^ Costituzione Russa in Italiano, Art.95 (p.15-16) (PDF), su www.art3.it, 12 dicembre 1993.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN138868447 · LCCN (ENn94027285 · J9U (ENHE987007446511305171 · WorldCat Identities (ENlccn-n94027285