Daniele Luttazzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Daniele Luttazzi
Luttazzi denim.jpg
Nazionalità Italia Italia
Genere Musica d'autore
Jazz
Pop rock
Periodo di attività musicale 2005 – in attività
Etichetta EMI Italiana
Edel
Album pubblicati 2
Studio 2
Sito ufficiale

Daniele Luttazzi, pseudonimo di Daniele Fabbri (Santarcangelo di Romagna, 26 gennaio 1961), è un comico, scrittore, conduttore televisivo e musicista italiano.

Il suo pseudonimo è un omaggio al musicista e attore Lelio Luttazzi.[1]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di insegnanti elementari,[2] dopo il Liceo-Ginnasio Statale "Vincenzo Monti" di Cesena frequenta la facoltà di medicina dell'Università di Modena, laureandosi con una tesi sperimentale sulla eziopatogenesi autoimmunitaria della gastrite atrofica.[3][4]

Attività artistica[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Capo scout,[5] dal 1979 al 1981 è nella redazione dei mensili Agesci Camminiamo insieme (rover e scolte) e Giochiamo (lupetti e coccinelle). Per questa rivista scrive e disegna il fumetto Le avventure dei Pezzati, che al secondo anno viene sospeso dalle gerarchie perché giudicato poco ortodosso.[6][7]

A 18 anni collabora con il settimanale cattolico riminese Il Ponte,[2] per il quale scrive e disegna la pagina umoristica Freezer. Nel 1980, a 19 anni, viene eletto consigliere comunale a Santarcangelo di Romagna nelle file della Democrazia Cristiana.[8] Dopo due anni, mantenuta la promessa elettorale di far chiudere una fogna, si dimette.[9]

Nel 1979 fonda il gruppo new wave ze Endoten Control's.[10][11][12][13]

Nel 1987 pubblica alcune vignette sul settimanale satirico Tango ed è uno dei fondatori del mensile comico-satirico Comix.[14]

Gli esordi (1988-1998)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1988, in attesa di una bando per ricercatore in immunologia,[15][16][17] comincia a scrivere e a recitare in cabaret monologhi comici.[18][19] Nel maggio del 1989 vince il concorso per giovani comici La Zanzara d'oro.[15] Partecipa quindi alla rassegna Riso in Italy al teatro Sistina di Roma: in giuria, Renzo Arbore, che la settimana seguente lo fa esordire nel programma televisivo D.O.C. (Rai 2).[20] Per tutta l'estate è l'opinionista comico del "Maurizio Costanzo Show".[20] Scrive una rubrica di critica televisiva sul settimanale Mongolfiera[3] e una pagina illustrata di humor surreale sul mensile Hp Accaparlante.[21]

Nel maggio 1989 viene scritturato di nuovo al Costanzo Show, ma abbandona il programma alla prima puntata in polemica con il nuovo stile televisivo inaugurato da Costanzo, da lui definito "TV del dolore".[22] Nell'autunno del 1989 è fra i protagonisti del varietà comico Fate il vostro gioco (Rai 2). Durante la prova generale della prima puntata fa una battuta sul Partito socialista («Mio padre è un pervertito: l'ho sorpreso al telefono che parlava con un amico americano, contrattava l'affitto di una bambina messicana. Chiedeva: posso fare quello che voglio, anche iscriverla al Partito socialista?»)[2] e la sua partecipazione alle puntate viene cancellata.[2][17][20]

Nel 1990, registra per il programma Banane (Telemontecarlo) gli sketch comici Marzullo intervista Hitler e Marzullo intervista Gesù, che però non vengono trasmessi per decisione del produttore del programma Sandro Parenzo.[14][20][23][24] Pubblica i testi degli sketch nel libro Adenoidi. Porta in scena il monologo Oggi in tutta la mia casa c'è uno splendore nuovo[25] e l'anno dopo Chi ha paura di Daniele Luttazzi?. Interpreta un giornalista nel film di Claudio Sestieri Barocco.[26] Nel 1992 commenta in diretta programmi tv nel varietà T'amo tv (Telemontecarlo).[23] In estate scrive e interpreta per RadioDue Onde comiche ovvero Fate entrare i cavalli vuoti,[20] varietà in 12 puntate. Ne ricava il quarto monologo teatrale: Fate entrare i cavalli vuoti.[27] Nel 1993 traduce #$@&! - L'antologia di Lloyd Llewellyn, il fumetto underground di Daniel Clowes per le Edizioni Telemaco di Daniele Brolli.[20]

Nel 1994 pubblica una parodia del bestseller di Susanna Tamaro Va' dove ti porta il cuore, intitolata Va' dove ti porta il clito, per il quale riceve il "Premio Satira Politica Forte dei Marmi".[28] Dalla parodia, Luttazzi ricava il monologo teatrale omonimo.[29]

Il grande pubblico comincia a conoscerlo nella stagione 1994-'95 su Rai 3 nel programma Magazine 3, assieme a Gloria De Antoni e Oreste De Fornari.[2][30] Luttazzi cura le rubriche Sesso con Luttazzi, La Piccola Biblioteca, e La cartolina di Luttazzi. I testi vengono pubblicati nei libri Sesso con Luttazzi (da cui è tratto l'omonimo spettacolo teatrale) e Adenoidi.

Scrive la parodia Come sopravvivere quando un gatto se ne va usando l'eteronimo Alessandra Coen.[31]

Raggiunge la popolarità con i personaggi proposti a Mai dire gol dal 1996 al 1998: Panfilo Maria Lippi, il prof. Fontecedro e Luisella Gori.[32][33] Diventano celebri la frase con cui il giornalista Panfilo apre sempre Tabloid, il suo tg («Questa edizione del telegiornale andrà in onda in forma ridotta per venire incontro alle vostre capacità mentali») e il saluto del prof. Fontecedro, docente universitario freak a Palo Alto («Cosmico!»). Luisella è invece la tipica annunciatrice Mediaset. I programmi televisivi che annuncia hanno un tratto surreale: "Domenica, Rete4. La Santa Messa. La trama, ingenua, è un pretesto per far cantare i fedeli." I testi dei tre personaggi sono riportati nei libri Tabloid e Cosmico![34]

Barracuda: l'esordio come conduttore[modifica | modifica wikitesto]

La prima trasmissione televisiva tutta sua è Barracuda, andata in onda nel 199899 su Italia 1, programma con cui Luttazzi lancia in Italia il genere del talk-show notturno all'americana.[35][36] Uno dei co-autori, Davide Parenti, dirà: «Tutti rubiamo tutto. Noi due abbiamo fatto insieme 'Barracuda' rubando a Letterman.»[37] Luttazzi ha dichiarato al Corriere della Sera[38] che il programma subì il controllo Mediaset e una censura dei contenuti (per esempio nella prima intervista, fu tagliata la risposta di Claudio Martelli «Berlusconi non è un politico, è un piazzista»).[20][39][40] Luttazzi vuole andarsene, ma la penale miliardaria lo costringe a restare.[38] L'anno dopo, il direttore di Italia 1 non riconferma il programma.[7]

L'atto unico Scene da un adulterio' è portato in scena dalla Nuova Compagnia di Teatro.[41]

Collabora all'edizione italiana del mensile GQ fin dal primo numero (ottobre 1999) con la rubrica satirica "La posta del cuore".[42]

Nel 2000, Telecom Italia vara il nuovo servizio 187 e ingaggia Luttazzi come testimonial per la campagna pubblicitaria.[43] Inizialmente il contratto è di un mese, ma lo spot ha successo e il contratto viene rinnovato per due anni. Registi degli spot sono Riccardo Milani e Marcello Cesena.[32]

Satyricon e l'editto bulgaro (2001)[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Satyricon (programma televisivo), Intervista a Marco Travaglio a Satyricon ed Editto bulgaro.

Con Satyricon (2001) Luttazzi ripropone il talk-show all'americana nella Rai 2 di Carlo Freccero. Le polemiche si susseguono a partire dalla prima puntata,[44] per culminare nella interruzione dopo l'intervista a Marco Travaglio sul libro L'odore dei soldi.[45][46] Il programma termina alla dodicesima puntata. Berlusconi, Fininvest, Mediaset e Forza Italia lo querelano per diffamazione chiedendo un risarcimento di 41 miliardi di lire.[47] L'anno seguente, il Presidente del Consiglio Berlusconi, durante una visita ufficiale in Bulgaria, accusa Luttazzi, assieme a Michele Santoro ed Enzo Biagi, di fare un uso "criminoso" della tv di stato (il cosiddetto "Editto bulgaro") e si augura che la cosa non possa ripetersi in futuro.[48] Il talk-show di Luttazzi non viene riconfermato[49] e, con i programmi Sciuscià di Michele Santoro e Il Fatto di Enzo Biagi, sparisce dai palinsesti Rai.[50] Una relazione del Parlamento europeo (2004) definisce "ingerenza inammissibile" la richiesta berlusconiana di escludere dalla Rai Biagi, Santoro e Luttazzi.[51] Dopo anni di processi Luttazzi vince le cause.[52][53][54] Da allora Luttazzi non ha più lavorato in Rai.[54]

Il 4 aprile 2001 apre il suo blog.[55]

Attività successive (2002-2007)[modifica | modifica wikitesto]

2002[modifica | modifica wikitesto]

Luttazzi torna a teatro col monologo Satyricon. Riferisce che in alcune regioni, come Puglia, Lombardia e Veneto, i teatri subiscono presunte pressioni politiche al fine di cancellare i suoi spettacoli.[4][56][57][58] A Cagliari il sindaco forzista Emilio Floris cerca di impedire lo spettacolo.[47] Luttazzi subisce due strani furti in casa, minacce e intimidazioni, al punto che il suo management assolda delle guardie del corpo per la tournée.[47]

Pubblica Benvenuti in Italia e Capolavori, mini-testi umoristici corredati da sue illustrazioni.[59] Scrive la canzone Sometimes, cantata da Ada Montellanico nel cd Suoni Modulanti.[60] Porta in scena il monologo satirico Adenoidi.[61] Collabora al libro per bambini Abbecedario con una filastrocca sulla lettera X. Il libro vince il Premio Andersen 2003.[62]

Il 10 novembre è intervistato da Pippo Baudo in Cinquanta. Storia della TV di chi l'ha fatta e di chi l'ha vista. La puntata affronta il tema della censura. Durante l'intervento di Luttazzi, l'audience del programma, che era all'8% di share, tocca il 21%.[47] Dopo la messa in onda, Luttazzi denuncia una censura baudiana ai suoi danni, operata tagliando alcune sue battute di satira politica dette durante l'intervista.[47] Luttazzi ricorda: «Ai giornalisti fu anche detto che ero stato presente al montaggio. Falso. Il giorno dopo ci fu la strage di Nassiriya, ci misi quattro giorni per far passare sulle agenzie di stampa la denuncia dei tagli subiti. Ma Baudo rimase zitto».[63] Il critico Sebastiano Messina attacca Luttazzi, sostenendo che si sia autocensurato per convenienza.[64] Luttazzi risponde definendo Messina «incompetente»: «La logica e la deontologia, a questo punto, imporrebbero la rimozione del critico cieco. Finché questo non accadrà, a Repubblica avranno una rubrica scadente di recensioni tv».[65] Qualche tempo dopo, a Messina subentra Antonio Dipollina.

Il giornalista Giovanni Floris gli propone di aprire ogni puntata di Ballarò con un intervento satirico, però non in diretta, come permesso ad altri comici: registrato. Luttazzi rifiuta.[66]

Lascia GQ, giudicando "troppo frivolo" il nuovo corso della rivista, rispetto a quello del direttore dimissionario Andrea Monti che comprendeva, oltre a servizi fotografici con belle donne, inchieste giornalistiche su temi scottanti.[67]

2003[modifica | modifica wikitesto]

Esce l'edizione italiana di Rolling Stone e Luttazzi, dal primo numero, scrive la rubrica di chiusura.

Il 23 novembre partecipa con un intervento in video alla puntata live di RaiOt: contro il potere politico di Silvio Berlusconi, Luttazzi propone di boicottare le aziende che fanno pubblicità sulle reti Mediaset.[68]

Il 24 novembre la compagnia dell'Archivolto mette in scena a Genova la lettura dei Dialoghi platonici; tra essi c'è anche il racconto Stanotte e per sempre, la cui rappresentazione viene descritta in modo inesatto dalla stampa, tratta in inganno da un'agenzia ANSA secondo cui Luttazzi in scena vestito da Andreotti sodomizzava il cadavere di Aldo Moro.[69] Sorgono nuove polemiche e viene minacciata una querela per diffamazione da parte della vedova di Aldo Moro.[70] L'esperta di satira latina Margherita Rubino, che ha visto lo spettacolo, si schiera in favore di Luttazzi.[71] La Procura di Genova e l'Ordine dei giornalisti aprono un'inchiesta per oscenità. Le accuse cadono dopo la visione del video della serata.[16][47]

Espone una selezione di opere grafiche alla galleria Il vicolo di Genova.[72]

2004[modifica | modifica wikitesto]

Luttazzi decide di terminare la sua collaborazione con la rivista Rolling Stone, «a causa di un'intervista-marchetta a Carlo Rossella» fatta dal direttore Carlo Antonelli.[73] Quel numero del periodico era contro la guerra in Iraq di Bush e un articolo di Luttazzi collegava il Nigergate a un dossier costruito a Roma in ambienti contigui al Sismi,[74] anticipando di un anno lo scoop di Repubblica sul tema; ma nell'intervista di Antonelli a Rossella, che per sua stessa ammissione aveva passato all'ambasciata americana a Roma il falso dossier sulle armi di distruzione di massa in Iraq con cui poi venne giustificata la guerra, le domande vertevano su argomenti giudicati da Luttazzi irrilevanti, tipo «qual era il suo gruppo musicale preferito negli anni '60?».[73][74]

Giuliano Ferrara gli offre una rubrica su il Foglio, in cui poter scrivere con piena libertà, ma Luttazzi rifiuta «perché il contesto è importante, e io sul Foglio non voglio comparire».[47][75]

Bompiani pubblica la sua nuova traduzione, integrale e fedele, dei classici di Woody Allen: Rivincite, Senza Piume, Effetti Collaterali.[17][76] Porta nei teatri Bollito misto con mostarda, spettacolo di satira sull'attualità.[77]

2005[modifica | modifica wikitesto]

Pubblica il suo primo album musicale, Money for Dope (EMI).[10][78] Per la rivista MicroMega, intervista diversi autori satirici italiani, ponendo loro domande sulla satira. Fra questi Stefano Benni, Sergio Saviane, Riccardo Mannelli.[79][80] Pubblica il libro Bollito misto con mostarda.

Viene invitato da Adriano Celentano nel programma Rockpolitik, assieme a Biagi e Michele Santoro: Luttazzi, come Biagi, declina l'invito, in polemica con il direttore di Rai 1 Fabrizio Del Noce che si era autosospeso all'annuncio della loro partecipazione al programma.[81][82]

Rinuncia ad esibirsi al teatro Smeraldo perché la società che gestisce il teatro si è aggiudicata la gestione del teatro Lirico indicando Marcello Dell'Utri come direttore artistico.[66]

Nell'ottobre 2005 apre il blog interattivo con podcast.[83][84]

2006[modifica | modifica wikitesto]

Il 12 gennaio Luttazzi chiude il blog, nonostante i centomila contatti settimanali e un podcast fra i più seguiti in Italia.[85] Torna a una pubblicazione poco frequente e disabilita la possibilità di inserire commenti. Lo scopo è di evitare le derive populistiche che, secondo Luttazzi, la forma di comunicazione del blog favorisce.[85][86][87][88]

È in teatro con lo spettacolo Come uccidere causando inutili sofferenze, in cui immagina di essere inviato dal governo in missione in Iraq ad allietare le truppe italiane con una compagnia di varietà.[89][90] Replicando a una intervista concessa da Luttazzi a La Stampa[91], il giornalista Filippo Facci sostiene che l'unico motivo per cui, a differenza di Santoro, Luttazzi non è tornato in tv è che faceva bassi ascolti e definisce i suoi monologhi "spettacoli semi-clandestini".[92] L'ultima data del tour, il 24 novembre 2006 al Palalottomatica di Roma, fa il tutto esaurito.[93]

Michele Santoro gli offre uno spazio fisso ad Annozero. Luttazzi declina l'invito perché "la Rai non ha sciolto il vincolo" nei suoi confronti. «Scrivevo e conducevo un programma, e da lì voglio ripartire.»[94]

Luttazzi a Roma nel 2007

Sky gli propone di inaugurare il nuovo canale comedy, ma l'idea non va in porto. «Proposi un Tg satirico. Mi chiesero come avrei reagito se avessero tagliato al montaggio qualche battuta. Gli risposi che il contratto glielo avrebbe impedito. Sono spariti».[95] Il 10 novembre debutta a Conegliano con Barracuda 2007.

Pippo Baudo chiede a Luttazzi di presentare con lui il Festival di Sanremo 2007, ottenendo un rifiuto.[2] Secondo Luttazzi, Baudo cercava «lo scoop o il colpo a sorpresa. Ma a me non interessa né toccare né baciare in bocca Baudo. Io voglio parlare liberamente di politica, di sesso, di religione. Non fare la scimmietta da circo».[96]

2007[modifica | modifica wikitesto]

A febbraio esce il secondo CD musicale, School Is Boring (Edel).

Intervistato da Enzo Biagi per il programma Rai Rotocalco Televisivo, Luttazzi propone il "comma Luttazzi" contro le querele vessatorie: "Tu, se vuoi, potente di turno, puoi farmi causa per 20 miliardi. Ma se perdi la causa, i miliardi li dai tu a me."[97]

Con un articolo pubblicato su MicroMega, critica il 'V-Day' promosso da Beppe Grillo ed evidenzia demagogia e populismo delle proposte, nonché l'ambiguità di chi vuole fare il leader politico continuando a fare satira.[98][99][100]

Il ritorno in tv: Decameron[modifica | modifica wikitesto]

Dal 3 novembre 2007 conduce il varietà satirico Decameron: in onda nella seconda serata del sabato sera di LA7, tratta, come recita il titolo, di "politica, sesso, religione e morte". In conferenza-stampa, il direttore di rete Antonio Campo Dall'Orto garantisce che Luttazzi potrà essere libero di dire e fare ciò che vorrà .[101] Nelle prime due puntate, in una fascia oraria in cui gli ascolti di La7 hanno uno share dello 0,9%, ottiene una percentuale media del 6%: due milioni e mezzo di spettatori.[102] Il programma viene sospeso sabato 8 dicembre 2007 prima della messa in onda della sesta puntata, che avrebbe dovuto trattare dell'ultima enciclica promulgata da papa Benedetto XVI.[103] La7 accusa Luttazzi di aver offeso con una battuta Giuliano Ferrara, uno dei volti più noti della rete.[104] Telecom fa causa a Luttazzi,[105] la perde e fa ricorso.[106]

2008[modifica | modifica wikitesto]

Debutta al Gran Teatro di Roma con il monologo Decameron, che comprende quanto previsto per la sesta puntata del programma.

Inaugura la prima pagina a colori del quotidiano il manifesto con una rubrica di brevi battute sui fatti del giorno.[107] La collaborazione dura qualche mese ed è gratuita, come suo "personale contributo al pluralismo", rivela il direttore Gabriele Polo.[108] La rubrica si intitola Ultim'ora. Il suo stile ha successo e viene imitato da nuovi blog di satira web come Spinoza.it.[109]

2009[modifica | modifica wikitesto]

Apre sul suo blog una palestra di satira.[110][111] Alla sua scuola si formano gli autori di Lercio.it.[112][113] Pubblica con Feltrinelli il saggio politico-satirico La guerra civile fredda.

L'intervento a Raiperunanotte (2010)[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 marzo 2010 Luttazzi partecipa a Raiperunanotte. La trasmissione, condotta da Michele Santoro, è stata promossa dalla FNSI dopo la decisione della RAI di sospendere i talk-show politici durante il periodo di campagna elettorale per le Regionali.[114] Il monologo satirico di Luttazzi[115] suscita entusiasmi e polemiche.[116][117] Al termine del suo intervento, l'hashtag #raiperunanotte raggiunge i 5700 tweet all'ora: secondo il ricercatore della LUISS Luca Alagna (Ezekiel), si tratterebbe di un record assoluto per l'Italia.[118][119]

Attività successive (2011-2016)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 viene pubblicato il graphic-novel La quarta necessità, soggetto e sceneggiatura di Luttazzi, tavole di Massimo Giacon.[120]

In occasione delle elezioni politiche 2013, Luttazzi dà alle stampe il romanzo satirico Lolito.[121] Allegato a il Fatto Quotidiano, vende 28.000 copie in un solo giorno[122] e il Fatto Quotidiano ne appronta una ristampa immediata,[123] esaurita la quale l'editrice Chiarelettere pubblica (maggio 2013) una nuova prima edizione del romanzo per il canale librerie.[124]

Nel febbraio 2015 esce in edicola con il Fatto Quotidiano il romanzo satirico Bloom Porno-Teo-Kolossal.[125]

Nell'aprile 2016 Luttazzi annuncia sul suo blog che GQ rinuncia alla sua prevista collaborazione.[126]

Idee, pensieri, opinioni[modifica | modifica wikitesto]

Luttazzi elenca cinque principi fondamentali di una battuta comica: brevità, esattezza, semplicità, sorpresa, ritmo.[111] Descrive inoltre la battuta come un micro-racconto formato da una trama (il plot) e una sceneggiatura (la struttura). La risata, sostiene, scatta per la tecnica, non per il contenuto. «Infatti la parafrasi di una battuta, cioè il plot senza struttura, non fa ridere».[111]

La deontologia del comico, secondo Luttazzi, consiste nel dire battute che fanno ridere l'autore.[127]

Quanto alla satira, per Luttazzi è «un punto di vista e un po' di memoria», si occupa fin dall'epoca di Aristofane di quattro temi principali (politica, religione, sesso e morte)[32][128] e ha l'effetto di liberare l'individuo «dai pregiudizi inculcati in lui dai marketing politici, culturali, economici e religiosi».[129] La satira, sostiene, «dà fastidio perché esprime un giudizio sui fatti, addossando responsabilità»[129] e dev'essere contro ogni Potere, anche quello della satira.[130] La satira, per Luttazzi, contrasta il Potere «mantenendo viva nel nostro immaginario quella sana oscillazione fra sacro e profano che chiamiamo dubbio».[9][129][131] Sostiene inoltre che un autore satirico debba saper resistere alla tentazione del potere, cui cede non appena pensa che il suo compito sia "dire la verità".[130] «La satira non è "scrivere battute",» precisa. «Scrivere battute è solo sudoku. La satira è quello che ci fai con quelle battute».[9]

Luttazzi afferma che la satira nasce faziosa con Aristofane[111] e cessa di essere satira quando diventa propaganda partitica.[132]

A proposito delle accuse di volgarità, Luttazzi invita a leggere i maestri del genere: Aristofane, Ruzante, Rabelais, Swift, Sterne, Woody Allen, Karl Kraus e Dario Fo.[133]

Luttazzi ritiene importante distinguere la satira dal semplice sfottò, che è reazionario in quanto rende simpatico il bersaglio[134] e definisce "sfottò fascistoide" ogni materiale satirico che dileggi la vittima di un sopruso poiché questo tipo di sfottò si schiera di fatto dalla parte dei carnefici.[135]

Sul pregiudizio del realismo referenziale[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Luttazzi, «la gente condivide un pregiudizio, quello del realismo referenziale, cioè credere che il senso della parola “gatto” sia l'animale reale gatto. Chi crede questo, pensa che una parola abbia lo stesso senso in tutti i contesti in cui è usata.» Nel sottolinearne l'assurdità, Luttazzi spiega che «il senso di una parola (o di una proposizione) è la funzione che svolge all'interno di una pratica. Due frasi identiche. in contesti diversi, hanno due funzioni diverse e quindi sono due frasi diverse.» Per Luttazzi accade lo stesso con le battute comiche: spostandole in un contesto diverso, possono assumere una nuova funzione comica e quindi far ridere per un motivo diverso. Apparentemente simili, in realtà «sono due battute diverse».[9]

Controversie[modifica | modifica wikitesto]

Accuse di plagio[modifica | modifica wikitesto]

Caso Tamaro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1994 Susanna Tamaro e la Baldini e Castoldi fanno causa a Luttazzi per plagio dopo la pubblicazione di Va' dove ti porta il clito, parodia di Va' dove ti porta il cuore. Luttazzi vince la causa: secondo il giudice è parodia e non plagio.[136] La Tamaro fa ricorso. In favore di Luttazzi si pronunciano Maria Corti, Guido Almansi, Patrizia Violi e Omar Calabrese; per la Tamaro Giuseppe Dossena e Piergiorgio Bellocchio.[137] La Tamaro perde di nuovo.[29]

Caso Satyricon[modifica | modifica wikitesto]

Dopo le prime puntate di Satyricon (Rai 2, 2001), vengono mosse a Luttazzi nuove accuse di plagio. Con alcune lettere a Il Foglio, il giornalista Christian Rocca accusa Luttazzi di copiare rubriche e battute del Late Show di David Letterman.[138] Dello stesso avviso il critico televisivo di la Repubblica Antonio Dipollina.[139] Luttazzi replica di non aver mai nascosto di ispirarsi al modello americano «cui lo stesso Letterman si ispira: il "Tonight Show"» di Johnny Carson, sostiene che tutte le sue battute sono originali e invita Dipollina a elencare quelle copiate.[140] Dipollina risponde: «La battuta incriminata è quella sui politici al potere che danno lavoro ai comici, e non l'hanno inventata né Letterman né Luttazzi».[140]

Caso Decameron[modifica | modifica wikitesto]

L'8 dicembre 2007 l'emittente televisiva LA7, diretta da Antonio Campo Dall'Orto, sospende il programma Decameron sostenendo che nella puntata precedente Luttazzi abbia offeso Giuliano Ferrara[141] con questa battuta: «Dopo quattro anni di guerra in Iraq, 3.900 soldati americani morti, 85.000 civili iracheni ammazzati e tutti gli italiani morti sul campo anche per colpa di Berlusconi, Berlusconi ha avuto il coraggio di dire che lui in fondo era contrario alla guerra in Iraq. Come si fa a sopportare una cosa del genere? Io ho un mio sistema: penso a Giuliano Ferrara dentro una vasca da bagno con Berlusconi e Dell'Utri che gli pisciano addosso, Previti che gli caga in bocca e la Santanchè in completo sadomaso che li frusta. Va già meglio no?»[105] La battuta di Luttazzi riprende un famoso monologo del comico statunitense Bill Hicks che sbeffeggiava il giornalista Rush Limbaugh, di cui Giuliano Ferrara, per Luttazzi, è la versione italiana. Secondo Dall'Orto si tratta di un insulto a Giuliano Ferrara, ma Ferrara ammette che quella di Luttazzi è una battuta satirica.[20][142] Luttazzi ritiene pretestuoso il motivo addotto dalla direzione della rete, nota che il suo contratto con La7 impediva la sospensione del programma[143] e si dice d'accordo con Dario Fo, che attribuisce la sospensione al monologo satirico sull'enciclica papale Spe Salvi, registrato da Luttazzi per la puntata successiva, mai trasmessa.[144] La Repubblica e Libero intervengono nella polemica sostenendo che un blogger accusa Luttazzi di plagio da Hicks, ma il blogger smentisce recisamente e reindirizza il suo link, che Repubblica e Libero mettono a disposizione dei lettori, a un sito porno.[145] Il giorno dopo, sul Foglio, è Christian Rocca ad accusare Luttazzi di plagio: da Hicks e da altri celebri comici americani. Rocca cita la "caccia al tesoro" di Luttazzi, ma sostiene che la cosa vada ben oltre la citazione.[146] Telecom fa causa a Luttazzi e la perde, venendo condannata al pagamento di un milione e duecento mila euro come risarcimento.[106] Secondo la sentenza, riassume Luttazzi, La7 chiuse Decameron in modo arbitrario e illegittimo e la battuta su Giuliano Ferrara non fu insulto né plagio, ma satira.[147] LA7 ricorre in appello.

Caso blog e video anonimi[modifica | modifica wikitesto]

Dal gennaio 2008 un blog anonimo inizia a elencare una serie di battute in inglese, segnalandone gli autori e sostenendo che Luttazzi le abbia plagiate.[148]

Nel giugno 2010, due mesi dopo il monologo di Luttazzi a Raiperunanotte, il Giornale, la Repubblica e l'Unità danno notizia di un video anonimo diffuso in rete[149] che mette a confronto venti minuti di repertorio di comici anglofoni con la corrispondente versione di Luttazzi.[148][150][151] Su l'Unità, Francesca Fornario scrive che in rete si parla di 500 minuti di plagi su 1200 di repertorio di Luttazzi e si definisce una ex-fan delusa.[151] Luttazzi replica all'Unità affermando che quel video è diffamatorio perché finge di scoprire una cosa che lui dichiara sul suo blog da anni.[152] In un'intervista in esclusiva al Fatto Quotidiano, afferma che lo fa apposta e spiega perché non si tratti di plagi, ma di riscritture con variazioni. La cosa, aggiunge, nasce come difesa dalle accuse pretestuose, adotta uno stratagemma di Lenny Bruce ed è resa pubblica sul suo blog tramite un gioco coi fan: la "caccia al tesoro" delle citazioni nascoste.[153]

Aldo Grasso, sul Corriere della Sera, pone l'accento sull'ipocrisia di chi accusa Luttazzi sul web, dove l'informazione è considerata free e il copyright è visto come il diavolo, e ritiene poco spiritosa la difesa di Luttazzi.[154] Il giorno dopo, Concita De Gregorio, direttrice de l'Unità, scrive: «Non mi interessa molto sapere se e quanto ha copiato, se lo ha fatto non mi sembra così grave: tutto è già stato detto e scritto nei tremila anni appena trascorsi, dipende da come lo ridici e lo riscrivi». Però considera una bugia la seguente frase di Luttazzi, contenuta nell'intervista al Fatto Quotidiano: «Nessun giornale finora mi ha chiesto cosa è successo.»[155] Nella stessa edizione de l'Unità, il collettivo Wu Ming evidenzia come molti fan, in seguito alla polemica, stiano diventando feroci detrattori del comico, con il rischio di fare passare in secondo piano il ruolo di Luttazzi nel rinnovamento della scena satirica italiana.[156]

Il regista Roberto Faenza, sul Fatto Quotidiano, difende Luttazzi citando le parole di Roberto Benigni, che paragona il copiare di Luttazzi al copiare dei grandi della storia della poesia e del Teatro (da Virgilio, Ovidio, Dante e Shakespeare a Buster Keaton, Eduardo De Filippo e Woody Allen). Faenza crede sia inevitabile per un artista rielaborare temi affrontati da altri. Esamina inoltre il problema del diritto d'autore nell'era di Internet.[157] Anche il regista Paolo Virzì difende Luttazzi e invita tutti a «riporre le torce e i forconi». [158]

Informati sul caso dall'autore del blog anonimo, il comico Emo Philips scrive nella propria pagina Facebook quattro post sulla vicenda, mentre l'head-monologue writer del Letterman Bill Scheft nega contatti con Luttazzi (Luttazzi affermò di aver scritto a Bill Scheft e di aver ricevuto una risposta dalla redazione del Late Night), mettendo spiritosamente in discussione la paternità, rivendicata da Luttazzi, di una battuta su al-Qaeda.[159]

Nel 2013, in un'intervista concessa a il Fatto quotidiano per l'uscita di Lolito, Luttazzi torna sul caso, inquadrandolo storicamente e attribuendone lo scalpore a due pregiudizi condivisi dalla gente: quello del realismo referenziale e quello dell'autore originale.[9]

Nel 2014, un saggio pubblicato sulla rivista specialistica Cultus, facendo riferimento agli studi di Lawrence Venuti, analizza l'incompetenza di chi accusò Luttazzi e valuta positivamente le sue riscritture di materiali preesistenti, che definisce transcreazioni.[160]

Accuse di evasione fiscale[modifica | modifica wikitesto]

Il 4 ottobre 2014 la procura di Civitavecchia ha iscritto nel registro degli indagati Daniele Luttazzi per evasione fiscale di oltre 140.000 euro di Irpef. Secondo l'accusa, la società Krassner Entertainment, che gestisce i diritti di immagine del comico, avrebbe falsificato le scritture contabili permettendo a Luttazzi l'evasione fiscale.[161] In merito alla vicenda, Luttazzi dichiara di non essere un evasore e che si tratta di un errore da parte della Guardia di Finanza.[162] Il caso dà origine a polemiche fra accusatori[163] e difensori.[164] Il 9 ottobre 2017, Luttazzi è assolto con formula piena perché il fatto non sussiste. Il giudice ordina inoltre lo sblocco del conto corrente che la Guardia di Finanza aveva sequestrato al comico.[165][166]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Opere di Daniele Luttazzi.

Traduzioni, prefazioni[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Spettacoli teatrali[modifica | modifica wikitesto]

  • Non qui, Barbara, nessuno ci sta guardando (1989)
  • Oggi in tutta la mia casa c'è uno splendore nuovo (1990)
  • Chi ha paura di Daniele Luttazzi? (1991)
  • Fate entrare i cavalli vuoti (1992)
  • Sesso con Luttazzi (1993, 1999, 2004, 2008)
  • Va' dove ti porta il clito (1995, 2009)
  • Adenoidi (1996)
  • Tabloid (1997)
  • Barracuda LIVE (1998)
  • Scene da un adulterio (1998) (recitato dalla Nuova Compagnia di Teatro)
  • Satyricon (2001)
  • Adenoidi 2003 (2003)
  • Dialoghi platonici (2003) (recitati da attori dello Stabile di Genova e dell'Archivolto, per la regia di Giorgio Gallione)
  • Bollito misto con mostarda (2004)
  • Come uccidere causando inutili sofferenze (2005)
  • Barracuda 2007 (2007)
  • Decameron (2008)

VHS, DVD[modifica | modifica wikitesto]

  • Sesso con Luttazzi (il monologo teatrale) (VHS, Polygram, 1997)
  • Tabloid (VHS, Polygram, 1997)
  • Sesso con Luttazzi (la rubrica di Magazine 3) (VHS, Mondadori, 1999)
  • Satyricon (VHS, L'Espresso, 2001)
  • Barracuda live! (VHS, Cecchi Gori Home Video, 2001)
  • Adenoidi 2003 (VHS e DVD, Elleu Multimedia, 2003)
  • Luttazzi contro! (contiene Adenoidi, Satyricon e Luttazzi special 2003) (DVD, Corriere della sera, 2004)
  • Bollito misto con mostarda (DVD, Feltrinelli, 2006)
  • Decameron (DVD, Il Fatto Quotidiano, 2010)

Radio[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Concerti[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicità[modifica | modifica wikitesto]

  • Caramelle Balsamiche "Victors" (1990)
  • Telecom "servizio 187" (2000-2001)

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 1994 - Premio Satira Politica Forte dei Marmi ("Va' dove ti porta il clito")
  • 1995 - Premio Regia Televisiva (coautore e conduttore, "Magazine 3")
  • 1996 - Premio Regia Televisiva (coautore e cointerprete, "Mai dire gol")
  • 1997 - Premio Regia Televisiva (coautore e cointerprete, "Mai dire gol")
  • 1999 - Premio Regia Televisiva ("Barracuda")
  • 2008 - Premio Riccione TTV ("Decameron")

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Film.it, Lo zio di Daniele: Lelio Luttazzi, film.it. (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2013).
  2. ^ a b c d e f Giorgio Dell’Arti, Daniele Luttazzi, cinquantamila.corriere.it. (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2013).
  3. ^ a b Lettera.com, Daniele Luttazzi, lettera.com. (archiviato dall'url originale il 12 gennaio 2008).
  4. ^ a b Daniela Preziosi, Berlusconi? Uno che si fa gli affari suoi, brianzapopolare.it. (archiviato dall'url originale il 31 gennaio 2016).
  5. ^ Giampaolo Cerri, La lobby degli scout, dentro e fuori il Palazzo, panorama.it. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  6. ^ Alessandro Di Nocera, Un comico fra i comics, comicus.it. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  7. ^ a b Silvia Fumarola, No, non sarò cattivo sarò una vera carogna, ricerca.repubblica.it.
  8. ^ Andrea Montanari, Ma Luttazzi era un DC, quotidianonet.ilsole24ore.com. (archiviato dall'url originale il 26 febbraio 2009).
  9. ^ a b c d e Malcom Pagani, Lolito, luttazzi.wordpress.com. (archiviato dall'url originale il 26 marzo 2016).
  10. ^ a b Andrea Scanzi, Tra Broadway e Santarcangelo, andreascanzi.it. (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2006).
  11. ^ Davide Bassi, Daniele Luttazzi Money for Dope, ondarock.it. (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2016).
  12. ^ J.R.D., Daniele Luttazzi Money for Dope, blackmailmag.com. (archiviato dall'url originale il 21 febbraio 2013).
  13. ^ l’Unità, Il piacere delle battute di Daniele Luttazzi e i cori del Trio Carbone (PDF), archiviostorico.unita.it. (archiviato dall'url originale il 12 giugno 2016).
  14. ^ a b F. Cappa, P. Gelli, Dizionario dello spettacolo del 900, delteatro.it. (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2006).
  15. ^ a b Alessandro Valentini, Intervista esclusiva a Daniele Luttazzi, teatro.it. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  16. ^ a b Emanuela Marmo, Intervista a Luttazzi, danieleluttazzi.it. (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2006).
  17. ^ a b c Giulia Santerini, Cos’è la satira? Un punto di vista e un po’ di memoria, capital.it. (archiviato dall'url originale il 17 gennaio 2006).
  18. ^ Antonio Di Giacomo, Cabaret di tradizione l’estate a Conversano tra classici e risate, ricerca.repubblica.it.
  19. ^ Luca Telese, Parla l’uomo che ha scoperto Checco Zalone, liberoquotidiano.it. (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2016).
  20. ^ a b c d e f g h Stefano Biolchini, Botta e risposta tra Daniele Luttazzi e Giuliano Ferrara, ilsole24ore.com. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  21. ^ Luca Baldazzi, "Ai confini della risata": quando Luttazzi scriveva su "Accaparlante", superabile.it. (archiviato dall'url originale il 28 febbraio 2009).
  22. ^ Corriere della sera, I personaggi lanciati dal “Costanzo Show”, web.archive.org.
  23. ^ a b Andrea Scanzi, Fabio Fazio (e non solo): i santini del veltronismo, temi.repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  24. ^ Paolo Bracalini, L'editore di Telelombardia pensa a TeleSantoro "La voglio faziosa come lui. E il tg a Travaglio", ilgiornale.it. (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2016).
  25. ^ l’Unità, Spettacoli a Roma. Sala Umberto: “Oggi in tutta la mia casa c’è uno splendore nuovo”, web.archive.org.
  26. ^ IMDb, Barocco (1991), imdb.com.
  27. ^ Agi.it, Daniele Luttazzi inaugura la stagione teatrale “Akroama”, archivio.agi.it. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  28. ^ Premo Satira Forte dei Marmi, Museo Satira Albo d’oro, museosatira.it. (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2016).
  29. ^ a b Francesco Verni, Va’ dove ti porta il c…lito Tamaro e sentimento secondo Luttazzi, corrieredelveneto.corriere.it. (archiviato dall'url originale il 26 marzo 2010).
  30. ^ Monica Baulino, Amo la tv, quella vera, ilfriuli.it. (archiviato dall'url originale il 27 settembre 2007).
  31. ^ Daniele Luttazzi, "Il mio libro segreto, danieleluttazzi.wordpress.com. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  32. ^ a b c Andrea Scanzi, Man on the Moon, andreascanzi.it. (archiviato dall'url originale il 25 maggio 2003).
  33. ^ Cafeletterario.it, Daniele Luttazzi, uno scrittor-comico, wuz.it. (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2016).
  34. ^ Repubblica.it, Daniele Luttazzi, il ritorno, repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 25 febbraio 2015).
  35. ^ Antonio Dipollina, Reduce dal contestatissimo programma televisivo il comico ripropone da domani al Ciak il suo spettacolo, ricerca.repubblica.it.
  36. ^ Mariano Sabatini, Chiude il Late Show, solo Luttazzi come Letterman, notizie.tiscali.it. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  37. ^ Claudio Sabelli Fioretti, Intervista a Davide Parenti, arengario.net. (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2016).
  38. ^ a b Maria Volpe, Luttazzi: Pentito? Torno in Rai e attacco tutti, web.archive.org.
  39. ^ Bruno Giurato, Da Battisti a Fiorello tutti i segreti di Fatma tra musica e tivù, ilgiornale.it. (archiviato dall'url originale il 1º novembre 2015).
  40. ^ La Stampa, Luttazzi ricomincia da Chiesa e scandali, lastampa.it. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  41. ^ il Tirreno, Capalbio scopre il teatro, ricerca.gelocal.it. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  42. ^ Ernesto Massimetti, Intervista con Andrea Monti, ricerca.gelocal.it. (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2016).
  43. ^ Fiorenza Gonzales, Intervista a Daniele Luttazzi, monitore.comune.cosenza.it. (archiviato dall'url originale il 19 luglio 2003).
  44. ^ Denise Pardo, Sforza Italia, quattrostracci.altervista.org. (archiviato dall'url originale il 20 agosto 2008).
  45. ^ Cristiano Zepponi, Chi ha paura della satira?, instoria.it. (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2015).
  46. ^ Curzio Maltese, Parla Luttazzi, danieleluttazzi.it. (archiviato dall'url originale il 10 maggio 2006).
  47. ^ a b c d e f g P. Gomez, M. Travaglio, Regime, books.google.it.
  48. ^ Corriere della sera, Berlusconi: «Via Santoro, Biagi e Luttazzi», corriere.it. (archiviato dall'url originale l'11 dicembre 2004).
  49. ^ Antonello Tomanelli, La censura a Daniele Luttazzi, difesadellinformazione.com. (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  50. ^ Stefano Corradino, Quei criminali di Biagi, Santoro e Luttazzi, articolo21.org. (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2013).
  51. ^ Gabriele Mastellarini, Assalto alla stampa, books.google.it. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  52. ^ Rita Celi, Luttazzi torna in tv più arrabbiato che mai, repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  53. ^ il Fatto Quotidiano, Marco Travaglio, Cassazione: ‘Non deve risarcire Berlusconi': aveva chiesto 10 mln, ilfattoquotidiano.it. (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2016).
  54. ^ a b Antonello Tomanelli, Il ‘caso Satyricon’, difesadellinformazione.com. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  55. ^ Luttazzi Flashback, Il blog di Luttazzi: evoluzione grafica (2001-2011), luttazziflashback.wordpress.com. (archiviato dall'url originale il 13 agosto 2014).
  56. ^ Enrico Arosio, Benvenuti in Italia!, archivio.feltrinellieditore.it. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  57. ^ Daniela Tancredi, Quando ridere fa male al potere, italy.peacelink.org. (archiviato dall'url originale il 16 luglio 2006).
  58. ^ Radio Popolare, Intervista a Daniele Luttazzi, diodati.org. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  59. ^ Rodolfo Di Giammarco, Luttazzi: Mi do al disegno e sogno una striscia su RaiDue, ricerca.repubblica.it.
  60. ^ Adriano Mazzoletti, Ada Montellanico Suoni Modulanti, jazzitalia.net. (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2016).
  61. ^ Marco Bracconi, Il ritorno di Daniele Luttazzi "Perché Bin Laden in tv e io no?", repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  62. ^ Teatro dell’Archivolto, Abbecedario l’alfabeto a teatro, lacittadelteatro.it. (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2016).
  63. ^ la Repubblica, Daniele Luttazzi, ritorno light satira politica ma con misura, repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2016).
  64. ^ Sebastiano Messina, Per chi suona la campana di Pippo, repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 10 giugno 2016).
  65. ^ Luca Barachetti, Intervista a Daniele Luttazzi, fioriblu.it. (archiviato dall'url originale il 23 marzo 2005).
  66. ^ a b P. Gomez, M. Travaglio, Inciucio, books.google.it.
  67. ^ Telestreet Reggio Emilia, Intervista a Daniele Luttazzi, youtube.com.
  68. ^ Sabina Guzzanti RaiOt, intervento di Daniele Luttazzi (34:33), youtube.com.
  69. ^ (ANSA) - GENOVA, 25 NOV - Nuove polemiche in arrivo per Luttazzi. Nei 'Dialoghi platonici' c'è una scena in cui Andreotti denuda e sodomizza il cadavere di Moro. Uno spettacolo choc quello di Luttazzi a Genova, a dispetto del titolo. Doveva essere una serie di botta e risposta fra quattro personaggi 'platonici', Fedone, Menone, Gorgia e Timeo, in realtà sono state soltanto botte pesanti, a Fini e Berlusconi, con qualche scappellotto anche a Rutelli. Applausi alla fine, ma anche molto imbarazzo fra il pubblico. 2003-11-25 - 15:05:00
  70. ^ la Repubblica, La vedova Moro contro Luttazzi "Spettacolo osceno e offensivo", repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  71. ^ D. Alfonso, M. Rubino, Niente scandalo per Moro, feltrinelli.it. (archiviato dall'url originale l'11 marzo 2007).
  72. ^ Francesco Cascione, Luttazzi dietro l’angolo, mentelocale.it. (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2007).
  73. ^ a b F. Amadei, A. Mallozzi, Luttazzi: il sesso è politico, alicenonlosa.it. (archiviato dall'url originale il 15 maggio 2006).
  74. ^ a b P. Madeddu, Intervista a ‘Rolling Stone’ (integrale), danieleluttazzi.it. (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2006).
  75. ^ Ivan Manuppelli, Puck il nano intervista Daniele Luttazzi, hurricaneivan.blogspot.it. (archiviato dall'url originale il 7 marzo 2016).
  76. ^ Boris Sollazzo, Daniele Luttazzi: come ti traduco Woody (tra comicità e musica), omero.it. (archiviato dall'url originale il 29 settembre 2007).
  77. ^ Rodolfo Di Giammarco, Luttazzi ritorna a teatro "I politici? un carrello di bolliti", repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  78. ^ Fabrizio Gianuario, Daniele Luttazzi, oltre la tv che ha paura, kwmusica.kataweb.it. (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2007).
  79. ^ Daniele Luttazzi, Domande sulla satira a chi la satira la fa, stefanobenni.it.
  80. ^ la Repubblica, tutte le settimane fino al 18 maggio, ricerca.repubblica.it.
  81. ^ la Repubblica, Luttazzi: no a RockPolitik, ricerca.repubblica.it.
  82. ^ Corriere della sera, Anche Luttazzi lascia solo Celentano, corriere.it. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  83. ^ Daniele Luttazzi, Nasce il blog, danieleluttazzi.it. (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2006).
  84. ^ Maria Genovese, Intervista a Daniele Luttazzi, babylonbus.org. (archiviato dall'url originale il 24 ottobre 2007).
  85. ^ a b Luca De Biase, Quell'intervista a Daniele Luttazzi quando ha chiuso il suo blog..., blog.debiase.com. (archiviato dall'url originale il 6 agosto 2007).
  86. ^ Daniele Luttazzi, Rompete le righe!, danieleluttazzi.it. (archiviato dall'url originale il 29 novembre 2006).
  87. ^ Giovanni Gagliardi, Luttazzi chiude il suo blog "Non mi piace sentirmi un leader", repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 18 febbraio 2007).
  88. ^ Rodolfo Di Giammarco, La satira è un'arte non banale denuncia, ricerca.repubblica.it.
  89. ^ Radio Sherwood, Intervista a Daniele Luttazzi, sherwood.it. (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2006).
  90. ^ Toni Jop, Veri italiani, Luttazzi va alla guerra, lernesto.it. (archiviato dall'url originale il 4 giugno 2006).
  91. ^ Andrea Scanzi, Luttazzi: non mi vuole neanche la Rai di sinistra, lastampa.it. (archiviato dall'url originale il 30 novembre 2006).
  92. ^ Filippo Facci, Luttazzi chi?, ilgiornale.it. (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2016).
  93. ^ la Repubblica, Palalottomatica, pienone per Luttazzi, ricerca.repubblica.it.
  94. ^ Corriere della sera, Luttazzi:«Se mi chiama Biagi torno in tv», corriere.it.
  95. ^ Lucy Bannerman, Luttazzi: Io, al confino mediatico nell'Italia di Berlusconi, temi.repubblica.it.
  96. ^ Anna Tonelli, Io, barracuda, tra Silvio e i qualunquisti tv, ricerca.repubblica.it.
  97. ^ Enzo Biagi, Rotocalco Televisivo, Enzo Biagi intervista Luttazzi, multimedia.quotidiano.net.
  98. ^ Daniele Luttazzi, Il cosa e il come, temi.repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2016).
  99. ^ Serenella Mattera, Luttazzi prende le distanze Da Beppe solo demagogia, ricerca.repubblica.it.
  100. ^ Lorenzo Salvia, Luttazzi: Beppe populista, fa flash mobbing, corriere.it. (archiviato dall'url originale il 24 gennaio 2010).
  101. ^ La Stampa, Daniele Luttazzi torna in tv, lastampa.it. (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2007).
  102. ^ La Stampa, Daniele Luttazzi Io come Boccaccio contro la peste del pensiero unico, lastampa.it. (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2016).
  103. ^ Alessandra Vindrola, Luttazzi, ricerca.repubblica.it.
  104. ^ la Repubblica, Offese a Giuliano Ferrara La7 sospende "Decameron", repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2015).
  105. ^ a b Antonello Tomanelli, Luttazzi epurato da La7 per aver inventato il paradosso di Berlusconi, difesadellinformazione.com. (archiviato dall'url originale il 25 marzo 2016).
  106. ^ a b Renato Franco, Satira in tv, Luttazzi vince la causa contro La7, corriere.it. (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  107. ^ la Repubblica, Il manifesto a colori e con i corsivi di Luttazzi, ricerca.repubblica.it.
  108. ^ la Repubblica, È l'effetto di campagne sbagliate, ricerca.repubblica.it.
  109. ^ Fabio Barbera, Da Spinoza.it a Diecimila.me, la satira da web raccontata da Gaspare Bitetto, agoravox.it. (archiviato dall'url originale il 20 aprile 2016).
  110. ^ Federico Ferrazza, Internet fammi ridere, espresso.repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2016).
  111. ^ a b c d Daniele Luttazzi, La Palestra (2009), luttazziflashback.wordpress.com. (archiviato dall'url originale il 27 marzo 2016).
  112. ^ Marianna Venturini, Lercio, i fondatori: «Non chiamatele bufale, facciamo satira», lettera43.it. (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  113. ^ Annamaria Vicini, Lercio.it, la satira corre sul web, lospiteinquietante.it. (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2016).
  114. ^ FNSI, Diretta “Raiperunanotte” nella sala Tobagi della Fnsi, oggi alle 20,30, fnsi.it. (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2016).
  115. ^ il Fatto Quotidiano, Raiperunanotte Daniele Luttazzi, youtube.com.
  116. ^ il Post, Il pubblico di Raiperunanotte è diviso su Luttazzi, ilpost.it. (archiviato dall'url originale il 17 maggio 2012).
  117. ^ il Giornale, Da Santoro Berlusconi come Mussolini Poi c'è lo spettacolo osceno di Luttazzi, ilgiornale.it. (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2016).
  118. ^ G. Boccia, Rai per una notte: era o non era Tv?, mediamondo.wordpress.com. (archiviato dall'url originale il 9 settembre 2014).
  119. ^ Luca Alagna, il trend italiano di #raiperunanotte su Twitter, twitpic.com. (archiviato dall'url originale il 29 dicembre 2014).
  120. ^ Nicola D’Agostino, "La quarta necessità": Daniele Luttazzi e Massimo Giacon raccontano a fumetti l'italiano medio che pensa sempre e solo a se stesso, archivio.panorama.it. (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2016).
  121. ^ Andrea Sesta, Daniele Luttazzi, finzionimagazine.it. (archiviato dall'url originale il 24 marzo 2013).
  122. ^ Laura Landi, Lolito. Una parodia, libriblog.com. (archiviato dall'url originale il 26 maggio 2013).
  123. ^ il Fatto Quotidiano, Lolito. Una parodia, ilfattoquotidiano.it. (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  124. ^ Chiarelettere, Lolito, chiarelettere.it. (archiviato dall'url originale il 9 marzo 2016).
  125. ^ Daniela Ranieri, Daniele Luttazzi, “la mia Odissea Teo-Porno, kolossal per tornare in Rai”, ilfattoquotidiano.it. (archiviato dall'url originale il 2 giugno 2016).
  126. ^ Daniele Luttazzi, La parodia che non potrete leggere su GQ #200, web.archive.org.
  127. ^ Daniele Luttazzi, Lepidezze postribolari, books.google.it. (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2016).
  128. ^ Stefania Rossini, Provoco, ergo sum, espresso.repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2007).
  129. ^ a b c Daniele Luttazzi, La guerra civile fredda, books.google.it. (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2016).
  130. ^ a b Daniele Luttazzi, Lepidezze postribolari, books.google.it. (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2016).
  131. ^ Ivan Grozny, Di immortale c’è solo la satira, sherwood.it. (archiviato dall'url originale il 1º maggio 2007).
  132. ^ Daniele Luttazzi, Daniele Luttazzi risponde ad Andrea Scanzi: “Hanno ucciso la satira, ma non me”, ilfattoquotidiano.it. (archiviato dall'url originale il 15 febbraio 2016).
  133. ^ Rodolfo Di Giammarco, Luttazzi non crede alla nuova Rai "Bene Biagi, ma io resto fuori", repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 24 aprile 2016).
  134. ^ Daniele Luttazzi, Lepidezze postribolari, books.google.it. (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2016).
  135. ^ Daniele Luttazzi, Mentana a Elm Street (PDF), wumingfoundation.com. (archiviato dall'url originale l'11 ottobre 2013).
  136. ^ Agi.it, "Va' dove ti porta il cuore": in tribunale caso tamaro-luttazzi, archivio.agi.it. (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2016).
  137. ^ Susanna Nirenstein, Il tormentone Tamaro-Luttazzi, ricerca.repubblica.it.
  138. ^ Christian Rocca, contro Luttazzi, camilloblog.it. (archiviato dall'url originale il 16 giugno 2016).
  139. ^ Antonio Dipollina, Telematch, ricerca.repubblica.it.
  140. ^ a b Daniele Luttazzi, Lettere, ricerca.repubblica.it.
  141. ^ la Repubblica, Offese a Giuliano Ferrara La7 sospende "Decameron", repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 27 novembre 2015).
  142. ^ Giuliano Ferrara, Quella su di me era satira ma se c’è un limite sono contento, ricerca.repubblica.it.
  143. ^ Leandro Palestini, Luttazzi "La censura? Ho criticato l'Enciclica", repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 18 aprile 2016).
  144. ^ Emilio Targia, Intervista a Daniele Luttazzi sul suo nuovo spettacolo: "Decameron", radioradicale.it. (archiviato dall'url originale il 14 giugno 2016).
  145. ^ Matteo Lenardon, Luttazzi, amico del LOAL, 7yearwinter.com. (archiviato dall'url originale il 16 aprile 2016).
  146. ^ Christian Rocca, “You know how you can tell when a moth farts, Daniele?”, camilloblog.it. (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2016).
  147. ^ Daniele Luttazzi, Caso “Decameron”: La7 ha perso la causa contro di me, danieleluttazzi.wordpress.com. (archiviato dall'url originale il 12 ottobre 2014).
  148. ^ a b Katia Riccardi, La Rete contro Luttazzi: “Copia” I dubbi dei fan, il tam-tam cresce, repubblica.it. (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  149. ^ anonimo, Il meglio (non è) di Daniele Luttazzi, video-int.unita.it.
  150. ^ Massimiliano Lussana, Quel copione di Luttazzi smascherato battuta per battuta, ilgiornale.it. (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2016).
  151. ^ a b Francesca Fornario, Copiare è grave; lecito? Le nostre 10 domande a Luttazzi e la sua risposta, unita.it.
  152. ^ Francesca Fornario, Storia di uno psicodramma chiamato Luttazzi «Quel video? Diffamazione» (PDF), web.archive.org.
  153. ^ Ferruccio Sansa, Luttazzi: ‘Copio e lo faccio apposta’, ilfattoquotidiano.it. (archiviato dall'url originale il 12 maggio 2015).
  154. ^ Francesca Fornario, Luttazzi, gag copiate: ma così fan tutti, corriere.it. (archiviato dall'url originale il 10 marzo 2016).
  155. ^ Concita De Gregorio, L'undicesima domanda: «Perché mentire?», unita.it. (archiviato dall'url originale il 13 aprile 2014).
  156. ^ Wu Ming», I Wu Ming su Luttazzi: «Sbranato dalla comunità dei fan, unita.it. (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2014).
  157. ^ Roberto Faenza, L'eterna maledizione del plagio, web.archive.org.
  158. ^ Marco Simoni, / Luttazzi, bastava dirlo , ilpost.it.
  159. ^ Bill Scheft, Just when I think I have nothing post-able…., billscheft.tumblr.com. (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2010).
  160. ^ M. Cristina Caimotto, Transcreare un nuovo tipo di umorismo: il caso di Daniele Luttazzi, newkoh.blogspot.it. (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2016).
  161. ^ Lavinia Di Gianvito, «Ha evaso 140 mila euro» Daniele Luttazzi indagato, roma.corriere.it.
  162. ^ Gianluca Ciucci, Daniele Luttazzi risponde alle accuse: "Non sono un evasore fiscale, la Guardia di finanza ha avuto un abbaglio", huffingtonpost.it. (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  163. ^ Patricia Tagliaferri, Indagato per evasione fiscale Adesso Luttazzi non ride più, ilgiornale.it. (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2016).
  164. ^ Massimo Fini, Chi è l'infame? Daniele Luttazzi, ilribelle.com. (archiviato dall'url originale il 6 aprile 2016).
  165. ^ Michele Galvani, Daniele Luttazzi assolto da evasione fiscale. Il giudice: «Sbloccate il conto, versò i 140.000 euro», spettacoliecultura.ilmessaggero.it. (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2017).
  166. ^ Luttazzi assolto, non evase il fisco, ansa.it. (archiviato dall'url originale il 10 ottobre 2017).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN4835898 · SBN: IT\ICCU\TO0V\163326 · ISNI: (EN0000 0001 2020 1158 · BNF: (FRcb14497177t (data)