Assemblea nazionale (Ungheria)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Assemblea nazionale
Coat of arms of Hungary.svg
Logo dell'Assemblea nazionale
StatoUngheria Ungheria
TipoMonocamerale
PresidenteLászló Kövér (Fidesz)
VicepresidenteMárta Mátrai (Fidesz)
Ultima elezione2018
Hungarian National Assembly 2018.svg
Gruppi politiciMaggioranza (133)

Opposizione (66)

SedeParlamento di Budapest, Budapest
IndirizzoPiazza Kossuth 1-3.
Sito web

L'Assemblea nazionale di Ungheria (Országgyűlés) è il Parlamento nazionale unicamerale dell'Ungheria. Consiste di 199 membri, eletti ogni quattro anni. Per poter accedere al Parlamento, i partiti devono superare la soglia del 5% dei voti popolari; oltre a supervisionare le attività dei ministeri. La Corte costituzionale ungherese ha il diritto di annullare la legislazione per incostituzionalità. Dal 1902, il legislatore ungherese, un tempo bicamerale, si riunisce al palazzo del Parlamento Ungherese a Budapest.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Dieta dell'Ungheria(ungherese: Országgyűlés) fu un'istituzione legislativa nel regno medievale dell'Ungheria a partire dagli anni 1290 e nei suoi stati successivi, l'Ungheria reale e il regno d'Ungheria asburgico durante tutto il periodo dell'era moderna. Il nome del corpo legislativo era originariamente "Parlamentum" durante il Medioevo, l'espressione "Dieta" acquisita principalmente nel periodo dell'era moderna. Si riunì a intervalli regolari con interruzioni durante il periodo dal 1527 al 1918, e di nuovo fino al 1946.

Gli articoli della dieta del 1790 stabilivano che la dieta doveva incontrarsi almeno una volta ogni 3 anni, ma poiché la dieta era stata chiamata dalla monarchia asburgica, questa promessa non fu mantenuta in diverse occasioni da allora in poi. Come risultato del Compromesso austro-ungarico, fu ricostituita nel 1867.

Il termine latino Natio Hungarica ("nazione ungherese") era usato per designare l'élite politica che aveva partecipato alla dieta, costituita dalla nobiltà, dal clero cattolico e da alcuni borghesi , indipendentemente dalla lingua o dall'etnia. Natio Hungarica era una categoria geografica, istituzionale e giuridico-politica.

Il carattere democratico del parlamento ungherese è stato ristabilito con la caduta della cortina di ferro e la fine della dittatura comunista nel 1989. Il parlamento di oggi è ancora chiamato Országgyűlés proprio come nei tempi reali, ma per differenziare la dieta reale si fa riferimento ora a essa come "Assemblea Nazionale".

Legislatura 2006-2010[modifica | modifica wikitesto]

Sala riunioni del Parlamento

Alle elezioni parlamentari del 2006, quattro partiti (o alleanze tra partiti) hanno superato la soglia di accesso al Parlamento: il Partito Socialista Ungherese (MSZP, con 190 seggi), il partito di coalizione Alleanza dei Liberi Democratici (SDZSZ, 20 seggi), l'Unione civica ungherese (FIDESZ) in alleanza con il Partito popolare cristiano democratico (KDNP, 164 seggi in comune; 141 per Fidesz e 23 per KDNP), e il Forum Democratico Ungherese (MDF, 11 seggi), oltre a un indipendente (proveniente dalla circoscrizione di Somogy).

I capi dei gruppi sono: Ildikó Lendvai (MSZP), Tibor Navracsics (FIDESZ), Zsolt Semjén (KDNP), Mátyás Eörsi (SZDSZ) e Károly Herényi (MDF). Il leader della fazione FIDESZ-KDNP e Viktor Orbán. Il capo della coalizione prima del 2008, ora capo del MSZP era il primo ministro Ferenc Gyurcsány. L'attuale presidente del Parlamento è Katalin Szili del MSZP (dal 2002).

Legislatura 2010-2014[modifica | modifica wikitesto]

Alle seste elezioni parlamentari, quattro partiti o alleanze di partito hanno superato la soglia minima: la Fidesz - Unione Civica Ungherese in alleanza con il Partito Popolare Democratico Cristiano (KDNP) (263 seggi in comune, 227 per Fidesz e 36 per KDNP). I candidati del Fidesz-KDNP hanno ottenuto abbastanza posti per ottenere una maggioranza dei due terzi necessaria per modificare le leggi principali e la costituzione del paese. Il partito socialista ungherese (MSZP) ha ottenuto 59 seggi, mentre il suo ex partito della coalizione Alleanza dei Liberi Democratici (SZDSZ) non è riuscito a conquistare alcun seggio ed è diventato extraparlamentare dopo 20 anni. C'erano due nuovi arrivati per l'Országgyűlés: Jobbik (47 posti) e La Politica può essere Diversa (LMP) (16 posti). 1 indipendente (ex membro di Fidesz Oszkár Molnár) è entrato in Parlamento, vincendo un collegio elettorale (Edelény) nella provincia di Borsod-Abaúj-Zemplén.

Anche l'altro prestigioso partito, il Forum democratico ungherese, ha perso tutti i suoi seggi.

I capi delle fazioni sono:

La nuova sessione parlamentare tiene la sessione inaugurale il 14 maggio 2010. Il presidente di Fidesz e il primo ministro è Viktor Orbán. Pál Schmitt è stato il portavoce dell'Assemblea nazionale fino all'agosto 2010, quando è diventato presidente dell'Ungheria. È stato sostituito da László Kövér.

Dopo le elezioni locali del 2010, tenutasi il 3 ottobre, Katalin Szili fondò l'Unione sociale e ne divenne il primo presidente. Di conseguenza, lasciò il Partito socialista ungherese e il loro gruppo parlamentare. Continuare il lavoro parlamentare come deputato formalmente indipendente

Presidenti dell'Assemblea nazionale (dopo il 1946)[modifica | modifica wikitesto]

Andamento nel tempo dei voti riportati dai principali partiti

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Ungheria Portale Ungheria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ungheria