Andrea Scanzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Andrea Scanzi

Andrea Scanzi (Arezzo, 6 maggio 1974) è un giornalista, saggista, scrittore, drammaturgo e personaggio televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Si laurea in lettere moderne all'Università di Siena nel 2000 con una tesi sui cantautori.[1] È giurato al Club Tenco e Direttore Artistico del Premio Pigro Ivan Graziani.

Giornalista pubblicista, ha scritto per Il mucchio selvaggio, il manifesto, Il Riformista, L'Espresso e Panorama, prima di passare, nel 2005, a La Stampa. Nell'estate del 2011 approda a Il Fatto Quotidiano. Si occupa di politica, attualità, cultura, costume, musica, vino, sport e feticismo per i piedi femminili.[1][2][3]

Scanzi nel 2012 a teatro

A teatro è autore e interprete dello spettacolo Gaber se fosse Gaber, patrocinato dalla Fondazione Gaber, che ha attraversato i teatri d'Italia dal 2011 al 2013. Nel settembre 2012 ha esordito con un secondo spettacolo teatrale, Le cattive strade dedicato a Fabrizio De André. Nel 2016 parte in tournè con il suo terzo spettacolo, Il sogno di un'Italia

Su La3 conduce, dal 2012, il programma di interviste Reputescion, in cui analizza la reputazione degli ospiti sulla rete.[4] Dal 2013 è frequente ospite nel programma Otto e mezzo, condotto da Lilli Gruber su LA7[5]. Dal 2015 partecipa, come ospite fisso, al programma Il processo del lunedì, condotto da Enrico Varriale su Rai 3. Sempre su LA7, dal 12 luglio 2016 conduce, assieme ad Alessia Reato, Futbol, programma di approfondimento calcistico.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Andrea Scanzi, Chi sono, andreascanzi.it. URL consultato il 29 gennaio 2013.
  2. ^ Salvate i nostri occhi: non uscite a piedi nudi e senza tacchi, Fatto Quotidiano, 11 Agosto 2015.
  3. ^ Intervista sui piedi delle Ministre della Repubblica Italiana, Fatto Quotidiano, 1 Marzo 2016.
  4. ^ REPUTESCION, QUANTO VALI SUL WEB?, la3tv.it, 22 febbraio 2013. URL consultato il 13 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 12 novembre 2014).
  5. ^ Scanzi ad Otto e Mezzo, La7, varie.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN90085241 · LCCN: (ENn2002109767 · SBN: IT\ICCU\ANAV\041431 · ISNI: (EN0000 0000 6282 9544 · BNF: (FRcb16987789d (data)